Sony BMG spera nel ritiro dei CD infetti

L'azienda conta di spegnere il fuoco delle polemiche annunciando lo stop alla distribuzione degli album che contengono la tecnologia anticopia denunciata e criticata da ogni dove. Microsoft rassicura: lo tratteremo come malware

Roma - Se qualcuno aveva dei dubbi sulla potenza mediatica di un blog ben fatto dovrà ricredersi: si deve infatti al lavoro di un talentuoso e noto informatico e al suo blog se nelle scorse ore Sony BMG ha annunciato di voler ritirare dal mercato la tecnologia XCP (Extended Copy Protection), quella che nelle ultime due settimane ha portato l'azienda sotto il fuoco di critiche feroci sviluppatesi su scala internazionale.

Oltre al ritiro dei CD contenenti XCP, in una nota Sony BMG ha fatto sapere di voler "riesaminare tutti gli aspetti delle nostre iniziative per la protezione dei contenuti affinché continuino a soddisfare i nostri obiettivi di sicurezza e semplicità lato utente". Per il momento Sony non ha commentato le denunce e le polemiche di questi giorni.

Secondo Mark Russinovich, appunto il blogger che ha per primo parlato della cosa, Sony avrebbe dovuto ritirare XCP "immediatamente". Russinovich ha criticato l'azienda perché non ha ammesso di aver sbagliato né ha promesso che mai in futuro avrebbe nuovamente utilizzato questo genere di tecnologie.
E come se non bastassero i trojan che sfruttano le tecnologie Sony BMG, l'operazione trasparenza di EFF e i distinguo della "collega" EMI, ora su Sony BMG è piovuta anche la presa di posizione di Microsoft.

In una nota pubblicata sul sito Technet dell'azienda da parte del team "anti-malware" di Microsoft, si specifica come i rootkit, ed è un rootkit anche quello installato da Sony BMG sui PC dei propri utenti a loro insaputa, "hanno un impatto chiaramente negativo non solo sulla sicurezza ma anche sull'affidabilità e la performance dei sistemi".

Nella nota Microsoft ha annunciato che i propri software anti-malware, come quelli annunciati nei giorni scorsi sono stati programmati per individuare e rimuovere il softwarillo diffuso dal colosso nipponico. Una scelta simile l'aveva annunciata nei giorni scorsi anche Computer Associates.

Nel frattempo, ulteriori critiche sull'operazione di Sony BMG sono arrivate dall'ex direttore che in Apple si occupava della commercializzazione delle applicazioni iPod, Mike Evangelist, secondo cui l'uso delle tecnologie DRM (Digital Rights Management) da parte dell'industria non è equilibrato. "L'ultimo episodio della guerra tra società della musica e clienti paganti - ha dichiarato - in cui Sony ha deciso che è OK prendere surrettiziamente controllo del tuo PC in modo da impedirti di copiare la musica che hai comprato da loro, mi ha fatto valicare un confine". "Ogni giorno che passa - ha affermato - diventa sempre più ovvio che gli avvoltoi ("greedy bastards", ndr.) che gestiscono queste società preferiscono trattare me e tutti i loro altri clienti come criminali".

Evangelist si è anche detto critico del sistema DRM di Apple iTunes, di recente preso di mira dai consumatori europei, spiegando che "quelle restrizioni sono meno discutibili di altre ma, nonostante questo, ho dovuto utilizzare software di terze parti per rimuovere il DRM in modo tale da poter ascoltare la mia musica sul mio player Roku". Secondo Evangelist, la scelta è una sola: "Da questo momento in poi non spenderò un solo cent su contenuti che non posso usare come mi piace. Se non posso copiarli sul mio disco rigido e fruirne con i dispositivi che voglio, quando e dove voglio, non li comprerò. Fine della storia".
27 Commenti alla Notizia Sony BMG spera nel ritiro dei CD infetti
Ordina
  • che cosa ne direste di mettere in guardia quelli che non sono ancora cascati nella rete in modo che non comprino cd irrimediabilmente illeggibili ?
    non si può organizzare una lista di questi cd "inutilizzabili" ?
    (inutilizzabili significa che lo stereo della macchina non li legge, il pc non li legge, nemmeno con programmi "evoluti")

    il primo lo metto io:
    - Playing The Angel dei Depeche Mode (EMI Music)
    non+autenticato
  • > non si può organizzare una lista di questi cd
    > "inutilizzabili" ?
    > il primo lo metto io:
    > - Playing The Angel dei Depeche Mode (EMI Music)

    sicuro? Io l'ho letto (e rippato) tranquillamente con Windows Media Player...Perplesso
    non+autenticato
  • Altro che sperare in una scappatoia!!!! Così imparano a mettere quelle protezioni del caxxo E CON I SOLDI RISPARMIATI ABBASSANO I PREZZI!!!!
    E GLI ALTRI A SEGUIRE!
    Arrabbiato
    non+autenticato
  • quoto

    Da questo momento in poi non spenderò un solo cent su contenuti che non posso usare come mi piace. Se non posso copiarli sul mio disco rigido e fruirne con i dispositivi che voglio, quando e dove voglio, non li comprerò. Fine della storia".

  • - Scritto da: lele2
    > quoto
    >
    > Da questo momento in poi non spenderò un solo
    > cent su contenuti che non posso usare come mi
    > piace. Se non posso copiarli sul mio disco rigido
    > e fruirne con i dispositivi che voglio, quando e
    > dove voglio, non li comprerò. Fine della storia".

    Clap clap clap!
    E' piaciuta anche a me, quoto anch'io!
    A bocca aperta
    non+autenticato

  • - Scritto da: lele2
    > quoto
    >
    > Da questo momento in poi non spenderò un solo
    > cent su contenuti che non posso usare come mi
    > piace. Se non posso copiarli sul mio disco rigido
    > e fruirne con i dispositivi che voglio, quando e
    > dove voglio, non li comprerò. Fine della storia".

    Un altro che e' giunto alla mia stessa conclusione.

    >GT<
  • "Avidi bastardi" è la traduzione letterale di "greedy bastards" citata dal blog di Mike Evangelist (come riportato in questo post http://chartitalia.blogspot.com/2005/11/avidi-bast...

    Cosa c'entra la traduzione da educande "avvoloti" riportata da PI? Bah, sarà la sindrome censoria che imperversa sui forum di PI...
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > "Avidi bastardi" è la traduzione letterale di
    > "greedy bastards" citata dal blog di Mike
    > Evangelist (come riportato in questo post
    > http://chartitalia.blogspot.com/2005/11/avidi-bast
    >
    > Cosa c'entra la traduzione da educande "avvoloti"
    > riportata da PI? Bah, sarà la sindrome censoria
    > che imperversa sui forum di PI...

    Nel corrierino dei piccoli, altra testata molto letta da numerosi lettori di PI, certe volgarità non si usano. PI si addegua
    non+autenticato
  • Acquistata per la mia vettura nuova un mese fa'.......apro la scatola....installo il tutto correttamente....prendo il manuale....spulcio le varie impostazioni dell'autoradio....setto tutto....poi mi cade l'occhio su un avvertenza..e riporto testualmente...." ...questo apparecchio e' stato progettato per la riproduzione di dischi conformi allo standard CD. Recentemente alcune case discografiche hanno lanciato vari dischi audio codificati mediante tecnologie drm. Si noti che alcuni di questi dischi non sono conformi allo standard CD e pertanto non e' possibile riprodurli utilizzando il presente prodotto".......Pag. 13 Lingua Italiana dell'autoradio Sony Xplod cdx2250v.

    In compenso legge qualsiasi tipo di mp3 che e' un piacere...........geniacci!!
  • Recentemente alcune
    > case discografiche hanno lanciato vari dischi
    > audio codificati mediante tecnologie drm. Si noti
    > che alcuni di questi dischi non sono conformi
    > allo standard CD e pertanto non e' possibile
    > riprodurli utilizzando il presente
    > prodotto".......Pag. 13 Lingua Italiana
    > dell'autoradio Sony Xplod cdx2250v.
    >
    > In compenso legge qualsiasi tipo di mp3 che e' un
    > piacere...........geniacci!!

    Mi viene il dubbio che abbiano qualche piccolissimo problema di comunicazione interna tra i vari rami dell'azienda...oppure fanno finta di fare i fessi!

    Il tuo esempio (che pare paradossale) sintetizza il quadro della situazione meglio di ogni possibile dissertazione sull'argomento.
    non+autenticato
  • Se ti vendono un "CD" che "non è CD" puoi sempre fare una denuncia per truffa. La fregatura qui in Italia è che non esistono le "class action" altrimenti l'"industria delle fragature" andrebbe a carte 48. Mi sembra di ricordare che su "NewGlobal.it" s'è parlato di un modulo da compilare e inviare a non-so-chi per il risarcimento dell'acquisto *tarocco*.

    Ciao
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Se ti vendono un "CD" che "non è CD" puoi sempre
    > fare una denuncia per truffa. La fregatura qui in
    > Italia è che non esistono le "class action"
    > altrimenti l'"industria delle fragature" andrebbe
    > a carte 48. Mi sembra di ricordare che su
    > "NewGlobal.it" s'è parlato di un modulo da
    > compilare e inviare a non-so-chi per il
    > risarcimento dell'acquisto *tarocco*.
    >
    > Ciao

    Non hai mai notato che ultimamente dai "CD" in vendita è scomparso il marchio "Compact Disk"?
    E' perché Philips non ermette ai supporti non conformi alle sue specificha di utilizzare quel marchio.
    Tra parentesei se hanno il marchio NON hanno sistemi anticopia!

    Il 90% degi album musicali in vendita NON sono CD
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo

    > Mi viene il dubbio che abbiano qualche
    > piccolissimo problema di comunicazione interna
    > tra i vari rami dell'azienda...oppure fanno finta
    > di fare i fessi!

    Ma pensate che i vari reparti di aziende multinazionali e "multigenere" come Sony, Philips ecc ecc parlino fra di loro? Sono aziende talmente grandi che sono a livelli di burocrazia interna pari a quelli di uno stato. Triste, ma è così.
    (triste soprattutto perchè delle aziende siano grosse e potenti come uno stato)
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 7 discussioni)