Xbox sbarca sull'isola dei diavoli

Era dai tempi di Atari e 3DO che un produttore americano non sfidava i giganti giapponesi nel settore delle console da gioco. Xbox non solo ci prova, ma lo fa in casa loro. Ecco tutti i dettagli

Xbox sbarca sull'isola dei diavoliTokyo (Giappone) - Xbox compie oggi il suo passo più sfrontato: sbarcare in "territorio nemico", il Giappone, patria di quei giganti dell'intrattenimento che da anni dominano incontrastati il settore delle console da gioco.

Con un prezzo di 34.800 yen (circa 298 euro) Xbox dovrà fronteggiare innanzitutto la Playstation 2, una console che in Giappone ha riscosso un successo clamoroso ed il cui prezzo di recente è sceso a 29.800 yen (255 euro).

Per fare qualche confronto, in USA Xbox viene venduta a 299$ (circa 335 euro) mentre in Europa, dove è attesa il 14 marzo, costerà 479 euro, ben 184 euro in più rispetto al prezzo giapponese.
Come in USA, anche in Giappone il terzo avversario è rappresentato dal GameCube, lo scatolotto con maniglia che Nintendo commercializza al prezzo particolarmente competitivo di 25.000 yen (circa 212 euro).

Xbox tenta, a partire da oggi, di assecondare i desideri dei giapponesi, assimilarne la lunga tradizione, adattarsi alle loro mani più minute e... farli divertire. Eh sì, perché i giapponesi non vogliono sentir storie: loro di console se ne intendono e se Xbox non dovesse soddisfare a pieno i loro gusti - sostengono gli analisti - il flop sarà assicurato.

Per scongiurare una simile eventualità Microsoft ha dato vita, la scorsa primavera, alla divisione Xbox Japan, un'unità autonoma il cui obiettivo principe è quello di promuovere e sviluppare titoli pensati per il pubblico giapponese. Microsoft si è inoltre assicurata la collaborazione di quello che in patria viene considerato un vero e proprio guru del settore: Toshiyuki Miyata. Fino a poco tempo fa Miyata era il secondo in comando nella gestione dei team di sviluppo che producevano titoli per Sony in Giappone.

"Il nostro obiettivo riguardante Xbox è quello di definire il futuro dei videogiochi, e la nostra presenza in Giappone sarà essenziale per raggiungere un tale traguardo", dichiarò all'epoca Gates. "Siamo estremamente entusiasti di lavorare su Xbox insieme agli autori di giochi giapponesi per aprire nuove strade alla creatività".
TAG: mercato
49 Commenti alla Notizia Xbox sbarca sull'isola dei diavoli
Ordina
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 15 discussioni)