Il WiMax accende la Sicilia

Partono nell'isola le sperimentazioni organizzate da Videobank con un proprio partner: l'idea è coprire in banda larga ampie porzioni di territorio e vedere come reagisce il mercato

Catania - Sebbene il Wi-Fi ancora stenti a decollare per i noti e numerosi problemi, il WiMax continua ad accendere le speranze di molti che attendono di potersi connettere in banda larga alla rete e fruire dei nuovi servizi avanzati di telefonia: in questo quadro si colloca l'annuncio con cui l'operatore siculo Videobank ha confermato l'avvio delle sperimentazioni WiMax in Sicilia.

L'Internet Service Provider ha infatti annunciato di aver ottenuto la licenza garantita dal Ministero delle Comunicazioni per la sperimentazione dei nuovi servizi WiMax, basati sullo standard 802.16 capace, come noto, di diffondere banda larga wireless fino a 50 km di distanza.

Per guadagnare consenso nel pubblico e conquistare le prime importanti quote di mercato in questo promettente settore del broad band, Videobank ha stretto un accordo con Temix, società specializzata in comunicazioni wireless e satellitari, ed intende raggiungere anche le zone più impervie dell'isola, quelle dove le tecnologie a banda larga tradizionali non sono ancora giunte. Il tutto offrendo prestazioni equivalenti o superiori all'ADSL.

"Wimax - ha voluto sottolineare Videobank - è una tecnologia che offre connettività a banda larga senza fili, in grado di coprire superfici oltre 7.000 km2, con un raggio di 50 km dall'hot-spot (punto di accesso alla rete), quasi il doppio dell'estensione della provincia di Catania".
Il provider non ha intenzione di perdere tempo, la sperimentazione infatti prenderà avvio proprio da agosto anche grazie alla collaborazione di alcuni dipartimenti dell'Università di Catania e della Protezione Civile.

"La partnership con Temix - ha continuato il provider - consentirà a Videobank di progettare e realizzare la nuova infrastruttura WiMax con soluzioni d'avanguardia e in particolare di garantirne l'integrazione con la tecnologia Wi-Fi (che utilizza lo standard 802.11) e il satellite".

A breve dovrebbero essere diffusi i dettagli dei servizi sperimentali che verranno posti in essere e che sono destinati a coprire ampie porzioni della Sicilia.
TAG: 
23 Commenti alla Notizia Il WiMax accende la Sicilia
Ordina
  • Come al solito le innovazioni dipendono dall'iniziativa dei privati investitori, mai da telecom: il nostro caro monopolista si limita ad investire (poco!) solo dove c'è una convenienza commerciale dimenticando che l'Italia è (o forse dovrebbe essere) un paese democratico dove tutti hanno gli stessi diritti e pari opportunità. Direi che è pietoso che vengano riesumate connessioni 56 k flat a prezzi stracciati ma che danno anche risultati da schifo se confrontati con le caratteristiche di una rete creata per la banda larga. Speriamo bene ....
    non+autenticato
  • beh, cmq se vai nell'altro thread cè chi si lamenta che qualche privato pretenda anche di guadagnare dalla sperimentazione. Come se la banda larga e le apparecchiature fossero gratis ... mah

    Sono pienamente d'accordo con te, l'iniziativa privata è, in molti casi, l'unica alternativa. Ma d'altra parte anche telecom è un'azienda privata che fa i suoi calcoli e i suoi ragionamenti e se decide che li non li conviene andare .... non ci va' e basta.

    Una volta c'era una cosa che si chiamava servizio universale, ma è da un paio d'anni che non esiste

  • - Scritto da: giko
    > beh, cmq se vai nell'altro thread cè chi si
    > lamenta che qualche privato pretenda anche di
    > guadagnare dalla sperimentazione. Come se la
    > banda larga e le apparecchiature fossero gratis
    > ... mah

    Credo che tu abbia frainteso, apposta o mento oppure interessato o meno oppure per qualche altro motivo questo lo sai solo tu, oltre non aver obbiettivamente e esattamente ripostato quanto invece risulta essere stato scritto nel post e nel thread che tu citi.

    Non e' affatto vero ed e' falso che "se vai nell'altro thread cè chi si lamenta che qualche privato pretenda anche di guadagnare dalla sperimentazione." (anche se in nessuna sperimentazione si ha fine di "guadagnare" su essa stessa) bensi' vi e' scritto tutt'altro.

    Rileggi il post ed evita di aggiungere qua e la' del tuo.

    Ciao
    non+autenticato
  • Dei costi non se ne parla. Perchè se questo wimax costa 50 euro o più, se lo può permettere solo l'utenza professionale e quindi inutile per tutti gli altri.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Dei costi non se ne parla. Perchè se questo wimax
    > costa 50 euro o più, se lo può permettere solo
    > l'utenza professionale e quindi inutile per tutti
    > gli altri.

    In genere le sperimentazoni sono gratuite
    non+autenticato
  • se ho ben capito
    256/128
    25eu + minimo 3 di modem + iva + 60 di attivazione

    quindi diciamo che per andare a 30 K per tre mesi ci vogliono 144+iva

    mi sa rimango in umts ancora un po'...
    non+autenticato
  • ... che commercializzino tranquillamente connettivita' internet wireless visto e considerato che a tutt'oggi non e' possibile per legge neppure per chi autorizzato ISP e neppure per chi ha licenza.

    Anche se avesse la licenza sperimentale essa non prevede che la connettivita' debba essere fatta pagare agli utenti che partecipano alla sperimentazione.

    Eppure risulta che sia autorizzato con autorizzazione ISP del 11/04/2001 e alla 467/2000 e non altro e pertanto essendo autorizzati come tanti altri ISP.

    Eppure: http://www.videobank.it/VbADSL.asp

    Che strano.
    non+autenticato
  • Sono un cliente che ha partecipato alla sperimentazione fino a sei mesi fa eppure non mi hanno fatto pagare il servizio di connettivita ho solo pagato il noleggio degli apparati.
    Adesso è arrivata l'Adsl a casa mia, ma non posso fare altro che rigraziare chi mi ha fatto sentire un po meno emarginato.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Sono un cliente che ha partecipato alla
    > sperimentazione fino a sei mesi fa eppure non mi
    > hanno fatto pagare il servizio di connettivita ho
    > solo pagato il noleggio degli apparati.
    > Adesso è arrivata l'Adsl a casa mia, ma non
    > posso fare altro che rigraziare chi mi ha fatto
    > sentire un po meno emarginato.

    Infatti, la "formula" di solito è quella, non ti fanno pagare la connettività ma gli apparati, in questo modo si supera l'empasse del concetto di sperimentazione "gratuita".
    Cmq non ci vedo nulla di male, purchè non ci si approfitti del fatto che nella zona non ci sono fornitori alternativi .. d'altra parte la banda costa per tutti anche agli sperimentatori.

  • - Scritto da: giko
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > Sono un cliente che ha partecipato alla
    > > sperimentazione fino a sei mesi fa eppure non
    > mi
    > > hanno fatto pagare il servizio di connettivita
    > ho
    > > solo pagato il noleggio degli apparati.
    > > Adesso è arrivata l'Adsl a casa mia, ma non
    > > posso fare altro che rigraziare chi mi ha fatto
    > > sentire un po meno emarginato.
    >
    > Infatti, la "formula" di solito è quella, non ti
    > fanno pagare la connettività ma gli apparati, in
    > questo modo si supera l'empasse del concetto di
    > sperimentazione "gratuita".

    Pero', ad esempio su:

    http://www.videobank.it/VbADSL2-wl.asp?srv=vb2-wl6...

    e' palese che il costo della connettivita', che non dovrebbe essere fatta pagare in sede di licenza sperimentale, e' separata dal costo di noleggio degli apparati.

    Per cui in sintesi che in pratica propongono i servizi con pagamento sia della connettivita' e a parte sia per quanto riguarda il noleggio.

    So solo che in certe zone del Nord una cosa simile avrebbe mosso l'intero dipartimento della Polizia Postale con seguente sequestro.

    > Cmq non ci vedo nulla di male, purchè non ci si
    > approfitti del fatto che nella zona non ci sono
    > fornitori alternativi .. d'altra parte la banda
    > costa per tutti anche agli sperimentatori.

    Su questo sarei anche d'accordo come d'altra parte sono d'accordo sul fatto che il wi-fi doveva da tempo essere di libero uso sempre in rispetto dei 20db come d'altra parte sono altresi' d'accordo che da tempo doveva essere anche di libero uso anche per, e specialmente, per i piccoli ISP come dall'altra, come tutti sappiamo, invece cio' non lo e' ancora e questo palesemente per fare un "favore" ai soliti "grassi" operatori se non a chi ha posizione "universale"

    Ma in ogni caso, ritornando all'oggetto, ripeto trovo strano che cosi' apertamente essi propongono detti servizi nel modo che nella forma sopra "linkata" mentre in altre zone la sola proposta sul sito web, sebbene avendo le stesse autorizzazioni e licenze, tale ha e avrebbe mosso un intero dipartimento.

    Che forse ci sono piu' Italie? Sorride

    Ciao
    non+autenticato
  • Una cosa che mi sono sempre chiesto è come fare a connettere i punti di accesso WiMax al "backbone".
    Se c'è connessione "cablata" (che nelle zone senza ADSL significa nella centrale Telecom) al backbone.....allora si può anche implementare l'ADSL.....


    Questa sperimentazione sembra avere trovato la soluzione ideale: il satellite.

    Purtroppo, a mio parere, il satellite non è la soluzione ideale, infatti introduce una latenza (ritardo) eccessiva che impedisce (o limita pesantemente) alcuni usi della banda larga, come ad esempio VoIP, online gaming e tanti altri.

    La speranza è che grazie al successo di questo tipo di sperimentazioni si possa poi finanziare un collegamento cablato dei punti di accesso.

    ...sperem.....

    EzRider
  • La linea ADSL (per sua natura) non arriva a più di 4-5KM dalla centrale... Per cui anche se l'hotspot WiMAX è coperto, non è detto che a 50KM arrivi anche la linea cablata...

    Inoltre i vari operatori che forniranno il servizio difficilmente useranno l'ADSL per connettere la centralina WiMAX (troppo lenta e inaffidabile).

    Quasi tutti useranno SHDSL, HDSL o altri tipi di collegamanto (magari una dorsale wireless a banda larga....)

    Ciao

    Gabriele Maoret
    SERSIS
    non+autenticato
  • 1) che utilizzino questa tecnologia anche al nord
    2) che non la utilizzino solo per i grossi centri (come del resto hanno fatto sino ad oggi col wifi)
    3) che finalmente si crei una vera concorrenza tra operatori telefonici, eliminando il problema dell'ultimo miglio.

    Nel frattempo, torno al mio ces*o di 56k e aspetto.Arrabbiato
    Ma si sa... chi vive sperando... Maledetto tronchetto della felicitàArrabbiatoArrabbiatoArrabbiato
    non+autenticato
  • Tanto noi del nord , gente che si fa il culo anche con 2 lavori, siamo destinati a prenderla sempre in quel posto, per colpa della democrazia, perchè se su 10 persone 9 decidono democraticamente che 1 sola persona deve lavorare per mantenere tutti, a quello gli tocca e gli altri godono, e la democrazia funziona.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Tanto noi del nord , gente che si fa il culo
    > anche con 2 lavori, siamo destinati a prenderla
    > sempre in quel posto, per colpa della democrazia,
    > perchè se su 10 persone 9 decidono
    > democraticamente che 1 sola persona deve lavorare
    > per mantenere tutti, a quello gli tocca e gli
    > altri godono, e la democrazia funziona.

    mamma mia, sei ingiusto, anche io sono del norditalia, ma del nord sviluppato intendo: qui arriva l'ADSL, me la godo vedessi come si viaggia bene a 4Mbps, non come da voi comuni del quarto mondo, costretti a fare la fame con un 56k che va a 28.800 baud....

    Qua la democrazia funziona, ma è ovvio che sia così, è nel quarto mondo come da voi che non funziona... finiamola anche coi due lavori, se tutto va bene andrai ancora a scuola, mantenuto...
    non+autenticato

  • > mamma mia, sei ingiusto, anche io sono del
    > norditalia, ma del nord sviluppato intendo: qui
    > arriva l'ADSL, me la godo vedessi come si viaggia
    > bene a 4Mbps, non come da voi comuni del quarto
    > mondo, costretti a fare la fame con un 56k che va
    > a 28.800 baud....
    >

    sei un povero sciocco, perchè non hai alcun merito per avere la centrale coperta: è pura questione di FORTUNA, e quindi abbassa la cresta che non ti sei guadagnato un bel niente.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > > mamma mia, sei ingiusto, anche io sono del
    > > norditalia, ma del nord sviluppato intendo: qui
    > > arriva l'ADSL, me la godo vedessi come si
    > viaggia
    > > bene a 4Mbps, non come da voi comuni del quarto
    > > mondo, costretti a fare la fame con un 56k che
    > va
    > > a 28.800 baud....
    > >
    >
    > sei un povero sciocco, perchè non hai alcun
    > merito per avere la centrale coperta: è pura
    > questione di FORTUNA, e quindi abbassa la cresta
    > che non ti sei guadagnato un bel niente.

    Non apprezzi l'ironia quando la vediSorride ?
    non+autenticato
  • scusa ma io sono della sicilia e precisamente di mazara del vallo, e da me l'adsl arriva e non sono del quarto mondo e vedessi come si viaggia bene qui a 4 mbps!
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > scusa ma io sono della sicilia e precisamente di
    > mazara del vallo, e da me l'adsl arriva e non
    > sono del quarto mondo e vedessi come si viaggia
    > bene qui a 4 mbps!

    Si immagino, il post precedente aveva come unica pretesa quella di sottolineare l'assurdità del commento sulla democrazia e il norditalia.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > scusa ma io sono della sicilia e precisamente di
    > mazara del vallo, e da me l'adsl arriva e non
    > sono del quarto mondo e vedessi come si viaggia
    > bene qui a 4 mbps!

    heilà finalmente un trapanese su questo sito...metti il sito della nostra provincia...c'è una bella novità sotto l'aspetto connettività Occhiolino
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 6 discussioni)