I CD protetti perdono in tribunale

I consumatori segnano un'altra piccola vittoria nella battaglia contro i CD protetti dalla copia che riportano avvertenze poco chiare

San Jose (USA) - La battaglia fra major discografiche e consumatori sulla cosiddetta "musica protetta" fa segnare un'altra piccola ma significante vittoria per questi ultimi.

Lo scorso anno due piccole etichette indipendenti, Fahrenheit Entertainment e Music City Records, introdussero il primo album ad arrivare sul mercato americano condito da sistemi anticopia: "Charley Pride: A Tribute to Jim Reves".

La californiana Karen DeLise sporse denuncia contro i produttori del CD per aver omesso di riportare sulla confezione informazioni maggiormente dettagliate sulla natura della protezione e sulle limitazioni a cui era soggetto il cliente interessato naturalmente a fruire del CD a proprio piacere.
In particolare, l'avvocato di DeLise, Ira Rothken, criticò il fatto che nell'avvertenza che accompagnava il CD non si facesse menzione all'impossibilità di riprodurre i brani su di un computer e di trasportarli su lettore portatile di MP3.

A distanza di quasi cinque mesi dalla denuncia, i produttori del CD hanno ora annunciato di aver raggiunto un accordo con la controparte che mette fine alla disputa legale. In base a quanto stipulato, il disclaimer che accompagna il CD di Charley Pride dovrà ora riportare informazioni più chiare ed esplicite.

La due etichette cesseranno anche di chiedere ai consumatori che vogliono scaricare musica dai loro rispettivi siti Web di lasciare il proprio nome e cognome, una pratica che Rothken ha definito "un modo per le case discografiche di tracciare le abitudini dei propri utenti".

"Questo stabilisce un ottimo esempio affinché l'industria discografica - ha commentato Rothken - adotti in futuro degli schemi di digital management che rispettino la privacy dei consumatori".

SunComm, l'azienda che ha sviluppato la tecnologia di protezione, insiste nell'affermare che il disclaimer originario, che recitava "progettato per essere riprodotto solo nei lettori di CD audio standard", era già sufficientemente esplicito sui limiti in cui incorreva il consumatore.

Questa è la seconda vittoria per i consumatori insieme a quella maturata lo scorso anno in Inghilterra, dove un gruppo di utenti riuscì a farsi sostituire da Virgin alcuni CD protetti privi della relativa avvertenza.
77 Commenti alla Notizia I CD protetti perdono in tribunale
Ordina
  • no ma ora e' ora di dire adesso basta fate tutti come me ad esempio io registro la musica nel centro sociale sotto casa e in cambio lascio un cd di installazione di debian gnu/linux e loro mi fanno registrare la musica cosi' io aiuto i nuovi artisti e loro usano linux e alla fine c'e' piu' liberta' per tutti tranne che per le major e bill gates ma tanto le major sono alleate di bill gates basta vedere media player e quindi si lotta sempre tutti insieme per uno scopo comune ovviamente
    non+autenticato
  • caro amico,
    se tu fossi intelligente
    avresti tentato di scrivere qualcosa VERAMENTE di sinistra ... qualcosa che fa incazzare i destrini convinti come te ...

    ma invece ti è uscita solo questa accozzaglia

    non+autenticato
  • - Scritto da: nonuindouscomunkue

    > caro amico,
    > se tu fossi intelligente
    > avresti tentato di scrivere qualcosa
    > VERAMENTE di sinistra ... qualcosa che fa

    guarda che destra e sinistra non esistono esiste solo linux e l'opensource e anche se sei di destra lo puoi usare basta che rispetti la gpl
    non+autenticato


  • - Scritto da: nonuindouscomunkue
    > caro amico,
    > se tu fossi intelligente
    > avresti tentato di scrivere qualcosa
    > VERAMENTE di sinistra ... qualcosa che fa
    > incazzare i destrini convinti come te ...
    >
    > ma invece ti è uscita solo questa accozzaglia

    Non dare retta a Linucs, ormai lo sanno tutti che è uno che fa finta di essere pro-opensource e spara cazzate per screditare la gente. Ciao !   
    non+autenticato
  • anche hollywood sta andando su la stessa strada...invece di tagliare i costi e fare prodotti di qualita migliore...
    mah...quando si dice imparare dagli errorri di quelli che ci hanno preceduto...nella tomba...
    ;-0)

    non+autenticato
  • Ho un consiglio per le majors: una tecnologia già esistente e ben collaudata, copiabile, sì, ma con costi elevatissimi...

    Perchè non tornate al vinile ? ; )

    (tanto la qualità non dobrebbe essere inferiore ad un CD protetto)
    non+autenticato
  • - Scritto da: Whishper
    > Ho un consiglio per le majors: una
    > tecnologia già esistente e ben collaudata,
    > copiabile, sì, ma con costi elevatissimi...
    >
    > Perchè non tornate al vinile ? ; )
    >
    > (tanto la qualità non dobrebbe essere
    > inferiore ad un CD protetto)

    LOL ! Ma poi per metterlo nel lettore cdrom devo tagliuzzarlo ???Sorride
    non+autenticato


  • - Scritto da: Hakkar
    > - Scritto da: Whishper
    > > Ho un consiglio per le majors: una
    > > tecnologia già esistente e ben collaudata,
    > > copiabile, sì, ma con costi
    > elevatissimi...
    > >
    > > Perchè non tornate al vinile ? ; )
    > >
    > > (tanto la qualità non dobrebbe essere
    > > inferiore ad un CD protetto)
    >
    > LOL ! Ma poi per metterlo nel lettore cdrom
    > devo tagliuzzarlo ???Sorride

    Dico sul serio (seee...)
    Sarebbe anche un impulso per Sony & co.
    Un nuovo tipo di lettore da farci comprare... quasi portatile : )
    non+autenticato


  • - Scritto da: Whishper
    > Dico sul serio (seee...)
    > Sarebbe anche un impulso per Sony & co.
    > Un nuovo tipo di lettore da farci
    > comprare... quasi portatile : )

    Beh per girare in metrò non sarebbe niente male ! A patto che la vecchietta seduta vicino non si arrabbi se le fai tenere in grembo la piastraSorride))
    non+autenticato
  • > Beh per girare in metrò non sarebbe niente
    > male ! A patto che la vecchietta seduta
    > vicino non si arrabbi se le fai tenere in
    > grembo la piastraSorride))

    Non scherzare !!!! Pensa ad un lettore 48x ... sarebbe un'arma letale.Occhiolino)
    L'ideale in metrò nell'ora di punta.Sorride
    non+autenticato


  • - Scritto da: io
    > > Beh per girare in metrò non sarebbe niente
    > > male ! A patto che la vecchietta seduta
    > > vicino non si arrabbi se le fai tenere in
    > > grembo la piastraSorride))
    >
    > Non scherzare !!!! Pensa ad un lettore 48x
    > ... sarebbe un'arma letale.Occhiolino)
    > L'ideale in metrò nell'ora di punta.Sorride

    Eh Eh Eh....ideale per terminare la suddetta vecchiettaSorride (scherzo non me ne vogliano le gentili vecchiette !)
    non+autenticato
  • Perchè ancora poche persone, più che lamentarsi del fatto di non poterlo ascoltare dove e come volgliono, non si appellano a un diritto sacrosanto al momento dell'acquisto? ossia che il CD deve essere il più pulito e preciso possibile non pino zeppo di errori? Se permettete io spendo anche 32K e passa per un CD, ma per un CD buono, non per uno pieno di errori che il mio lettore dovrà faticare a leggere!!

    Saluti,
    non+autenticato


  • - Scritto da: Zagor
    > Perchè ancora poche persone, più che
    > lamentarsi del fatto di non poterlo
    > ascoltare dove e come volgliono, non si
    > appellano a un diritto sacrosanto al momento
    > dell'acquisto? ossia che il CD deve essere
    > il più pulito e preciso possibile non pino
    > zeppo di errori? Se permettete io spendo
    > anche 32K e passa per un CD, ma per un CD
    > buono, non per uno pieno di errori che il
    > mio lettore dovrà faticare a leggere!!
    >
    > Saluti,

    E' vero è sempre la stessa storia. Si puniscono i clienti onesti. La cosa paradossale è che le major preferiscono spendere un mucchio di soldi in protezioni inutili (dov'è la convenienza nel mettere una protezione che non cambia di una virgola la realtà della pirateria??) invece che investire su una modifica radicale del loro modo di produrre e vendere musica. Per esempio io sarei disponibile a pagare tipo 6/7 EURO un'album in formato MP3 scaricato dai server della casa discografica. Se invece voglio il cd, che ha qualità maggiore ed è più bello per i collezionisti allora posso pagare di più (magari abbassando cmq i prezzi, sui 15/16 EURO). Così si realizzerebbe una diversificazione dell'offerta, magari dando la possibilità di scaricare anche canzoni singole o di crearsi "compilations" personalizzate. Chi vuole la qualità e la scatola spende un po' di più, chi vuole solo ascoltare la musica con le cuffiette spende meno. Così si darebbe un bel colpo alla pirateria (che rimarrebbe comunque, ma allora a quel punto si potrebbe davvero stigmatizzare e combattere con ogni mezzo, anche il log di chi usa sistemi di file sharing e una mega multa a chi scarica cose protette da copyright). Altrimenti è tutta una farsa, non si può avere la moglie piena e la botte ubriaca (o era il contrario, LOL!)Sorride)
    non+autenticato
  • Voi ragazzini vi lamentate tanto del prezzo dei cd, delle protezioni, delle assurdità del mercato discografico... ma non vi fermate a pensare un attimo a quello che dite? Non siete forse i primi ad avere 3 o 4 giga di mp3 sul vostro hd e qualche dozzina di cdrom pieni di mp3 sullo scaffale?
    Non siete forse voi quelli che si vantano di aver trovato il migliore sistema di file sharing e che passano le proprie (vuote) serate a intasare banda scaricando musica a più non posso?
    Per poi farne che? Ascoltarla? No, quello si fa al massimo una volta sola per verificare l'integrità o la qualità del file, poi si archivia.
    Le case discografiche corrono goffamente ai ripari e le conseguenze sono sotto gli occhi di tutti, ma la colpa è solo vostra.
    Sono disgustato.

    non+autenticato
  • Concordo assolutamente. Questa gente crede che fare musica debba essere un piacere e che chi ci guadagna sia un mostro mentre e' l'unico modo per fare una cosa di qualita'.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Hilary
    > Concordo assolutamente. Questa gente crede
    > che fare musica debba essere un piacere e
    > che chi ci guadagna sia un mostro mentre e'
    > l'unico modo per fare una cosa di qualita'.

    Veramente mi sembra che quelli che ci guadagnano veramente spesso siano quelli che sono più insulsi ! Svegliati ! Non capisci che la "qualità" la decidono le majors ? Secondo te la musica commerciale che c'è in giro adesso è di "qualità" ? Io direi che il 10% vale i soldi che costa un cd. Non di più.     
    non+autenticato


  • - Scritto da: Hakkar

    > giro adesso è di "qualità" ? Io direi che il
    > 10% vale i soldi che costa un cd. Non di
    > più.     

    LEgge di Sturgeon
    non+autenticato
  • > Veramente mi sembra che quelli che ci
    > guadagnano veramente spesso siano quelli che
    > sono più insulsi !

    E' una tua opinione. Ma se faccio musica che chiami insulsa ho comunque il diritto di commercializzarla come mi pare, con chi mi pare e con i prezzi che mi pare. Se a te non piace non la compri, non e' che me la rubi.


    >Svegliati ! Non capisci
    > che la "qualità" la decidono le majors ?

    La mia musica e' come decido io che sia punto. Poi vederla su winMX mi fa male ok?


    > Secondo te la musica commerciale che c'è in
    > giro adesso è di "qualità" ? Io direi che il
    > 10% vale i soldi che costa un cd. Non di
    > più.     

    Questo e' del tutto ininfluente. Se si compra va se non si compra non va. Quello che per te o per me e' di qualita' al mercato non gliene puo' fregare di meno.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Hilary

    > E' una tua opinione. Ma se faccio musica che
    > chiami insulsa ho comunque il diritto di
    > commercializzarla come mi pare, con chi mi
    > pare e con i prezzi che mi pare. Se a te non
    > piace non la compri, non e' che me la rubi.

    Non ti rubo proprio niente, perchè non comprerei mai il tuo cd. Un mancato guadagno non va contabilizzato come perdita, è semplicemente un mancato guadagno. Esattamente come se non ci fosse la pirateria, che anzi spesso spinge a comprare i cd (io per esempio ho comprato cd di vari artisti, tra cui Cranberries e Roxette proprio perchè scaricando delle loro canzoni mi sono piaciute).

    > La mia musica e' come decido io che sia
    > punto. Poi vederla su winMX mi fa male ok?

    Fa male solo alla tua avidità.

    > Questo e' del tutto ininfluente. Se si
    > compra va se non si compra non va. Quello
    > che per te o per me e' di qualita' al
    > mercato non gliene puo' fregare di meno.

    Non è ininfluente ! E' OVVIO che per una musica di bassa qualità chiunque è disposto a scaricarsela per averla, visto che tanto la qualità non cambia. Se i cd fossero davvero di qualità, la gente sarebbe disposta a comprarli. Il punto non è che la pirateria causa i prezzi alti, ma che i prezzi alti causano la pirateria. E' questo l'errore che fate voi sostenitori di chi vi frega.    
    non+autenticato

  • > Non ti rubo proprio niente, perchè non
    > comprerei mai il tuo cd. Un mancato guadagno
    > non va contabilizzato come perdita, è
    > semplicemente un mancato guadagno.

    Mah, la ragioneria non dice proprio questo. Tantovero che in una causa per danni puoi citare sia la perdita, sia il mancato guadagno allo stesso modo. Lo so per esperienza.

    > Esattamente come se non ci fosse la
    > pirateria, che anzi spesso spinge a comprare
    > i cd (io per esempio ho comprato cd di vari
    > artisti, tra cui Cranberries e Roxette
    > proprio perchè scaricando delle loro canzoni
    > mi sono piaciute).

    Ok, è vero. Sacrosanto. Peccato che riguarda l'1% di chi scarica musica...

    >
    > Fa male solo alla tua avidità.

    Ridaje... Sorride Ma ci siamo già scontrati su questo, no ? Sorride))

    >
    >
    > Non è ininfluente ! E' OVVIO che per una
    > musica di bassa qualità chiunque è disposto
    > a scaricarsela per averla, visto che tanto
    > la qualità non cambia. Se i cd fossero
    > davvero di qualità, la gente sarebbe
    > disposta a comprarli. Il punto non è che la
    > pirateria causa i prezzi alti, ma che i
    > prezzi alti causano la pirateria. E' questo
    > l'errore che fate voi sostenitori di chi vi
    > frega.

    Ci riprovo: in ogni caso non autorizza a compiere un furto ? Perché di furto si tratta, o apperteniamo a giusrisprudenze dierse ??

    Hakkar, non ce l'ho con te, tento di costruire un dialogo....
        
    non+autenticato
  • - Scritto da: The Maty
    > Mah, la ragioneria non dice proprio questo.
    > Tantovero che in una causa per danni puoi
    > citare sia la perdita, sia il mancato
    > guadagno allo stesso modo. Lo so per
    > esperienza.

    Sì hai ragione, io non metto in dubbio che usufruire gratis di una cosa che si dovrebbe pagare sia legale, io metto in dubbio che sia più immorale di quello che fanno le major. Loro sparano dati sul calo delle vendite calcolando quanti utenti scaricano, solo che è sbagliato: la maggior parte di chi scarica non comprerebbe il cd originale, quindi se un calo delle vendite c'è, e da ricercarsi in altri fattori.

    > Ok, è vero. Sacrosanto. Peccato che riguarda
    > l'1% di chi scarica musica...

    Non è solo l'1%. Certo, non è il 90% di chi scarica, ma è il 100% di chi scarica giusto per vedere cosa c'è di nuovo, e che è disposto cmq a comprare un cd se gli piace. Gli altri non toccano minimamente l'artista, semplicemente diffondono la sua musica, e questa a casa mia si chiama pubblicità.

    > Ci riprovo: in ogni caso non autorizza a
    > compiere un furto ? Perché di furto si
    > tratta, o apperteniamo a giusrisprudenze
    > dierse ??

    Non sto mettendo in dubbio l'illegalità del file sharing. Sto mettendo in dubbio la moralità delle majors. E' diverso. Parliamo di piani differenti. Le leggi non sono la "verità assoluta". Le leggi vanno seguite finchè sono così, ma intanto si può anche cercare di fare qualcosa per cambiarle in meglio. Per esempio per distruggere il TRUST delle case discografiche, che crea danni sia agli artisti (obbligati a sottostare alle restrizioni delle majors) sia al mercato.

    > Hakkar, non ce l'ho con te, tento di
    > costruire un dialogo....

    Neanche io ce l'ho con te, ci mancherebbe. Si discute e bastaSorride   
    non+autenticato


  • - Scritto da: Hakkar
    > Sì hai ragione, io non metto in dubbio che
    > usufruire gratis di una cosa che si dovrebbe
    > pagare sia legale,

    Intendevo ovviamente, sia illegale, non legaleSorride
    non+autenticato
  • > Mah, la ragioneria non dice proprio questo.
    > Tantovero che in una causa per danni puoi
    > citare sia la perdita, sia il mancato
    > guadagno allo stesso modo. Lo so per
    > esperienza.
    ed e sbagliato come puoi pensare che siano uguali...una cosa che hai perso con una cosa che avresti potuto avere per poi perdere ??? LOGICO no ???
    ;-0)

    > Ci riprovo: in ogni caso non autorizza a
    > compiere un furto ? Perché di furto si
    > tratta, o apperteniamo a giusrisprudenze
    > dierse ??
    se tu sei robin hood e rubi al sheriffo di nottingham...sempre ladro sei...sei colpevole ma NON PUNIBILE (perche moralmente giusto)...
    purtroppo in questo mondo sei sia colpevole che GRAVEMENTE punibile...pena SPROPORZIONATA all'effettiva gravita dell'azione sbagliata...

    non+autenticato
  • > ed e sbagliato come puoi pensare che siano
    > uguali...una cosa che hai perso con una cosa
    > che avresti potuto avere per poi perdere ???
    > LOGICO no ???
    > ;-0)

    Te lo spiego io. La giurisprudenza lo chiama "lucro cessante". Ovvero il danno che io posso chiedere a colui le cui azioni mi causano:
    un danno al patrimonio esistente (ES. mi sfasci un PC e me lo ripaghi) e/o un danno finanziario (cd lucro cessante) conteggiabile sul mio mancato guadagno (es. mi sfasci il PC con il quale dovevo fare un lavoro stimato X ?, mi devi rimborsare ANCHE X ?). Dai un'occhiata al codice civile....

    > se tu sei robin hood e rubi al sheriffo di
    > nottingham...sempre ladro sei...sei
    > colpevole ma NON PUNIBILE (perche moralmente
    > giusto)...

    Da quando in qua la LEGGE fa distinzioni di moralità nella sua applicazione ?? Non sono un avvocato, ma non mi risulta....

    > purtroppo in questo mondo sei sia colpevole
    > che GRAVEMENTE punibile...pena
    > SPROPORZIONATA all'effettiva gravita
    > dell'azione sbagliata...

    Qui ti posso anche dare ragione.... ma tu confondi la causa con l'effetto...

    C'è qualche avvocato che mi legge ?
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 7 discussioni)