Intel apre una fabbrica per chip a 65 nm

Riapre dopo un anno e mezzo la fabbrica in Arizona con nuovi wafer di dimensioni maggiori

Santa Clara (USA) ? Intel ha riaperto la Fab 12 in Chandler (Arizona) che verrà utilizzata per la produzione di massa di chip con processo produttivo a 65 nanometri. La Fab 12 è la seconda per volume di produzione di casa Intel e vanta ora la produzione di wafer da 300 mm. Questo significa quindi la capacità di fornire grandi volumi di microprocessori ad un prezzo minore.

La fabbrica di Chandler ha riaperto dopo la conversione che ha permesso di passare dalla produzione dei wafer da 200 mm a quelli da 300. L' aggiornamento tecnologico, cominciato nel 2004, è durato 18 mesi ed è costato circa 2 miliardi di dollari: ciò ha portato la fabbrica dell'Arizona ad essere la quinta fabbrica di Intel ad usare i wafer da 300 mm. Le fanno compagnia la Fab 11X in New Mexico, la D1D e la D1C in Oregon e la Fab 24 in Irlanda.

La Fab 12 è l'ultimo dei sei investimenti che Intel aveva programmato di compiere negli Stati Uniti. Investimenti costati 2 miliardi di dollari nel 2004 e altri 4 nel corso di quest'anno, e che hanno creato più di 2.000 posti di lavoro (tra cui 800 soltanto quelli della Fab 12).
Dario Panzeri
TAG: mercato