USA, l'alcool test dev'essere open source

Etilometro elettronico valido solo se disponibile il codice sorgente. In nome della trasparenza, un tribunale statunitense sancisce l'illegittimità degli alcool test blindati: potrebbero non essere del tutto affidabili

Venice (USA) - Gli strumenti di controllo utilizzati dalla polizia stradale per scoprire i guidatori in stato d'ebbrezza non potranno evitare di essere open source. Accade in Florida, dove i magistrati hanno emesso una sentenza su un insolito caso riguardante un grande gruppo di bevitori schierati contro CMI, azienda leader nella produzione di etilometri elettronici.

Una vittoria per la trasparenza tecnologica: un tribunale locale ha decretato l'assoluta invalidità ed irrilevanza giuridica di tutti gli strumenti probatori blindati che vengono utilizzati dalla polizia per privare un individuo delle libertà personali. "Qualsiasi tipo di macchinario che possa comprovare la colpevolezza di una persona", si legge nella sentenza, "deve essere disponibile per verifiche e perizie dettagliate atte a verificarne la validità e l'assoluta attendibilità".

I creatori dell'Intoxylizer, un etilometro digitale utilizzato in molte parti del globo, dovranno fornire il codice sorgente del proprio apparecchio entro e non oltre 15 giorni. L'invito è stato sottoscritto persino dalla Corte Suprema della Florida: "Prima di arrestare e condannare al carcere un guidatore in stato d'ebbrezza", riporta la stampa locale della contea di Sarasota, "è necessario che gli strumenti utilizzati per incastrarlo debbano essere totalmente affidabili".
Si tratta senza dubbio di un importantissimo segnale per l'intera comunità giuridica internazionale e di una prova di buon governo, secondo gli esperti di EFF, la storica associazione di San Francisco che si batte per le libertà digitali. "La Florida si pone all'avanguardia rispetto a qualsiasi altro paese", sostiene Matt Zimmermann.

Fino a questo momento, i vertici di CMI non hanno mai ceduto alle pressioni di oltre 150 cittadini, rifiutandosi di fornire il codice e gli schemi dei propri etilometri. L'azienda, tuttavia, continua a rimanere arroccata dietro lo scudo del segreto industriale: alcuni esperti della Lamar University sono sicuri che questa posizione porterà all'invalidazione, almeno in Florida, dell'Intoxylizer.

Qualcuno, negli USA, ha già iniziato ad ipotizzare una legge ad hoc che costringa i produttori di apparecchiature elettroniche forensi ad adottare una politica di trasparenza. Chissà se le centinaia di bevitori finiti nei guai per via di questo dispositivo festeggeranno la vittoria con un brindisi a base di champagne.

Tommaso Lombardi
43 Commenti alla Notizia USA, l'alcool test dev'essere open source
Ordina
  • Mi riferisco all'autore dell'articolo. Il giudice della Florida, infatti, non ha detto neanche una parola sull'Open Source. Ha solamente emesso una delibera in cui ingiunge alla casa produttrice dell'etilometro di dare all'avvocato difensore nella causa in questione la possibilità di consultare il sorgente del software della macchina. E l'avvocato sarà tenuto alla massima riservatezza.
  • - Scritto da: Slurpolo
    > Mi riferisco all'autore dell'articolo. Il giudice
    > della Florida, infatti, non ha detto neanche una
    > parola sull'Open Source. Ha solamente emesso una
    > delibera in cui ingiunge alla casa produttrice
    > dell'etilometro di dare all'avvocato difensore
    > nella causa in questione la possibilità di
    > consultare il sorgente del software della
    > macchina. E l'avvocato sarà tenuto alla massima
    > riservatezza.

    E vorrei ben vedere, mi sembra il minimo, qui si discuteva che sarebbe anche meglio se almeno il core di queste applicazione fosse del tutto pubblico.
    non+autenticato
  • Finalmente qualcuno si sta muovendo nella direzione giusta: avanti tutta in nome della parola OPEN!
    Bisogna ammetterlo però, questa dell'open source legata all'alcol è davvero un'ottima idea, suvvia. Ecco perchè da domani ci ritroveremo in tribunale anche per contestare il peso della mortadella al nostro salumiere, non avendo in nostro possesso i sorgenti della bilancia elettronica...che OVVIAMENTE dovrebbero essere free sotto GPL...vergogna a chi fa le bilance closed!

  • perché una volta rivelato l'algoritmo, sicuramente troveranno il modo di aggirarlo mettendo qualche sostanza negli alcolici che andrà ad inibire il reale tasso alcolico del fichetto di turno alla guida.

    Finora ha funzionato e bene. Non vedo perché bisogna dar retta adesso a qualche alcolizzato che bazzica il forum
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > perché una volta rivelato l'algoritmo,
    > sicuramente troveranno il modo di aggirarlo
    > mettendo qualche sostanza negli alcolici che
    > andrà ad inibire il reale tasso alcolico del
    > fichetto di turno alla guida.
    mi sa che tu ci sei andato giù di brutto!!!!!
    Vhimica..materia sconosciuta
  • Hanno semplicemente PAURA a mostrare il codice perchè si scoprirebbe che il loro prodotto è TAROCCATO e quindi pottebbero pagare milioni di dollari di danni risarcendo tutti quelli che han fatto passare per embriaconi.
    Ecco perchè per LEGGE tutta la strumentazione che ha a che fare con strumenti fiscali e comunque con la PA devono essere trasparenti e quibdi avere un SW Open Source rilasciato con licenza GPL.

    __________________________________________
    Fino a questo momento, i vertici di CMI non hanno mai ceduto alle pressioni di oltre 150 cittadini, rifiutandosi di fornire il codice e gli schemi dei propri etilometri. L'azienda, tuttavia, continua a rimanere arroccata dietro lo scudo del segreto industriale: alcuni esperti della Lamar University sono sicuri che questa posizione porterà all'invalidazione, almeno in Florida, dell'Intoxylizer.
    __________________________________________
    non+autenticato
  • mi spieghi come funziona un etilometro, da cosa e' composto, la differenza tra la parte HW e quella SW.

    grazie


  • - Scritto da: Anonimo
    > Ecco perchè per LEGGE tutta la strumentazione che
    > ha a che fare con strumenti fiscali e comunque
    > con la PA devono essere trasparenti e quibdi
    > avere un SW Open Source rilasciato con licenza
    > GPL.

    No, è errato imporre una licenza per un software. L'unico requisito dovrebbe essere la disponibilità del codice (eventualmente anche pubblica, ma non necessariamente, l'importante è che sia disponibile alla magistratura e a chi intraprenda un eventuale ricorso). Non vedo perché obbligare ad adottare una licenza, soprattutto dal momento che quel codice non DEVE essere manomesso una volta "certificato".
  • Hanno un governatore come Jeb Bush con le mani grondanti di sangue, sono stati decisivi nell'elezione di George W. a presidente e poi ti tirano fuori una sentenza che più giusta non mi verrebbe in mente
    Ogni tanto qualche giudice U.S.A. apre una nuova strada alla giustizia mondiale...
    non+autenticato
  • > Hanno un governatore come Jeb Bush con le mani
    > grondanti di sangue

    sei fazioso e basta.
    Mi pare anche che il TUO amico Castro ne abbia di mani grondanti di sangue e non solo quelle.

    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > > Hanno un governatore come Jeb Bush con le mani
    > > grondanti di sangue
    >
    > sei fazioso e basta.
    > Mi pare anche che il TUO amico Castro ne abbia
    > di mani grondanti di sangue e non solo quelle.

    Ma non come quelle di Bush!
    non+autenticato
  • La Florida e' uno stato dove non si paga neppure la tassa sul reddito (l'equivalente della nostra IRPEF) e l'equivalente della nostra IVA e' bassissima rispetto a quanto viene imposto a noi.
    non+autenticato
  • Andiamo tutti a vivere in Florida alloraRotola dal ridere
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 8 discussioni)