Nintendo, un controller da Revolution

Lo si manovra con una mano sola, assomiglia ad un normale telecomando ma è il nuovo stick per le console Nintendo. Una Revolution dell'hardware? Giocabilità avanti tutta

Chiba (Giappone) - Nintendo ha presentato durante il Tokyo Game Show la sua nuova console Revolution. L'attenzione però si è concentrata soprattutto sui nuovi controller in dotazione, più che sulle caratteristiche tecniche - già terreno di scontro accesissimo tra Sony e Microsoft.

La filosofia di Nintendo, in questo caso, continua ad essere di riferimento: la giocabilità prima di tutto. Sia con titoli, come Mario e Legend of Zelda, che l'hanno resa famosa in tutto il mondo, che con un innovativo sistema di interazione che si differenzia completamente dal vecchio concetto di "joypad".

"Abbiamo pensato a come ognuno all'interno della famiglia utilizza il telecomando della televisione, e a come alcuni invece abbiano un pessimo rapporto con i controller; con questa soluzione vogliamo creare un nuovo standard per i videogiochi", ha dichiarato Satoru Iwata, presidente Nintendo.
Il controller NintendoIwata è dell'idea che i videogiochi debbano poter attirare un più vasto pubblico, che includa anche i neofiti, affinché gli sviluppatori possano sopravvivere; "(...) molti sono quasi intimiditi dai troppi pulsanti utilizzati nei giochi (...)".

Il controller di nuova generazione, infatti, sembra un comunissimo telecomando TV. Dispone di una tecnologia wireless e integra un sensore di movimento, che permette alla consolle di registrare i suoi spostamenti nello spazio, senza contare la distanza esatta dall'unità di ricezione. In questo modo la stessa periferica potrà essere utilizzata come un elemento all'interno dello spazio virtuale: ad esempio una mazza da baseball, da golf o una semplice pistola.

Tenendo il telecomando con una mano (destra) si disporrà di un pad direzionale e un tasto (A) per il pollice, e un grilletto (B) per l'indice. Un interazione più che mai intuitiva, che però non dimentica i tradizionalisti. Perché girando il telecomando di 90° ci si ritroverà fra le mani un comunissimo controller, con il pad direzionale da una parte e i tasti A e B dall'altra - i pulsanti infatti sono doppi.

Volendo sarà anche disponibile, come optional, uno stick analogico collegabile via cavo al controller principale. Così, però, entrambe le mani saranno impegnate.

Nintendo Revolution sarà disponibile dal 2006, probabilmente poco dopo il lancio della Sony Playstation 3 programmato in primavera.
100 Commenti alla Notizia Nintendo, un controller da Revolution
Ordina
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | Successiva
(pagina 1/4 - 17 discussioni)