ADSL rurale? Iniziativa locale

Si moltiplicano negli USA gli sforzi di gruppi di privati che in provincia mettono insieme le forze per dar vita a connettività e forniture slegate da quelle dei grandi operatori. E in Italia?

Washington (USA) - C. J. Vadnais è uno dei tanti professionisti statunitensi del mondo IT che ha deciso di lavorare in provincia. Uno dei tanti, come sempre di più avviene anche in Italia e nel resto del mondo occidentale. Una specie di movimento migratorio che vuole - forse sarebbe meglio dire vorrebbe - utilizzare le tecnologie disponibili per il tanto decantato telelavoro. Già, perché a Stamford, piccolo villaggio situato vicino al confine tra Vermont e Massachussets, l'accesso ADSL è una chimera. Un po' come quel 14% della popolazione italiana ancora non coperto dai servizi a banda larga, e ben evidenziato nell'ultimo bollettino dell'Osservatorio nazionale.

E allora ecco che il signor Rossi e Vadnais hanno in comune non solo un'antiquata connessione dial-up, ma anche il disinteresse dei grandi provider che prima di investire in infrastrutture rurali ci pensano due volte: mettono sulla bilancia le condizioni ambientali, la morfologia del territorio, il numero di potenziali acquirenti etc.

"Non potevo lavorare da casa; per una mail di 20 KB dovevo stare lì ed aspettare un'eternità", ha spiegato Vadnais al reporter di Associated Press che sulla sua storia ha costruito un reportage. L'unica soluzione non poteva che essere quella di rimboccarsi le maniche e convocare un consiglio cittadino. E così il professionista venuto dalla grande città ha deciso di intraprendere una strada alternativa: dar vita ad un network broadband locale. Nel 2003, convinti i residenti, circa 900 anime, e con un finanziamento di 10.000 dollari proveniente dal comune e dalle tasche dei cittadini, l'uomo ha fondato la Southern Vermont Broadband Cooperative. Una piccola cooperativa che ha come obiettivo la realizzazione di una rete wireless a banda larga, con antenna centrale di trasmissione montata sul tetto della scuola elementare.
A distanza di quasi due anni da quella presa di posizione, la maggior parte dei cittadini di Stamford dispone oggi di una connessione ADSL. La scorsa estate è stata montata l'antenna principale, con un raggio di copertura massimo teorico di 40 km. Molte case si sono dotate poi delle riceventi, ma a causa dei numerosi alberi presenti nella zona l'area effettivamente coperta non supera i 2,4 km.

Le famiglie interessate pagando 50 dollari possono dotarsi dell'attrezzatura ma, come sottolinea Vadnais "nessuno ha un profitto o un salario, le tariffe servono solo per ripagare il servizio". Tutto questo è stato possibile anche grazie alla legislazione federale che ha messo un freno - ancora temporaneo - alla speculazione dei grandi provider. Grazie a lobby locali, molte grandi imprese del settore erano riuscite a rendere illegali in almeno 14 stati i progetti di creazione di sistemi indipendenti nel settore telefonico e cable-TV (televisione via cavo). E così a macchia d'olio anche piccoli agglomerati urbani del New England sono riusciti a implementare cable-TV proprietarie o istituire bandi per attirare piccoli provider regionali per coprire le zone rurali.

"I leader delle varie comunità hanno compreso l'importanza dei servizi broadband, anche come motori di sviluppo economico. Si tratta semplicemente di un qualcosa di cui non si può fare a meno", ha dichiarato Joe Nipper, vice presidente dell'American Public Power Association, l'organizzazione che rappresenta gli interessi a Washington dei servizi municipali.

Secondo l'associazione presieduta da Nipper, negli Stati Uniti ci sono 81 città che dispongono già di servizi broadband di proprietà della municipalità e più di 100 che dispongono di cable TV. Un esempio su tutti è quello di Shrewsbury (Massachusetts) che negli anni 80, prima che le aziende nazionali cominciassero a coprire l'area, pose le basi per l'implementazione di un sistema locale di cable tv. Adesso i clienti sono 12.000 e si contano già 6000 utenti broadband.

Insomma, un mercato florido che ha infastidito i grandi operatori, come Verizon and SBC, concentrati più che altro nell'impedire ai comuni di portare avanti progetti simili. In Missouri e Texas, infatti, vige il divieto e così in altre decine di stati. "E' pura competizione, e se fossi stato un operatore locale avrei lottato duramente anch'io", ha confermato Thomas Josie, general manager presso il comune di Shrewsbury.

La risposta politica è stata quasi immediata, tanto più che i senatori John McCain, Repubblicano dell'Arizona, and Frank R. Lautenberg, Democratico del New Jersey hanno presentato un progetto di legge all'inizio dell'anno per abolire ogni tipo di restrizione nei confronti dei provider locali. Si vedrà, di mezzo c'è un sovrapporsi di leggi federali e leggi dei singoli stati: quel che è certo è che la via sembra tacciata. Che possa essere questa una strada anche per il nostro paese? In epoca di Wi-Fi e WiMax il broad band "di provincia" potrebbe trovare nuovi sbocchi.

Dario d'Elia
TAG: 
34 Commenti alla Notizia ADSL rurale? Iniziativa locale
Ordina
  • Visto tutte le critiche al servizio ADSL italiano, ho controllato TELE2 in europa.. visto che e' l'unico fornitore di ADSL presente in italia ed anche in quasi tutti gli altri paesi EU.


    Francia: (l'offerta piu' avanzata)
    ------------

    20 Mega a 14,85 Euro/mese

    oppure 35 ore a 10 Euro/mese


    Spagna:
    -----------

    256 K a 18,9 Euro/mese

    1 Mega a 28,9 Euro/mese


    Olanda:
    -----------

    512 K a 19,95 Euro/mese

    1 Mega a 24,95 Euro/mese

    2 Mega a 29,95 Euro/mese


    Belgio: (simile all'Italia)
    ---------

    56k a tempo

    4 mega a 29,90 euro/mese

    Germania:
    ---------------

    tutte tariffe a tempo (da 0,64 cent/min)


    Inghilterra:
    ---------------

    solo connessioni a 56 k (da 1 pence/minuto)


    Svezia/Finlandia:
    -----------------------

    solo connessioni GSM


    Danimarca:
    ----------------

    512 k a 340 corone al mese

    1 Mega a 340 corone al mese (?)

    2 Mega a 399 corone al mese


    Svizzera (non e' UE ma vabbe')
    -------------

    600 k a 44 Franchi/mese

    1,2 Mega a 64 Franchi/mese

    2,4 Mega a Franchi/mese


    A parte la Francia, il resto d'europa praticamente ha le connessioni che abbiamo noi (se non piu' lente come la spagna, che i 4 mega se li sogna..)

    quindi non lamentiamoci troppo.......



    Fonti:
    http://www.editorial.tele2.dk/?page=privat&t2page=...
    http://www.tele2.co.uk/
    http://www.tele2.be/nl/internet/index.html
    http://www.tele2.fi/
    http://www.tele2.fr/internet/index.html
    http://www.tele2.de/internet/tarife/itarife.html
    http://www.tele2.nl/adsl/
    http://www.tele2.it/internet/adsl/offerta.html
    http://www.tele2.es/internet/ADSL/planadsl.html
    http://www.tele2.ch/it/chap12/c120301.html
    http://www.editorial.tele2.dk/?page=privat_interne...



    non+autenticato
  • semplice:
    abito in una zona non coperta da ADSL (anzi se mi sposto di un km c'è)
    per ottenere la copertura il paese si è riunito in un comitato per sollecitare TELECOM.
    TELECOM ha risposto, in un primo momento, positivamente... al momento del dunque, però, sono sorti non ben meglio precisati problemi alla centrale ed ecco che per risolverli TELECOM fa sapere a tutti noi del comitato che: o facciamo PRIMA un abbonamento con loro, oppure non portano la copertura (e per definire la cosa aggiungono: e probabilmente questa è la vostra ultima occasione)
    Quinid Prima si firma un contratto con telecom (con vincolo per un anno) e poi si ha la copertura.
    Ecco come è in italia: MONOPOLIO
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > semplice:
    > abito in una zona non coperta da ADSL (anzi se mi
    > sposto di un km c'è)
    > per ottenere la copertura il paese si è riunito
    > in un comitato per sollecitare TELECOM.
    > TELECOM ha risposto, in un primo momento,
    > positivamente... al momento del dunque, però,
    > sono sorti non ben meglio precisati problemi alla
    > centrale ed ecco che per risolverli TELECOM fa
    > sapere a tutti noi del comitato che: o facciamo
    > PRIMA un abbonamento con loro, oppure non portano
    > la copertura (e per definire la cosa aggiungono:
    > e probabilmente questa è la vostra ultima
    > occasione)
    > Quinid Prima si firma un contratto con telecom
    > (con vincolo per un anno) e poi si ha la
    > copertura.
    > Ecco come è in italia: MONOPOLIO


    e fanno bene

    ragazzi qui non abbiamo ancora capito che la Telecom è una azienda PRIVATA

    non la dovevamo regalare, ora è inutile piangere sul latte versato
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > semplice:
    > abito in una zona non coperta da ADSL (anzi se mi
    > sposto di un km c'è)
    > per ottenere la copertura il paese si è riunito
    > in un comitato per sollecitare TELECOM.
    > TELECOM ha risposto, in un primo momento,
    > positivamente... al momento del dunque, però,
    > sono sorti non ben meglio precisati problemi alla
    > centrale ed ecco che per risolverli TELECOM fa
    > sapere a tutti noi del comitato che: o facciamo
    > PRIMA un abbonamento con loro, oppure non portano
    > la copertura (e per definire la cosa aggiungono:
    > e probabilmente questa è la vostra ultima
    > occasione)
    > Quinid Prima si firma un contratto con telecom
    > (con vincolo per un anno) e poi si ha la
    > copertura.
    > Ecco come è in italia: MONOPOLIO
    >
    Cioè prima fate il comitato e poi dite di portarla senza impegno da parte vostra che deciderete con comodo.
    non+autenticato
  • > Quinid Prima si firma un contratto con telecom
    > (con vincolo per un anno) e poi si ha la
    > copertura.

    E' ovvio che lo chiedano, il meglio che potete fare è contrattare perchè accettino anche abbonamenti con gli altri operatori, tanto prendono un sacco di soldi anche da quelli.
    non+autenticato
  • Una cosa del genere sarebbe possibile in Italia, o (come in altri casi simili, come banche, assicurazioni, ecc.) ci sono una tonnellata di leggi che impediscono la cosa (a tutela dell'interesse dei soliti cartelli)?

  • - Scritto da: AnyFile
    >
    > Una cosa del genere sarebbe possibile in Italia?


    CERTO che si.

    Siamo in un paese occidentale democratico, basato sul capitale e sulla libera impresa.... mica a Cuba !!!






    non+autenticato
  • > Siamo in un paese occidentale democratico, basato sul capitale e sulla libera impresa....

    basato sulle bustarelle a pioggia dove governo e opposizione sanno bene come fregare l'elettore che si sa' e' un povero pirla incapace a cui non si deve per esempio consentire di comperare l'aspirina al supermercato, figuriamoci poi provvedere autonomamente a coprire i buchi della rete.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo

    > Siamo in un paese occidentale democratico, basato
    > sul capitale e sulla libera impresa.... mica a
    > Cuba !!!

    Uuuhh cooooome no!

    Nasce il WiFi, la gente è entusiasta finalmente reti via etere e connettività facile e veloce in barba a Telecom.

    Il Tronchetto va a trovare Piersilvio da Arcore. "Caro Piersilvio ci sarebbe questa cosina qui del WiFi che mi darebbe molto fastidio. Troppo libertario per gli utenti e i piccoli fornitori, che si vogliono riprendere quell'ultimo migliuccio di rame che gli ho rubato. Me lo bloccheresti con una piccola legge datta ad arte?".

    Piersilvio: "e a me che me ne viene in tasca?".

    Tronchetto: "potrei rigirare 6-7 milioncini di euri l'anno in pubblicità di alici, stelline e paperelle dai canali RAI a quelli tuoi".

    Piersilvio: "ok ci sto, mo' chiamo il mio schiavetto il Gasparago".

    Piersilvio al Gasparago: "fai una legge che vieti le reti telematiche e le trasmissioni dati via etere quando attraversano il suolo pubblico".

    Gasparago: "detto fatto!".



    Come dire a noi Cuba ce fa na pippa!
    Se non altro a Fidel Castro tutte queste tecnologie gli piacerebbero per migliorare le condizioni del suo paese, ed è solo che non ci ha i soldi...
    Sennò stava messo meglio di noi che abbiamo soldi, voglia e intelligenza, ma abbiamo i politici più babbei e ladroni che ci siano.

    --
    Mr. Mechano

  • - Scritto da: Mechano
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    >
    > > Siamo in un paese occidentale democratico,
    > basato
    > > sul capitale e sulla libera impresa.... mica a
    > > Cuba !!!
    >
    > Uuuhh cooooome no!
    >
    > Nasce il WiFi, la gente è entusiasta finalmente
    > reti via etere e connettività facile e veloce in
    > barba a Telecom.
    >
    > Il Tronchetto va a trovare Piersilvio da Arcore.
    > "Caro Piersilvio ci sarebbe questa cosina qui del
    > WiFi che mi darebbe molto fastidio. Troppo
    > libertario per gli utenti e i piccoli fornitori,
    > che si vogliono riprendere quell'ultimo
    > migliuccio di rame che gli ho rubato. Me lo
    > bloccheresti con una piccola legge datta ad
    > arte?".
    >
    > Piersilvio: "e a me che me ne viene in tasca?".
    >
    > Tronchetto: "potrei rigirare 6-7 milioncini di
    > euri l'anno in pubblicità di alici, stelline e
    > paperelle dai canali RAI a quelli tuoi".
    >
    > Piersilvio: "ok ci sto, mo' chiamo il mio
    > schiavetto il Gasparago".
    >
    > Piersilvio al Gasparago: "fai una legge che vieti
    > le reti telematiche e le trasmissioni dati via
    > etere quando attraversano il suolo pubblico".
    >
    > Gasparago: "detto fatto!".
    >
    >
    >
    > Come dire a noi Cuba ce fa na pippa!
    > Se non altro a Fidel Castro tutte queste
    > tecnologie gli piacerebbero per migliorare le
    > condizioni del suo paese, ed è solo che non ci ha
    > i soldi...
    > Sennò stava messo meglio di noi che abbiamo
    > soldi, voglia e intelligenza, ma abbiamo i
    > politici più babbei e ladroni che ci siano.
    >
    > --
    > Mr. Mechano


    [sarà l'immagine a corredo del nick, ma a me sei sempre più simpatico (a volte)]

    vorrei raccontarvi una storiellina che è accaduta in un paese vicino a quello dove abito io....
    come sapete da precedenti post, noi qui l'addiesselle ce la sognamo di notte.
    É accaduto che un buon uomo, qualche anno fa, si inventasse di piantare un parabolona molto, molto grande sul tetto di casa sua...
    "eccheminchia", pensò, "se la telestroz non ci porta la banda larga, la porto qui io".
    così iniziò a 'vendere' la connessione, xò il prezzo che pagava la gente serviva solo a ripagare il servizio, il buon uomo di cui sopra non ci guadagnò neanche 1 centesimo (di lira).
    e tutti [in paese] vissero felici e contenti (con la banda larga)?

    no, xkè un brutto giorno arrivò una camionetta della telestroz da cui scesero taaaanti ometti e smontarono tutto, poi arrivarono sli sbirri, e il buon uomo se la vide davvero brutta!

    perchè?

    perchè "solo la Telec*m è autorizzata a fornire servizi."

    morale della favola, qui ci si connette ancora col 56kapperi e si và (quando va bene) al massimo a 3k.

    (non sò se nel frattempo le leggi sono cambiate...)

    shdx
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo

    > perchè "solo la Telec*m è autorizzata a fornire
    > servizi."
    >
    > morale della favola, qui ci si connette ancora
    > col 56kapperi e si và (quando va bene) al massimo
    > a 3k.
    >
    > (non sò se nel frattempo le leggi sono
    > cambiate...)
    >
    > shdx
    Certo che è cambiato tutto...come nel Gattopardo: tutto cambiato basta che resti tutto come prima!
    Che tristezza...Triste Triste Triste





    ==================================
    Modificato dall'autore il 20/09/2005 16.09.55
  • A quanto ammonta la copertura negli USA?
  • Ci sono paesi di 6000 residenti che non vengono coperti per motivi di costi. In basilicata la regione ha costretto alla copertura Telecom con pratiche 'ricattatorie' se no stavano freschiSorride
    non+autenticato
  • Senza offesa, ma ci credi ancora alla favola del ritorno economico?Arrabbiato
    non+autenticato
  • be sarebbe interessante sapere come avete fatto....

    tanto per darvi idea andate su libero (copertura simile a telecom..) , la mappa copertura adsl e scegliete lombardia, pavia e guardate quante sono le aeree rosse, non coperte...

    e pensare che io ci lavoro su internet....
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > tanto per darvi idea andate su libero (copertura
    > simile a telecom..)

    Copertura UGUALE a Telecom, le zone gialle usano le connessioni di Telecom.

    > la mappa copertura adsl e
    > scegliete lombardia, pavia e guardate quante sono
    > le aeree rosse, non coperte...

    Quella mappa è ingannevole, prendono il nome del comune dove si trova la centrale coperta e dicono "questo comune è coperto, quello vicino no" mentre in realtà moltissimi comuni piccoli sono coperti da centrali presenti in altri comuni e quindi la copertura è sensibilmente maggiore di quanto viene indicato sulla mappa.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 7 discussioni)