nVIDIA GeForce 7800 GTX 512

Il nuovo bolide nVIDIA, dotato di 512 MB di memoria e frequenze superiori

nVIDIA GeForce 7800 GTX 512Per lungo tempo Nvidia ha goduto della supremazia tecnologica nel campo dei chipset video, precisamente dall'avvento di NV40 (GeForce 6800), supremazia ancor più radicata in seguito grazie alla tecnologia SLI che consente di utilizzare due schede video in contemporanea, ottenendo fino al 100% di prestazioni in più. La presentazione dell'ultimo chip G70 non ha fatto altro che rafforzare maggiormente questo vantaggio tecnologico.

Poco tempo fa ATI Technologies ha presentato la nuova soluzione di fascia alta, ATI Radeon X1800 XT, prodotto in grado di rivaleggiare con l'ultima creatura nVIDIA ad armi pari. I nuovi prodotti ATI, dalle X800 in poi (esclusa qualche scheda di fascia economica) godono anch'essi della possibilità di essere montati in una configurazione dual card, che per ATI prende il nome di CrossFire. Le modalità di utilizzo sono leggermente differenti, ma il vantaggio tecnologico dell'avere il doppio della potenza equipaggiando due schede video in contemporanea resta innegabile.

Da premettere che da parte di ATI ultimamente ci sono stati alcuni problemi di "lanci fantasma", ossia di schede disponibili alla stampa e ai tester per la presentazione ufficiale del prodotto, ma che poi non corrispondevano ad una effettiva disponibilità sugli scaffali dei negozi.
Sembrava quindi che con il lancio della famiglia ATI X1000 la lotta tra le due compagnie avesse raggiunto un punto di equilibrio, ma entrambe le compagnie ci hanno abituati a mosse strategiche mirate ad affermare il predominio tecnologico. nVIDIA infatti, non contenta di essere stata eguagliata nelle prestazioni, lancia la nuova GeForce 7800 GTX dotata di 512 MB di veloce GDDR3.

I più informati dovrebbero sapere che un maggior quantitativo di memoria non rappresenta un vantaggio velocistico, specialmente nei casi in cui la memoria viene impostata a frequenze inferiori per far fronte ai costi. In questo caso fortunatamente non è avvenuto niente di simile, in quanto si tratta di un vero e proprio rimodernamento della "vecchia" scheda di punta da parte di nVIDIA.

La frequenza del core è passata infatti da 430 MHz a ben 550 MHz, un miglioramento percentuale del 30% che peserà non poco durante le sessioni di gioco. La frequenza delle memorie è anch'essa aumentata, passando da 1200 MHz (DDR) a ben 1700 MHz, un aumento sostanzioso che porta la banda passante a 54,4 Gb/s, un valore che supera di 10 Gb quello offerto dalla scheda di punta della rivale ATI. Il design della scheda è stato cambiato per venire incontro alle modifiche progettuali, ed ora il dissipatore è più ingombrante della versione GTX precedente, ed è del tutto simile a quello utilizzato per le schede Quadro.

Test e conclusioni
Foto del prototipoMolti i siti del settore che hanno già avuto modo di darci un assaggio delle capacità di queste schede, tra cui l'italianissimo Hardware Upgrade. I vantaggi in termini di frequenza si traducono immediatamente in risultati visibili, anche perchè gli aumenti sono stati sostanziali. I risultati nei test in alta qualità con Doom 3, da sempre applicazione killer per nVIDIA, non danno scampo alla scheda ATI di punta. Gli unici test in cui la ATI X1800 XT mantiene nettamente la supremazia sono quelli relativi ad Half Life 2, dove la scheda nVIDIA viene letteralmente schiacciata dalla soluzione rivale, ancor più abilitando poi i filtri qualitativi.

Anandtech evidenzia un peggioramento in termini di consumo energetico, peggioramento quantificato da nVIDIA in 20 Watt rispetto ai 100 Watt già richiesti dalle GeForce 7800 GTX. La scheda è la più esigente del parco di schede recensite, e quella che contribuisce maggiormente al consumo globale del sistema. Anche Anandtech rileva prestazioni eccezionali, che raggiungono i 90 frame al secondo in modalità SLI anche nel nuovo ed esoso gioco F.E.A.R. Dello stesso parere Tom's Hardware, che nei test di overclock sfonda i 13.000 punti nel test 3DMark 2005 grazie all'utilizzo di due 7800 GTX da 512, portate entrambe a 610 Mhz per il core e con frequenza memoria pari a 1.78GHz.

In conclusione, si tratta attualmente della scheda definitiva per il giocatore definitivo. Il prezzo si aggira per il mercato americano intorno ai 750 dollari, prezzo che solitamente viene tradotto in euro senza farci scomodare con inutili conversioni di valuta. Con soli 3 mila euro sarà ora possibile acquistare il pc più potente del momento, dotandolo di Athlon FX, scheda madre nForce4 SLi e due di queste portentose schedine. Prestando sempre attenzione, ovviamente, al mutuo e alla bolletta Enel.

Giovanni Fedele
TAG: