MDC critica il call center Infostrada

I consumatori ritengono che i servizi di customer care dell'azienda non rispondano alle necessità

Roma - Una semplice telefonata di richiesta assistenza da parte di un utente in merito al difettoso funzionamento della linea ADSL si è trasformata per il titolare dell'utenza in una vera e propria guerra di nervi. E' capitato a Mestre. L'abbonato Infostrada si è infatti rivolto al call center, ma l'addetta che ha risposto si è dichiarata "incompetente", mentre un'altra si è rifiutata di dare il nome della ditta che gestisce il call center e si è limitata a dire che la sua postazione si trovava in Sicilia e che non erano presenti dirigenti a cui poter esprimere le proprie rimostranze. Il malcapitato utente si è quindi trovato costretto ad inviare numerosi fax con richiesta intervento senza però ottenere alcune risposta. A narrare la sventura di un cittadino è il Movimento Difesa del Cittadino (MDC) che si chiede: "Si tratta di una giornata di ordinaria follia o di un sistema operativo di assistenza quanto mai incredibile?".

Purtroppo - continua l'associazione - si tratta sempre più spesso della normalità dal momento che gli addetti al call center non sono dei tecnici e dunque non sono "competenti", e che le richieste di intervento a volte non possono essere evase prontamente perché non sempre il guasto è immediatamente riparabile, del resto però non è possibile rispondere ad un cliente che lamenta un malfunzionamento della posta elettronica che "l'unico modo per inviare la segnalazione è di far partire una e-mail", poiché quanto meno la risposta suona come una presa in giro.

L'abbonato in questione - si legge nel comunicato diffuso da MDC - ha quindi passato due giorni tentando di entrare in contatto con gli addetti e risolvere il problema, ha inviato numerosi fax e ha perso tempo per chiamare numeri che poi dirottano su altri con lunghissime attese senza però aver risolto il problema o quanto meno sapere quale era la causa del malfunzionamento.
MDC invita tutti gli utenti che hanno denunciato un disservizio al call center di Infostrada e non hanno ricevuto le dovute informazioni o si sono scontrati con la maleducazione e il pessimo senso dell'humor degli assistenti al call center ad inviare una protesta formale all'Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni.
TAG: wind
8 Commenti alla Notizia MDC critica il call center Infostrada
Ordina
  • come avere il servizio segreteria telefonica
    non+autenticato
  • Io ho una brutta esperienza con infostrada ora trascriverla tutta è impossibile, sto scrivendo la storia sul mio blog per ora sono a 6 post.
    http://gianux.spazioblog.it
    non+autenticato
  • Utente ? O Utonto ?

    Bisognerebbe anche sapere il livello di conoscenza della persona che ha fatto i reclami: dalla mia esperienza personale di tecnico, almeno il 95 % dei reclami tecnici ha all' origine l' incompetenza di chi lo fà.

    Il problema vero è quel 5% che sà quel che dice ..... e che viene trattato come il restante 95%.
    non+autenticato
  • Quando c'è unproblema e chiami il call center nessuno risponde perchè le linee sono ultraintasate e nessuno sa niente appena riesci a prendere la linea ti dicono che nulla è accaduto!!???
    Non sono in grado di rispondere e lenti in tutto.
    non+autenticato
  • Ben vengano queste iniziative, ce n'e' proprio bisogno.
    Ma del resto cosa si puo' pretendere da ditte che pagano i co.co.pro due lire? I collaboratori delle ditte di call center sono assolutamente quanto di piu' vario si possa trovare: accanto a giovani svegli e informati vagano altri disperati alla ricerca di un tozzo di pane...
    Pensando a loro mi assale la tristezza, solo dopo, molto dopo, il pensiero mi va alle terribili esperienze che si hanno quotidianamente con molti di loro, se si ha la disavventura di doverli contattare.
    Forse pagandoli un po' di piu' e formandoli un po' di piu' la situazione migliorerebbe parecchio. Ma esistono ancora imprenditori lungimiranti che offrono qualita'???
    Ormai si guarda solo al risparmio...... altro che tristezza, depressione!!!
    non+autenticato
  • Concordo. Per questo attualmente i dipendenti delle TLC scioperano perche' a 10 mesi dalla scadenza del contratto colelttivo non sono riusciti ad arrivare ad un accordo per il rinnovo contrattuale.
    I sindacati insistono perche' le aziende che gestiscono servizi per conto di aziende di telecomunicazioni debbano inquadrare i dipendenti con contratto di telecomunicazioni. In questo modo si taglierebbero le valanghe di co.co.pro. (finti.. dato che non sono lavori a progetto) e si obbligherebbero le aziende ad una maggiore formazione. Le aziende di Telecomunicazioni replicano che tale accordo viola la liberta' imprenditoriale.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Ben vengano queste iniziative, ce n'e' proprio
    > bisogno.
    > Ma del resto cosa si puo' pretendere da ditte che
    > pagano i co.co.pro due lire? I collaboratori
    > delle ditte di call center sono assolutamente
    > quanto di piu' vario si possa trovare: accanto a
    > giovani svegli e informati vagano altri disperati
    > alla ricerca di un tozzo di pane...
    > Pensando a loro mi assale la tristezza, solo
    > dopo, molto dopo, il pensiero mi va alle
    > terribili esperienze che si hanno quotidianamente
    > con molti di loro, se si ha la disavventura di
    > doverli contattare.
    > Forse pagandoli un po' di piu' e formandoli un
    > po' di piu' la situazione migliorerebbe
    > parecchio. Ma esistono ancora imprenditori
    > lungimiranti che offrono qualita'???
    > Ormai si guarda solo al risparmio...... altro che
    > tristezza, depressione!!!


    sono dei ragazzi pagati 50 centesimi a chiamata ,sono i loro superiori cialtroni a dire ai ragazzi di non tirarla per le lunghe e a loro conviene prendere più chiamate possibili ,io mi ci sono fatto tante belle litigate ,poi il massimo è quando ti capitano quelli che ti insultano ,fanno gli "spiritosi" o ti sbattono il telefono in faccia dopo appena 40 minuti che aspetti. Con telecom invece se ho un problema di adsl me lo risolvono...... e sono il primo a dire che se non l'avessi visto e vissuto non ci avrei mai creduto