Win e Linux alleati sui server IBM

IBM farà convivere Windows e Linux sui mainframe Intel-based grazie a VMWare, noto software per desktop e workstation

San Francisco (USA) - IBM si avvarrà del noto software di VMWare per far girare in varie combinazioni sui suoi nuovi mainframe eServer x360 i due acerrimi rivali Windows e Linux.

Attraverso il software di VMWare, IBM porta così una tecnologia normalmente adottata in mainframe Unix di fascia alta su sistemi basati sulla più economica architettura Intel ed i processori Xeon.

Grazie al software di VMWare, gli utenti dei mainframe x360 saranno in grado di far girare due differenti sistemi operativi, o più copie degli stessi, sul medesimo server. Il software è infatti capace di creare fino a 20 partizioni, o server virtuali, in cui far girare sistema operativo e applicazioni allocando per ciascuna un certo quantitativo di risorse di memoria e di calcolo.
IBM sostiene che far girare più applicazioni su server singolo può contribuire a ridurre il numero di singoli sistemi e dunque i costi di manutenzione e amministrazione.

Di recente VMWare ha annunciato il rilascio del nuovo VMWare Workstation 3, un software che, similmente alla versione adottata da IBM, consente di eseguire più sistemi operativi su un unico personal computer attraverso l'uso di macchine virtuali.

Il programma supporta Windows NT/XP/2000 e Linux come sistemi host mentre si possono creare sistemi guest con Windows NT/XP/2000/ME/98/95/3.1, Linux e FreeBSD 3.x/4.3.

Secondo Questar, distributore in Italia di VMWare, questo software può essere particolarmente utile a chi si occupa della realizzazione di software, per chi esegue operazioni di collaudo e di verifica della qualità delle applicazioni, per tutti coloro che devono fornire assistenza tecnica, per chi insegna ad utilizzare al meglio gli strumenti informativi e anche per chi opera nei settori della vendita e del marketing.
13 Commenti alla Notizia Win e Linux alleati sui server IBM
Ordina
  • IBM ci e' arrivato solo ora?
    wmware esiste da un bel pezzo e qualcuno mi spiega in cosa consiste la novita'?
    La sagra dell'inutilita' a partire dalla notizia per passare poi ai commenti precedenti, per arrivare a questo commento per finire con quelli che seguiranno..
    non+autenticato
  • Io vmware su host Linux lo uso tutti i giorni per lavorare, e' veramente una figata, mi ha permesso di usare finalmente Linux come sistema desktop e garantisco nella maniera piu' assoluta che da quando ho fatto questa scelta ed ho acquistato vmware finalmente lavoro tranquillo e sereno... cosi' mi rimane anche piu' tempo per la topa... come giustamente qualcuno di voi ha fatto notare... volente o nolente prima di questa scelta ero crash&patch-dipendente! ...a forza di riavviare windows installare e disinstallare programmi, sostituire l'hardware e ripulire c:/temp, ci manca poco che mi scordavo come era fatta....
    non+autenticato
  • E' assolutamente fuori di dubbio che da diverso tempo ormai vmware sia l'applicazione piu' innovativa del settore informatico.....ma c'e' un altro aspetto che va fatto notare. La versione 2.x, da me regolarmente acquistata, costava 90$ ed erano previsti sconti per studenti; la versione 3.x, che pure ha diverse funzionalita' in piu', ne costa 300 e non sono previste agevolazioni per chicchessia. Non parliamo di GSX ed ESX. Potrebbe il distributore Italiano spiegarci qualcosa a questo riguardo...cosa esattamente giustifica un aumento superiore al 200% nei prezzi ?
    Saluti
    non+autenticato
  • Da quello che ne so io la versione di VMWare
    Express per Linux costava 99$ e io l'ho acquistata
    un anno fa. Recentemente pero` questa versione
    e` stata abbandonata e rimane solamente la
    versione Workstation (che costa 300$ come dici tu). Comunque a me che avevo gia la Express 2.0
    mi e` stato offerto l'upgrade a Workstation 3.0
    per altri 99$. Ma devo dire che ne valeva la pena.
    La 3.0 va davvero bene.

    - Scritto da: Paolo Dell'Unto
    > E' assolutamente fuori di dubbio che da
    > diverso tempo ormai vmware sia
    > l'applicazione piu' innovativa del settore
    > informatico.....ma c'e' un altro aspetto che
    > va fatto notare. La versione 2.x, da me
    > regolarmente acquistata, costava 90$ ed
    > erano previsti sconti per studenti; la
    > versione 3.x, che pure ha diverse
    > funzionalita' in piu', ne costa 300 e non
    > sono previste agevolazioni per chicchessia.
    > Non parliamo di GSX ed ESX. Potrebbe il
    > distributore Italiano spiegarci qualcosa a
    > questo riguardo...cosa esattamente
    > giustifica un aumento superiore al 200% nei
    > prezzi ?
    > Saluti
    non+autenticato
  • come si desume da:
    http://www-1.ibm.com/servers/
    gli x-series *non* sono mainframe ma
    server intel based.
    Le differenze a livello tecnico sono sostanziali, ma se non si è pratici di computer & affini basta consultare il listino prezzi per
    notare una certa diversita' rispetto ai mainframe Occhiolino

    non+autenticato
  • a quando una vm valida per emulare un MAC moderno?
    osX per intenderci...
    non+autenticato
  • ciao,

    - Scritto da: Angius
    > a quando una vm valida per emulare un MAC
    > moderno? osX per intenderci...

    quella non e` una vm, almeno come implementato da vmware, ma un emulatore (in quanto mac os X gira solo su piattaforma powerpc e non su i386)
    non+autenticato
  • Beh om realtà maxOSX gira su darwin+BSD+cocoa, darwin e bsd girano perfettamente su intel, basterebbe che quelli dell apple rilasciassero cocoa per intel che dopotutto è un window manager quindi non credo sia eccessivamente complicato, infatti lo stanno facendo.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 6 discussioni)