Galileo muove i primi passatelliti

Il primo nato della costellazione Galileo, il sistema europeo alternativo al GPS americano, si chiama Giove A e verrà lanciato prima dell'inizio del 2006. I particolari

Bruxelles - Il primogenito della famiglia di satelliti europei per la geolocalizzazione si chiama Giove A, Galileo In-Orbit Validation Element. Un nome sicuramente non casuale, in onore del gigantesco pianeta studiato dall'astronomo italiano Galileo Galilei, che tra l'altro è l'eponimo dell'intero progetto europeo nato come alternativa al GPS statunitense.

Giove A partirà entro fine dicembre dal cosmodromo di Baikonur, in Kazakhstan, e raggiungerà lo spazio grazie allo stesso modello di razzo vettore utilizzato dalla Soyuz russa. Entro breve, probabilmente durante la prossima primavera, verrà messo in orbita un secondo satellite, Giove B. Il satellite A è stato realizzato completamente nel Regno Unito, mentre Giove B vede la partecipazione di molte aziende europee, tra cui l'italiana Alenia Spazio.

Karla Peijs, ministro olandese per i trasporti e le infrastrutture, ha annunciato solennemente la nascita di Giove A durante una cerimonia presso gli uffici ESA di Noordwijk, a poca distanza dalla capitale, L'Aia. "E' un grande passo in avanti per la storia del programma Galileo", hanno dichiarato fiduciosi i portavoce dell'Unione Europea. "Adesso siamo davvero pronti alla partenza", concludono.
Galileo offrirà interoperabilità con il GPS statunitense ma riuscirà a coprire aree geografiche molto più estese, fornendo - assicurano i promotori - maggiore precisione. Il sistema sarà completamente funzionante entro il 2008, stando alle dichiarazioni ufficiali rilasciate dall'UE.

L'intero programma Galileo avrà un costo complessivo pari a circa quattro miliardi di euro e conterà su una costellazione di 30 satelliti. Differentemente dal GPS, la gestione di Galileo non sarà in mano a strutture militari ma sotto la direzione di istituzioni comunitarie.

Nel frattempo molti paesi al di là dei confini europei hanno manifestato grande interesse nei confronti del sistema messo a punto dall'ESA. Cina, India, Israele, Marocco, Arabia Saudita ed Ucraina hanno già stipulato accordi con l'Unione Europea per diventare partner privilegiati, mentre stati come Brasile, Messico, Corea del Sud e Canada hanno avviato le trattative per prendere parte al più grande consorzio antiGPS.

Tommaso Lombardi
TAG: ricerca
30 Commenti alla Notizia Galileo muove i primi passatelliti
Ordina
  • Secondo voi e' possibile che uno stato dominante come gli USA permettano a noi europei di avvicinarli in qualche tecnologia?.

    Voglio dire, ricordiamoci di Echelon ( http://www.privacy.it/ueechelon.html ), solo per fare un esempio.

    Questi, o hanno il controllo completo sul progetto, o hanno gia' un sistema che sta mille anni luci avanti al nostro, diversamente non ce lo avvrebbero fatto fare...
    ...dormite sonni tranquilli lo zio Sam veglia su di noi
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Questi, o hanno il controllo completo sul
    > progetto, o hanno gia' un sistema che sta mille
    > anni luci avanti al nostro, diversamente non ce
    > lo avvrebbero fatto fare...
    > ...dormite sonni tranquilli lo zio Sam veglia su
    > di noi

    Grazie quasi mi dimenticavo il mio cappello di latta...
    Angioletto

    L'unico CONTROLLO è stato quello di chiederci di usare una banda differente, cosi i 2 sistemi non sarebbero entrati in conflitto.
    (è proprio una richiesta da stato Dominante!A bocca aperta)
  • Non sono certo filo-americano ma come la mettiamo con i terroristi? se questo nuovo GPS sarà preciso al metro cosa impedirà a dei pazzoidi di mandare missili teleguidati dove più gli piace?!?
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Non sono certo filo-americano ma come la mettiamo
    > con i terroristi? se questo nuovo GPS sarà
    > preciso al metro cosa impedirà a dei pazzoidi di
    > mandare missili teleguidati dove più gli piace?!?


    Nulla che non possano gia' fare con il GPS.

    Se mai il boicottaggio da parte degli USA, che ha portato a castrare pesantemente il sistema europeo (sia civile che, credo, anche militare) e' dovuto al fatto che non possono permette che un possibile futuro avversario possa essere piu' avanti di loro in qualche capo bellico (e noi europei masochisti a dire "si' signore, ubbidisco, scusi ancora")....
    non+autenticato
  • Nulla che non possano fare con google maps
    non+autenticato
  • Peccato che la stessa googlemaps sia censurata...
    non+autenticato
  • > Se mai il boicottaggio da parte degli USA, che ha
    > portato a castrare pesantemente il sistema
    > europeo (sia civile che, credo, anche militare)
    > e' dovuto al fatto che non possono permette che
    > un possibile futuro avversario possa essere piu'
    > avanti di loro in qualche capo bellico (e noi
    > europei masochisti a dire "si' signore,
    > ubbidisco, scusi ancora")....

    Il fatto e' che non siamo avversari ma alleati, anzi piu' che alleati, figli della stessa civilta' che va da atene a berkeley (in tutti i sensi, geografico, temporale, culturale) Sorride

    Abbiamo gia' strutture militari integrate ed abbiamo combattuto spalla a spalla la guerra fredda per mezzo secolo contro un nemico comune. Le piccole diatribe commerciali lasciano il tempo che trovano, il gps e' vetusto e va sostituito con qualcosa di nuovo, benvenga Galileo!

    Quanto alla sicurezza, il GPS gia' oggi che e' libero per tutti permetterebbe attacchi terroristici, l'importante e' che, come gia' accade, europa ed usa lavorino assieme per aumentare controlli e sicurezza, e naturalmente che si combatta ancora spalla a spalla sul campo di battaglia contro il nuovo nemico.









    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo

    > Il fatto e' che non siamo avversari ma alleati,
    > anzi piu' che alleati, figli della stessa
    > civilta' che va da atene a berkeley (in tutti i
    > sensi, geografico, temporale, culturale) Sorride

    Io non sono d'accordo, in particolare Jimmy Carter diceva durante la sua presidenza in un discorso alla televisione e al parlamento le seguenti parole:

    «Le crisi energetiche non ci hanno ancora sopraffatto, ma lo faranno se non agiremo rapidamente. E' un problema che non risolveremo nei prossimi anni, e probabilmente è destinato a peggiorare progressivamente per il resto del secolo. Non dobbiamo essere egoisti, o timorosi, se vogliamo sperare di avere un mondo decente per i nostri figli e nipoti. Dobbiamo semplicemente bilanciare la nostra domanda d'energia con le nostre risorse in via d'esaurimento.»

    Jimmy Carter 18 April 1977
    www.kensan.it/articoli/Politica_Energetica.php

    Se non è chiaro il buon vecchio Jimmy diceva che il petrolio e le materie prime sul suolo USA sono poche e che è il caso di cominciare a risparmiare energia (Petrolio) ad iniziare dal 1977 (30 anni fa). In questo modo gli americani sarebbero stati padroni delle loro materie prime e indipendenti dagli altri stati.

    I cittadini a stelle e strisce non lo hanno votato anzi hanno votato petrolieri come i Bush i quali si sono approvvigionati di materie prime in giro per il mondo provocando molti malumori e scontenti. Il prezzo per avere il petrolio e altri prodotti è stato quello di "controllare" il mondo.

    Con "controllo" del mondo intendo la media di guerre dichiarate dagli Stati Uniti d'America verso un paese terzo. Mi pare di ricordare che la media matematica sia di una guerra ogni due anni. Ovviamente ogni guerra è stata fatta a fin di bene. Inoltre ci sono le operazioni chiaccherate dei servizi segreti americani, non ho le medie all'anno. Anche queste sono state fatte a fin di bene per definizione.

    Gli europei hanno seguito a ruota la decisione democratica USA, stando sotto l'ombrello americano (guerre, embarghi, operazioni della CIA, ecc) hanno goduto di materie prime senza possederle e senza pagare il pegno della dipendenza.

    La dipendenza dagli altri paesi era nei pensieri di Carter che la temeva come la peste, i vari presidenti petrolieri hanno aggirato l'ostacolo con la controindicazione di vari malumori planetari.

    Una inchiesta del Senato USA afferma che gli americani hanno una pessima fama fuori dei loro confini che sperano di cambiare con un po' di marketing.

    Tutto questo per dire che più che essere figli della stessa civiltà abbiamo seguito a ruota le decisioni dei vari presidenti petrolieri che ci hanno portato ricchezza con le materie prime altrui. E pare anche il terrorismo.

    Il Presidente Jimmy Carter ci avrebbe dato una automobile più piccola ma più pace nel mondo, non lo hanno votato e non lo abbiamo votato noi in Europa.

    Adesso Jimmy va in giro per il mondo a certificare la democraticità delle elezioni.
  • Ricordati che 60 anni fa ci liberarono dal nazismo e nn lo fecero aggratis....
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > Se mai il boicottaggio da parte degli USA, che ha
    > portato a castrare pesantemente il sistema
    > europeo (sia civile che, credo, anche militare)

    Certo un piccolo Link di referenze a questa affermazione non guasterebbe...
    (un link agli effetti, non alle discussioni su che frequenze
    usare! quelle ci sono state ma non hanno portato
    castrazioni!)

    > e' dovuto al fatto che non possono permette che
    > un possibile futuro avversario possa essere piu'
    > avanti di loro in qualche capo bellico (e noi
    > europei masochisti a dire "si' signore,
    > ubbidisco, scusi ancora")....

    Vedo che tu hai poca comprensione del campo.
    credi che il GPS sia statico?
    credi che stiano li con le mani in mano?A bocca apertaA bocca aperta
    Sono già avanti a noi con i lanci dei satelliti di nuova generazione
    http://www.space.com/missionlaunches/sfn_050925_de...

    noi europei masochisti a essere sempre indietro sulle spese spaziali!
    Questo è il problema!

    e gli americani non sono la colpa, ma i nostri politici!

    ==================================
    Modificato dall'autore il 13/11/2005 13.53.40
  • Ma di questo passo quando mai sara' operativo il sistema?

    Sono gia' in ritardo di tantissimo. QUnado mai avranno in orbita abbastanza satelliti da costituire la rete?

    Forse e' per anche questo che anziche' essere un'alternativa al GPS statunitense e' invece diventato un aggiunta di qualche satellite alla rete GPS
  • mai se ci mettono i bastoni tra le ruote gli americani
    non+autenticato
  • ma soprattutto se l'europa non ci mette i soldi e continua a rinviare

  • - Scritto da: AnyFile
    > ma soprattutto se l'europa non ci mette i soldi e
    > continua a rinviare

    A regà, c'è scritto nell'articolo.... pienamente operativo nel 2008.
    non+autenticato
  • C'e' anche scritto
    "stando alle dichiarazioni ufficiali rilasciate dall'UE."

    che sono platealmente incredibili

    (visto il tempo che ci hanno messo finora e visto che buona parte degli stati non solo hanno tirato la cinghia, ma la stanno tirando sempre piu')
  • spero che chiederti di clikkare l'articolo non sia qualcosa che vada contro i tuoi precetti religiosi o filosofici!

    lo so che è complicato! ma su dai siamo con te!
    puoi farcela!

    ah.. ricordati: accendere il cervello prima di aprire la bocca!

    ok e ora iniziate pure a insultarmi e a inveire!...A bocca aperta

    ps: No non ti dico quando sarà operativo! leggete quel cavolo di articolo!
  • Fornisco solo il mio parere, dicendo che questo è un bell'esempio di alternativa e collaborazione insieme.
    Gli europei che si esprimono dietro questo progetto, mostrano di saper fare vera concorrenza, migliorando e persino integrando il sitema GPS statunitense.

    Avanti così Europa! In mezzo a tante incongruenze e sbagli, dimostriamo che un'alternativa pluralista può solo giovare all'uomo.

  • - Scritto da: Birzio
    > Fornisco solo il mio parere, dicendo che questo è
    > un bell'esempio di alternativa e collaborazione
    > insieme.
    > Gli europei che si esprimono dietro questo
    > progetto, mostrano di saper fare vera
    > concorrenza, migliorando e persino integrando il
    > sitema GPS statunitense.
    >
    > Avanti così Europa! In mezzo a tante incongruenze
    > e sbagli, dimostriamo che un'alternativa
    > pluralista può solo giovare all'uomo.

    gli europei che si esprimono dietro questo progetto hanno già "espresso" le terga agli americani.
    Infatti il progetto mirava ad una rete tipo gps dalla precisione "centimetrica"; ma accordi con l'esercito americano hanno fatto sì che concordassero alla fine una precisione meno elevata, chiaramente per il solito discorso del pericolo terrorismo, e alla fine questa rete satellitare non sarà altro che uno spreco ridondante, visto che farà tutto quello che il gps faceva da sè. (mentre c'era la possibilità di creare sistemi di navigazione satellitari innovativi e più precisi che avrebbero dato nascita ad una serie di nuovi servizi)
  • - Scritto da: avvelenato

    > gli europei che si esprimono dietro questo
    > progetto hanno già "espresso" le terga agli
    > americani.
    > Infatti il progetto mirava ad una rete tipo gps
    > dalla precisione "centimetrica"; ma accordi con
    > l'esercito americano hanno fatto sì che
    > concordassero alla fine una precisione meno
    > elevata, chiaramente per il solito discorso del
    > pericolo terrorismo, e alla fine questa rete
    > satellitare non sarà altro che uno spreco
    > ridondante, visto che farà tutto quello che il
    > gps faceva da sè. (mentre c'era la possibilità di
    > creare sistemi di navigazione satellitari
    > innovativi e più precisi che avrebbero dato
    > nascita ad una serie di nuovi servizi)

    Che vuol dire? Che c'e ntra il terrorismo coni nostri satelliti? Non ho capito le motivazioni degli USA.
  • I sistemi di rivelamento di posizione possono essere utilizzati a scopi militari e terroristici ed in effetti il maggior motivo per la costruzione della rete GPS e' stato quello militare(e mi pare che tuttora la rete sia gestita da qualche agenzia militare) ed il sistema e' veramente utilizzato dai militari
    La preoccupazione degli USA (ma non solo presumo anche di altri stati compreso quelli europei) e' che un sistema preciso potrebbe favorire i terroristi (come lo lascio a te immaginare ... non e' che si possono pubblicare certe cose)

    ma il punto piu' importante (da quello che capisco del messaggio precedente, io non sono piu' aggiornato sull'argomento) e' che il sistema europeo e' diventato molto simile a quello americano abbandonando non solo la migliore precisione ma anche altri tipi di servizi che erano inizialmente stati previsti.

  • - Scritto da: AnyFile
    > I sistemi di rivelamento di posizione possono
    > essere utilizzati a scopi militari e terroristici

    Non so cosa si intenda per terrorismo, comunque se la questione è quella dell'11 settembre quando sono crollate le torri gemelle allora mi pare di ricordare che il sistema Galileo è in studio da molti anni prima e sempre con l'opposizione americana.

    Se invece con terrorismo si intende una forma mentale di tipo militare allora allora questo problema era solo USA e non europeo.

    Se con terrorismo si intende una scusa per l'imperialismo nel senso di controllo usa allora concordo, in quanto allora si diceva proprio questo.

    Faccio notare che con estrema facilità su questo forum ma poi anche nella realtà si scambiano di date i fatti, della seria i fini giustificano i mezzi o roba simile.

    Se non sto ricordando male credo che il terrorismo sia una scusante a posteriori.

  • - Scritto da: Sandro kensan
    >
    > - Scritto da: AnyFile
    > > I sistemi di rivelamento di posizione possono
    > > essere utilizzati a scopi militari e
    > terroristici
    >
    > Non so cosa si intenda per terrorismo, comunque
    > se la questione è quella dell'11 settembre quando
    > sono crollate le torri gemelle allora mi pare di
    > ricordare che il sistema Galileo è in studio da
    > molti anni prima e sempre con l'opposizione
    > americana.
    >
    > Se invece con terrorismo si intende una forma
    > mentale di tipo militare allora allora questo
    > problema era solo USA e non europeo.
    >
    > Se con terrorismo si intende una scusa per
    > l'imperialismo nel senso di controllo usa allora
    > concordo, in quanto allora si diceva proprio
    > questo.
    >
    > Faccio notare che con estrema facilità su questo
    > forum ma poi anche nella realtà si scambiano di
    > date i fatti, della seria i fini giustificano i
    > mezzi o roba simile.
    >
    > Se non sto ricordando male credo che il
    > terrorismo sia una scusante a posteriori.

    beh, fino a un certo punto, visto che i sistemi guida per missili sono forse l'applicazione principe delle tecnologie come il gps. una vera.... killer applicazion, la definizione mi sembra calzi a pennello, purtroppo.

    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo

    > beh, fino a un certo punto, visto che i sistemi
    > guida per missili sono forse l'applicazione
    > principe delle tecnologie come il gps. una
    > vera.... killer applicazion, la definizione mi
    > sembra calzi a pennello, purtroppo.

    Concordo, avere un sistema Galileo significa avere missili che possono colpire il nemico senza chiedere il consenso USA.

    Ma la questione riguarda il sistema di precisione Galileo che gli USA non hanno voluto. Gli americani fanno (mi pare) una guerra ogni due-tre-quattro anni (mi pare mediamente ogni due anni), quindi hanno parecchi nemici sparsi per il globo, per questo avevano timore di rappresaglie.

  • - Scritto da: Sandro kensan
    > Concordo, avere un sistema Galileo significa
    > avere missili che possono colpire il nemico senza
    > chiedere il consenso USA.

    Ma lo sai che ogni volta che voglio chiedere al mio navigatore satellitare di andare da qualche parte devo mandare una lettera alla casa bianca?A bocca aperta

    Ah scusa ma i missili contro l'"america" non userebbero MAI il galileo!

    xche? semplice xche gli americano possono facilmente oscurare il sistema galileo, ma non possono farlo allo stesso modo contro il gps o si tagliano le gambe da soli...

    Ma forse per credere negli UFO e nelle cospirazioni la logica è un optional... scusa!

  • > Non so cosa si intenda per terrorismo, comunque
    > se la questione è quella dell'11 settembre quando
    > sono crollate le torri gemelle allora mi pare di

    Dunque... per terrorismo si intende il terrorismo islamico, quello al momento piu' pericoloso per la civilta' occidentale. Certamente se si devono mettere a punto sistemi di controllo capillari tanto vale allora risolvere anche altri piccoli focolai di terrorismo locale, tipo irlandese, basco, corso, anarchico, varie forme di marxismo, blackblocks, animalisti etc.

    Quanto all'11 settembre, gli attacchi di UBL erano iniziati ben prima, vedi ambasciate, vedi USS Cole e in un quadro piu' generale l'avanzata dell'islam radicale e' in atto da decenni in africa ed estremo oriente, mentre l'attenzione della civilta' era tutta rivolta verso l'ex pericolo marxista.

    Semmai l'11 settembra e' stata la dichiarazione ufficiale di guerra dell'islam radicale... ed anche un punto di svolta. Da allora e' iniziata la conversione di armamenti e strategie che ci portera' ad avere gli strumenti per affrontare questa nuova sfida.

    Una cosa simile e' accaduta negli anni 50 quando reduci dalla sconfitta del nazismo, ci si e' dovuti dotare di nuove armi e strategie per combattere il marxismo.
    Come vedi la civilta' e' sempre messa alla prova da nuove sfide... chissa' i nostri nipoti che sfide affronteranno... beh per ora concentriamoci sulle nostre Sorride


    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo

    > Quanto all'11 settembre, gli attacchi di UBL
    > erano iniziati ben prima, vedi ambasciate, vedi
    > USS Cole e in un quadro piu' generale l'avanzata
    > dell'islam radicale e' in atto da decenni in
    > africa ed estremo oriente, mentre l'attenzione
    > della civilta' era tutta rivolta verso l'ex
    > pericolo marxista.
    >
    > Semmai l'11 settembra e' stata la dichiarazione
    > ufficiale di guerra dell'islam radicale... ed
    > anche un punto di svolta. Da allora e' iniziata
    > la conversione di armamenti e strategie che ci
    > portera' ad avere gli strumenti per affrontare
    > questa nuova sfida.

    Gli storici sapranno datare l'inizio del terrorismo molto prima delle date che citi tu. In particolare l'avanzata dell'islam radicale si può forse datare dai tempi delle crociate e anche prima.

    Il così detto "scontro di civiltà" ovvero il problema dell'integralismo (islamico) è da millenni che esiste, in questo senso atti di terrorismo se ne possono trovare almeno uno all'anno almeno per chi come te è attento all'islam radicale.

    Gli attentati suicidi in Israele non erano forse le prime truppe del terrorismo? L'Intifada non è terrorismo? Direi che si può datare almeno al 1967 l'inizio del terrorismo ma tu saprai fare meglio.
  • > gli europei che si esprimono dietro questo
    > progetto hanno già "espresso" le terga agli
    > americani.
    > Infatti il progetto mirava ad una rete tipo gps
    > dalla precisione "centimetrica"; ma accordi con
    > l'esercito americano hanno fatto sì che
    > concordassero alla fine una precisione meno
    > elevata, chiaramente per il solito discorso del
    > pericolo terrorismo,

    Concordo!

    La precisione "al centimetro" progettata inizialmente avrebbe avuto conseguenze inimmaginabili. La prima che mi viene in mente... muratori senza metro, sostituito da una penna elettronica! Cioè la possibilità di costruire edifici in coordinate assolute senza necessità di rilievi...

    Con quello attuale non si potrà!
    non+autenticato