Il Computer-On-a-Stick parla Linux

Una giovanissima società americana ha lanciato una chiavetta USB biometrica con sistema operativo Linux auto avviante

Mountain View (USA) - Una chiavetta USB dotata di display LCD, un sistema operativo leggero basato su Linux, una suite di applicazioni open source per la produttività, e un lettore di impronte digitali integrato. Questo il mix di elementi alla base del Bio Computer On-a-Stick (COS) di FingerGear, un piccolo dispositivo portatile che consente di portare sempre con sé il proprio ambiente di lavoro digitale.

Dotato di 256 MB di memoria, Bio COS contiene un sistema operativo basato sulla celebre distribuzione Debian Linux e ottimizzato per occupare poca memoria e avviarsi dalla memory stick in meno di 40 secondi. L'ambiente desktop include alcune fra le più celebri applicazioni open source per la produttività e la comunicazione, tra cui Firefox, Evolution, OpenOffice, un tool per la lettura e la creazione di file PDF, il client di instant messaging GAIM e alcune utility per la compressione.

Il lettore biometrico d'impronte fa sì che l'accesso ai dati memorizzati sulla chiavetta possa essere garantito solo ad un massimo di 6 persone autorizzate, incluso un amministratore. Bookmark, password, e-mail e altri dati sensibili vengono invece archiviati dalla chiavetta in modalità cifrata per mezzo delle funzionalità crittografiche incluse nel kernel di Linux.
Bio COS verrà commercializzato a breve ad un prezzo di 199 dollari. La versione priva di sistema operativo embedded, già disponibile, costa invece 149 dollari.
TAG: linux
145 Commenti alla Notizia Il Computer-On-a-Stick parla Linux
Ordina
  • sinceramente a me sembra solo un supporto di memorizzazione avviabile...
    perche' viene chiamato computer? che capacita' di calcolo ha?

    si ha un computer su uno stick, pero' con l'obbligo di avere un desktop a fianco

    O si tratta del solito nome ingannevole?
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > sinceramente a me sembra solo un supporto di
    > memorizzazione avviabile...
    > perche' viene chiamato computer? che capacita' di
    > calcolo ha?
    >
    > si ha un computer su uno stick, pero' con
    > l'obbligo di avere un desktop a fianco
    >
    > O si tratta del solito nome ingannevole?
    >
    Qualche fanatico linaro che lo compra in nome della libertà lo trovano.
    non+autenticato
  • E' notizia di questi giorni che per spedire
    raccomandate dal pc, poste.it si è accordata
    con ms:
    http://ilrestodelcarlino.quotidiano.net/notiziari/...
    in modo tale che sarà possibile farlo solo da
    Office. Ci si aspetta che servizi analoghi, possibili
    solo tramite l'acquisto di sistemi e prodotti microsoft
    vengano introdotto anche da inps, alla faccia di
    qualsiasi raccomandazione della PA di usare ove
    possibile formati aperti.

    In tutt'europa si stà cercando di risolvere il vecchio
    problema della comunicazione tra cittadini e enti
    basata su formati chiusi, passando ad altri, peraltro
    promossi e consigliati a livello di eu, quali xml oasis (implementato in openoffice)
    addirittura in norvegia (paese non eu, ma tra i piu
    civili al mondo) è stata giustamente emessa una circolare secondo cui non sono piu ammessi scambi di questo genere con formati chiusi

    Noi qui, PAESE DEI MULI, terzo mondo, andiamo
    in controtendenza rispetto all'europa, e vediamo che
    questi enti rafforzano il primato dei formati proprietari
    nei loro scambi coi cittadini, costringendoli all'acquisto
    di costosi pacchetti e di costosi sistemi solo per
    poterlo fare.

    Complimenti per l'anti-innovazione dal cittadino
    italiano, UNICO MULO EUROPEO

    Penso che oltre a protestare contro i brevetti, noi
    dovremmo iniziare a boicottare in tutti i modi anche
    queste restrizioni ai principi fondamentali della
    comunicazione libera e a basso costo, che si vuole
    consegnare, evidentemente in una logica clientelare,
    nelle mani di monopolisti, a scapito dei consumatori.

    Che fare ?

    Ciao
    non+autenticato
  • Sono contento di questo nuovo servizio delle poste, un po meno contento che a realizzarlo sia stata microsoft.
    Si dice chein italia si vive solo di gestionali visual basic... embè se le cose serie le fate fare solo a microsoft.. non c'è pseranza peri l resto dei programmatori. spero che questa polemica non susciti le ire di moltiSorride

    cmq sono andato sul sito e mi sembra che chiunque , anche chi non possiede windows lo può usare. c'è solo un integrazione con office aggiuntiva ma si puo mandare anche usando un quasiasi browser, io sto usando firefox, quindi non serve windows.

    sembra che la cosa sia stata fatta per tutti. quindi oltre al gia citato malcontento per i soldi che vanno oltreoceano, non posso per ora arrabbiarmi più di tanto con poste italiane
    ciao
  • [CUTTONE TOTALE]

    Credo che quasi tutti quelli che criticano i muli freesw siano favorevoli a formati di scambio dati aperti.
    non+autenticato
  • > scambio dati aperti.
    certo, come no, specialmente a redmond
    ma fammi il piacere
    la verita è che viviamo in un paese del terzo mondo
    altro che europa (e mi scusino il 90% dei paesi del
    terzo mondo)
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > > scambio dati aperti.
    > certo, come no, specialmente a redmond
    > ma fammi il piacere

    Vedo che con te non si può parlare civilmente. Comunque te lo ribadisco: chi contesta i muli free sw non è detto che sia pro microsoft e soprattutto probabilmente è per i formati aperti. Se tu vuoi vedere il mondo in bianco e nero, fa pure.
    non+autenticato
  • Lo feci già io un paio di anni fa con la slax (slackware) su chiavetta usb.

    Io lo facevo gratis per alcuni amici e conoscenti.

    Se volete ve lo faccio per 50 euro.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Lo feci già io un paio di anni fa con la slax
    > (slackware) su chiavetta usb.
    >
    > Io lo facevo gratis per alcuni amici e conoscenti.
    >
    > Se volete ve lo faccio per 50 euro.

    te ne posso dare 15... tanti me ne sono rimasti questa settimana
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Se volete ve lo faccio per 50 euro.

    Per 30 euro mi compro flonix + penna:
    http://www.flonix.com/article.php?id_article=102
    http://www.wordit.com/catalog/product_info.php/pro...

    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Lo feci già io un paio di anni fa con la slax
    > (slackware) su chiavetta usb.
    Mi pare strano.
    2 anni fa non esistevano chiavette con lettore di impronte integrato.

    > Se volete ve lo faccio per 50 euro.
    Ok, per quel prezzo te ne compro 100.

    R2


    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > Lo feci già io un paio di anni fa con la slax
    > > (slackware) su chiavetta usb.

    > Mi pare strano.
    > 2 anni fa non esistevano chiavette con lettore di
    > impronte integrato.

    Non ha capito il pezzo di articolo (non tutto) che ha letto.
    non+autenticato
  • a parte la scelta dei 256 Mb che già oggi mi sembrano pochini, l'idea mi piace molto
    effettivamente sarebbe bello un futuro di PC che siano solo dei contenitori hardware, il sistema e i miei dati me li porto dietro sulla chiavetta
    arrivo in ufficio, e ho il pc collegato con la rete aziendale,
    vado a casa e ho il pc con una bella scheda video e audio per i film o i giochi, duranti il viaggio il palmare mi permette comunque di leggere un pdf.
    in auto, zac, e uno il navigatore satellitare con la rotta che mi ero preparato prima, mentre mio figlio usa il terminale dietro il sedile per giocare
    Vado in albero e sul comodino trovo un terminale che mi permette comunque di scaricare la mia posta, navigare su internet etc..

    mmm... non sarà un po troppo? e in bagno? dove la collego al mia chiavetta?
  • Come sai, si puo gia fare oggi con una
    semplice chiave usb, o con qualsiasi altro
    mezzo da cui un sistema può far boot.
    Metti un dhcp, inserisci la chiave usb e
    in un minuto hai il tuo sistema in rete.

    Queste sono piccole grandi cose che gli
    utenti non linux si sognano di notte, ma
    che con questo sistema sono possibili
    da tanto tempo.
    non+autenticato
  • "[...]Bio COS verrà commercializzato a breve ad un prezzo di 199 dollari. La versione priva di sistema operativo embedded, già disponibile, costa invece 149 dollari[...]"

    poveri muli

    SVEGLIATEVI ASINI !!!
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > "[...]Bio COS verrà commercializzato a breve ad
    > un prezzo di 199 dollari. La versione priva di
    > sistema operativo embedded, già disponibile,
    > costa invece 149 dollari[...]"
    >
    > poveri muli
    >
    > SVEGLIATEVI ASINI !!!

    Scusa ma a te cosa interessa?A bocca aperta
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > "[...]Bio COS verrà commercializzato a breve ad
    > > un prezzo di 199 dollari. La versione priva di
    > > sistema operativo embedded, già disponibile,
    > > costa invece 149 dollari[...]"
    > >
    > > poveri muli
    > >
    > > SVEGLIATEVI ASINI !!!
    >
    > Scusa ma a te cosa interessa?A bocca aperta

    mi interessa eccome...

    con questa mentalità da fessi state distruggendo il mercato del software, il tutto a vantaggio di poche grosse multinazionali hardware

    se io facessi il contadino probabilmente sarei sempre dell'opinione che siete solo dei tacchini, ma probabilmente la cosa non mi interesserebbe più di tanto

    e ora torna sui libri che a ottobre si ricomincia!
    non+autenticato

  • > > Scusa ma a te cosa interessa?A bocca aperta
    >
    > mi interessa eccome...
    >
    > con questa mentalità da fessi state distruggendo
    > il mercato del software, il tutto a vantaggio di

    Ma guarda, se tu fossi davvero un programmatore, saresti minacciato da Mr. Chao Min, o da Mr. Mayalaman.

    Purtroppo non sei un programmatore, quindi per favore, sotterrati, visto che...

    > poche grosse multinazionali hardware
    >
    > se io facessi il contadino probabilmente sarei

    probabilmente sarebbe meglio per tutti

    > sempre dell'opinione che siete solo dei tacchini,
    > ma probabilmente la cosa non mi interesserebbe
    > più di tanto

    ma guarda, coltivati un orticello di finocchi, no? così stiamo bene anche noi, sapendoti attivo in qualcosa che non sia un commento inutile.

    >
    > e ora torna sui libri che a ottobre si ricomincia!

    oddio, ma allora non sei andato a scuola, improvvisamente è tutto più chiaro!
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    >

    > se io facessi il contadino probabilmente sarei
    > sempre dell'opinione che siete solo dei tacchini,
    > ma probabilmente la cosa non mi interesserebbe
    > più di tanto
    >

    Il classico esempio di "braccia rubate all'agricoltura"...

    > e ora torna sui libri che a ottobre si ricomincia!

    Guarda che i libri non esistono!
    Tu ne hai mai visto uno? Sicuramente no!
    Quindi fidati di me quando ti dico che sono un'invenzione...
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 26 aprile 2006 23.25
    -----------------------------------------------------------
    3518

  • - Scritto da: Anonimo
    >

    > > > SVEGLIATEVI ASINI !!!
    > >
    > > Scusa ma a te cosa interessa?A bocca aperta
    >
    > mi interessa eccome...
    >

    > se io facessi il contadino ...

    probabilmente sarebbe meglio visto che ora le tue sono solo BRACCIA RUBATE ALL'AGRICOLTURA
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > - Scritto da: Anonimo
    > > - Scritto da: Anonimo
    > > > "[...]Bio COS verrà commercializzato
    > > > a breve ad un prezzo di 199 dollari.
    > > > La versione priva di sistema
    > > > operativo embedded, già disponibile,
    > > > costa invece 149 dollari[...]"
    > > > poveri muli
    > > > SVEGLIATEVI ASINI !!!
    > > Scusa ma a te cosa interessa?A bocca aperta

    > mi interessa eccome...

    > con questa mentalità da fessi state
    > distruggendo il mercato del software, il
    > tutto a vantaggio di poche grosse
    > multinazionali hardware

    Se il mercato del software si fa distruggere da 4 hobbisti allora vuol dire che era un misero mercato e meritava di andarsene a male.

    > se io facessi il contadino probabilmente sarei
    > sempre dell'opinione che siete solo dei
    > tacchini, ma probabilmente la cosa non mi
    > interesserebbe più di tanto

    Anche se fossi un programmatore o una software house ad un livello serio non ti preoccuperesti di questo genere di concorrenza.

    Al massimo se ne puo' preoccupare qualche meccanico del VB, ma quella gente puo' anche tornarsene a coltivare pomodori.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > - Scritto da: Anonimo
    > > - Scritto da: Anonimo
    > > > - Scritto da: Anonimo
    > > > > "[...]Bio COS verrà commercializzato
    > > > > a breve ad un prezzo di 199 dollari.
    > > > > La versione priva di sistema
    > > > > operativo embedded, già disponibile,
    > > > > costa invece 149 dollari[...]"
    > > > > poveri muli
    > > > > SVEGLIATEVI ASINI !!!
    > > > Scusa ma a te cosa interessa?A bocca aperta
    >
    > > mi interessa eccome...
    >
    > > con questa mentalità da fessi state
    > > distruggendo il mercato del software, il
    > > tutto a vantaggio di poche grosse
    > > multinazionali hardware
    >
    > Se il mercato del software si fa distruggere da 4
    > hobbisti allora vuol dire che era un misero
    > mercato e meritava di andarsene a male.

    lo sai che non sono 4 hobbisti

    sourgeforce ha centinaia di migliaia di progetti sviluppati per la maggiorparte da programmatori open source che vivono di miseria e di qualche donazione di IBM... altro che hobbysti, è invece una triste e precaria realtà professionale

    >
    > > se io facessi il contadino probabilmente sarei
    > > sempre dell'opinione che siete solo dei
    > > tacchini, ma probabilmente la cosa non mi
    > > interesserebbe più di tanto
    >
    > Anche se fossi un programmatore o una software
    > house ad un livello serio non ti preoccuperesti
    > di questo genere di concorrenza.

    ci vorrebbe un sindacato dei programmatori e delle PM software house (come c'è in tutti i settori) prima che l'informatica vada all'inferno troppo presto

    >
    > Al massimo se ne puo' preoccupare qualche
    > meccanico del VB, ma quella gente puo' anche
    > tornarsene a coltivare pomodori.

    ancora con questa storia da lamer

    io non programmo in VB, ma chi lo fa stai certo che sarà l'ultimo a morire, il mercato del software è visualbasic.net
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo

    > > Se il mercato del software si fa
    > > distruggere da 4 hobbisti allora
    > > vuol dire che era un misero mercato
    > > e meritava di andarsene a male.

    > lo sai che non sono 4 hobbisti

    Si, lo sono.

    > sourgeforce ha centinaia di migliaia di
    > progetti sviluppati per la maggiorparte da
    > programmatori open source che vivono di
    > miseria e di qualche donazione di IBM...
    > altro che hobbysti, è invece
    > una triste e precaria realtà professionale

    Falso, la maggior parte della gente che programma in questo modo ha un lavoro da un'altra parte o studia, guarda l'eta' media della gente dei progetti.

    > > > se io facessi il contadino probabilmente
    > > > sarei sempre dell'opinione che siete
    > > > solo dei tacchini, ma probabilmente la
    > > > cosa non mi interesserebbe più di tanto

    > > Anche se fossi un programmatore o una
    > > software house ad un livello serio non
    > > ti preoccuperesti di questo genere di
    > > concorrenza.

    > ci vorrebbe un sindacato dei programmatori e
    > delle PM software house (come c'è in tutti i
    > settori) prima che l'informatica vada
    > all'inferno troppo presto

    Ecco uno che invece di pensare a lavorare vuole qualcuno che lo autorizzi a lamentarsi.

    > > Al massimo se ne puo' preoccupare
    > > qualche meccanico del VB, ma quella
    > > gente puo' anche tornarsene a coltivare
    > > pomodori.

    > ancora con questa storia da lamer

    E si, pultroppo in italia e' una storia molto attuale.

    > io non programmo in VB, ma chi lo fa stai
    > certo che sarà l'ultimo a morire, il mercato
    > del software è visualbasic.net

    Che non somiglia assolutamente piu a visual basic, complimenti, hai scelto bell'esempio ... Rotola dal ridere
    non+autenticato
  • Ciao,

    per quanto riguarda il sindacato dei programmatori, consiglio di leggere questo articolo: http://bit.ly/2aldkwu

    Nel marzo 2015 è stato siglato il CCNL Terziario che include i profili ICT (quindi anche gli sviluppatori) che fanno riferimento all'e-CF, il Quadro europeo delle competenze digitali.

    La UILTuCS rappresenta gli informatici dipendenti delle aziende ICT che applicano il suddetto contratto nazionale.

    Saluti,

    Mario
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > con questa mentalità da fessi state distruggendo
    > il mercato del software, il tutto a vantaggio di
    > poche grosse multinazionali hardware

    Il mercato del software non esiste.
    E' una invenzione artificiale di Bill Gates aiutato dalle leggi sul copyright.
    Questa invenzione ha imposto uno sviluppo dell' informatica lungo linee assolutamente sbagliate ( e i programmatori opensource seguono queste stesse linee anche se non se ne rendono conto...) e i risultati catastrofici sono sotto gli occhi di tutti.
    Quando la microsoft fallirà (cosa assultamente certa) nel giro di una di una decina d' anni l' informatica imboccherà finalmente la strada giusta, con grande sviluppo, ma senza la necessità di un mercato del software e di programmatori (almeno come li intendiamo oggi).
    Ho detto.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 10 discussioni)