In Macedonia la maggiore rete wireless

Il paese balcanico potrà vantare un network broad band da 1600 chilometri quadrati, capace di fornire servizi dati e sistemi telefonici anche tra le montagne che caratterizzano il paese

Skopje (FYROM) - La FYROM (Former Yugoslavic Republic of Macedonia) si candida ad essere il primo paese al mondo a disporre di una rete wireless nazionale. Un mesh network che coprirà 1600 chilometri quadrati, per fornire servizi broadband e di telefonia tramite VoIP. On.Net, il maggiore service provider del paese, in collaborazione con Strix Systems, azienda specializzata in soluzioni hardware wireless, hanno infatti varato il progetto che porterà all'implementazione di quello che viene definito un Outdoor Wireless System (OWS) dalle dimensioni impressionanti.

"Questo permetterà ai consumatori, alle imprese e al Governo di sfruttare le potenzialità del Web e favorire lo sviluppo del nostro paese", ha dichiarato Predrag Cemerikic, dirigente di On.Net. Per ora è stata realizzata la copertura della capitale Skopje con servizi broadband e voce: un progetto pilota che ha dimostrato sul campo la qualità delle soluzioni tecnologiche adottate e che ha reso i tecnici piuttosto fiduciosi per il futuro.

Negli scorsi sette mesi On.Net sostiene di aver testato prodotti single e dual radio con risultati mediocri. Il problema più grande sembrerebbe essere legato alla conformazione morfologica del territorio, caratterizzato dalla presenza di vaste aree montane. Solo il sistema multi-radio wireless di Strix ha dimostrato di funzionare egregiamente. Si tratta, infatti, di una soluzione proprietaria che separa ogni funzione, come client access, backhaul ingress e backhaul egress. On.Net si occuperà della standardizzazione dei dispositivi di accesso Strix, così che sia possibile realizzare un piano wireless broadband esportabile in altri paesi in via di sviluppo.
"La Macedonia è nota per le sue montagne e vallate, difficilmente utilizzabili per l'implementazione di una network wireless. Quando a On.Net è stata affidata questa sfida, abbiamo testato ogni soluzione presente sul mercato. I risultati ottenuti sono stati diversi. Solo Strix ci ha permesso di raggiungere il più alto livello di performance con il minore sforzo ingegneristico. La possibilità di disporre di nodi multi-radio che si auto-configurano e forniscono una trasmissione potente, anche nelle zone più difficili, ha dell'incredibile", ha aggiunto Cemerikic.

L'accesso Strix sfrutta le potenzialità di un unico modulo multi-radio e multi-canale in sinergia con un'architettura wireless mesh multi-RF. La latenza è sufficientemente bassa per permettere servizi wireless voce, video e dati. Secondo On.Net la piattaforma è flessibile e scalabile, e quindi facilmente implementabile nel tempo. I network Strix operano simultaneamente, e in multi-canale, sulle frequenze di 2.4 GHz e 5 GHz. Questo permette la separazione del client access dal mesh backbone, con conseguente ottimizzazione del traffico dati e risoluzione degli eventuali problemi di congestione e interferenza.

Dario d'Elia
17 Commenti alla Notizia In Macedonia la maggiore rete wireless
Ordina
  • (Vi faccio un copia- incola dalla e-mail che ho mandato direttamente alla redazione non avendo notato che si possano mettere commenti da utenti non registrati..)
    ---------------------------------------------------------------------------
    ...sul vostro articolo "In Macedonia la maggiore rete wireless"

    Salve,
    So che nel vostro sito, che apprezzo moltissimo e leggo quotidianamente, si parla di informatica, e non di geopolitica, ma credo nel rispetto di tutti il nome "Macedonia" e' sbagliato...

    Il nome ufficiale ed internazionale e' FYROM (Former Yugoslavic Republic of Macedonia) che in italiano e' "Ex Repubblica Yugoslava della Macedonia"

    Probabilmente voi avete usato il termine per ragioni di "economia", ma per me che sono cittadino greco, che abito nella regione geografica Greca della Macedonia, lasciare intendere che FYROM e' la SOLA "Macedonia" crea a chi conosce la questione geopolitica sull' argomento un pochino di rabbia.

    Riguardo la notizia in se...
    Chi vi scrive ne vorrebbe tanto che questa rete fosse attiva proprio in TUTTA la Macedonia e non solo, e spera che anche il governo Greco prenda un buon esempio di politica, che porta internet alla portata di tutti i cittadini, e non di fare aumenti del 284% ! sulle tariffe dial-up per trovare soldi per le pensioni dei dipendenti della compagnia statale delle telecomunicazioni (OTE)...ma questa e' un' altra storia...
    Per finire, colgo l'occasione per farvi per ancora una volta i miei complimenti per la qualita' delle informazioni del vostro sito
    Ringrazio per la vostra attenzione.

    Georgios K
    Torino


    non+autenticato
  • > Salve,
    > So che nel vostro sito, che apprezzo moltissimo e
    > leggo quotidianamente, si parla di informatica, e
    > non di geopolitica, ma credo nel rispetto di
    > tutti il nome "Macedonia" e' sbagliato...

    Sono d'accordo...

    > Il nome ufficiale ed internazionale e' FYROM
    > (Former Yugoslavic Republic of Macedonia) che in
    > italiano e' "Ex Repubblica Yugoslava della
    > Macedonia"

    Il nome ufficiale e costituzionale è Repubblica Macedonia. Il nome FYROM è stato dichiarato ufficiale per il forte lobbi dalla communità greca ma oggi l'America, Germania ma anche tantissimi paesi del mondo hanno riconosciuto che è una stupidagine e la chiamano per il nome costituzionale. I cittadini della Repubblica Macedonia non si sentono FYROM-iani ma Macedoni.

    > Probabilmente voi avete usato il termine per
    > ragioni di "economia", ma per me che sono
    > cittadino greco, che abito nella regione
    > geografica Greca della Macedonia, lasciare
    > intendere che FYROM e' la SOLA "Macedonia" crea a
    > chi conosce la questione geopolitica sull'
    > argomento un pochino di rabbia.
    >

    L'articolo per tutta corettezza dovrebbe dire Repubblica Macedonia che è un termine chiaro e non pretende territori in Grecia come il precedente persona abbia scritto.
    non+autenticato
  • Bisogna avere chiara l'idea però che la Macedonia storica, cioè la patria di Alessandro Magno, è parte della Grecia. In effetti, Alessandro Magno era Greco. Come Creta, come Sparta etc così anche Macedonia.

    Invece FYROM che si vuole chiamare Macedonia non è parte della Grecia. Era parte della Yugoslavia (che non c'è più). Era parte della vecchia Macedonia storica (il terzo nord della regione) ed era parte di un ampio progetto di espansione verso il Sud dell'allora regime.

    Al di là di questioni di propaganda, bisogna informarsi prima di scrivere un articolo. Usare il termine Macedonia è storicamente scorretto. Giochi politici ed economici non hanno rispetto per la Storia, ma almeno aggiungere la questione ed il significato di FYROM, cioè Former Yugoslav Republic of Macedonia, potrebbe aiutare la gente ad imparare una cosa in più. Purtroppo argomenti di questo tipo hanno un peso eccessivo nei Balcani.

    ...ho scritto quello di sopra anche prima di fare il login come risposta...

    Vorrei però sottolineare la questione, perché purtroppo è molto delicato e tra l'altro va avanti da anni. Visto però che nelle Nazioni Unite appare come FYROM, almeno aggiungere qualche spiegazione nell'articolo sarebbe stato molto utile per rispettare le sensibilità di tutte le nazioni coinvolte.
  • si vabbe' chissenefrega se la Macedonia attuale non e' quella dell'antica grecia. Esiste un repubblica di Macedonia ? Si? Bona le'.
    non+autenticato
  • Riguarda le sensibilità di nazioni balcaniche.

    Non puoi capirlo evidentemente...

    Se le Nazioni Unite usano il termine FYROM, allora perché non scriverlo chiaramente?
  • - Scritto da: ioan
    > Riguarda le sensibilità di nazioni balcaniche.
    >
    > Non puoi capirlo evidentemente...
    >
    > Se le Nazioni Unite usano il termine FYROM,
    > allora perché non scriverlo chiaramente?

    Perche' come la stragrande maggioranza delle persone su questo pianeta ha cose piu' importanti a cui pensare.
    I macedoni greci morti e stramorti si sono lamentati? No. Le pere, fragole e mele stagliuzzate si sono lamentate? No. Non iniziare te, il senso dell' articolo e' chiaro. I macedoni antichi il wifi non ce l' avevano, confusione non viene creata
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Perche' come la stragrande maggioranza delle
    > persone su questo pianeta ha cose piu' importanti
    > a cui pensare.
    > I macedoni greci morti e stramorti si sono
    > lamentati? No. Le pere, fragole e mele
    > stagliuzzate si sono lamentate? No. Non iniziare
    > te, il senso dell' articolo e' chiaro. I macedoni
    > antichi il wifi non ce l' avevano, confusione non
    > viene creata

    Se uno vuole sapere, allora ha tempo da perdere, altrimenti tiene la sua ignoranza e va avanti.

    E' una grave mancanza usare un nome che non rispetta le sensibilità di una nazione.

    Taiwan e Taipei è un esempio.

    Kosovo è un altro.

    Nella zona dei Balcani si è basato anche a scuse minori per fare propaganda e finire in un bagno di sangue, anche ora nell'era del wifi... Fino a qualche anno fa si aveva paura della possibilità di guerra civile da quelle parti ed ora si fa finta di niente?

    Per favore... un po' di rispetto e di informazione non fa male a nessuno.

    A chi non piace sapere, può smettere di perdere tempo...
  • Caro amico/a

    L'ignoranza è il difetto peggiore che possa avere una persona.


    Veramente mi sorprende la tua reazione quando l'Italia è un paese che insegna il greco antico (5 anni di liceo classico) e la storia greca.

    Imparare nuove cose non nuoce.



    non+autenticato
  • da tutti, ma proprio tutti i paesi del mediterraneo... almeno una volta eravamo dietro ai "grandi", ora siamo dietro pure a un paese che non si sa bene che nome abbia... mah...
    W le tre i (una stava per inc*lata?)
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > W le tre i (una stava per inc*lata?)


    Anche le altre 2 A bocca aperta
    non+autenticato
  • concordo, con tutto il rispetto per quel paese, che si è dimostrato all'avanguardia.. diamoci na mossa
    non+autenticato
  • No... in Italia c'è conorrenza Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere
    non+autenticato
  • a meno che non siate Turchi, chiamatela FYROM (Former Yugoslavian Republic of Macedonia)... La Macedonia come Stato non esiste, in quanto è stata riconosciuta con il suo nome costituzionale solo dalla Turchia.
    non+autenticato
  • cosa stai dicendo?

    il fatto che altri paesi non la riconoscano (è la Grecia che sta bloccando a livello internazionale il riconoscimento del nome Macedonia), non vuol dire che la nazione dal nome MACEDONIA non esista...

    trollino...
    non+autenticato
  • Bisogna avere chiara l'idea però che la Macedonia storica, cioè la patria di Alessandro Magno, è parte della Grecia. In effetti, Alessandro Magno era Greco. Come Creta, come Sparta etc così anche Macedonia.

    Invece FYROM che si vuole chiamare Macedonia non è parte della Grecia. Era parte della Yugoslavia (che non c'è più). Era parte della vecchia Macedonia storica (il terzo nord della regione) ed era parte di un ampio progetto di espansione verso il Sud dell'allora regime.

    Al di là di questioni di propaganda, bisogna informarsi prima di scrivere un articolo. Usare il termine Macedonia è storicamente scorretto. Giochi politici ed economici non hanno rispetto per la Storia, ma almeno aggiungere la questione ed il significato di FYROM, cioè Former Yugoslav Republic of Macedonia, potrebbe aiutare la gente ad imparare una cosa in più. Purtroppo argomenti di questo tipo hanno un peso eccessivo nei Balcani.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > a meno che non siate Turchi, chiamatela FYROM
    > (Former Yugoslavian Republic of Macedonia)... La
    > Macedonia come Stato non esiste, in quanto è
    > stata riconosciuta con il suo nome costituzionale
    > solo dalla Turchia.

    Precisando la precisazione, la Repubblica Macedonia è stata riconosciuta con il nome costituzionale da 3 dei 5 membri permanenti del Consiglio per la Sicurezza ed oltre 100 paesi con accordi bilaterali. Cito alcuni come gli Stati Uniti, la Germania, Slovenia, Polonia (questi tre già stati dell Unione Europea). Non lo dico io ma Konstantinos Hadzidakis, l'europarlamentare greco.
    Ah si, c'è anche la Turchia è veroSorride
    Mehraba alla Turchia.
    non+autenticato