Muscoli ultraveloci per i robot del futuro

Alcuni ricercatori del MIT stanno studiando muscoli sintetici a base di polimeri che innerveranno i robot del futuro. Potranno muoversi mille volte più veloci delle controparti umane

Cambridge (USA) - Tra non molto tempo i robot potranno utilizzare muscoli artificiali degni di un campione di atletica: scattanti, resistenti, potenti. Ma soprattutto fino a mille volte più veloci di quelli che permettono il movimento degli esseri umani. Sidney Yip, ricercatore e professore del MIT, sta lavorando insieme ad alcuni studenti ad un prototipo di tessuti muscolari sintetici composti da polimeri elastici d'ultima generazione.

I robot finora realizzati "sono cento volte più lenti degli umani", sottolinea Yip. Quando gli studi del Dipartimento per l'ingegneria dei materiali del prestigioso ateneo statunitense saranno completati, assicura l'esperto, "le macchine potranno muoversi fino a mille volte più velocemente rispetto all'uomo". Nel caso della robotica, ricordano i ricercatori, un "muscolo" è qualsiasi tipo di componente in grado di muoversi a comando.

I muscoli robotici del futuro funzioneranno come microscopiche molle iperreattive: "la scelta", spiega un assistente del prof. Yip, "è caduta su un particolare tipo di polimeri in grado di condurre elettricità". Le fibre riusciranno ad espandersi e contrarsi ad altissima velocità, attivate da impulsi elettrici che viaggiano a livello atomico: singole onde energetiche chiamate solitoni, simili ad onde marine che si spostano da un punto all'altro del mare senza mai infrangersi.
Ad ogni modo la strada verso l'obiettivo è ancora lunghissima e ci vorranno molti anni prima di ottenere fibre muscolari polimeriche perfettamente controllabili. Il progetto è stato finanziato da Honda, leader mondiale nel settore della ricerca robotica, e dal DARPA, l'agenzia militare degli Stati Uniti dedicata all'innovazione tecnologica.

Tommaso Lombardi
TAG: ricerca
21 Commenti alla Notizia Muscoli ultraveloci per i robot del futuro
Ordina
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 6 discussioni)