I cloni del Mac mini

Sono due per ora i cloni del mattoncino di casa Apple: scopriamone le differenze

Non si tratta della solita peculiarità dei fanatici della casa della mela di vedere cloni ovunque, stavolta è tutto vero, i cloni ci sono e si vedono bene. Per ora sono 2 le case che hanno deciso di prendere "più o meno" spunto dalla linea del piccino di casa Apple e non si può non pensare che a breve ne usciranno altri.

Il primo annuncio di tipo commerciale l'ha fatto VooDoo Computer. Specializzata nella costruzione di macchine che si distinguono dalla massa e dai particolari molto amati dagli appassionati del modding, questa volta non ha proposto nulla di innovativo. Come già ricordato prima, questo pc rassomiglia in maniera abbastanza evidente al celebre quadratone bianco smussato.

L'Idol, questo il nome del media-center di VooDoo Computer, parte da un prezzo base di 900 dollari, quindi piuttosto caro, ma è sicuramente l'oggetto del desiderio di chi ha da sempre detestato i classici chassis grigi. Infatti è possibile ordinarlo in 11 diverse colorazioni compreso il rosa shocking, l'arancione e il verde oliva. È a scelta dell'utente anche il tipo di hard disk da montare e il tipo di sistema operativo da abbinare.
L'altro clone del mac mini, di AOpen, ha fatto capolino addirittura al Computex 2005 ma l'annuncio della sua commercializzazione risale a pochi giorni fa e la disponibilità è prevista entro il prossimo mese. In questo caso le similitudini scompaiono per lasciar spazio alle lampanti identità. Lo chassis è praticamente uguale a quello del Mac, tanto che si potrebbe parlare di plagio. Da rimarcare che la casa taiwanese annovera tra i suoi fornitori la stessa azienda che produce il Mac mini per conto di Apple.

Il sistema di AOpen ha quindi dimensioni identiche al piccino di Steve Jobs ma, ovviamente, un cuore del tutto diverso. Sarà disponibile in due versioni, una con processore Intel Celeron M 1400 MHz a poco più di 600 dollari e una con processore Pentium M 1,7GHz a 788 dollari. Il sistema operativo sarà Windows XP Home.

Alla luce della descrizione dei prodotti, non vi è dubbio che gli appassionati della personalizzazione difficilmente riusciranno a fare a meno del pc della VooDoo Computer, così come coloro che hanno da sempre amato la macchina della Mela ma non si sentono pronti per uno switch completo: potranno continuare ad utilizzare Windows e i loro programmi preferiti sul sistema AOpen.

Dario Panzeri
TAG: desktop
1 Commenti alla Notizia I cloni del Mac mini
Ordina