Tor al servizio dell'utente italiano

L'anonimato concesso da questo celebre tool è ora al centro di una nuova iniziativa del Progetto Winston Smith, che continua a dar vita a strumenti per liberare l'utente dal monitoraggio e dal tracciamento. I dettagli

Roma - C'è ancora una volta il Progetto Winston Smith (PWS) dietro una delle iniziative più interessanti in merito ad anonimato online e libertà di espressione: il Progetto ha infatti annunciato di aver aggiornato il proprio sito alla versione 17 e di averlo reso disponibile anche in una nuova modalità, ovvero come hidden service di Tor.

Tor, come non tutti sanno, è una rete di proxy crittografici anonimizzanti, disponibile per tutte le piattaforme più diffuse: come client, permette di utilizzare qualsiasi servizio TCP (ad esempio consultare un sito web) in forma anonima, mentre come server consente di dar vita appunto a hidden service accessibili via TCP, consultabili come mezzi normali, ma la cui locazione rimane ignota.

"Per accedere al sito del Progetto come hidden service - si legge in una nota diffusa dal PWS - è necessario installare due programmi, Tor stesso e Privoxy, ed utilizzare il proxy locale così creato, inserendolo nelle preferenze del vostro browser. L'operazione è molto semplice, e se utilizzate la distribuzione GNU/Linux Debian, si realizza in meno di due minuti". Effettuata questa piccola operazione è sufficiente collegarsi alla URL http://bedomnoligrjoykk.onion/ ("se il vostro client Tor non si fosse ancora ben connesso - avverte il PWS - potreste dover ricaricare la pagina un paio di volte").
"L'hidden service del sito - precisa il PWS - è una prova di fattibilità, e non sostituisce ma integra il sito caricato su Freenet ed i mirror realizzati da privati ed associazioni".

Per scaricare il file originale, con elenco dei mirror di PWS e la firma GnuPg clicca qui.
TAG: privacy
140 Commenti alla Notizia Tor al servizio dell'utente italiano
Ordina
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | Successiva
(pagina 1/4 - 18 discussioni)