Multa a Baidu, via EMI

Così sia scritto così sia fatto

Pechino - Le recenti pressioni delle major discografiche di Hollywood hanno avuto effetto immediato sul re dei motori di ricerca cinesi, Baidu.
L'anti-Google è così stato raggiunto da una sanzione per risarcimento danni: un tribunale locale ha imposto a Baidu il versamento di un vero e proprio "tributo" nelle casse di EMI, nella speranza di compensare tutte le eventuali violazioni di copyright perpetrate attraverso questo promettente search engine.

Nel mirino delle major vi è una popolarissima funzione di ricerca audio, utilizzata quotidianamente da milioni di utenti cinesi (e non) per scaricare illegalmente brani ed album completi.

Ma il servizio di ricerca MP3, nonostante il rammarico della IFPI, associazione internazionale che raggruppa i giganti dell'industria fonografica, è ancora attivo ed online.
La crescita di Baidu continua a sorprendere i mercati internazionali: le azioni dell'azienda cinese, presente sul listino NASDAQ, continuano a guadagnare punti. Rischio "bolla"?

Tommaso Lombardi
TAG: cina
4 Commenti alla Notizia Multa a Baidu, via EMI
Ordina
  • Scusate, forse vado un po' off topic ma le voci che si levano a difesa di baidu mi fanno un po' sorridere. Mi spiego: come si fa a dire che baidu, motore di ricerca legato mani e piedi a un regime tra i più "grande fratello" del mondo sia un paladino della libertà? Avete già scordato la storia del giornalista processato PER REATI DI OPINIONE grazie alla soffiata compiacente di yahoo? E pensdate che baidu, cinese al 100% abbia minori connivenmze col regime? Insomma quello che mi urta è questa continua propensione di molti frequentati i forum di PI a dividere tutto in bianco e nero, nettamente, a seconda delle situazioni. E rincaro la dose: ma siete davvero convinti che NULLA debba essere corrisposto a chi crea la musica e la commercializza? Sui prezzi si può discutere, per carità (sono notevolmente abbassati in questi ultimi due/tre anni comunque) ma il principio che le cose si devono pagare mi pare indiscutibile. (enon mi venite con la solita menata che l'artista si ma l'etichetta no, l'artista "vende" la propria musica all'etichetta e si fa pagare per questo, se l'etichetta non recupera i soldi l'artista poi perde il contratto.. E se un artista vuole vendere direttamente può farlo, il fatto che non lo faccia quasi vuol dire che non conviene...).
    Oh bè, sto divagando!

    NON difendete baidu!!!!!!!!!!!! Non rappresenta la libertà ma solo il regime!!!!
    non+autenticato
  • Malvolentieri, ma sono costretto a quotarti.
    non+autenticato
  • ma, chiedo, avete visto quel sito???
    pure la grafica l'hanno copiata da google!

    ...copiare, scaricare, etc... ecco cosa sanno fare a Baidu...
    non+autenticato
  • Dipende da come si assesterà lo scontro tra la politica di repressione delle major e quella di intransigenza nelle questioni "interne" della Cina. Da un pò di tempo le vittorie geopolitiche della Cina sono sorprendenti, così come la loro "quasi" apertura...