Nata a Roma AITCI, consulenti informatici

Associazione

Roma - E' stata annunciata in questi giorni la nascita di AITCI, Associazione Italiana dei Consulenti Informatici che - si legge in una nota - intende "promuovere e tutelare, in Italia, i diritti e gli interessi della categoria".

"L'iniziativa - afferma la nota - nasce dall'esigenza di federare la categoria al fine di elevarla ai livelli professionali riscontrabili negli altri paesi europei, tecnologicamente e socialmente pių avanzati, dove associazioni di questo tipo esistono da anni". L'associazione - continua la nota - "propone agli aderenti servizi innovativi, tali l'iscrizione all'albo online, l'assicurazione professionale oppure l'assistenza legale, compresi nella quota di iscrizione e servizi aggiuntivi, definiti "professionali", sotto forma di pacchetti, tali la gestione contabile oppure diversi tipi di assicurazioni".

Altre info all'indirizzo www.aitci.com
TAG: mercato
179 Commenti alla Notizia Nata a Roma AITCI, consulenti informatici
Ordina
  • Buongiorno a tutti,
    per chi fosse interessato, l'AITCI ha deciso di creare un database di CV online (previa autorizzazione degli interessati) a disposizione di clienti, società di consulenza e/o colleghi.
    Per avere il vostro CV online basta inviarcelo tramite e-mail (preferibilmente in formato europeo) al seguente indirizzo: info@aitci.com, specificando la regione e provincia, la specializzazione (programmatore, sistemista, webdesigner, ecc.) e una mail sulla quale contattarVi.
    Vi aspettiamo numerosi.

    Gaetano
    Presidente AITCI
    www.aitci.com
  • Salve,
    sono "Consulente Informatico" libero professionista dal 1989, Geek sono stato iscritto ad una piccola Associazione regionale che ha poi scelto, per logica e necessità, di confluire in una generica Associazione nazionale di informatici (non farò pubblicità dicendo quale).

    L'idea che esista una associazione specifica per "Consulenti" mi attira molto, e vorrei partecipare.
    Purtroppo avendo già il mio commercialista, il legale e l'assicurazione professionale, stento a vedere qualche buon motivo concreto per iscrivermi.

    Lasciando perdere le polemiche degli altri post, costruttivamente domando se ce ne siano e quali sarebbero.

    Faccio presente che (in mancanza di notizie complete sul web) questa mia richiesta sarà l'unica chance che concedo all'associazione per illustrarmi i propri vantaggi.
    Non desiderando perdere tempo, non intendo passare una trafila di mail/fax o attendere l'aggiornamento del sito.

    Cordiali saluti.
  • Buongiorno dwdp,
    intanto ti ringrazio per questa "unica chance" che ci offri. Tante delle altre persone presenti su questo forum, non hanno avuto questa tua delicatezza! Sorride
    Se permetti, ti rispondero' punto per punto:

    - Scritto da: dwdp
    > Salve,
    > sono "Consulente Informatico" libero
    > professionista dal 1989, Geek sono stato
    > iscritto ad una piccola Associazione regionale
    > che ha poi scelto, per logica e necessità, di
    > confluire in una generica Associazione nazionale
    > di informatici (non farò pubblicità dicendo
    > quale).

    Chiaramente la vita delle associazioni giovani é meno semplice di quella delle associazioni più "rodate".
    In ogni caso, una associazione "generica" (penso sia già stata lungamente citata su questo forum) racchiude tutti gli attori del mondo informatico.
    Essendo questo un mondo molto vasto, mi sembra difficile che un'associazione "generica" possa (o voglia) dedicarsi a problemi specifici di una sola categoria dei suoi aderenti.
    Chiaramente questo non esclude la collaborazioni tra associazioni, che son sempre benvenute in un ottica costruttiva e nel rispetto della particolarità ed indipendenza di ognuna delle associazioni.
    Noi stessi stiamo stringendo rapporti con associazioni di consulenti informatici di altri paesi.


    > L'idea che esista una associazione specifica per
    > "Consulenti" mi attira molto, e vorrei
    > partecipare.

    Volentieri, le porte sono aperte.

    > Purtroppo avendo già il mio commercialista, il
    > legale e l'assicurazione professionale, stento a
    > vedere qualche buon motivo concreto per
    > iscrivermi.
    > Lasciando perdere le polemiche degli altri post,
    > costruttivamente domando se ce ne siano e quali
    > sarebbero.


    Non c'é da dire "purtroppo". Sappiamo già che i professionisti che ci raggiungono, se con partita IVA, hanno tutti un commercialista, pochi di loro un legale e quasi nessuno un'assicurazione, visto che in forma "privata" questa costa "un occhio della testa". Da noi é compresa nella quota d'iscrizione (anzi la quota di iscrizione passa quasi tutta in questa assicurazione). Comunque, se i servizi che "acquisti" in forma privata ti soddisfano e non impattano troppo il tuo "bilancio", oltre all'iscrizione all'albo dell'associazione e ad essere messo in contatto con altri consulenti, per scambiare opinioni, esperienze e potenziali clienti, oltre ad offrirti, delle formazioni a tariffe vantaggiose, sia di lingua che professionali, oltre a proporti una comunità di gente che fa il tuo stesso mestiere ed ha i tuoi stessi problemi (non solo di informatica, ma di gestione di una ditta individuale), oltre a proporti tante altre iniziative, di cui ANCHE tu potresti essere (vista la tua lunga esperienza ti esorteremmo ad aiutare coloro che cominciano l'attività) il promotore perché l'associazione valuta le proposte degli aderenti e lavora con loro per realizzarle, oltre a proporti un incontro con i "colleghi", oltre a questo non possiamo offrirti altro.


    > Faccio presente che (in mancanza di notizie
    > complete sul web) questa mia richiesta sarà
    > l'unica chance che concedo all'associazione per
    > illustrarmi i propri vantaggi.
    > Non desiderando perdere tempo, non intendo
    > passare una trafila di mail/fax o attendere
    > l'aggiornamento del sito.

    Ti ringrazio di nuovo della chance, volevo solo farti tre domande:
    1 - Non credi che "postare" qui prenda altrettanto tempo che scrivere una mail?
    2 - Sei ancora iscritto alla piccola associazione regionale che poi é confluita in quella generica?
    3 - Penso che, al fine di dare informazioni ai lettori del forum, potresti dirci qual'é questa associazione generica.

    >
    > Cordiali saluti.

    Spero aver speso bene questa unica chance.Sorride
    Distinti saluti.
    Gaetano
    AITCI - www.aitci.com
  • Salve,

    ferma restando la sacrosanta libertà di costituire associazioni vorrei far notare che anche in questo l'Italia rappresenta un primato europeo: con questa ne abbiamo 5 di associazioni informatiche mentre in tutti i paesi europei ce ne stanno al massimo 3 per paese
    (fonte: sito del CEPIS http://www.cepis.org )
    A mio avviso gli informatici dovrebbero unirsi invece che creare spezzatini iscrivendosi alle associazioni già esistenti e non sarebbe brutto se pure esse si mettessero d'accordo per fondersi in massimo 2 organismi per finalmente avere un peso politico e scientifico serio.
    Saluti
    Marco Zuppone
  • Buongiorno Marco,
    in effette AITCI non é una associazione di "informatici", ma un'associazione di consulenti informatici. Se io fossi stato un consulente finanziario avrei aderito all'associazione dei consulenti finanziari (penso che esista).
    Essendo un consulente informatico non ho travato un'associazione che riunisse tali consulenti, quindi sono stato il promotone nel crearla.
    Semplice!
    In effetti siamo più vicini ad una associazione di consulenti che ad una associazione di informatici perché la chiave sono le necessità quotidiane in qualità di "consulenti".
    Proprio per questo insisto sul fatto che non facciamo concorrenza a nessuno, sopratutto alle associazioni di informatici.
    Spero sia chiaro il concetto.

    Gaetano
    Presidente AITCI
  • Marco,
    scusa se mi permetto ma ho cercato su google "association informatique" (per cercare in francese, paese che conosco bene) ed ho avuto
    6.380.000 risultati.
    Ora, pur volendo pensare che il 99% dei risultati sono incoerenti, restano comunque 63.800 risultati che potrebbero trattare dell'argomento e, consideriamo che il 99% di questi 63 800 sono stupidaggini o solamente argomenti inirenti alle associazioni, ci restano almeno 638 risultati coerenti.
    Diciamo che una su cinque potrebbe essere il sito di una associazione?
    Secondo la mia umile opinione, ci sono più di tre associazioni, almeno in Francia, tanto per dare un esempio di un paese europeo.

    Gaetano


    - Scritto da: stocktrader
    > Salve,
    >
    > ferma restando la sacrosanta libertà di
    > costituire associazioni vorrei far notare che
    > anche in questo l'Italia rappresenta un primato
    > europeo: con questa ne abbiamo 5 di associazioni
    > informatiche mentre in tutti i paesi europei ce
    > ne stanno al massimo 3 per paese
    > (fonte: sito del CEPIS http://www.cepis.org )
    > A mio avviso gli informatici dovrebbero unirsi
    > invece che creare spezzatini iscrivendosi alle
    > associazioni già esistenti e non sarebbe brutto
    > se pure esse si mettessero d'accordo per fondersi
    > in massimo 2 organismi per finalmente avere un
    > peso politico e scientifico serio.
    > Saluti
    > Marco Zuppone
  • A chiarimento dello stato delle associazioni di informatici in Europa faccio riferimento alla pagina:
    http://www.cepis.org/members.html
    dalla quale risulta che:
    - l'italia è l'unico paese con 3 associazioni membre di Cepis, solo la Germania e l'Olanda ne hanno due, tutti gli altri 30 e passa paesi ne hanno una sola;
    - non esiste una associazione francese di informatici associata Cepis.


    > ho cercato su google "association informatique"
    ...> ed ho avuto 6.380.000 risultati.

    Faccio presente che tra i risultati appaiono Associazioni locali o piccoli club con sala computer.

    Su DMOZ
    http://dmoz.org/World/Italiano/Computer/Organizzaz.../
    risultano i seguenti numeri di associazioni nazionali
    Italiano (18)
    Inglese (302)   
    Bosniaco (1)   
    Bulgaro (3)   
    Catalano (28)   
    Danese (40)   
    Finlandese (49)   
    Francese (165)   
    Norvegese (9)   
    Olandese (82)   
    Romeno (5)   
    Spagnolo (1)   
    Svedese (16)   
    Tedesco (43)   
    Ungherese (1)   

  • Di nuovo buongiorno dwdp (se mi dai un nome preferisco!Occhiolino),

    - Scritto da: dwdp
    > A chiarimento dello stato delle associazioni di
    > informatici in Europa faccio riferimento alla
    > pagina:
    > http://www.cepis.org/members.html
    > dalla quale risulta che:
    > - l'italia è l'unico paese con 3 associazioni
    > membre di Cepis, solo la Germania e l'Olanda ne
    > hanno due, tutti gli altri 30 e passa paesi ne
    > hanno una sola;
    > - non esiste una associazione francese di
    > informatici associata Cepis.

    in effetti, su questo sito: cepis.org si trovano poche associazioni. Se seguiamo la tua ricerca, vorrebbe dire che non esistono associazioni di informatici in Francia?
    Oppure, più semplicemente, che occorre registrarsi su questo sito e che, un'associazione, potrebbe non trovarvi alcun interesse nel farlo?


    > > ho cercato su google "association informatique"
    > ...> ed ho avuto 6.380.000 risultati.
    >
    > Faccio presente che tra i risultati appaiono
    > Associazioni locali o piccoli club con sala
    > computer.

    E difatti ne ho eliminati il 99% una volta ed il 99% un'altra volta. Sono rimaste 638 volti (forse) coerenti e ne ho considerata 1 su 5. Resta un buon centinaio di possibili associazioni che, sala giochi o meno, hanno tutte il diritto di rappresentare i loro aderenti e di chiamarsi "associazione"!


    > Su DMOZ
    > http://dmoz.org/World/Italiano/Computer/Organizzaz
    > risultano i seguenti numeri di associazioni
    > nazionali
    > Italiano (18)
    > Inglese (302)   
    > Bosniaco (1)   
    > Bulgaro (3)   
    > Catalano (28)   
    > Danese (40)   
    > Finlandese (49)   
    > Francese (165)   
    > Norvegese (9)   
    > Olandese (82)   
    > Romeno (5)   
    > Spagnolo (1)   
    > Svedese (16)   
    > Tedesco (43)   
    > Ungherese (1)   
    >

    Beh, si vede che siamo un po' indietro rispetto ai paesi tecnologicamente più avanzati come Inghilterra, Germania, Francia, Finlandia, Olanda, Danimarca, etc. (sorprendentemente la Norvegia "ci sta dietro", ma é un paese poco popolato)
    Ne ho approfittato comunque per segnalare la nostra (vostra) associazione su questo sito, ove spero avere i requisiti per apparire (come altre associazioni più generiche del settore informatico). A suivre...

    Gaetano
    AITCI
    www.aitci.com
  • - Scritto da: stocktrader
    > Salve,
    >
    > ferma restando la sacrosanta libertà di
    > costituire associazioni vorrei far notare che
    > anche in questo l'Italia rappresenta un primato
    > europeo: con questa ne abbiamo 5 di associazioni
    > informatiche mentre in tutti i paesi europei ce
    > ne stanno al massimo 3 per paese
    > (fonte: sito del CEPIS http://www.cepis.org )

    Questa non è un'associazione. Dobbiamo ancora vedere lo statuto, il regolamento, le assemblee, gli aderenti...

    Questo è il parto di un incubo notturno di qualcuno che ha dei grossi, grossi problemi.


    > A mio avviso gli informatici dovrebbero unirsi
    > invece che creare spezzatini iscrivendosi alle
    > associazioni già esistenti e non sarebbe brutto
    > se pure esse si mettessero d'accordo per fondersi
    > in massimo 2 organismi per finalmente avere un
    > peso politico e scientifico serio.

    O anche uno solo, che raccolga in modo democratico e pluralista, i pensieri, anche diversi, di tante persone.


    Ciao.
  • Ciao meokoer,
    allora, se mi dai il tuo nome e cognome ti denuncio per diffamazione (scherzo, mi fai solo ridere) per aver detto che questa non é un'associazione.
    Non é perché TU non la certifichi che non si tratta di un'associazione, giusto?
    Cosa ne sai, come fai a saperlo? Ti devo mostrare qualcosa? A te? E perché a te? Chi sei? Parli a nome di chi? Per me potresti essere uno psicopatico da circo che vuole vedere cose per poi ricamarci sopra i suoi films. Sbaglio?
    Se vuoi passa da Roma, se gli associati sono d'accordo dell'AITCI, l'associazione ti paga il biglietto del treno per venire a vedere la struttura e conoscere i responsabili. Puoi venire in veste privata oppure come militante dell'altra associazione, non importa, sarai accolto in modo cortese, malgrado i tuoi toni sempre polemici.

    Gaetano
    Presidente AITCI
    www.aitci.com

    - Scritto da: markoer
    > - Scritto da: stocktrader
    > > Salve,
    > >
    > > ferma restando la sacrosanta libertà di
    > > costituire associazioni vorrei far notare che
    > > anche in questo l'Italia rappresenta un primato
    > > europeo: con questa ne abbiamo 5 di associazioni
    > > informatiche mentre in tutti i paesi europei ce
    > > ne stanno al massimo 3 per paese
    > > (fonte: sito del CEPIS http://www.cepis.org )
    >
    > Questa non è un'associazione. Dobbiamo ancora
    > vedere lo statuto, il regolamento, le assemblee,
    > gli aderenti...
    >
    > Questo è il parto di un incubo notturno di
    > qualcuno che ha dei grossi, grossi problemi.
    >
    >
    > > A mio avviso gli informatici dovrebbero unirsi
    > > invece che creare spezzatini iscrivendosi alle
    > > associazioni già esistenti e non sarebbe brutto
    > > se pure esse si mettessero d'accordo per
    > fondersi
    > > in massimo 2 organismi per finalmente avere un
    > > peso politico e scientifico serio.
    >
    > O anche uno solo, che raccolga in modo
    > democratico e pluralista, i pensieri, anche
    > diversi, di tante persone.
    >
    >
    > Ciao.
  • Una domanda, permetti?

    - Scritto da: markoer
    > O anche uno solo, che raccolga in modo
    > democratico e pluralista, i pensieri, anche
    > diversi, di tante persone.

    Questa sola associazione democratica e pluralista sarebbe??
  • Chi scrive è il Presidente del Collegio di Teramo di A.I.P. (Associazione Informatici Professionisti).

    Mi rivolgo a tutti gli informatici per alcuni spunti interessanti al fine di capire meglio, senza polemica, alcune importanti questioni che regolano la vita di qualsiasi associazione professionale.

    La pubblicazione (in senso di pubblicità, divulgazione) dello statuto e dell?atto costitutivo delle associazioni professionali (codice civile in materia di associazioni) deve essere un punto di partenza su cui un potenziale "informatico" si aggrappa, al fine di condividerne le linee e i programmi al quale partecipa iscrivendosi.

    A questo punto la domanda nasce spontanea?.(Lubrano)

    Come fa un potenziale socio ad iscriversi se non conosce la "mission" di un'associazione professionale?

    Quanto visto sul sito di AITCI è abbastanza discutibile, nessuno dibatte se il sito è bello o brutto, ma i contenuti, in questo specifico caso, hanno un valore fondamentale.

    L'assistenza legale, fiscale e del lavoro....
    La copertura assicurativa.....

    Sono prodotti e servizi già offerti non solo da AIP ma anche da qualche sigla sindacale specifica.

    Allora, da una nuova realtà associativa professionale, sempre benvenuta, ci si aspetta la "colma" di eventuali gap del circuito "già operativo"

    Le premesse di AITCI ad oggi non sono innovative. (accetto smentite)

    Ciò non toglie a nessuno la libertà di associarsi, ma è anche vero che, chi intraprende una nuova strada associativa professionale deve far appoggio a le normali regole di trasparenza, non contemplate da nessun codice ma dal solo buon senso.

    Il mio grande sogno è di vedere tutte le associazioni sotto una sola bandiera, forse è utopia, ma io ci credo,

    Con osservanza.

    Luca Ciccone
    AIP Teramo

    IL PERCHE DI UNA SCELTA: A.I.P.
    AIP è aderente al COLAP (Coordinamento delle libere associazioni professionali)
    AIP è aderente al CEPIS (struttura europea per l?informatica)
    AIP è partner di AICA per la certificazione dell?informatico professionista
    AIP dispone di PDF (Punti di Formazione) in tutta Italia
    AIP offre convenzioni, opportunità, aggregazione, assistenza legale, fiscale e del lavoro.
    AIP ha costituito al suo interno l?OPSI (Osservatorio su Privacy e Sicurezza Informatica)
    AIP è ?. Omissis ?.www.aipnet.it
    non+autenticato
  • direi che Il presidente di AiP è una figura più professionale... basta leggere solo la risposta...

    - Scritto da: Anonimo
    > Chi scrive è il Presidente del Collegio di Teramo
    > di A.I.P. (Associazione Informatici
    > Professionisti).
    >
    > Mi rivolgo a tutti gli informatici per alcuni
    > spunti interessanti al fine di capire meglio,
    > senza polemica, alcune importanti questioni che
    > regolano la vita di qualsiasi associazione
    > professionale.
    >
    > La pubblicazione (in senso di pubblicità,
    > divulgazione) dello statuto e dell?atto
    > costitutivo delle associazioni professionali
    > (codice civile in materia di associazioni) deve
    > essere un punto di partenza su cui un potenziale
    > "informatico" si aggrappa, al fine di
    > condividerne le linee e i programmi al quale
    > partecipa iscrivendosi.
    >
    > A questo punto la domanda nasce
    > spontanea?.(Lubrano)
    >
    > Come fa un potenziale socio ad iscriversi se non
    > conosce la "mission" di un'associazione
    > professionale?
    >
    > Quanto visto sul sito di AITCI è abbastanza
    > discutibile, nessuno dibatte se il sito è bello o
    > brutto, ma i contenuti, in questo specifico caso,
    > hanno un valore fondamentale.
    >
    > L'assistenza legale, fiscale e del lavoro....
    > La copertura assicurativa.....
    >
    > Sono prodotti e servizi già offerti non solo da
    > AIP ma anche da qualche sigla sindacale
    > specifica.
    >
    > Allora, da una nuova realtà associativa
    > professionale, sempre benvenuta, ci si aspetta la
    > "colma" di eventuali gap del circuito "già
    > operativo"
    >
    > Le premesse di AITCI ad oggi non sono innovative.
    > (accetto smentite)
    >
    > Ciò non toglie a nessuno la libertà di
    > associarsi, ma è anche vero che, chi intraprende
    > una nuova strada associativa professionale deve
    > far appoggio a le normali regole di trasparenza,
    > non contemplate da nessun codice ma dal solo buon
    > senso.
    >
    > Il mio grande sogno è di vedere tutte le
    > associazioni sotto una sola bandiera, forse è
    > utopia, ma io ci credo,
    >
    > Con osservanza.
    >
    > Luca Ciccone
    > AIP Teramo
    >
    > IL PERCHE DI UNA SCELTA: A.I.P.
    > AIP è aderente al COLAP (Coordinamento delle
    > libere associazioni professionali)
    > AIP è aderente al CEPIS (struttura europea per
    > l?informatica)
    > AIP è partner di AICA per la certificazione
    > dell?informatico professionista
    > AIP dispone di PDF (Punti di Formazione) in tutta
    > Italia
    > AIP offre convenzioni, opportunità, aggregazione,
    > assistenza legale, fiscale e del lavoro.
    > AIP ha costituito al suo interno l?OPSI
    > (Osservatorio su Privacy e Sicurezza Informatica)
    > AIP è ?. Omissis ?.www.aipnet.it
  • Buongiorno,
    beh, a dire il vero, si vedeva che le critiche non erano del tutto disinteressate...!!Occhiolino
    Ognuno tira l'acqua el suo mulino ed é "giusto" cosi...!!!
    Quello che trovo deplorevole é tra associazioni si dovrebbe, in primo luogo collaborare (o almeno non creare "concorrenza"). Ancora una volta ognuno fa come crede.
    Loro hanno la loro politica, noi, piuttosto, cerchiamo di trovare sinergie con le altre associazioni.

    Gaetano
  • Disinteressate? Sicuramente almeno si presentano meglio.

    Sono Gianni Sante, ieri ho posto una domanda lecita, dovendo essere la vostra una associazione e non ho trovato risposta.

    http://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=1180...

    Allora, dove sono le informazioni che richiedo?.

    non+autenticato
  • Salve Gianni,
    ecco le informazioni:
    http://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=1179...

    Dimmi se ti bastano.
    Gaetano

    - Scritto da: Anonimo
    > Disinteressate? Sicuramente almeno si presentano
    > meglio.
    >
    > Sono Gianni Sante, ieri ho posto una domanda
    > lecita, dovendo essere la vostra una associazione
    > e non ho trovato risposta.
    >
    > http://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=1180
    >
    > Allora, dove sono le informazioni che richiedo?.
    >
  • il presidente dell'aip ha detto solo dei consigli, se poi vengono interpretati come "questione di concorrenza"... la sua risposta è sulle difensive... si sente minacciato?

    ==================================
    Modificato dall'autore il 29/10/2005 12.26.08
  • Assolutamente no!!
    Minacciato di cosa??
    Il presidente dell'AIP, alla fine del suo post ha fatto la propaganda sulle ragioni per cui si dovrebbe scegliere la sua associazione affermando anche che i servizi che proponiamo non sono innovativi (chi ha mai detto che lo fossero? I nostri sono diretti alla categoria dei consulenti informatici)!
    Tanto meglio, significa che esistono strutture che offrono servizi (che io, quando ne ho avuto bisogno, non avevo trovato, pur sapendo utilizzare google)!
    Avevo sicuramente cercato male...

    Gaetano



    - Scritto da: lysar
    > il presidente dell'aip ha detto solo dei
    > consigli, se poi vengono interpretati come
    > "questione di concorrenza"... la sua risposta è
    > sulle difensive... si sente minacciato?
    >
    > ==================================
    > Modificato dall'autore il 29/10/2005 12.26.08
  • > Avevo sicuramente cercato male...

    Bell'informatico professionista a capo di una associazione, che non sa cercare su google:

    "ASSOCIAZIONE INFORMATICI"
  • ...e se cerco "associazione consulenti informatici", oppure "assicurazione professionale per consulenti informatici" su google?? Cosa trovo?
    Fai la prova, cosi come potranno fare tutti e vienici a dare il risultato!!Occhiolino
    Grazie...
    Gaetano

    - Scritto da: marchino
    > > Avevo sicuramente cercato male...
    >
    > Bell'informatico professionista a capo di una
    > associazione, che non sa cercare su google:
    >
    > "ASSOCIAZIONE INFORMATICI"
  • Se sei un informatico e non sai usare lo strumento più basilare del mondo quale un motore di ricerca, non venire a fare la predica e il saputo con la tua ignoranza.

    Se nn trovavi una cosa MODIFICAVI la tua ricerca con qualcosa di più semplice..

    Visto che all'atto pratico un consulente informatico E' o DOVREBBE ESSERE un informatico.

    Ma forse non sai appunto neanche usare un motore di ricerca.
  • Insomma, non ci vuoi dire cosa hai trovato su google cercando "associazione consulenti informatici" oppure "assicurazioni professionali per consulenti informatici"?
    Ok, non ho altro da aggiungere!
    Mi piace la "Vostra" TRASPARENZA...!!
    Diciame che.... siete un esempio che l'AITCI dovrà seguire...!!Occhiolino)

    Gaetano
  • Bene,
    per offrire trasparenza, mettero' il mio CV online quanto prima. Poi valuteranno coloro che vorranno farlo la legittimità dell'iniziativa!

    Comunque, personalmente lavoro nell'informatica dal '93, in Francia (da cui ho viaggiato, per lavoro, in Spagna, Inghilterra, Germania, Grecia, Egitto...), come dipendente e sono consulente informatico dal 2000 al 2004 (sempre in Francia).

    Di ritorno in Italia, dal maggio 2005 ho la mia ditta individuale ed ho notato le difficoltà a cui si va incontro operando "da soli", rispetto agli altri paesi d'Europa dove, grazie anche alle associazioni, la categoria é riconosciuta molto di più.

    Da qui l'idea di riunire i consulenti in una associazione (a scopo non lucrativo) al fine di ottenere quel peso che, da soli, non si ha.

    Oggi, come associazione riusciamo a negoziare i prezzi con i consulenti esterni all'associazione, quali i servizi assicurativi, commercialisti, formazione, etc. ai quali ci rivolgiamo per ottenere le tariffe di cui parliamo.

    L'idea é di far beneficiare di queste tariffe agli altri consulenti che hanno voglia di aderire al progetto.

    L'associazione ha un codice fiscale: 97390240584
    L'atto costitutivo dell'associazione é registrato al registro dell'ufficio delle entrate di Roma 2, il 19/09/2005, al N. 10770.

    Il presidente si chiama Gaetano SALERNO (sono io), la sede si trova in Via Candia, 20 a Roma, ove si trova una struttura di supporto per diverse associazioni.

    Spero che queste informazioni portino trasparenza.

    D'ora in poi, comunque, per non alimentare polemiche inutili e sterili, rispondero' regolarmente solo alle questioni che ritengo positive per l'evoluzione dell'associazione.

    Gaetano
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | Successiva
(pagina 1/4 - 18 discussioni)