Folena, interrogazione sul caso Yahoo!

In Parlamento

Roma - Pietro Folena, deputato indipendente PRC, ha presentato una interrogazione al ministro degli Affari Esteri, a quello degli Interni e al ministro all'Innovazione Tecnologica, sulla vicenda Yahoo! e sul ruolo del portalone americano nell'arresto e nella condanna di un giornalista cinese a 10 anni di carcere. Di seguito il testo:

- secondo quanto rivela Reporters Sans Frontieres la divisione cinese del noto portale internet "Yahoo!" avrebbe collaborato con le autorità locali per l'arresto del giornalista dissidente Shi Tao;
- Tao è stato condannato a 10 anni di prigionia per aver divulgato in tutto il mondo alcune "direttive segrete" emanate dal governo di Pechino: veri e propri divieti rivolti ai direttori di tutte le testate nazionali, scritti con tono intimidatorio, che stabilivano il divieto di raccontare il quindicesimo anniversario della rivolta di Piazza Tiananmen, svoltosi lo scorso giugno;
- Tao, che si è servito di "Yahoo!" per aprire un indirizzo e-mail, sarebbe stato rintracciato attraverso i messaggi di posta elettronica spediti tramite il servizio offerto dal portale;
- è legittimo domandarsi se tale "collaborazione" sia possibile anche in Italia, sulla base del recente decreto antiterrorismo e quindi quali siano le garanzie di privacy e di libertà garantite dall'attuale ordinamento;

- se il Ministro degli Affari Esteri intenda sollevare formale protesta presso il governo cinese;
- se il Ministro degli Interni ritenga che un fatto simile possa accadere anche in Italia in base alla legislazione vigente;
- se il Ministro dell'Innovazione tecnologica intenda attuare politiche più restrittive a garanzia della privacy degli utenti italiani
TAG: censura
13 Commenti alla Notizia Folena, interrogazione sul caso Yahoo!
Ordina
  • ... ma francamente sarei stupito se riuscisse a cavare un ragno dal buco.
    L'unico modo IMHO per segare le gambe a compagnie come Yahoo, Google e compagnia cantante é NON USARE I LORO SERVIZI. A cominciare dall'indirizzo di e-mail, che per quanto mi riguarda sarà sempre con fornitori gratuiti, semisconosciuti e con spazio limitato (francamente, non so che farmene di gigabyte di spazio per la casella). Mi sto pure attrezzando per adottare in pianta stabile GnuPG. Essendo di natura piuttosto radicale, se mi incazzo taglio tutto ma proprio tutto, e infatti quasi non uso più i due succitati motori di ricerca.
  • I nostri deputati non hanno proprio niente di piu' urgente da fare?
    non+autenticato
  • ...non ci dite qual'è stata la risposta?
    non+autenticato
  • Perché l'interrogazione avrà una risposta ad un certo punto. Il fatto rilevante è però che la questione viene posta all'attenzione del governo, che dovrà rispondere.

    In genere i tempi sono lunghettiA bocca apertaDD

    non+autenticato
  • Mi ricordo come fosse ieri nei giorni della strage i giovani figiciotti che sfilavano gridando "Tien An Men", invece di nascondersi, a casa o nelle sezioni.
    Si, perché quando un compagno uccide un oppositore, la mente dei compagni nei paesi dove non hanno il potere sntra nella procedura utomatica di disinformazione
    a) Cercare tutti i difetti del morto, se sono abbastanza, è ovvio che il delitto è pienamente giustificato. In tal caso, zittire con sufficienza chi dissente da questa valutazione dei fatti, se insiste è un fascista, tranne nel caso sia inconfutabilmente antifascista, in quest'ultimo caso è un qualunquista.
    b) La procedura a) ha fallito, non si riesce a trovare una giustificazione al delitto anche lontanamente valida.
    In tal caso, mangiandosi un po' le parole, ammettere che l'assassino è "un compagno che ha sbagliato".
    Contemporaneamente intorbidire le acque e sviare l'attenzione rivangando difetti e colpe dei non comunisti, tentare l'arruolamento postumo del morto nelle proprie file e ribadire che il vero comunismo è un'altra cosa e che ovviamente tutti i rimanenti compagni nel mondo si sforzano per portare l'umanità verso il sol dell'avvenir.
    c) Sia che si attui la strategia a) che la b), attaccare sempre gli avversari e insinuare, insinuare sempre, qualcosa resterà.
    Per fortuna al tempo dell'Ungheria, di Praga, dell'Afghanistan e di Solidarnosc, le varie correnti del PCI non si sono messe d'accordo e hanno attuato le strategie a) e b) in contrapposizione, cosa che ha permesso agli ormai ex compagni con più sale in zucca e meno prosciutto sugli occhi di aprire i medesimi.
    Fortuna che Occhetto era un amante appassionato della strategia c) (la parola che pronunciava più spesso era "preoccupato"), ma vuoi per la voce che non lo aiutava, vuoi per l'intelligenza che lo aiutava ancora meno, falliva miseramente.
    Fortuna che tuttora Bertinotti e Cossutta nutrono ancora troppo affetto per Castro, Kim Jong Il e c. per non tradirsi.
    Fortuna che Folena è troppo permeato di burosaurocrazia delle Botteghe Oscure per differenziarsi, è più ingessato e legnoso di Fassino, lo sgamerebbe anche un bambino.
    non+autenticato
  • Abbasso tutto, viva l'open source !

    BrUtE AiD
    non+autenticato


  • ...
    Ma solo il 50% della storia.
    Ora raccontaci per filo e per segno come funzionano i falsi di centro, capitalisti e sfruttatori. Così avremo il quadro completo.
    non+autenticato
  • la mia ragazza e mia sorella dopo questi fatti mi hanno chiesto mandargli un invito alla gmail....

    dalla padella alla brace?
    non+autenticato
  • Infatti, non c'è nessuna differenza se non che pochi cinesi hanno Gmail... Poi Google ha già censurato il proprio motore in Cina. Tutti si adeguano...
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > la mia ragazza e mia sorella dopo questi fatti mi
    > hanno chiesto mandargli un invito alla gmail....
    >
    > dalla padella alla brace?

    ma dico io: con tutti i provider di e-mail gratuita, sempre gmail e yahoo?! la tua ragazza e tua sorella hanno bisogno di un giga per farci COSA?
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 7 discussioni)