Svolta online per BBC

E' ufficiale: tutti i programmi offerti dalla TV pubblica del Regno Unito saranno messi online. Gli utenti potranno scaricare una valanga di contenuti digitali, quando e come preferiscono

Londra - BBC, la prestigiosa emittente pubblica britannica, dice addio all'era della televisione analogica e si tuffa a capofitto nella distribuzione online di contenuti televisivi e radiofonici. Niente digitale terrestre: la svolta made in UK si chiama tv on demand. Mark Thompson, direttore generale di BBC, ha annunciato il lancio del nuovo servizio durante il Festival Internazionale della TV di Edimburgo, in Scozia: "Cambieremo completamente il significato di emittenza e broadcasting grazie alle nuove tecnologie", ha annunciato il giovane amministratore.

La svolta era nell'aria già da tempo, specie da quando BBC ha abbracciato tecnologie open source per la distribuzione di contenuti digitali e multimediali. A partire dal 2006 verrà rilasciata la piattaforma software MyBBCPlayer, un riproduttore multiformato che permetterà la visione e l'ascolto su richiesta di tutto il palinsesto offerto dal servizio pubblico del Regno Unito: i programmi televisivi e radiofonici saranno a disposizione degli utenti per sette giorni a partire dalla loro prima messa in onda.

La notizia segna un incredibile balzo in avanti verso la TV del domani. BBC prende le distanze da soluzioni alternative come il famigerato digitale terrestre ed abbraccia definitivamente Internet: il verdetto di Thompson è che finalmente "gli utenti hanno dimostrato di essere pronti per utilizzare il web in maniera sofisticata". Una convinzione sempre più forte all'interno del panorama britannico, confermata dall'assoluto successo della distribuzione online, negli scorsi mesi, delle sinfonie di Beethoven suonate dalla BBC Philarmonic.
"Se non andiamo in questa direzione e BBC rimane un'emittente tradizionale, allora significa che già entro dieci anni non ci meriteremmo più finanziamenti pubblici ", sostiene Thompson. Tuttavia, durante la presentazione del nuovo servizio non sono state rilasciate ulteriori indiscrezioni riguardo alle tecnologie che verranno utilizzate per attuarlo. Il costo dell'impresa sarà sicuramente enorme in termini di infrastrutture e supporto tecnico: le spese per il settore del software saranno sicuramente ammortizzate dallo sviluppo di programmi a codice aperto, tra cui l'infrastruttura multimediale Kamaelia.

Tutto fa pensare ad un sistema di distribuzione P2P aperto a tutti, con restrizioni speciali per chi non risiede sul territorio britannico: sebbene molti contenuti saranno gratuiti, altri, stando a quanto dichiarato da Thompson, avranno un costo o saranno riservati agli abbonati. Il broadcasting di canali TV e l'accesso all'archivio di BBC saranno affiancati da un portale in stile iTunes? I vertici dell'emittente non lo mettono in dubbio: alcuni contenuti saranno accessibili anche attraverso i cellulari 3G.

Tommaso Lombardi
34 Commenti alla Notizia Svolta online per BBC
Ordina
  • Nessuno in questo forum ha mai sentito parlare di raiclick?
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Nessuno in questo forum ha mai sentito parlare di
    > raiclick?

    Però con raiclick non li scarichi ma vedi in streaming con una qualità mediocre. Mentre questi della bbc li scaricherai e si vedranno benissimo.
    Poi non so se raiclick funzioni anche con i non -fastweb, cmq il discorso non cambia.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Nessuno in questo forum ha mai sentito parlare di
    > raiclick?

    Certo!

    Veni, vidi, formatus videorum non apertus nec compatibilis cum meo sistema, ergo WC.

    A parte che avevo provato mesi fa e che ora ho installato realplayer... quasi quasi torno a dare un occhio.
  • Video codec 'Windows Media Video 9' is not handled. You might need to install additional plugins to be able to play some types of movies

    Attenzione, i linari su intel sono probabilmente tranquilli usando il codec nativo. I powerpicciari come me devono usare mac on linux.

    Quando arrivera' la PS3 con linux saranno problemi di raiclickSorride

  • - Scritto da: Anonimo
    > se si dessero solo una mossa.

    Si bravo! Intanto la tassa la paghiamo noi per te.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > se si dessero solo una mossa.

    Non male come idea: Se paghi il canone puoi accedere ai contenuti (Ricevi username e password).
    Per evitare che uno solo paghi il canone e poi distribuisca la password a tutti, si potrebbe mettere anche un massimo di ore/MB "scaricabili" al giorno. In questo modo si eviterebbe inoltre che gli sponsor storcano il naso di fronte alla possibilita' di "skippare" la pubblicita'.
    Si avrebbe inoltre un feedback piuttosto veritiero sui gusti degli spettatori, magari e' la volta buona che ci leviamo dalle palle un buon 90% del palinsestio RAI e sopratutto me(r)diasetArrabbiato
    11237


  • - Scritto da: Giambo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > se si dessero solo una mossa.
    >
    > Non male come idea: Se paghi il canone puoi
    > accedere ai contenuti (Ricevi username e
    > password).
    > Per evitare che uno solo paghi il canone e poi
    > distribuisca la password a tutti, si potrebbe
    > mettere anche un massimo di ore/MB "scaricabili"
    > al giorno. In questo modo si eviterebbe inoltre
    > che gli sponsor storcano il naso di fronte alla
    > possibilita' di "skippare" la pubblicita'.
    > Si avrebbe inoltre un feedback piuttosto
    > veritiero sui gusti degli spettatori, magari e'
    > la volta buona che ci leviamo dalle palle un buon
    > 90% del palinsestio RAI e sopratutto me(r)diaset
    >Arrabbiato


    Scommetto che la prima cosa che salta e' la messa!Sorride
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo

    > Scommetto che la prima cosa che salta e' la
    > messa!Sorride

    Dici ? Credo che molte persone anziane seguano la messa in televisione ... E dopo aver visto le immagini del raduno a Colonia, mi immagino pure qualche "giovane" che si scarica la messa da guardare sul suo gadget elettronicoSorride
    Io spero spariscano quei varieta' tristissimi nei quali l'attore/attrice del momento fa' l'"opinionista" tra una storia strappalacrime piu' o meno inventata, un balletto tripudio di tette e culi e uno stacchetto comico ...

    Ecco, ora qualcuno pensera' che sono un moralista/bacchettoneSorride
    11237

  • - Scritto da: Giambo
    >

    tra una storia strappalacrime
    > piu' o meno inventata, un balletto tripudio di
    > tette e culi e uno stacchetto comico ...
    >
    > Ecco, ora qualcuno pensera' che sono un
    > moralista/bacchettoneSorride

    Beh, non vorrai mica toglierci le mitiche tettone della Folliero??Occhiolino E' l'unica cosa per cui Rete 4 meriti di essere guardata...!Ficoso
    non+autenticato

  • ... mi hanno chiuso "the-realworld.de", sito che raccoglieva ordinatamente links e2k delle mie serie preferite (The Shield) In lacrime ..
    11237
  • Sorpresa X caso hai trovato un sito simile?
    non+autenticato
  • Peccato che da noi si ragioni come nel terzo mondo, anzi forse peggio, da noi una cosa del genere verrebbe fatta pagare, come le banche che ti vendono l'accesso al tuo conto on line, come se fosse chissà quale straordinario servizio.
    Ma avete saputo che il diessino che è arrivato in RAI vuole aumentarci il canone ??? Come se già pagassi poco e ci tocca vedere Telekabul, Teleberlusca, TeleUDC, e ci tocca pure pagarle....
    In verità non paghiamo un servizio pubblico ma un servizio ai partiti.
    Questa rai andrebbe privatizzata, poi ci teniamo solo una rete dove i politicanti di turno vanno a sproloquiare le loro baggianate, la paghiamo meno di un terzo del canone !!!
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > Peccato che da noi si ragioni come nel terzo
    > mondo, anzi forse peggio, da noi una cosa del
    > genere verrebbe fatta pagare, come le banche che
    > ti vendono l'accesso al tuo conto on line, come
    > se fosse chissà quale straordinario servizio.
    > Ma avete saputo che il diessino che è arrivato in
    > RAI vuole aumentarci il canone ??? Come se già
    > pagassi poco e ci tocca vedere Telekabul,
    > Teleberlusca, TeleUDC, e ci tocca pure
    > pagarle....
    > In verità non paghiamo un servizio pubblico ma un
    > servizio ai partiti.
    > Questa rai andrebbe privatizzata, poi ci teniamo
    > solo una rete dove i politicanti di turno vanno a
    > sproloquiare le loro baggianate, la paghiamo meno
    > di un terzo del canone !!!

    E le letterine minatorie che arrivano a quelli che non pagano il canone (magari perchè non hanno un televisore) dove le lasciamo? Nell'ultima lettera che mi è arrivata dalla RAI pare che la "Giochi di Fantasia" http://www.gdf.it/ ha dato la disponibilità a fare i dovuti accertamenti.
    Scommettiamo che il diessino di cui sopra comincerà a mandare la GdF a far visita a un po' dei tizi che non gli pagano il canone?
    non+autenticato
  • Sottoscrivo: rai privatizzata. Appalto pubblico ai servizi di pubblica utilità. Così eviteremo di creare altri carrozzoni pubblici.

    Ad esempio la RAI ha creato Radio Parlamento (RAI GRP) il cui solo costo di startup si aggira a 10 anni di convenzione appaltato al soggetto privato quale è radio radicale che trasmette appunto le sedute del parlamento. Questo non è uno spreco?

    Sarebbe interessante anche capire RAI 103.3 quanto è costata e se con un appalto pubblico a privati non sarebbe costata meno.
  • Veramente RAiclick esiste da molto tempo ed e' un buon servizio .....
    non+autenticato
  • Ottimo speriamo che lo faccia anche al rai A bocca aperta
    non+autenticato
  • aspetta e spera....
    non+autenticato
  • Certo che aspetto A bocca aperta
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 9 discussioni)