Produttori alla ricerca del lucchetto standard

I produttori di dispositivi audio portatili sembrano decisi a sviluppare insieme uno standard per la protezione della musica. Questa volta senza i pasticci di SDMI

Los Angeles (USA) - Diversi produttori di tecnologie e dispositivi per l'elettronica di consumo si riuniscono oggi per dar vita alla Portable and Networked Audio Device Manufacturers Association (PNADMA), un'organizzazione che nei prossimi mesi tenterà di sviluppare uno standard per i player digitali portatili.

Una delle priorità della PNADMA sarà quella di riprendere in esame lo scottante tema della protezione dei contenuti, un campo dove lo scorso hanno la SDMI (Secure Digital Music Initiative) si è clamorosamente e irrimediabilmente arenata.

Le oltre venti aziende che entreranno a far parte dell'associazione sono interessate a cercare congiuntamente un sistema di protezione delle proprietà intellettuali che tenga soprattutto conto delle esigenze dei produttori di hardware.
"SDMI non ha lavorato granché bene", ha dichiarato senza mezzi termini Tom White, presidente e CEO di MIDI Manufacturers Association e coordinatore di PNADMA. "L'industria discografica aveva le sue preoccupazioni e nel tentare di trovarvi immediata soluzione ha trascurato altre importanti priorità. Il gruppo di industrie dell'IT, fra cui i produttori, non si sono mai realmente sentiti rappresentati da SDMI".

White si è detto fiducioso che la nuova associazione non ripeterà gli errori commessi da SDMI e riuscirà a definire uno standard che scavalchi le attuali tecnologie predominanti ma proprietarie.

"Se i produttori di dispositivi portatili non guarderanno in avanti e non si prenderanno cura del proprio futuro il mercato finirà per essere dominato da una o due aziende", ha affermato James Fleming, l'altro coordinatore di PNADMA.
TAG: mercato
5 Commenti alla Notizia Produttori alla ricerca del lucchetto standard
Ordina
  • "...un campo dove lo scorso hanno la SDMI..."
                             ^^^^

    Attenzione alle H Sorride
    non+autenticato
  • se sul dispositivo si vedra scritto: "integra technologie di protezione hardware"...
    ma dubito che ci sara...e gli utonti: "com'e e bello, carino e colorato"...
    mahhh..
    e naturalmente conessioni wireless con conessione al sito dei produttori...
    non+autenticato
  • la solita protezione che dura da natale a santo stefano !
    ma pensate che tutti i produttori ci stiano ?
    il produttore che non ci sta (e puo farlo per ora
    vendera i suoi prodotti o saranno modificabili con NULLA) in realta a norma dello standard praticamente una modifica per utonti
    Vogliono una protezione sicura
    il prezzo
    perche non fanno concorrenza all'ammbulante ?
    5 e un cd originale
    5 e un pirata
    dite che la gente abbia dubbi ?
    l'ammbulante abbassa il prezzo per il pirata
    le case discografiche lo stesso
    Parliamo di costi
    Un cd vergine costa 1000 lire
    un vinile costa di piu o di meno di 1000 lire
    con la scusa dei cd hanno aumentato il prezzo per un prodotto che costa meno
    (i costi della musica sono invariati)
    se si fanno 2 conti in tasca:
    quanto costano le protezioni ?
    quanto costa la GDF (be il loro stipendio aumento di uomini e mezzi
    quanto costa fare ricerche di protezioni ?
    conti alla mano e dimostrino coi fatti
    Oppure vogliono UTENTI SMANETTONI che sanno farsi tutto da soli ?
    Prendiamo ad esempio gli hacker
    nel 95 in rapporto utenti c'erano di meno oggi grazie al MITO chi ci prova aumenta in modo esponenziale e chi fa danni pure
    Piu inaspriscono il sistema piu la gente diventa curiosa alla fine ci saranno utenti che ne sanno
    (e non scherzo) e utenti che non ne sanno e che gli verra la nausea da PC
    L'unico sistema sicuro e quello del prezzo
    abbassate il prezzo o massacro
    Quasi nessuno e disposto ad accettare le condizioni dettate dalle major o dai produttori
    la PS1 e la 2 dimostrano che gli interessi di qualcuno sono contrari a quelli di un altro
    hanno paura che la gente con compri, ma chi compra e' sicuro di quello che ha comprato o ha preso IL PACCO
    Ogni volta che l'utente normale porta a casa qualcosa di nuovo che non fa quello che faceva prima perde fiducia nel produttore, poi se cambiando prodotto-produttore si ritrova ancora allo stadio iniziale mette tutti i produttori e li boicotta in modo "naturale"
    proviamo a pensare:
    compro una macchina ha il clima (ok)
    compra un alto modello NON ha il clima (prezzo piu alto)
    compra un alta auto diverso produttore (non ha il clima) prezzo ancora piu alto
    secondo voi le 2 macchine comprate dopo che non hanno il clima come ci rimane l'utente ?
    Il tuuto facendo conto che non sia menzionato il clima da nessuna parte
    se dovesse cambiare ancora auto CERCA IL CLIMA poi il resto
    Se uno puo/teva copiare i suoi cd farci quello che voleva e adesso non lo puo piu are cerchera l'hardware in grado di farlo e se non trova
    fa meno del prodotto
    (ma non esiste la radio con l'RDS ?) quindi uno puo sempre sentirsi la musica via radio
    videomusic x la tv
    IL prodotto che cercano di proteggere NON e' indispensabile per la soppravvivenza quindi uno PUO farne a meno. (....)
    non+autenticato
  • TU SEI UN MITO!!!!
    StiCaxxi!

    HAI ENUNCIATO LA CONSIDERAZIONE TOTALE SULL'ARGOMENTO....

    I miei rispetti...
    non+autenticato
  • Bravo.
    giusto
    mi è piaciuta soprattutto la parte dove dici che se ormai la gente si è abituata a qualcosa e gliela togli ti tagli il mercato da solo
    cosa che le major e non solo quelle si ostinano a non voler capire
    ormai la gente, soprattutto i ragazzi, si sono abituati a farsi i cd, a prendere gli mp3 o le traccie e rimasterizzare un cd (ai miei tempi si facevano le cassettine)
    se gli dai dei cd incopiabili te li mettono in testa!
    non+autenticato