LaRepubblica online è a pagamento

Da ieri il quotidiano cartaceo pubblicato online si paga. Molti gli occhi puntati sul progetto denominato Repubblica Extra. I prezzi e gli altri dettagli. Entro l'anno a pagamento anche ilnuovo.it

LaRepubblica online è a pagamentoRoma - E al fine accadde. Quel che Punto Informatico aveva rivelato in anteprima lo scorso dicembre e che è stato successivamente confermato da laRepubblica, da ieri è una realtà: per accedere alla versione digitale del quotidiano cartaceo e ad una serie di altri servizi occorre pagare.

Con un articolo firmato da Vittorio Zucconi apparso ieri su Repubblica.it, sito che rimane invece consultabile gratuitamente, uno dei più diffusi quotidiani italiani ha dato ufficialmente il via ad un progetto pionieristico e molto complesso perché chiede all'utenza internet di abbonarsi per l'accesso ai contenuti. Un progetto sul quale sono rivolti gli occhi di mezza rete, interessata a capire se un modello del genere possa riscuotere successo, in che misura e a quali condizioni.

Il progettone varato dal giornale si chiama "Repubblica Extra" e consente di leggere online il quotidiano del giorno, di stamparlo, di consultare l'archivio da gennaio 2001 ad oggi. Chi si abbonasse ai servizi Kataweb Extra Gold, che offrono SMS, news e via dicendo, diventerebbe automaticamente anche abbonato a Repubblica Extra per un tempo di uno o sei mesi a seconda del pacchetto Gold prescelto.
La grande sfida laRepubblica la gioca naturalmente anche sui prezzi.

Stando a quanto descritto dal sito, sono al momento due i possibili abbonamenti. Quello "temporale" offre un accesso quotidiano per un mese o per sei mesi, con un prezzo di 11,90 euro e 57 euro rispettivamente (Iva inclusa). Quello "a scalare" consente invece di accedere 30 volte al sistema per 14,99 euro e 60 volte al prezzo di 29,99 euro. Più complesso il sistema di abbonamento per chi vuole anche i servizi Kataweb: tutto lo schema è disponibile qui.

Ma a spingere sui contenuti a pagamento è anche ilnuovo.it, la creatura digitale di eBiscom che l'anno scorso è andata sotto di molti miliardi. In una intervista a Famiglia Cristiana, infatti, il direttore de ilnuovo.it, Sergio Luciano, afferma che entro l'anno il giornale web passerà a pagamento: "Abbiamo tagliato alcuni costi, e deciso di provarci anche noi entro la fine dell'anno. Per leggere gli articoli de Il Nuovo il lettore dovrà pagare. E' finita l'epoca del free Internet, altrimenti non si va da nessuna parte".

Dichiarazioni che indicano un brusco cambiamento di rotta che, se si rivelasse fallimentare, autorizzerebbe a ritenere possibile la chiusura del giornale eBiscom.
183 Commenti alla Notizia LaRepubblica online è a pagamento
Ordina
  • Repubblica non vive coi guadagni delle vendite del giornale o degli abbonoamenti ma con quei poveri allocchi di lettori che mentre si bevono quel mare di notizie fasulle sfogliano le pagine e sono investiti da tonnellate di pubblicità.

    Lo stesso vale per le tre reti di MEDIASET quindi i somari che leggono la Repubblica e guardano le reti MEDIASET sempre la stessa razza di asini sono !!!
    non+autenticato


  • - Scritto da: aut aut
    > Repubblica non vive coi guadagni delle
    > vendite del giornale o degli abbonoamenti ma
    > con quei poveri allocchi di lettori che
    > mentre si bevono quel mare di notizie
    > fasulle sfogliano le pagine e sono investiti
    > da tonnellate di pubblicità.
    >
    > Lo stesso vale per le tre reti di MEDIASET
    > quindi i somari che leggono la Repubblica e
    > guardano le reti MEDIASET sempre la stessa
    > razza di asini sono !!!

    La pubblicità c'è dappertutto, su giornali, televisioni, Internet. Anche girando su Internet si è sommersi da tonnellate di pubblicità, non per questo uno è ignorante. Concordo con te che chi guarda CERTI programmi Mediaset (o Rai), tipo lacrime-show o Grande Fardello sia ignorante, ma ci sono programmi degnissimi di essere guardati (tipo quelli di Paone oppure quelli della Gialappa's, o Striscia). Quindi non generalizziamo. Poi: hai già aperto un thread con queste tue opinioni: abbiamo capito che Repubblica non la leggerai neanche se ti pagheranno, è inutile che continui a ribadirlo.
    non+autenticato


  • - Scritto da: Hakkar
    >
    >
    > - Scritto da: aut aut
    > > Repubblica non vive coi guadagni delle
    > > vendite del giornale o degli abbonoamenti
    > ma
    > > con quei poveri allocchi di lettori che
    > > mentre si bevono quel mare di notizie
    > > fasulle sfogliano le pagine e sono
    > investiti
    > > da tonnellate di pubblicità.
    > >
    > > Lo stesso vale per le tre reti di MEDIASET
    > > quindi i somari che leggono la Repubblica
    > e
    > > guardano le reti MEDIASET sempre la stessa
    > > razza di asini sono !!!
    >
    > La pubblicità c'è dappertutto, su giornali,
    > televisioni, Internet. Anche girando su
    > Internet si è sommersi da tonnellate di
    > pubblicità, non per questo uno è ignorante.
    > Concordo con te che chi guarda CERTI
    > programmi Mediaset (o Rai), tipo
    > lacrime-show o Grande Fardello sia
    > ignorante, ma ci sono programmi degnissimi
    > di essere guardati (tipo quelli di Paone
    > oppure quelli della Gialappa's, o Striscia).
    > Quindi non generalizziamo. Poi: hai già
    > aperto un thread con queste tue opinioni:
    > abbiamo capito che Repubblica non la
    > leggerai neanche se ti pagheranno, è inutile
    > che continui a ribadirlo.

    1)Noi apriamo tutti i thread che vogliamo
    2) Noi vogliamo continuare a ribadire tutto quello che ci va di ribadire

    se non sei daccordo allora suka !!
    non+autenticato


  • - Scritto da: aut aut

    > 1)Noi apriamo tutti i thread che vogliamo
    > 2) Noi vogliamo continuare a ribadire tutto
    > quello che ci va di ribadire
    >
    > se non sei daccordo allora suka !!

    Che dire, complimenti. Plurale majestatis ?
    non+autenticato


  • - Scritto da: Hakkar
    >
    >
    > - Scritto da: aut aut
    >
    > > 1)Noi apriamo tutti i thread che vogliamo
    > > 2) Noi vogliamo continuare a ribadire
    > tutto
    > > quello che ci va di ribadire
    > >
    > > se non sei daccordo allora suka !!
    >
    > Che dire, complimenti. Plurale majestatis ?


    SUKA !!!!!!!!!!!!!!!!!
    non+autenticato
  • Proprio per chiudere con tutte le note politiche di questo thread, sorrido a pensare che:
    1) la maggior parte del popolo di p.i. è di sinistra (no? facciamo un sondaggino?);
    2) repubblica è un (ottimo a mio parere) giornale di stampo di sinistra;

    ma allora è la guerra civile! Non sono più i rossi che se la prendono con Berlusca, con le sue TV ecc... (e le guardano ogni sera, e comprano tutte le cose che pubblicizza), ma il contrario!

    ciao

    dolpo
    non+autenticato
  • !?!# ?? ma che hai detto?
    non c'entra un ca^^o e ti diverti con poco..
    non+autenticato

  • Libero mi da ADSL, banda larga 24h/24
    io pago...

    Libero da anche free internet, diul-up a tempo
    é gratis

    LaRepubblica da notizie gratuite sul suo sito ma da anche la possibilità di avere un servizio più sostanzioso con *tutta la rivista* in testo, html o Acrobat Reader.

    Beh per il primo servizio, così come il diul-up Libero non si paga, per un servizio migliore si paga (ADSL o Repubblica Extra)

    Quindi non capisco tutto questo chiacchiericcio pidocchioso contro LaRepubblica o contro ogni altro Servizio a Pagamento online...

    Le valutazioni strategiche di mercato lasciatele fare ai tecnici, qui si discute l'eticità di un iniziativa economica o la sua potenzialità di generare business?

    Credo che la maggior pare delle critiche sia sulla prima questione....

    Bello leggervi tutti liberisti, berlusconiani, antistatalisti quando si tratta delle tasche altrui, quando il "liberismo" entra nelle vostre tsache diventate tutti socialistiSorpresa)

    Italiani, strana gente...
    non+autenticato


  • - Scritto da: BioFax

    > LaRepubblica da notizie gratuite sul suo
    > sito ma da anche la possibilità di avere un
    > servizio più sostanzioso con *tutta la
    > rivista* in testo, html o Acrobat Reader.

    Infatti, è quello che hp cercato di dire anche io. Poi uno può dire (come penso anche io) che un giornale è sempre meglio leggerselo "Encarta" che su uno schermo radioattivo, però per esempio per fare ricerche veloci è più comodo averlo sul computer, o magari per ragioni di archivio (scannerizzarsi tutto un giornale è una palla tremenda).

    > Beh per il primo servizio, così come il
    > diul-up Libero non si paga, per un servizio
    > migliore si paga (ADSL o Repubblica Extra)

    Infatti.


    > Quindi non capisco tutto questo
    > chiacchiericcio pidocchioso contro
    > LaRepubblica o contro ogni altro Servizio a
    > Pagamento online...

    Non lo capisci ? Non lo sai che la mamma dei cretini è sempre incinta ? Certa gente non aspetta altro per dire "Ahhhh che bastardi comunisti"Sorride


    > Le valutazioni strategiche di mercato
    > lasciatele fare ai tecnici, qui si discute
    > l'eticità di un iniziativa economica o la
    > sua potenzialità di generare business?

    Esatto, a meno che quelli che dicono che "Internet è pagata dalla pubblicità e pagare un servizio serve solo a far fallire" (in realtà è tutto il contrario, come dimostra per esempio Virgilio-Matrix) mi portino (va bene anche una copia elettronica) la loro laurea in economia o marketing. Le stronzate le dicono già abbastanza spesso gli esperti, non riempiamo il calderone anche noi.


    > Bello leggervi tutti liberisti,
    > berlusconiani, antistatalisti quando si
    > tratta delle tasche altrui, quando il
    > "liberismo" entra nelle vostre tsache
    > diventate tutti socialistiSorpresa)

    RightSorride

    > Italiani, strana gente...

    Quelli fortunati sono già riusciti ad emigrare...a noi non rimane che cercare di tenere fuori la testa...e sperare che nessuno faccia l'ondaSorride
    non+autenticato

  • condivido in pieno
    non+autenticato
  • - Scritto da: BioFax
    ....
    >
    > Beh per il primo servizio, così come il
    > diul-up Libero non si paga, per un servizio
    > migliore si paga (ADSL o Repubblica Extra)
    >
    > Quindi non capisco tutto questo
    > chiacchiericcio pidocchioso contro
    > LaRepubblica o contro ogni altro Servizio a
    > Pagamento online...
    >
    > Le valutazioni strategiche di mercato
    > lasciatele fare ai tecnici, qui si discute
    > l'eticità di un iniziativa economica o la
    > sua potenzialità di generare business?
    >
    > Credo che la maggior pare delle critiche sia
    > sulla prima questione....

    Beh, a tutti scoccia tirar fuori il portafoglio. Detto questo sicuramente chiunque ha il diritto di chiedere quel che vuole per un servizio che offre. Si deve però ricordare che lo fa su un mercato che ha le sue regole. In parole povere: se il servizio è troppo caro e offre poco avrà poco successo.

    L'iniziativa di Repubblica in se per se non è pensata male: un servizio di base gratis (tanto le informazioni scarne le trovi sempre gratis, se non altro alla TV) e un servizio con del valore aggiunto a pagamento. Secondo me però il valore aggiunto che offre non è poi tanto, limitandosi praticamente solo alla possibilità di archiviare le notizie. Però se non c'è un adeguato sistema di ricerca delle notizie, anche questo vantaggio si riduce di molto. In compenso trovo il servizio caro. Probabilmente il prezzo è giustificato dai costi, ma in un'economia di mercato il prezzo lo fanno i consumatori. Oggi si trovano in vendita nelle profumerie creme e rossetti venduti a diverse decine di Euro, ma il costo della materia prima sarà si e no qualche decina di Eurocent. Questo perchè i consumatori (in questo caso le consumatrici) sono disposti a spendere quelle cifre
    per quel tipo di prodotto. Se invece il 90% delle persone dice che la Repubblica online è cara, non vuol dire che il 90% degli italiani sono pidocchiosi. Vuol solo dire che la Repubblica potrà contare su un target potenziale (e sottolineo potenziale) del 10%. Teniamo anche conto che il totale non è rappresentato da tutti gli italiani, ma solo da quelli che possiedono il computer e un collegamento a banda larga. Secondo me quindi c'è il rischio che abbiano sbagliato i conti. Se invece Repubblica ha pensato già in partenza ad un servizio di nicchia per chi ha esigenze di archiviazione allora è un altro discorso.

    C'è poi un'altra questione: la mia paura, e penso anche quella di molti altri, è che tutti questi servizi a pagamento tendano letteralmente a soffocare la parte amatoriale di internet. Parte secondo me di gran lunga più interessante. In fin dei conti siamo circondati da mezzi di comunicazione commerciali. Internet è l'unico che si discosti dalla norma. Un certo numero di servizi commerciali (non solo quelli a pagamento) non danneggia internet, ma anzi lo può arricchire. Ma se questi servizi prendono il sopravvento si avrebbe la trasformazione di internet da quello che conosciamo ad una sorta di tv interattiva. Tieni anche conto che internet è ottenuta tramite l'interconnessione di moltissime reti private (principalmente Università). L'utilizzo delle quali è concesso gratuitamente. Ma è chiaro che prima o poi ci sarà il rischio che qualcuno inizi a dire "Ma perchè dobbiamo offrire l'uso della nostra rete gratis per far passare dei servizi a pagamento ? Perchè qualcuno si deve arricchire tramite i nostri mezzi ?". A quel punto sarà stata reinventata la tv.....
    non+autenticato
  • > C'è poi un'altra questione: la mia paura, e
    > penso anche quella di molti altri, è che
    > tutti questi servizi a pagamento tendano
    > letteralmente a soffocare la parte
    > amatoriale di internet.

    La soffocano perche', al contrario degli altri, prendono soldi pubblici (vedi legge editoria ecc)
    Quindi i concorrenti "amatoriali" rimarranno sempre tali e loro camperanno sempre su un sistema chiuso.

    non+autenticato
  • > LaRepubblica da notizie gratuite sul suo
    > sito ma da anche la possibilità di avere un
    > servizio più sostanzioso con *tutta la
    > rivista* in testo, html o Acrobat Reader.

    Ti vedo esperto.


    > Beh per il primo servizio, così come il
    > diul-up Libero non si paga, per un servizio
    > migliore si paga (ADSL o Repubblica Extra)

    Il migliore e' tutto da dimostrare, vista la qualita' dei contenuti di Repubblica.


    > Quindi non capisco tutto questo
    > chiacchiericcio pidocchioso contro
    > LaRepubblica o contro ogni altro Servizio a
    > Pagamento online...

    Qui si parla di Repubblica mi pare. Sul "pidocchioso" rischi che qualcuno pensi lo stesso delle tue opinioni.


    > Le valutazioni strategiche di mercato
    > lasciatele fare ai tecnici,

    E lasciamo la politica ai politici eh ?


    >qui si discute
    > l'eticità di un iniziativa economica o la
    > sua potenzialità di generare business?

    No?


    > Credo che la maggior pare delle critiche sia
    > sulla prima questione....

    A cui pero' non rispondi.

    non+autenticato
  • Ho letto nei vostri interventi un sacco di "cose carine", classiche da "BUONISTI DI SINISTRA",idaelisti del c**** !!!

    Ragazzi, sveglia, il mondo reale è diverso,uscite dalla tana!!! l' 80% DDEI SITI INTERNET è PORNO,aggiungeteci i siti warez,i programmi p2p con cui ci si può scaricare mp3,divx e software da crackare ed avete spiegato cos'è Internet!!!!

    Se non ci fosse la possibilità di fare tutte queste fottutissime cose GRATIS, internet non sarebbe così diffuso com'è adesso. Se in futuro, la "libertà" su internet sarà in qualche modo limitata,sarà anche la fine di internet.....
    non+autenticato


  • - Scritto da: BioFax
    >
    > Libero mi da ADSL, banda larga 24h/24
    > io pago...
    >
    > Libero da anche free internet, diul-up a
    > tempo
    > é gratis
    >
    > LaRepubblica da notizie gratuite sul suo
    > sito ma da anche la possibilità di avere un
    > servizio più sostanzioso con *tutta la
    > rivista* in testo, html o Acrobat Reader.
    >
    > Beh per il primo servizio, così come il
    > diul-up Libero non si paga, per un servizio
    > migliore si paga (ADSL o Repubblica Extra)
    >
    > Quindi non capisco tutto questo
    > chiacchiericcio pidocchioso contro
    > LaRepubblica o contro ogni altro Servizio a
    > Pagamento online...
    >
    > Le valutazioni strategiche di mercato
    > lasciatele fare ai tecnici, qui si discute
    > l'eticità di un iniziativa economica o la
    > sua potenzialità di generare business?
    >
    > Credo che la maggior pare delle critiche sia
    > sulla prima questione....
    >
    > Bello leggervi tutti liberisti,
    > berlusconiani, antistatalisti quando si
    > tratta delle tasche altrui, quando il
    > "liberismo" entra nelle vostre tsache
    > diventate tutti socialistiSorpresa)
    >
    > Italiani, strana gente...

    Noi paghiamo ciò che vale , REPUBBLICA è come MEDIASET articoli e programmi per dementi al solo scopo di fargli arrivare la pubblicità. REPUBBLICA non guadagna con gli abbonamenti ma con la pubblicità accanto ad articoli spazzatura
    non+autenticato
  • > Noi paghiamo ciò che vale , REPUBBLICA è
    > come MEDIASET articoli e programmi per
    > dementi al solo scopo di fargli arrivare la
    > pubblicità. REPUBBLICA non guadagna con gli
    > abbonamenti ma con la pubblicità accanto ad
    > articoli spazzatura

    Ma quella stronzata che hanno scritto sui Gatti BONSAI l'hanno MAI smentita o l'hanno fatta passare cosi'??????????????
    Bella serieta'.. E io dovrei pagare per questa robaccia?
    non+autenticato
  • Non potevi esprimere meglio il concetto.
    Mi consolo che qualche persona con la testa c'è ancora...

    non+autenticato
  • Il vero guadagno di repubblica non viene dalla vendita del giornale o dall'abbonamento ma da quei poveri scemi che si leggono tutte le idiozie e scorrono le pubblicità mentre sfogliano il giornale.
    LETTORE CAPISCI A ME!
    FATTE PAGA' PRIMA DI BEVERTI TUTTE QUELLE SCEMENZE
    non+autenticato
  • cosa c'entra questo con il thread ?
    scommetto che non ti hanno censurato solo perché è mezzanotte, e i responsabili sono giustamente a letto.

    E poi ognuno offre quello che vuole.
    non+autenticato


  • - Scritto da: dolpo
    > cosa c'entra questo con il thread ?
    > scommetto che non ti hanno censurato solo
    > perché è mezzanotte, e i responsabili sono
    > giustamente a letto.
    >
    > E poi ognuno offre quello che vuole.

    Sta bono italiano! Tu hai bevuto!!
    Campi de sonno !!!
    La censura te ce l'hai ner cervello !!
    Noi la repubblica la leggiamo solo se ci pagano 1 euro ad articolo
    non+autenticato
  • LaRepubblica offre un ottimo ed efficente servizio (tecnicamente e giornalisticamente) posso scaricare tutto il Giornale in .pdf risparmiando circa il 70% del prezzo di copertina, posso cmq leggerlo a monitor online o comodamente offline, posso cercare l'archivio cronologico posso anche leggere gli articoli delle versioni locali, tutto questo lo pago e lo pago con orgoglio.

    Voi altri continuate pure a scroccare altrove, parassiti! Siete magari gli stessi che votate a Destra e poi volete il giornale della Mutua a gratis.

    A LAVURA' !
    non+autenticato
  • PERFETTO !!!

    finalmente uno che dice le cose come stanno.

    A laurà, barbùn !!!

    non+autenticato
  • Mah... gli insulti lasciano sempre il tempo che trovano....

    Comunque che il gratis sia di destra me la devo segnare insieme al Linux di sinistra ed altre menate del genere...

    Detto questo, il punto non è che uno pretende o meno di avere le cose gratis, ma che oggi molti cercano di offrire cose a pagamento, ma rischiano di sbagliare alla grande modello di business. Se la gente critica Repubblica per il costo non è perchè sono dei barboni, ma perchè altrove trovano quello che ritengono lo stesso servizio gratis o comunque ad un prezzo minore.

    Io credo che ben pochi si scarichino un PDF di un intero quotidiano per leggerlo sul monitor di un PC. Anche se costa il 70% in meno. Piuttosto si preferisce comunque comprarlo in edicola (a questo punto ci sarebbe da discutere su chi è il barbone...). La lettura su un monitor non è il massimo della comodità ed inoltre è da effettuarsi appunto sul monitor. Quindi niente lettura sul treno o a lavoro nella pausa pranzo o alla guida della macchina (vabbè, questo è un vantaggio...). Se invece pensi di stampare il giornale, ti invito a prendere in considerazione il costo della stampa, che è tutt'altro che indifferente e probabilmente di gran lunga superiore al costo del quotidiano in edicola.

    Il fatto è che si possono anche offrire dei contenuti a pagamento in rete, ma bisogna offrire un valore aggiunto rispetto a ciò che si può trovare gratis. E secondo me il valore aggiunto non è costituito da centinaia di pagine in PDF scomode da leggere. Visto che chi legge in rete lo fa cercando delle notizie in particolare. Magari prendendole da più fonti e confrontandole fra loro. Il valore aggiunto non è neppure nelle semplici notizie, visto che sono sempre reperibili gratis (se non su internet, alla televisione o su televideo). Può invece essere negli approfondimenti o nella possibilità di accedere ad un archivio storico. Sono solo esempi, possono esserci tanti altri modelli di business funzionanti. Dubito invece che quello della Repubblica alla lunga possa funzionare.

    Il tentativo di fare soldi con la rete senza conoscerne le dinamiche si è già rivelato fallimentare una volta, con il disastro della new economy. Non vorrei dover assistere ad un secondo disastro...
    non+autenticato
  • Concordo in buona parte con quello che ha scritto TeX.
    Aggiungo.

    1-"La Repubblica" non lo leggerei neanche se mi pagassero!
    2-I quotidiani,tutti, in Italia non hanno mai avuto tanto successo (tant'è che si inventano sempre corsi di Inglese,Pc,libri,film,ecc. per vendere + copie e magari uno si vede il film e il giornale lo butta...)
    3-La crisi è aumentata con l'avvento di Internet,dove uno può reperire notizie in tempo reale (quelle dei giornali sonno "vecchie" di un giorno).

    Inoltre,nessuno paga per qualcosa che può avere gratis (www.gdmland.it) e Napster insegna: la "Rete" non ammette speculazioni,è troppo vasta per essere controllata e c'è sempre un modo per aggirare le limitazioni.
    non+autenticato


  • - Scritto da: Cisco
    > Concordo in buona parte con quello che ha
    > scritto TeX.
    > Aggiungo.
    >
    > 1-"La Repubblica" non lo leggerei neanche se
    > mi pagassero!

    La smettiamo con queste considerazioni politiche che non c'entrano nulla ?

    > 2-I quotidiani,tutti, in Italia non hanno
    > mai avuto tanto successo (tant'è che si
    > inventano sempre corsi di
    > Inglese,Pc,libri,film,ecc. per vendere +
    > copie e magari uno si vede il film e il
    > giornale lo butta...)

    Hai ragione, purtroppo. Purtroppo nel senso che da l'indice della cultura media degli italiani, che arrivano addirittura a non leggere un giornale che hanno comprato, pur avendolo fatto solo per avere il film di turno....

    > 3-La crisi è aumentata con l'avvento di
    > Internet,dove uno può reperire notizie in
    > tempo reale (quelle dei giornali sonno
    > "vecchie" di un giorno).

    Ehm...hai presente quella scatola che hanno inventato più di 50 anni fa, con le immagini in movimento ? Anche lì le notizie sono più nuove che sui giornali, eppure i giornali non sono finiti...La forza di un giornale è l'approfondimento di una notizia. E' vero che su Internet si può fare anche questo, al contrario che in TV, però è cmq diverso che su un giornale. Aggiungo che non credo ci sia molta gente disposta a leggersi qualcosa di lungo su un monitor (come dimostra il fatto che gli e-book non decollano neanche in america). Quindi un quotidiano, a mio parere, continuerà ad avere la sua quota di mercato, seppur limitata perchè la gente di leggere cose che potrebbero arricchirla culturalmente proprio non ne vuole sapere: meglio guardare il Grande FardelloSorride


    > Inoltre,nessuno paga per qualcosa che può
    > avere gratis (www.gdmland.it) e Napster
    > insegna: la "Rete" non ammette
    > speculazioni,è troppo vasta per essere
    > controllata e c'è sempre un modo per
    > aggirare le limitazioni.

    E' chiaro che le informazioni viaggeranno sempre gratis su Internet, ma torno a ripetere: Repubblica non ha messo a pagamento il proprio sito, ma solo la visualizzazione del giornale cartaceo. Smettetela di ergervi a paladini della libertà di informazione...
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | Successiva
(pagina 1/9 - 42 discussioni)