Longhorn Server, il flessibile

Microsoft ha rivelato alcune delle tecnologie chiave alla base del suo futuro sistema operativo server, tra cui la nuova architettura a componenti e le funzionalità di self-healing

Los Angeles (USA) - Architettura modulare e capacità di auto-riparazione alla base di Longhorn Server, destinato ad essere il successore di Windows Server 2003. Questo il cuore delle novità che alla Professional Developers Conference (PDC) Microsoft ha annunciato, parlandone con gli sviluppatori e mostrando loro una nuova Community Technology Preview (CTP).

Longhorn Server, che a differenza della versione desktop (Windows Vista) non ha ancora un nome ufficiale, poggerà su un'architettura modulare che consentirà agli amministratori di sistema di installare solo i componenti strettamente necessari al ruolo di un server. L'installazione base del sistema operativo, in tutto 500 MB, non disporrà neppure dell'interfaccia grafica utente, demandando ogni forma di interazione con l'utente alla Microsoft Command Shell (MCS): quest'ultima avrà funzionalità molto simili a quelle storicamente offerte dalle shell per Unix. In tale versione il sistema operativo potrà assumere il ruolo di server DNS, DHCP, Active Directory e Web server statico, e supporterà i terminal service e il remote scripting.

L'installazione standard includerà anche la shell grafica, la Microsoft Management Console e il MS.NET Framework. Anche così, tuttavia - ha spiegato Bob Muglia, senior vice president della Windows Server Division - Longhorn Server rimane "modulare e flessibile": si potrà infatti decidere in qualsiasi momento di convertire il ruolo del sistema o di disinstallare i componenti superflui.
L'architettura a componenti di Longhorn Server, che verrà condivisa anche dal futuro Internet Information Services 7.0, è al centro della funzionalità secure-at-install, che promette un sistema ragionevolmente sicuro fin dall'installazione: l'idea è quella di minimizzare i componenti e i servizi installati in modo da ridurre la cosiddetta "superficie di rischio", ossia il numero di vulnerabilità legate alle funzionalità attive.

L'erede di Windows Server 2003 integrerà poi funzionalità di self-healing che gli permetteranno di gestire le più comuni situazioni d'errore e prendere provvedimenti. A livello di file-system queste migliorie portano il nome in codice di Crimson e consistono in un sistema di monitoraggio e diagnostica che avvisa l'utente di ogni anomalia e tenta di sventare corruzioni o perdite di dati.

Un'altra funzionalità di sicurezza pianificata per Longhorn Server è la Network Access Protection (NAP), che verifica lo stato di salute dei client prima di consentire agli utenti l'accesso ai sistemi IT e ai dati aziendali. Partorita in seno al Trusted Computing Group, la specifica NAP è già supportata da alcuni importanti nomi del settore del networking e della sicurezza come Dell, HP, McAfee, Symantec e VeriSign. Per maggiori informazioni sul NAP e le principali funzionalità di rete di Longhorn si veda La rete che c'è in Longhorn. Altri dettagli sulle novità di questo sistema operativo sono state descritte da Muglia qui.
TAG: server
173 Commenti alla Notizia Longhorn Server, il flessibile
Ordina
  • ....consentirà agli amministratori di sistema di installare solo i componenti strettamente necessari al ruolo di un server


    WOW NOTEVOLE, dove l'ho gia' sentita questa?


    ... L'installazione base del sistema operativo, in tutto 500 MB, non disporrà neppure dell'interfaccia grafica utente, demandando ogni forma di interazione con l'utente alla Microsoft Command Shell (MCS)

    MMMM vediamo... server senza interfaccia grafica da gestire via shell....
    OpenBSD? FreeBSD? Linux?

    Ah no... e' una novita microsoft...

    A parte la goduria di veder schiumare i winari doc, penso che questo consenta di scremare l'80 % dei sistemisti windows, che sono sopravvissuti fino a oggi grazie a wizard AVANTI-AVANTI-AVANTI-OK e a colpi di right-click per fare funzionare le cose a tentoni e calcioni.

    E non avete idea di quanti ce ne sono di questi clicchettari, in banche, tipografie, assicurazioni, banche, banche, BANCHE...

    Algoritmo del sistemista windows standard

    PROBLEMA:
    Motivo: l'utente ha sicuramente fatto una ca%%ata, ma in fondo chissenefrega.
    Soluzione1: riavvia il pc.
    se non va
    Soluzione2: rifare il profilo utente.
    se non va
    Soluzione3: reinstallare l'applicativo.
    se non va nemmeno dopo 3 reboot
    Soluzione4: provare a promuovere l'utente ad administrator.

    funziona il 90 % delle volte (per questo il 90% delle segretarie e' amministratore)

    Soluzione5: scaricare, craccare e testare un programma alternativo (ma sii dritto in produzione, chissenefrega)

    GOTO Soluzione1
    non+autenticato
  • sempre a copiare di qua e di la eh?
    ci hanno messi anni a capire che su un sistema server un ambiente grafico non serve?

    oddio, capire.. copiare più che capire: dove è la loro intelligenza?

    ai posteri l'ardua sentenza
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > sempre a copiare di qua e di la eh?
    > ci hanno messi anni a capire che su un sistema
    > server un ambiente grafico non serve?
    >
    > oddio, capire.. copiare più che capire: dove è la
    > loro intelligenza?
    >
    > ai posteri l'ardua sentenza

    Per la tua bastano i contmporanei.
    non+autenticato
  • NAP ovvero come bloccare tutti i pc non TCPA compatibili !!!!
    non+autenticato
  • Per me le pochissime volte che ho dovuto usarlo ha fatto miracoli.

    Comunque backup a manetta e pronti al ripristino totale ecco "l'autoriparazione" Deluso
    non+autenticato
  • "L'installazione standard includerà anche la shell grafica, la Microsoft Management Console e il MS.NET Framework." [...] "In tale versione il sistema operativo potrà assumere il ruolo di server DNS, DHCP, Active Directory e Web server statico, e supporterà i terminal service e il remote scripting."

    La versione base offrirà la possibilità di non installare l'interfaccia ma la gestione di tutti i suoi servizi verrà fatta con gli sturmenti di oggi: DNS admin,, DHCP Admin, MMC per Active Directory, IIS Administrator.

    Restiamo comunque lontanucci da ls, rm, grep e vi!!!
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > "L'installazione standard includerà anche la
    > shell grafica, la Microsoft Management Console e
    > il MS.NET Framework." [...] "In tale versione il
    > sistema operativo potrà assumere il ruolo di
    > server DNS, DHCP, Active Directory e Web server
    > statico, e supporterà i terminal service e il
    > remote scripting."
    >
    > La versione base offrirà la possibilità di non
    > installare l'interfaccia ma la gestione di tutti
    > i suoi servizi verrà fatta con gli sturmenti di
    > oggi: DNS admin,, DHCP Admin, MMC per Active
    > Directory, IIS Administrator.
    >
    > Restiamo comunque lontanucci da ls, rm, grep e
    > vi!!!

    Ok e come editor di files cosa troveremo? edline?

    In piu' moooolti mi chiedono di installare l'interfaccia grafica anche sui server Linux perche' e' piu' facile amministrarliDeluso (contenti loro)
    Ormai tutti sono convinti che basta l'interfaccia grafica e si e' al livello di poter fare tutto con il server senza studiare una riga di manuale... chissa' perche'DelusoDeluso


    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > "L'installazione standard includerà anche la
    > > shell grafica, la Microsoft Management Console e
    > > il MS.NET Framework." [...] "In tale versione il
    > > sistema operativo potrà assumere il ruolo di
    > > server DNS, DHCP, Active Directory e Web server
    > > statico, e supporterà i terminal service e il
    > > remote scripting."
    > >
    > > La versione base offrirà la possibilità di non
    > > installare l'interfaccia ma la gestione di tutti
    > > i suoi servizi verrà fatta con gli sturmenti di
    > > oggi: DNS admin,, DHCP Admin, MMC per Active
    > > Directory, IIS Administrator.
    > >
    > > Restiamo comunque lontanucci da ls, rm, grep e
    > > vi!!!
    >
    > Ok e come editor di files cosa troveremo? edline?
    >

    Due domande:
    1. a cosa ti serve editare un file di testo sulla console di un server DNS o DHCP?
    2. supponendo anche che ti serva farlo, perché non lo puoi fare dalla tua workstation di gestione connettendoti al disco del server, dove hai interfaccia grafica e notepad?
    non+autenticato
  • >editare un file di testo
    configurare il server tramite apposite entry nel file di configurazione ?

    >perché non lo puoi fare dalla tua workstation di
    gestione

    da casa tua, dalla nonna, dove ti pare: anche dalla
    console del server (se desideri disabilitare, per ragioni
    di sicurezza, gli accessi da remoto, cosa che spesso
    conviene fare)
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    cosa che
    > spesso
    > conviene fare)

    Eh, la pianificazione: questa sconosciuta!
    non+autenticato
  • non usare l'interfaccia grafica fa solo lavorare più veloce utente e server.
    esempio stupido, devi creare un nuovo utente per il server, con la shell su linux bastano 2 comandi, del tipo
    adduser marco
    e poi
    passwd marco

    il primo per aggiungere un utnete e il 2° per settare la password.
    fatto con una qualsiasi interfaccia grafica richiede il triplo del tempo, perchè devi spostare iil mouse fra un bottone e l'altro, perche èdeve caricare dei programmi etcetc.

    tornando a windows , non so se è vero ma per il poco tempo che ho lavorato su server microsoft ( come tecnico, e uqindi manodopera) un sistemista certificato microsoft ci consigliò vivamente per copiare dal vecchiop server al nuovo server tuttea le cartella delgi utente di non usare l'interfaccia grafica, ma di parire una shell e usare ROBOCOPY, un comando di copia un po più veloce di copy.... bene o male anche loro lo snno, uqinid non venite a dire che la shell non serve... serve eccome
    ciao


  • - Scritto da: elcabesa
    > non usare l'interfaccia grafica fa solo lavorare
    > più veloce utente e server.
    > esempio stupido, devi creare un nuovo utente per
    > il server, con la shell su linux bastano 2
    > comandi, del tipo
    > adduser marco
    > e poi
    > passwd marco
    >
    > il primo per aggiungere un utnete e il 2° per
    > settare la password.
    > fatto con una qualsiasi interfaccia grafica
    > richiede il triplo del tempo, perchè devi
    > spostare iil mouse fra un bottone e l'altro,
    > perche èdeve caricare dei programmi etcetc.

    Su Windows quando definisci un utente stai inserendo informazioni dentro un Directory Server X.500, non una banale corrispondenza dentro un file di password.

    Pertanto per inserire utenti in Windows in modo massivo o usi strumenti grafici terze parti o devi farti degli script. Potresti addirittura fare macro Access o Excel ce inseriscono utenti tirandoli fuori da una lista registrata su un DB o su uno spreadsheet. Io ci ho provato ed è veramente semplice.

    Poi, comunque, il comando net user /add esiste anche in Windows.


    >
    > tornando a windows , non so se è vero ma per il
    > poco tempo che ho lavorato su server microsoft (
    > come tecnico, e uqindi manodopera) un sistemista
    > certificato microsoft ci consigliò vivamente per
    > copiare dal vecchiop server al nuovo server
    > tuttea le cartella delgi utente di non usare
    > l'interfaccia grafica, ma di parire una shell e
    > usare ROBOCOPY, un comando di copia un po più
    > veloce di copy.... bene o male anche loro lo
    > snno, uqinid non venite a dire che la shell non
    > serve... serve eccome

    La shell serve... e infatti in Windows c'è sempre stata.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Ormai tutti sono convinti che basta l'interfaccia
    > grafica e si e' al livello di poter fare tutto
    > con il server senza studiare una riga di
    > manuale... chissa' perche'DelusoDeluso

    E' lo scopo di una interfaccia grafica fungere da shell "semplice" per il sistema. In effetti rende superflua anche molta documentazione (una interfaccia grafica deve essere omogenea, semplice, autodocumentante, ecc.). Non vedo quindi perchè stupirsi.

    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > Ormai tutti sono convinti che basta
    > l'interfaccia
    > > grafica e si e' al livello di poter fare tutto
    > > con il server senza studiare una riga di
    > > manuale... chissa' perche'DelusoDeluso
    >
    > E' lo scopo di una interfaccia grafica fungere da
    > shell "semplice" per il sistema. In effetti rende
    > superflua anche molta documentazione (una
    > interfaccia grafica deve essere omogenea,
    > semplice, autodocumentante, ecc.). Non vedo
    > quindi perchè stupirsi.

    Deluso


    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | Successiva
(pagina 1/6 - 26 discussioni)