Il pirata pentito diventa testimonial

Condannato a tre anni di libertà vigilata per aver gestito un hub Direct Connect frequentato da pirati, apparirà come protagonista in alcuni spot cinematografici antipirateria

Los Angeles (USA) - I giudici californiani hanno emesso una condanna definitiva per Jed Frederick Kobles, recentemente arrestato per furto di contenuti digitali protetti. La pena, inizialmente pari a 180 giorni di reclusione, è stata immediatamente commutata in tre anni di libertà vigilata. Kobles, 34 anni, reo confesso, potrà utilizzare strumenti informatici solo per motivi di lavoro.

L'uomo sarà inoltre costretto a prestare la propria immagine per una campagna pubblicitaria mirata a sensibilizzare l'opinione pubblica sulle conseguenze penali della pirateria. Un progetto di comunicazione istituzionale, parzialmente finanziato dagli studios della MPAA, destinato alla proiezione sul grande schermo.

"Un duro verdetto", commenta il giudice Jeffrey McGrath, "ed una buona lezione che farà sicuramente riflettere l'imputato". McGrath è convinto che il caso servirà da monito per le folte schiere di pirati che popolano Internet: "La pirateria non è un crimine senza vittime e non paga". Nel caso di Kobles, proprio gli spot lo salvano dalla galera che era stata richiesta dall'accusa ma che il magistrato ha ritenuto "non pertinente", almeno nel suo caso.
Kobles, impiegato presso una grande catena di supermercati, aveva creato uno dei più frequentati server utilizzati dagli utenti di Direct Connect, popolare sistema per lo scambio di file. Durante le indagini, gli inquirenti sono giunti alla conclusione che l'hub di Kobles fosse uno dei nodi più conosciuti dedicati alla diffusione abusiva delle ultimissime novità cinematografiche.

Tommaso Lombardi
TAG: p2p
37 Commenti alla Notizia Il pirata pentito diventa testimonial
Ordina
  • mado' ma questo è come fanno i terroristi: prima lo catturano, poi gli mettono una telecamera davanti e gli impongono di dire quello che vogliono loro! Ti costringono a cercare di convincere tanta gente di idee che tu non professi e non vuoi professare - ma basta il fatto di aver commesso un reato a doverti costringere all'abiura come Galileo?Sorride

  • - Scritto da: Le-ChuckITA
    > mado' ma questo è come fanno i terroristi: prima
    > lo catturano, poi gli mettono una telecamera
    > davanti e gli impongono di dire quello che
    > vogliono loro! Ti costringono a cercare di
    > convincere tanta gente di idee che tu non
    > professi e non vuoi professare - ma basta il
    > fatto di aver commesso un reato a doverti
    > costringere all'abiura come Galileo?Sorride

    È quello che hanno fatto anche con i ragazzini nello Spot del Superbowl. Non solo li hanno convinti a partecipare allo spot sotto minaccia, ma gli hanno anche fatto dire delle falsità.

    Dire "Terroristi" è voler minimizzare.
    non+autenticato
  • si giusto, terroristi..
    anzi no è come gli assassini che filmano i loro reati..

    -___-


    la funzione è l'umiliazione pubblica.. niente carcere ma libertà vigilata, direi che gli è andata bene visto che hanno ritirato la pena..
    non che il carcere non fosse esagerato eh.. direi fin troppo per un ragazzo che altro non fa che offrire un luogo di scambio..

    la punizione è l'umiliazione x chi professa lo scambio contro la leggeSorride
    giustamente spargi una voce dissidente, giustamente verrai punito con la stessa moneta

    ricordiamoci che era in ogni caso in tortoOcchiolino
  • e poi dicevano che Fantozzi e' solo un film.
    Mi sembra di vedere quella sequenza in cui Fantozzi scrive in cielo che il megapresidente e' uno stronz*.
    Alla fine tutti belli e gentili pronti a farli scrivere che Fantozzi e uno stronz*.

    In altre parole esattemente quello che e' successoA bocca aperta Arrabbiato
    non+autenticato
  • fantozzi sara' un film, ma ha descritto esattamente la societa' in cui viviamo oggi, certo estremizzando x fare la battuta...
    non+autenticato
  • Fantozzi era un geniale spaccato della società italiana. E' sottovalutato e bollato come commediuola ma nasconde dietro molti temi importanti.
    non+autenticato
  • è come un router a livello applicazione, oppure un vero e proprio server?
  • è uno scatolotto dove ci si connette direttamente (da cui il nome), a seconda di quante porte ha cambia il numero di utenti possibili.

    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > è uno scatolotto dove ci si connette direttamente
    > (da cui il nome), a seconda di quante porte ha
    > cambia il numero di utenti possibili.
    >
    ma sei serio?
    spero di no Con la lingua fuori
  • ma daiSorride ovvio che era un joke
    non+autenticato
  • server
    non+autenticato
  • Chiunque può tenere su un hub direct connect. Basta aprire un programmino (server) e tenere acceso il PC 24/24. Gli utenti, per accedervi, devono aprire un altro programma (client) e connettersi all'ip di quello che tiene aperto il server. Il numero di utenti non dipende dalle porte ma dipende dalla connessione. Generalmente con un upload di 256 Kb/s si possono reggere fino a 350 utenti.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Chiunque può tenere su un hub direct connect.
    > Basta aprire un programmino (server) e tenere
    > acceso il PC 24/24. Gli utenti, per accedervi,
    > devono aprire un altro programma (client) e
    > connettersi all'ip di quello che tiene aperto il
    > server. Il numero di utenti non dipende dalle
    > porte ma dipende dalla connessione. Generalmente
    > con un upload di 256 Kb/s si possono reggere fino
    > a 350 utenti.

    ma il server non ha contenuti, giusto?
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > Chiunque può tenere su un hub direct connect.
    > > Basta aprire un programmino (server) e tenere
    > > acceso il PC 24/24. Gli utenti, per accedervi,
    > > devono aprire un altro programma (client) e
    > > connettersi all'ip di quello che tiene aperto il
    > > server. Il numero di utenti non dipende dalle
    > > porte ma dipende dalla connessione. Generalmente
    > > con un upload di 256 Kb/s si possono reggere
    > fino
    > > a 350 utenti.
    >
    > ma il server non ha contenuti, giusto?

    Il server NON contiene i file scambiati dagli utenti, ma mette in contatto questi ultimi, e attraverso il server transitano le ricerche di file ("alcuni" dei quali protetti da diritto d'autore). Pero' fisicamente sul server non passa neanche un bit di questi file.
    non+autenticato
  • Salve,e' un server a tutti gli effetti,non ha che vedere col router hardware che serve solo a connettere dei pc tra loro in rete e uscire in internet con un solo ip,anchio ho un server direct connect come migliaia di altri server
    il problema e' che vogliono annientare qualsiasi cosa
    che possa dare loro fastidio,loro parlano di guadagni persi,ma non fatevi prendere in giro,quei guadagni sono conteggiati come le assicurazioni conteggiano le truffe,cioe' senza riscrontro e dopo per recuperare ci fanno pagare a noi le loro perdite.
  • azzo gestiva quel ben di dio e ora si pente ...... inteligente l'amicoSorride sei la vergogna della liberta' digitale vergognaaaaaaaaaaaaaa ..............
    non+autenticato
  • Si effettivamente concordo con te in parte ma uno per pararsi il cu.o fa questo ed altro
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Si effettivamente concordo con te in parte ma uno
    > per pararsi il cu.o fa questo ed altro


    preferivo vendermi un rene per pagare una salatissima multa.
    col CAssO che costringono me a fare una cosa del genere, piuttosto dò fuoco a tutti, giudici, majors, e loro parenti fino al 7° grado!
  • meno male che c'e' gente come voi che dietro la bandiera della liberta' nasconde il semplice egoismo del non voler pagare.

  • - Scritto da: Hotge
    > meno male che c'e' gente come voi che dietro la
    > bandiera della liberta' nasconde il semplice
    > egoismo del non voler pagare.

    meno male che c'è gente come te talmente limitata da voler banalizzare così una lotta dal sapore rivoluzionario contro vecchi privilegi.
  • beh se per liberta' digitale intendi fregare a babbo il lavoro degli altri,quella si chiama furto,ti farei lavorare qualche mese per 10 ore al giorno e al momento di pagarti magari ti rifilerei un bell'opuscolo da leggerti la sera ,cosi' magari capiresti che chi lavora e' giusto quantomeno percepisca un compenso,di liberi ci sono i prodotti opensource e sono tanti,solo che non piacciono ,meglio fregare ha piu' gusto.................abbi almeno la compiacenza di tacere
    rem
    43

  • - Scritto da: rem
    > beh se per liberta' digitale intendi fregare a
    > babbo il lavoro degli altri,quella si chiama
    > furto,ti farei lavorare qualche mese per 10 ore
    > al giorno e al momento di pagarti magari ti
    > rifilerei un bell'opuscolo da leggerti la sera
    > ,cosi' magari capiresti che chi lavora e' giusto
    > quantomeno percepisca un compenso,di liberi ci
    > sono i prodotti opensource e sono tanti,solo che
    > non piacciono ,meglio fregare ha piu'
    > gusto.................abbi almeno la compiacenza
    > di tacere

    Anche tu, e per primo.
    Una cosa è un giusto compenso ( e c'è già la tassa sui supporti, ricordatelo ), e una cosa fare cartello per costringere gli utenti a pagare una vera e propria mazzata sul portafoglio.
    Sarebbe bello se la gente come te tenesse il cervello acceso.


    non+autenticato
  • qualcuno ti obbliga a comprare musica? puoi ascoltare la radio...

    Qualcuno ti obbliga a comprare software? Hai Linux e openoffice....

    Qualcuno ti obbliga ad andare al cinema? Puoi sempre vedere la TV....

    Qualcuno ti obbliga a comprare DVD? Puoi sempre registrare dalla TV...


    Si chiama SCEGLIERE. E io scelgo l'alternativa di non pagare e non usare, SENZA RUBARE COME FATE VOI.

  • - Scritto da: Hotge
    > qualcuno ti obbliga a comprare musica? puoi
    > ascoltare la radio...

    Che è pagata dalla pubblicità che si rivale su tutto ciò che compri (leggi: la paghi anche se non la ascolti).

    > Qualcuno ti obbliga a comprare software? Hai
    > Linux e openoffice....

    Che se passa l'IPRED2 rischiano di non restare legali ancora per molto.

    > Qualcuno ti obbliga ad andare al cinema? Puoi
    > sempre vedere la TV....

    Vale quanto detto per le radio.

    > Qualcuno ti obbliga a comprare DVD? Puoi sempre
    > registrare dalla TV...

    Che col digitale potranno impedirlo da remoto, e per i programmi interessanti (film e sport) lo faranno di certo, mentre per la defilippi e i realitisciò non potrai tagliare la pubblicità.

    > Si chiama SCEGLIERE. E io scelgo l'alternativa di
    > non pagare e non usare, SENZA RUBARE COME FATE
    > VOI.

    Quoto, ma ti ripeto: attenzione, stanno togliendoci questa possibilità di scegliere. E in parte anche la scelta di non comprare.
    Poi che faremo?
    non+autenticato


  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Hotge
    > > qualcuno ti obbliga a comprare musica? puoi
    > > ascoltare la radio...
    >
    > Che è pagata dalla pubblicità che si rivale su
    > tutto ciò che compri (leggi: la paghi anche se
    > non la ascolti).
    >
    > > Qualcuno ti obbliga a comprare software? Hai
    > > Linux e openoffice....
    >
    > Che se passa l'IPRED2 rischiano di non restare
    > legali ancora per molto.
    >
    > > Qualcuno ti obbliga ad andare al cinema? Puoi
    > > sempre vedere la TV....
    >
    > Vale quanto detto per le radio.
    >
    > > Qualcuno ti obbliga a comprare DVD? Puoi sempre
    > > registrare dalla TV...
    >
    > Che col digitale potranno impedirlo da remoto, e
    > per i programmi interessanti (film e sport) lo
    > faranno di certo, mentre per la defilippi e i
    > realitisciò non potrai tagliare la pubblicità.
    >
    > > Si chiama SCEGLIERE. E io scelgo l'alternativa
    > di
    > > non pagare e non usare, SENZA RUBARE COME FATE
    > > VOI.
    >
    > Quoto, ma ti ripeto: attenzione, stanno
    > togliendoci questa possibilità di scegliere. E in
    > parte anche la scelta di non comprare.
    > Poi che faremo?
    Se la scelta è comprare o no l'ultima cagata di Britney Spears, scelgo di non comprare.
    Se la scelta è andare al cinema per vedere Uomo Ragno contro Zorro....non ci vado.
    Slackware, oltre avrela scaricata, l'ho anche ordinata e pagata: mi andava di dare dei soldi a Patrick...lo zio bill vive da stramiliardario anche senza i miei....
    non+autenticato
  • La tv hahahahahma smettila che ce la rai che e una camorra legalizzataA bocca aperta e ti fa pagare la tassa annuale per forza smettiamolaaaaaaaaa
    non+autenticato
  • ...i giudici che fanno il gioco di questi signori... chi l'avrebbe mai detto...
    non+autenticato

  • - Scritto da: Wakko Warner
    > ...i giudici che fanno il gioco di questi
    > signori... chi l'avrebbe mai detto...

    i giudici fanno il gioco della legge.

    e la legge, purtroppo, è asservita alle lobbies
    non+autenticato


  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Wakko Warner
    > > ...i giudici che fanno il gioco di questi
    > > signori... chi l'avrebbe mai detto...
    >
    > i giudici fanno il gioco della legge.
    >
    > e la legge, purtroppo, è asservita alle lobbies


    Non sapevo che la legge vietasse i server p2p.
    NOn mi pare nenache che i server debbano per forza in questo caso avere materiale coperto da copycaz. NOn credo che sia stato condannato in quanto teneva su un hub, mi sa di bufala.
    NSA
    1909

  • - Scritto da: NSA
    >
    > Non sapevo che la legge vietasse i server p2p.
    > NOn mi pare nenache che i server debbano per
    > forza in questo caso avere materiale coperto da
    > copycaz. NOn credo che sia stato condannato in
    > quanto teneva su un hub, mi sa di bufala.

    E' proprio quello il bello, che è tutto vero. Renditi conto che potere hannp quelle troie.
  • Parafrasando il Gen. Custer: l'unico giudice buono è un giudice......
    non+autenticato