ATI All-In-Wonder X800 XL

La scheda tuttofare della casa canadese, per giocatori accaniti con esigenze multimediali

ATI All-In-Wonder X800 XLATI solita affiancare alla gamma di prodotti ATI Radeon una linea di schede multimediali, basate sul medesimo chipset della famiglia attualmente in produzione ma dotate di sintonizzatore TV, FM e box di acquisizione video. In questo caso il modello All-In-Wonder X800 XL va a coprire la fascia media del mercato, e si aggiunge alla gi presente All-In-Wonder X800 XT, modello che un giocatore pi esigente potrebbe preferire.

Dal lato gaming, questa scheda video basata su chipset X800 XL con 256 MB di veloce memoria GDDR3. Una dotazione simile di RAM consente di giocare a tutti i giochi di ultima generazione senza rallentamenti, a patto ovviamente di non esagerare con la risoluzione video e con i filtri grafici applicabili. L'abbinamento al chip X800 XL rende questa scheda all-in-one un'ottima soluzione anche per i giocatori, in quanto si tratta di una versione depotenziata del vecchio chipset X800 XT, ex scheda di fascia alta per ATI.

Dal lato multimediale, questa scheda dotata di sintonizzatore TV analogico, tuner radio FM con cavo/antenna, box esterno con i vari ingressi audio e video (S-video, composito ed RCA stereo), un ulteriore box con le diverse uscite (sempre di tipo S-video, composito ed audio RCA), cavi di connessione per tv ad alta definizione (HDTV), cavo composito e S-Video. L'ideale per effettuare acquisizione di video analogico (magari per riversare in formato digitale le vecchie videocassette), ma anche come completamento di un pc votato all'utilizzo multimediale.
All'interno della confezione incluso come bundle, oltre ai driver ATI Catalyst e Hydravision per sfruttare la connessione simultanea a pi display, Pinnacle Studio 9 (ATI Edition), Matchware Mediator 8, muvee Autoproducer, Guide Plus+ e Visual Communicator web.

Test e conclusioni
All-In-Wonder X800 XLSecondo DesignTechnica, l'installazione e il corretto setup della nuova scheda pu essere un po' macchinoso. Questo perch il manuale presenta alcuni errori, ma anche per la mole di programmi installati dalla suite ATI, alcuni dei quali poco aggiornati. ATI Multimedia Center presenta ora un "feel" in stile Windows Media Center Edition, ma male integrata con il resto dei programmi, in quanto si tratta di una semplice interfaccia grafica che richiama i programmi esterni.

La suite software completa anche se poco aggiornata, e consente di registrare le trasmissioni in diversi formati (MPEG-1, MPEG-2, AVI, Windows Media e il formato proprietario ATI VCR per sfruttarne appieno la codifica hardware).

Il chipset ATI Theater integrato ancora una volta il vecchio ATI Theater 200, e non il pi recente Theater PRO 550. Fattore che potrebbe portare molte persone ad aspettare la prossima generazione di schede all-In-one.

Nei test relativi ai giochi tridimensionali, la scheda si comportata allo stesso modo di una normale X800 XL. Sufficiente quindi per godere del parco completo di giochi di ultima generazione, anche se ovviamente superata dai modelli X800 XT ed X850 XT (senza scomodare la nuova famiglia di prodotti X1000).

Il prezzo suggerito di 299 dollari, mentre il modello dotato del chipset X800 XT presenta un prezzo pari a 400 dollari ed include sintonizzatore TV HDTV e l'accessorio per l'output HDTV.

Giovanni Fedele
TAG: