StarOffice 6 a pagamento!

La nuova e ormai imminente suite per l'ufficio open source non potrà più essere scaricata gratuitamente ma si acquisterà nei negozi. Rimane pur sempre OpenOffice

Palo Alto (USA) - Uno dei cavalli di battaglia del software open source, la suite per l'ufficio StarOffice di Sun, diverrà presto a pagamento. Secondo quanto riportato dal quotidiano tedesco Heise Online, Sun avrebbe infatti deciso di introdurre, con il rilascio a maggio di StarOffice 6.0, una nuova licenza che abbandona il vecchio modello "free of charge" delle precedenti edizioni ed introduce delle royalty.

La decisione, secondo quando affermato da Sun al giornale tedesco, sarebbe stata presa con l'obiettivo di andare maggiormente incontro alle esigenze degli utenti, specie quelli aziendali, e offrire loro supporto tecnico professionale ed una distribuzione del software più completa (con CD-ROM e manuali). Accanto a questo, Sun spera poi di dedicarsi maggiormente allo sviluppo e all'aggiornamento del prodotto.

La versione 6 di StarOffice ha accumulato un notevole ritardo rispetto alle stime iniziali, che ne davano il rilascio per lo scorso autunno. Sun ha giustificato la cosa sostenendo che questa nuova versione della suite è stata riscritta quasi completamente da zero.
L'unica versione di StarOffice 6.0 a rimanere gratuita sarà quella per Solaris, il sistema operativo Unix sviluppato dalla stessa Sun.

Interrogato da Heise, il direttore al marketing di Sun, Martin Haering, ha spiegato che le royalty raccolte attraverso le nuove licenze garantiranno a Sun la possibilità di continuare a migliorare il software ed offrire alle aziende un prodotto maggiormente adatto alle loro esigenze.

Sun ha comunque assicurato che gli utenti privati potranno acquistare una copia di StarOffice nelle librerie o nei negozi specializzati ad un "prezzo vantaggioso".

Gli utenti avranno però ancora la possibilità di scaricare da Internet OpenOffice, suite open source basata in larga parte sullo stesso codice sorgente di StarOffice e pubblicata sotto licenza LGPL (GNU Lesser General Public License) e SISSL (Sun Industry Standards Source License).
210 Commenti alla Notizia StarOffice 6 a pagamento!
Ordina
  • StarOffice non è open è freeware, il codice rilasciato dalla SUN non è l'intero codice, tanto è vero che mancano/vano sia il database che il correttore ortografico.
    Ricordiamo che StarOffice NON significa linux. Io ho sia linux che Win, e uso StarOffice su entrambi.
    Dal punti di vista commerciale mettere il prodotto a pagamento significa anche valorizarlo. Con un prezzo accettabile, diciamo 1/10 del M$, StarOffice entrerebbe di prepotenza nelle ditte dove un prodotto che non ha pagamento viene visto con molto sospetto.
    Un ultimo commento: data l'esistenza di OpenOffice perchè vi lamentate? se non volete pagare M$ o Sun scaricate OpenOff e basta.
    non+autenticato
  • Come possono introdurre un programma del genere
    a pagamento, quando gira su un S.O. che ancora deve diffondersi alla grande nelle aziende ?

    Una scelta del genere sicuramente non incrementrà
    lo sviluppo di Linux....

    Stupida decisione, che tra l'altro non trova giustificazione nemmeno dal lato economico;
    stiamo parlando della SUN!!!!
    non+autenticato


  • - Scritto da: Malau§
    > Come possono introdurre un programma del
    > genere
    > a pagamento, quando gira su un S.O. che
    > ancora deve diffondersi alla grande nelle
    > aziende ?
    >
    > Una scelta del genere sicuramente non
    > incrementrà
    > lo sviluppo di Linux....
    >
    > Stupida decisione, che tra l'altro non trova
    > giustificazione nemmeno dal lato economico;
    > stiamo parlando della SUN!!!!


    guarda che star office gira su tutti i sistemi operativi.
    non+autenticato
  • Ma i dipendenti della Sun di cosa vivono? Di aria?
    L'idea alla base dell'open source è quella di un programma aperto a tutti e per questo migliorabile da chi lo usa. Chi usa solamente questi programma vive sulle spalle del lavoro di altri:non mi pare giusto. Se lo StarOffice 6 avrà un prezzo equo e perfetta compatibilità con i documenti MS perché chi lo uso per lavoro non può approfittarne per risparmiare su l'oneroso Office della MS?
    In questa maniera la Sun avrà fondi per lanciare nuove iniziative Open Source e mantenersi.
    non+autenticato
  • ne BSD, ne altre simili; ne sotto Linux, ne sotto win ne sotto Solaris.
    È stato rilasciato con una licenza open di Sun (la vers. 5.2) rendendo così disponibili i sorgenti a modifiche, aggiunte etc.; con la possibilità di derivare il codice così ottenuto sotto GPl. Sun si è però riservata, solo a se stessa, il diritto di lavorare sul codice ottenuto dalla community open source, e di rilasciare il suo prodotto cosi ottenuto in lic. non GPL.
    Molto probabilmente a tempo debito Sun rilascerà i sorgenti della vers. 6 con la stessa lic. che andranno nel progetto Open Office; da cui Sun trarrà la vers. 7.
    Personalmente nonconcentrerei troppo il progetto Open Office sulla parte win, ma lo diminuirei, magari lasciandogli solo il word processor e lasciare a Sun combattere M$ su quel terreno.
    Poi, prima di dar fiato alle trombe, vorreste sentire il prezzo di Star Office 6 che proporrà Sun; io non credo che si avvicinerà nemmeno alla lontana a quello di Office M$.
    Oltretutto come un'altro post ricordava, anche la vers. 6 di Star office sarà free per usi non commerciali e scaricabile; quindi per uso home non cambia niente.
    non+autenticato
  • Se la Sun voleva tornare a far crescere il suo fatturato doveva per forza tornare alla realtà e smetterla di spendere un sacco di soldi solo nella speranza di fare un dispetto a Microsoft.

    Viva l'Open Source (e la sua breve durata).
    non+autenticato
  • si perche guadagnera milliardi in questo modo...

    > Se la Sun voleva tornare a far crescere il
    > suo fatturato doveva per forza tornare alla
    > realtà e smetterla di spendere un sacco di
    > soldi solo nella speranza di fare un
    > dispetto a Microsoft.
    >
    > Viva l'Open Source (e la sua breve durata).
    non+autenticato
  • Tanto per iniziare Star Office non è open source.
    Tutto il resto da dire non val la pena sprecarlo con te.

    - Scritto da: Darth Vader
    > Se la Sun voleva tornare a far crescere il
    > suo fatturato doveva per forza tornare alla
    > realtà e smetterla di spendere un sacco di
    > soldi solo nella speranza di fare un
    > dispetto a Microsoft.
    >
    > Viva l'Open Source (e la sua breve durata).
    non+autenticato
  • Guarda che lasciando scaricare i binari di Star Office per uso home, Sun fà lo stesso un dispetto a M$. Poi per sapere se lo fà anche in ambito commerciale, aspetta di sapere il prezzo della suite (che tra l'altro ha un editor matematico di prima qualità, senza obbligarti a ricorrere a LaTex che è lo standard nel settore; l'ditor matematico di Office .... bè meglio lasciar perdere).
    Cmq aspetta di conoscere il prezzo della suite, per inciso se riterrò, l'acquisterò la versione 6, anche se la usassi solo in ambito home.
    non+autenticato


  • - Scritto da: Darth Vader

    > Viva l'Open Source (e la sua breve durata).

    nessuna sorpresa per la tua felicità
    non+autenticato
  • Ma non c'è niente di cui possa felicitarsi.
    Dovrebbe innanzi tutto sentire il prezzo della suite (e io credo che avrà una sorpresa, amara come per la M$); se poi crede che così Sun evita problemi a M$ (per inciso l'ultima caduta d'azioni M$ a W.S., non è imputabile a Sun, ma a tutte quelle voci di enti privati/pubblici che stanno valutando di passare a sw open source e anche a o.s. Linux), si sbaglia.
    Come recitava un post precedente, per uso home Star Office è ancora scaricabile gratuitamente, si paga solo per usi commerciali (e vedremo quanto); e credo che questo sia il più grande dispetto di Sun a M$, non il fatto che l'azienda paghi Star Office.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | Successiva
(pagina 1/7 - 33 discussioni)