Microsoft, lotta aperta ai virus

A Monaco il gigante del software annuncia due nuovi prodotti per la sicurezza indirizzati al mercato aziendale: entrambi sono in grado di proteggere i sistemi da virus, spam e altre minacce provenienti da Internet

Monaco (Germania) - Microsoft sta per lanciare un nuovo servizio per la sicurezza, chiamato Client Protection, che promette di semplificare il compito degli amministratori di rete nel proteggere i sistemi aziendali - desktop, laptop e file server - dal malware.

Descritto da Microsoft come una protezione unificata contro spyware, rootkit, virus e altre cyber-minacce, Client Protection sarà simile alla soluzione integrata per la sicurezza Windows OneCare ma, a differenza di quest'ultima, si indirizzerà soprattutto alle imprese di medie e grandi dimensioni.

Il futuro servizio di Microsoft, che includerà anche strumenti per la gestione centralizzata e funzionalità di reporting, si integrerà con Active Directory e le attuali soluzioni del colosso per la distribuzione di patch e aggiornamenti.
Microsoft conta di rilasciare una prima versione beta del prodotto entro la fine dell'anno. Prezzi e tipi di licenza verranno annunciati in un secondo tempo.

Il secondo prodotto per la sicurezza annunciato da Microsoft a Monaco è Antigen, un software antivirus e antispam progettato per proteggere i sistemi su cui girano piattaforme per la messaggistica e la collaborazione, tra cui Exchange. Antigen si basa sulle tecnologie che il big d Redmond ha acquisito da Sybari Software ed include un motore di scansione migliorato, capace di rilevare le principali vulnerabilità di sicurezza.

Una versione di test del prodotto verrà rilasciata durante la prima metà del prossimo anno.

L'ultimo annuncio di Microsoft ha riguardato il varo di SecureIT Alliance, un gruppo di partner del colosso di Redmond che stanno collaborando allo sviluppo di soluzioni per la sicurezza in grado di integrarsi al meglio con la piattaforma di Microsoft.

"I nostri clienti stanno testimoniando ciò che emerge anche dalle nostre ricerche: la natura e la complessità delle minacce on-line e degli attacchi continuano ad evolversi, e cracker, ladri e pirati diventano sempre più abili", ha affermato Mike Nash, corporate vice president della Security Technology Unit di Microsoft. "In Microsoft crediamo che i clienti abbiano il diritto di conoscere quali programmi stiano girando sulle loro macchine, da dove questi provengano, i loro scopi e come rimuoverli. Per aiutare i nostri clienti a esercitare questi diritti, e proteggersi dalle minacce in continua evoluzione, stiamo attuando un approccio alla sicurezza maggiormente olistico che include lo sviluppo di nuove tecnologie, la collaborazione con l'industria e l'educazione degli utenti".
TAG: microsoft
50 Commenti alla Notizia Microsoft, lotta aperta ai virus
Ordina
  • OT, ovviamente, ma... come da soggetto, ho installato clamwin e l'ho trovato facilissimo da usare però, come è quanto a riconoscimento dei virus?
    non+autenticato
  • Lo fara' blindando tutto con DRM. Ovviamente l'utente certificato dovra' usare la macchina certificata con il software certificato mandando i suoi dati certificati ad altri utenti certificati, ma voglio vedere i creatori di virus alle prese con chippettini DRM da bypassare...

    Sicuramente prima di questo passaggio al DRM Windows rimarra' un colabrodo.

    Io mi tengo linux, per ora sono piu' sicuro e piu' libero. Meglio di cosi'...Ficoso
  • Il problema può essere legato alle quote di mercato che può raggiungere questo prodotto.
    Infatti, a prescindere se MS farà un antivirus più o meno buono, se questo prodotto raggiungerà una quota di mercato molto alta "Invoglierà" i produttori di virus a produrre virus che attaccano direttamente questo antivirus, permettendo al virus di propagarsi più velocemente.
    Se invece il mercato è suddiviso tra più produttori, queste strategie di diffusione sono più complesse da parte dei produttori di virus.
    Non è fantascienza... qualcosa di simile succedeva 6-7 anni fa quando symantec aveva forti quote del mercato antivirus e i produttori di virus si erano focalizzati ad attaccare i suoi processi.

    ciao
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Il problema può essere legato alle quote di
    > mercato che può raggiungere questo prodotto.
    > Infatti, a prescindere se MS farà un antivirus
    > più o meno buono, se questo prodotto raggiungerà
    > una quota di mercato molto alta "Invoglierà" i
    > produttori di virus a produrre virus che
    > attaccano direttamente questo antivirus,
    > permettendo al virus di propagarsi più
    > velocemente.
    > Se invece il mercato è suddiviso tra più
    > produttori, queste strategie di diffusione sono
    > più complesse da parte dei produttori di virus.
    > Non è fantascienza... qualcosa di simile
    > succedeva 6-7 anni fa quando symantec aveva forti
    > quote del mercato antivirus e i produttori di
    > virus si erano focalizzati ad attaccare i suoi
    > processi.
    >
    > ciao


    Il che vuol dire che i virus sono più efficaci dell'Antitrust?
    non+autenticato

  • > > ciao
    >
    >
    > Il che vuol dire che i virus sono più efficaci
    > dell'Antitrust?

    si!

    pensa addirittura che i ladri sono più efficaci dell'antitrust per le serrature.. quando una nuova serratura di sicurezza, sicura finchè vuoi, ha un'alta percentuale di mercato vi è un maggiore rischio che si diffonda tra i ladri una nuova tecnica che permetta di aprirla, anche perchè vi è più incentivo a cercarla, per questo motivo gli installatori quando un prodotto se pur ottimo comincia ad avere un'installato molto vasto tengono a cambiare prodotto.
    non+autenticato
  • ...leggendo il titolo:
    "A Monaco il gigante del software annuncia due nuovi prodotti per la sicurezza indirizzati al mercato aziendale"

    e lì per lì ho pensato: si sono messi a distribuire Linux e FreeBSD?
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > ...leggendo il titolo:
    > "A Monaco il gigante del software annuncia due
    > nuovi prodotti per la sicurezza indirizzati al
    > mercato aziendale"
    >
    > e lì per lì ho pensato: si sono messi a
    > distribuire Linux e FreeBSD?

    in effetti, secondo il concetto di "nuovo" e di "innovazione" che hanno a redmond, Linux e FreeBSD potrebbero essere considerati "nuovi prodotti". Occhiolino
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > ...leggendo il titolo:
    > > "A Monaco il gigante del software annuncia due
    > > nuovi prodotti per la sicurezza indirizzati al
    > > mercato aziendale"
    > >
    > > e lì per lì ho pensato: si sono messi a
    > > distribuire Linux e FreeBSD?
    >
    > in effetti, secondo il concetto di "nuovo" e di
    > "innovazione" che hanno a redmond, Linux e
    > FreeBSD potrebbero essere considerati "nuovi
    > prodotti". Occhiolino

    La sicurezza di Linuz è: Nessuno mi caga quindi nessuno mi viola...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Prozac2000
    > - Scritto da: Anonimo
    > > - Scritto da: Anonimo
    > > > ...leggendo il titolo:
    > > > "A Monaco il gigante del software annuncia due
    > > > nuovi prodotti per la sicurezza indirizzati al
    > > > mercato aziendale"
    > > >
    > > > e lì per lì ho pensato: si sono messi a
    > > > distribuire Linux e FreeBSD?
    > >
    > > in effetti, secondo il concetto di "nuovo" e di
    > > "innovazione" che hanno a redmond, Linux e
    > > FreeBSD potrebbero essere considerati "nuovi
    > > prodotti". Occhiolino
    >
    > La sicurezza di Linuz è: Nessuno mi caga quindi
    > nessuno mi viola...

    La sicurezza di windows e' : su 10.000 versioni beta di win a 64 bit gia 5 virus.
    non+autenticato
  • Il primo AV della Microsoft; Chi se lo ricorda ???

    Ai tempi si diceva: "MSAV se lo conosci lo eviti"
    Rei
    76

  • - Scritto da: Rei
    > Il primo AV della Microsoft; Chi se lo ricorda ???
    >
    > Ai tempi si diceva: "MSAV se lo conosci lo eviti"

    me lo ricordo bene...
    in pratica non serviva a nulla.

    mi ricordo anche che al tempo me lo ero scritto l'antivirus!
    poche righe di assembly...
    impediva la modifica del 1 settore di floppy/hd...
    a suo tempo era sufficente, ora hai bisogno di un AV da svariati mega (senza contare update) !
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | Successiva
(pagina 1/4 - 16 discussioni)