Wi-Fi virtuale per Microsoft

Il progetto permetterà l'accesso contemporaneo a network wireless diversi; allo stesso tempo sarà possibile creare reti a maglia dove ogni singolo nodo è in grado di ricevere e trasmettere dati

Roma - Microsoft ha annunciato di aver avviato la sperimentazione della cosiddetta architettura virtuale per card WLAN, ovvero una soluzione hardware/software che permetterà agli utenti di connettere il proprio PC contemporaneamente a network wireless diversi.

Il "Virtual Wi-Fi", ancora in fase di elaborazione nei labs dell'azienda, renderà possibile, ad esempio, il collegamento con un PC per la condivisione dei dati o di una WLAN, e allo stesso tempo, magari, la navigazione online tramite un altro accesso wireless. Il tutto con un'unica scheda Wi-Fi.

In pratica, un PC dotato di Virtual Wi-Fi potrà essere semplicemente connesso a più network wireless, e diventare contemporaneamente router fornendo accessi ad altri PC presenti nelle vicinanze.
La piattaforma di virtualizzazione crea una serie di adapter fittizi, uno per ogni network wireless desiderato. In questo modo il passaggio da un accesso ad un altro è assolutamente trasparente. I primi test effettuati dai ricercatori Microsoft hanno riguardato l'utilizzo di un tool denominato "Client Conduit", che fornisce una linea di comunicazione fra client disconnessi e server back-end che si occupano delle diagnosi wireless e del recupero dei dati.

Il progetto Virtual Wi-Fi è correlato alle nuove implementazioni sui mesh-network, dove le infrastrutture della rete sono totalmente decentralizzate e ogni nodo si comporta come ricevente/trasmittente. Nel caso uno di questi abbia problemi tecnici, la trasmissione dei dati non viene interrotta ma può proseguire sfruttando gli altri più vicini. Quando le ricerche saranno ultimate sarà possibile creare delle vere e proprie catene di trasmissione wireless: una postazione di accesso potrà diventare così un "ponte" per le altre.

"Normalmente le schede client sono collegate ai soli access point nei mesh-network, ma la soluzione Microsoft permetterà di cambiare a piacimento il tipo di rete. Ci sono tanti piccoli elementi in questi sistemi, questa volta però gli utenti non dovranno preoccuparsene perché ogni cambiamento di network sarà semplice ed immediato", ha dichiarato Abner Germanow, analista presso IDC.

Dario d'Elia
TAG: 
14 Commenti alla Notizia Wi-Fi virtuale per Microsoft
Ordina
  • Recentemente su punto-informatico si leggeva di un nuovo tipo di rete studiato da alcuni (mi pare) italiani che mi dava l'impressione di essere la stessa cosa.. magari non tecnicamente... ma usava ogni utente come nodo e non escludeva che un giorno sarebbe potuta diventare una nuova internet molto più anonima.. ma ora non ho tempo di cercare l'articolo e non ricordo più bene...

    Cesco.
    non+autenticato
  • L'idea è interessante, peccato sia open source... Microsoft sta tradendo la sua identità, era uno degli ultimi baluardi del modello tradizionale di sviluppo del software, ora anche loro sono accecati da questa insana moda dell'open source. Speriamo che sia solo un momento di debolezza...
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > L'idea è interessante, peccato sia open source...
    > Microsoft sta tradendo la sua identità, era uno
    > degli ultimi baluardi del modello tradizionale di
    > sviluppo del software, ora anche loro sono
    > accecati da questa insana moda dell'open source.
    > Speriamo che sia solo un momento di debolezza...
    In realtà hanno paura della solita software-house fatta da avvocati.....personalmente è da più di un anno che parlo con miei amici del fatto che se è possibile fare una rete p2p con i cavi la cosa è logicamente fattibile con le schede wlan...
    ci scommetterei che qualcuno (avvocato ovviamente!) in USA ha già brevettato l'idea anni fa..:(

  • - Scritto da: Anonimo
    > L'idea è interessante, peccato sia open source...
    > Microsoft sta tradendo la sua identità, era uno
    > degli ultimi baluardi del modello tradizionale di
    > sviluppo del software, ora anche loro sono
    > accecati da questa insana moda dell'open source.
    > Speriamo che sia solo un momento di debolezza...


    Secondo me resti anonimo,perche' chi scrive cose simili non dispone dei parametri minimi di intellettualita' per essere definito un uomo.
    Speriamo che mentalita' come la tua,tipiche di programmatori scarsi di tecnica e ingegno,quindi protetti solo dalla mancata distribuzione della conoscenza,finisca presto,cosa su cui non ho dubbi,visto che grazie all'opensource molti giovani italiani stanno diventando piu' competitivi sul mercato,e taglieranno le gambe alle vecchie barriere poste a protezione degli inetti.
    rem
    43
  • ...dico io, uno straccio di link?

    http://research.microsoft.com/netres/projects/virt...

    Qui si può provare una versione molto preliminare del software, si possono scaricare anche i sorgenti. Sembra una cosa molto interessante, volevo quasi scaricarla e dare un'occhiata ai sorgenti ma poi ho dato una letta alla licenza Deluso , terrificante.

    Spero che in futuro la cambino con una delle nuove licenze Microsoft di cui si parlava qualche giorno fa.
    non+autenticato
  • Questa è proprio una bella mossa per far sentire più al sicuro gli utenti. Coinciliare il wireless, (insicuro per sua natura) e Windows (mascotte che rappresenta l'insicurezza e quanto di brutto possa esistere nel mondo dell'informatica) è il massimo che Microsux poteva fare per garantire la sicurezza degli utenti.
    Voglio ringraziare personalmente Bill Gates per quanto fa ogni giorno facendomi portare a casa mia i 300 euri giornalieri Sorride
    non+autenticato
  • Le inventi tutte fino alla fine:)
    Secondo me dovresti essere un po' piu' onesto con te stesso e... non solo.


    - Scritto da: Anonimo
    > Questa è proprio una bella mossa per far sentire
    > più al sicuro gli utenti. Coinciliare il
    > wireless, (insicuro per sua natura) e Windows
    > (mascotte che rappresenta l'insicurezza e quanto
    > di brutto possa esistere nel mondo
    > dell'informatica) è il massimo che Microsux
    > poteva fare per garantire la sicurezza degli
    > utenti.
    > Voglio ringraziare personalmente Bill Gates per
    > quanto fa ogni giorno facendomi portare a casa
    > mia i 300 euri giornalieri Sorride
    non+autenticato


  • - Scritto da: Anonimo
    > Le inventi tutte fino alla fine:)
    > Secondo me dovresti essere un po' piu' onesto con
    > te stesso e... non solo.
    >
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > Questa è proprio una bella mossa per far sentire
    > > più al sicuro gli utenti. Coinciliare il
    > > wireless, (insicuro per sua natura) e Windows
    > > (mascotte che rappresenta l'insicurezza e quanto
    > > di brutto possa esistere nel mondo
    > > dell'informatica) è il massimo che Microsux
    > > poteva fare per garantire la sicurezza degli
    > > utenti.
    > > Voglio ringraziare personalmente Bill Gates per
    > > quanto fa ogni giorno facendomi portare a casa
    > > mia i 300 euri giornalieri Sorride
    Beh, a me permette di portare a casa circa 1800 euro al mese....
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Questa è proprio una bella mossa per far sentire
    > più al sicuro gli utenti. Coinciliare il
    > wireless, (insicuro per sua natura) e Windows
    > (mascotte che rappresenta l'insicurezza e quanto
    > di brutto possa esistere nel mondo
    > dell'informatica) è il massimo che Microsux
    > poteva fare per garantire la sicurezza degli
    > utenti.
    > Voglio ringraziare personalmente Bill Gates per
    > quanto fa ogni giorno facendomi portare a casa
    > mia i 300 euri giornalieri Sorride


    Il tuo mi pare un commento di una sterilità veramente incredibile.

    Anzichè guardare ai possibili vantaggi di una così interessante virtualizzazione, ti limiti a polemizzare sulla sua sicurezza... di cui probabilmente non sai nulla.

    Quando non fanno niente di utile non va bene. Quando fanno qualcosa di utile non va bene lo stesso. Vuol proprio dire voler solo fare polemica...
    ... sterile.

    Quanto al fatto che Windows rappresenti il peggio... direi che è la solita presa di posizione. Non suscita alcun interesse.

    Lieutenant
    non+autenticato
  • Come da titolo, la cosa interessante è che sono disponibili i sorgenti dell'applicazione.

    Il sito del progetto, non so perchè omesso nell'articolo, è:
    http://research.microsoft.com/netres/projects/virt...
    (preso dall'articolo analogo apparso su /.)

    Ciao.
    pieggi
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Come da titolo, la cosa interessante è che sono
    > disponibili i sorgenti dell'applicazione.
    >
    Come ho scritto in un altro commento trovo molto interessante anche la licenza usata. Consiglio di dare una letta perchè è molto interessante, riassume il pensiero di come dovrebbe essere l'open source secondo Microsoft (brrrr, rabbrividiamooo).Sorride
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > - Scritto da: Anonimo
    > > Come da titolo, la cosa interessante è
    > > che sono disponibili i sorgenti
    > > dell'applicazione.
    > Come ho scritto in un altro commento trovo
    > molto interessante anche la licenza usata.
    > Consiglio di dare una letta perchè è molto
    > interessante, riassume il pensiero di come
    > dovrebbe essere l'open source secondo
    > Microsoft (brrrr, rabbrividiamooo).Sorride

    Se scompatti i sorgenti automaticamente accetti la licenza e la M$ puo' riservarsi di accecarti con un ferro rovente e/o esplantare i neuroni che conservano il ricordo di cio' che hai visto in qualsiasi momento volesse.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 6 discussioni)