Seppelliti con il cellulare

Alcune società di onoranze funebri irlandesi stanno riscontrando un fenomeno nuovo: nella bara trova posto il cellulare. Un'idea che si fa strada dopo il telefono angelico e la tomba multimediale

Dublino - Il quotidiano Belfast Telegraph ha pubblicato una notizia che certamente sposa il cosiddetto sacro con il profano. L'argomento clou riguarda i funerali del 21esimo secolo, o meglio il rapporto intrinseco che si sta consolidando fra gli defunti e i cellulari. Secondo alcune aziende di onoranze funebri irlandesi starebbe diventando un fenomeno frequente quello di richiedere espressamente per la propria dipartita dei compagni di viaggio particolari, ovvero i tanto amati/odiati telefonini.

Se un tempo i testamenti o le indicazioni riguardanti il proprio funerale prevedevano l'inserimento all'interno della bara di fotografie, libercoli o portafortuna, adesso l'oggetto preferito sembrerebbe essere sempre più spesso un gadget tecnologico.

Secondo Seamas Griffin, direttore dell'agenzia di onoranze funebri Kirwan di Dublino, il gadget elettronico starebbe diventando il compagno preferito per l'aldilà. "Una decina di anni fa era comune seppellire le bare con al loro interno bottiglie di whisky, anelli di matrimonio, oggetti personali. Il successo dei telefonini e altri gadget ha reso questi oggetti una sorta di estensione delle persone. Tutti vi convivono, e quindi alcuni non vogliono liberarsene nell'ultimo momento", ha dichiarato Griffin.
"Ho visto questo qualche volta: non è ancora un trend diffuso, ma è sicuramente in aumento. L'ultima persona che abbiamo seppellito, aveva espresso il desiderio di disporre di un pager". "I giovani di solito, specialmente le ragazze, sentono il cellulare come una parte di se stessi."

"Alcuni hanno il terrore di risvegliarsi all'interno della cassa, quindi chiedono di avere un cellulare. Non si sa mai...", ha aggiunto un collaboratore di Griffin. Il regolamento, comunque, prescrive di spegnere il cellulare per evitare che durante la funzione la famiglia possa essere disturbata da eventuali squilli inattesi.

Griffin, inoltre, sostiene che i funerali stiano diventando un evento sempre più caratterizzato dal gusto personale. "Non ho mai visto nessuno essere sepolto con un Big Mac, ma certamente questa maggiore libertà ha permesso alle famiglie di realizzare i piccoli desideri dei defunti".

La musica di accompagnamento dei funerali è diventata meno tenebrosa e più rilassante. Padraig McIntyre, responsabile per la musica sacrale della diocesi di Kerry fino al 2003, ha dichiarato che vi sono delle regole per molte funzioni religiose, ma non per i funerali. Il parroco di Dublino Tom Stack ha confermato che le famiglie dei defunti più giovani richiedono spesso le musiche preferite dei loro cari. "Credo che si tratti di una scelta personale. Sono piuttosto aperto nei confronti di questo fenomeno, tanto più che se può servire a superare quei momenti difficili non può che essere considerata una buona azione", ha dichiarato Stack.

Va detto che l'idea del telefono nella bara è stata persino oggetto di una invenzione tedesca: lo scorso febbraio un inventore dichiarò di aver realizzato un "telefono angelico" che avrebbe consentito ai familiari di... dialogare con il caro estinto. Qualcosa di simile l'aveva pensata anche un inventore americano, autore della tomba multimediale.

Dario d'Elia
29 Commenti alla Notizia Seppelliti con il cellulare
Ordina
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 8 discussioni)