Due miliardi di cellulari nel mondo

Al numero di apparecchi non corrispondono però altrettante utenze attive. Secondo Nokia entro cinque anni un terrestre su due sarà telefoninizzato

Roma - E' possibile che qualcuno possa contare quanti telefoni cellulari, o abbonati a reti mobili, esistono in tutto il mondo? Ci ha provato, e forse ci è riuscita, Wireless Intelligence, partnership di servizi di informazione nata dalla Gsm Association e da Ovum, che afferma: è stata superata la soglia dei due miliardi.

Una cifra che rappresenterebbe, più o meno, un terzo della popolazione del pianeta, che è stata stimata in oltre 6 miliardi di persone.

Martin Garner, dirigente di Wireless Intelligence, definisce importanti questi valori, ma si dice consapevole che il numero di cellulari è in realtà superiore a quello dei relativi utilizzatori, dato che esistono, ad esempio utenze prepagate non attivate e utenti con due (o più) telefonini personali o aziendali.
Allo stesso risultato era arrivata la finlandese Nokia, il maggior produttore di telefoni cellulari nel mondo, che in agosto aveva pubblicato anche una propria previsione, stimando che il traguardo di tre miliardi di telefonini sarà raggiunto in cinque anni e confidando quindi che, entro il 2010, quasi metà della popolazione mondiale avrà un telefono cellulare.

DB
TAG: