Scenari/ La chat che cambia

di A. de Lachenal. Da quelle testuali a quelle grafiche, con strumenti in continua evoluzione, le chat integrano anche games e messaging. I link

Roma - Molti sono i meriti di internet e tra questi anche l'essere un veicolo e un ambiente ideale per lo sviluppo delle chat che, assieme a posta elettronica, forum, newsgroup e mailing list, è uno dei modi per interagire più usati dagli utenti della rete, ovunque essi siano. Tuttavia nella chat la comunicazione è sincrona, cioè avviene in tempo reale, a differenza della asincronia cui sono vincolati strutturalmente gli altri quattro casi menzionati.

Oltre alle chat testuali, quelle di IRC o dei classici sparamessaggini come ICQ, si vanno diffondendo ormai anche le chat arricchite da programmazione in Java o Flash che consentono all'utente, per esempio, di "muovere" un proprio personaggio in ambienti bidimensionali o (pseudo)tridimensionali, un po' come nei videogiochi con visuale in terza persona.

L'unione di queste due caratteristiche comporta una maggiore vivacità, cioè la chat ha più presa (è quindi più usata) sugli utenti più giovani e/o smaliziati, abituati "naturalmente" alle novità tecnologiche - basti pensare alla diffusione degli Sms, una funzionalità agli inizi snobbata da tutti. Quindi recentemente c'è stata una proliferazione dello strumento-chat, sulle cui ultime evoluzioni diamo qui una rapida panoramica.
Active Worlds è il capostipite, essendo nato nel 1995 e quindi potendo vantare vasta esperienza e diffusione. Tuttavia la fruizione non è immediata: se download e accesso base sono gratuiti, occorre pur sempre installare e configurare il software. Inoltre, come per esempio nella britannica Dubit, alcune funzionalità avanzate sono a pagamento - un'opzione in genere aborrita dai netsurfer.

Altri esempi, alcuni dei quali tentano anche nuovi modelli di business pubblicitario, sono l'albergo Habbo, Virtual 3-D Chat, Outerworlds, oppure anche Il mondo di Pasi, sul sito svizzero Jippi, o lo sviluppatore inglese Jaggex. Queste ultime due sono soprattutto siti di giochi online, un po' sul modello dell'ottimo sito inglese Microsoft Gaming Zone o piuttosto Yahoo (anche nella versione italiana, seppur meno ricca), dove quindi in realtà la chat serve soprattutto per contattare altri utenti e invitarli a fare una partita in multiutenza.

In Italia Ludonet SpA ha creato un'applicazione client-server in Java, SurfAce, in cui chat e giochi hanno pari dignità perché incentrate sul concetto di community online. Completamente gratuita, a differenza di altri siti come per esempio Instant-Touch.
Alla chat 2D si accede previa registrazione e consente di scegliersi (e cambiare in qualsiasi momento) il proprio "avatar", il tutto condito da un sistema di gestione della messaggistica interna dotato di opzioni, come invio e-mail o Sms. Ogni "pupazzetto" si muove con i tasti cursore su 3 livelli (stile gioco platform) e visualizza i testi digitati come fossero dei fumetti. Inoltre sono visibili vari messaggi: scorrevoli sulla fascia superiore, emessi da un personaggio-bot e anche in un half-banner che occupa una posizione abbastanza centrale, senza però nuocere alle interazioni fra personaggi.

Alessandro de Lachenal
Ludonet
TAG: italia
18 Commenti alla Notizia Scenari/ La chat che cambia
Ordina
  • Non cadiamo in queste trappole pubblicitarie da due soldi!!
    non+autenticato
  • Non andrei su ludonet neanche se mi pagassero 2 milioni di euro all'ora.

    - Scritto da: NiKy
    > Non cadiamo in queste trappole pubblicitarie
    > da due soldi!!
    non+autenticato
  • che è ludonet? O_o
    non+autenticato
  • Qual è il problema: il sito ha accesso gratuito, si può chattare e ci sono 10 giochi in multiutenza (il tutto sempre gratis, ripeto!), senza pubblicità ci sta andando abbastanza regolarmente qualche migliaio di utenti che si divertono (dice nulla l'espressione "soddisfazione del cliente"?)... in fondo non è questo che vogliono i navigatori di Internet?

    - Scritto da: cgc
    > Non andrei su ludonet neanche se mi
    > pagassero 2 milioni di euro all'ora.
    >
    > - Scritto da: NiKy
    > > Non cadiamo in queste trappole
    > pubblicitarie
    > > da due soldi!!
    non+autenticato
  • Ma questo non aveva nient'altro da fare?????!!???!!
    non+autenticato


  • - Scritto da: BauX
    > Ma questo non aveva nient'altro da
    > fare?????!!???!!


    Ops mi ha sbagliato commento alla notizia..... ?
    non+autenticato
  • Faccio presente che ci sono un po' i link mischiati nell'articoloSorride
    non+autenticato
  • .. ovviamente per chi ama i giochi di ruolo... esistono infatti in italia (e penso anche all'estero) siti dinamici fatti in PHP o ASP che permettono a chi è iscritto di vivere una vita virtuale seguendo le regole del "mondo" dove si trova...

    "extremelot" è una sorta di medioevo fantasy
    "l'isola di Mon", "extramondo", "mediaevi", "il casato degli On-Line" sono sempre sul generis...
    uniche che si contraddistinguono al fantasy sono "Athenet" (ambientata nell'antica grecia) e "cyberTown"(ambientata nel futuro)
    e di sicuro molte altre ne verranno... chissà... magari ne farò una proprio ioCon la lingua fuori

    inoltre per i più tamarri(Con la lingua fuori) esiste anche "superfighetto e megatipina" pubblicizzata da una marca di prodotti di bellezza... é__è

    o il bel giochetto chiamato "virtualpub" molto carino... ma per quest'ultimo bisogna scaricarsi un client ed accedere al gioco tramite quello... come i più classici MUD (multi-user-dungeon)

    quindi come vedete l'evoluzione delle chat è davvero avvenuta...   a mio avviso la gente di internet ha bisogno di posti come "le città virtuli" citate da me qua sopra... per potersi estraniare dalla realtà che li circonda... per vivere per qualche ora avventure mai viste...

    bhe... non male...Sorride

    e voi che ne pensate?
    non+autenticato
  • anche se ci sono degli elementi comuni, x riflettere bene su questi fenomeni nuovi bisogna fare dei distinguo:
    c'erano una volta le chat testuali (tipo IRC) e storicamente in parallelo i MUD; poi sono cambiati i videogiochi, da Doom ai FPS attuali; le città virtuali rientrano a mio parere nell'ambito delle communities. Eccetera...
    Il mio articolo verteva solamente sulle chat senza sconfinare in altri settori, ognuno dei quali richiederebbe considerazioni diverse, a mio avviso.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Alessandro de Lachenal
    > anche se ci sono degli elementi comuni, x
    > riflettere bene su questi fenomeni nuovi
    > bisogna fare dei distinguo:
    > c'erano una volta le chat testuali (tipo
    > IRC) e storicamente in parallelo i MUD; poi
    > sono cambiati i videogiochi, da Doom ai
    > FPS

    bhe...   pure i mud sono testuali... molti si basano su dos... quindi... l'unica differenza è che nei mud si gioca di ruolo scrivendo i vari comandi testuali e in irc si parla del più e del meno entrando in quello o questo canale... tutto lì...

    > attuali; le città virtuali rientrano a mio
    > parere nell'ambito delle communities.
    > Eccetera...

    non sono semplici communities... sono a mio avviso una evoluzione parallela delle più comuni chat e dei Mud... e questo grazie alle potenzialità che offrono asp e php con i database come mySQL etc...etc...

    > Il mio articolo verteva solamente sulle chat
    > senza sconfinare in altri settori, ognuno
    > dei quali richiederebbe considerazioni
    > diverse, a mio avviso.

    tanto di cappello al tuo articolo... che effettivamente mi è piaciuto... io ho solo fatto una precisazione ed un allargamento della questione visto che mi interessava sapere l'opinione di altre persone ^__^   e ti ringrazio per avermi risposto proprio tu ^___^

    se punto informatico vuole potrei scriverlo io un articolo sulle città virtuali esistenti...   se ben ricordo ne avevano fatto uno mesi fà... ^__^
    non+autenticato
  • Caro lordmilo,

    - Scritto da: lordmilo
    > - Scritto da: Alessandro de Lachenal
    > > anche se ci sono degli elementi comuni, x
    > > riflettere bene su questi fenomeni nuovi
    > > bisogna fare dei distinguo:
    > > c'erano una volta le chat testuali (tipo
    > > IRC) e storicamente in parallelo i MUD;
    > poi
    > > sono cambiati i videogiochi, da Doom ai
    > > FPS
    >
    > bhe...   pure i mud sono testuali... molti
    > si basano su dos... quindi... l'unica
    > differenza è che nei mud si gioca di ruolo
    > scrivendo i vari comandi testuali e in irc
    > si parla del più e del meno entrando in
    > quello o questo canale... tutto lì...
    >
    > > attuali; le città virtuali rientrano a mio
    > > parere nell'ambito delle communities.
    > > Eccetera...
    >
    > non sono semplici communities... sono a mio
    > avviso una evoluzione parallela delle più
    > comuni chat e dei Mud... e questo grazie
    > alle potenzialità che offrono asp e php con
    > i database come mySQL etc...etc...
    >
    > > Il mio articolo verteva solamente sulle
    > chat
    > > senza sconfinare in altri settori, ognuno
    > > dei quali richiederebbe considerazioni
    > > diverse, a mio avviso.
    >
    > tanto di cappello al tuo articolo... che
    > effettivamente mi è piaciuto... io ho solo
    > fatto una precisazione ed un allargamento
    > della questione visto che mi interessava
    > sapere l'opinione di altre persone ^__^   e
    > ti ringrazio per avermi risposto proprio tu
    > ^___^
    >
    > se punto informatico vuole potrei scriverlo
    > io un articolo sulle città virtuali
    > esistenti...   se ben ricordo ne avevano
    > fatto uno mesi fà... ^__^

    sono grosso modo d'accordo con quello che hai scritto, ma non volevo entrare nel tecnico. Ti ringrazio dei complimenti, mi pare un'ottima idea proporre un articolo sulle città virtuali: contatta direttamente qualcuno dei responsabili del sito (Paolo o Andrea De Andreis, Alessandro Del Rosso) i cui link trovi in fondo a ogni pagina. CIAO
    non+autenticato
  • Tutto il resto è roba per rammolliti.
    non+autenticato
  • bhe proprio per rammolliti no... però chattare su irc è molto più diretto, non ci sono kazzatine ke alla lunga danno noia...
    non+autenticato
  • io la trovo "povera" come metodologia di chat... ok... è più immediato... si parla e basta...   ma...

    ...e poi?

    io credo che la piccola-media utenza di internet cerchi francamente qualcosa di più... ecco perchè sono nati gli instant messenger... da quello di yahoo, a quello di aol... a quello di M$ (che ha ovviamente copiato dagli altri messenger ^__^ )

    la gente ha bisogno di fare "azioni", disegnare icone, e magari far progredire il proprio nickname caratterizzandolo.. etc...etc... con la creazione di un avatar tutto è possibile ^___^
    ed è francamente più gradevole di irc...

    ovviamente questo è solo una mia opinione ^___^ criticabile o meno... ma sempre una mia opinione rimane ^__^
    non+autenticato
  • > la gente ha bisogno di fare "azioni",
    > disegnare icone, e magari far progredire il
    > proprio nickname caratterizzandolo..
    > etc...etc... con la creazione di un avatar
    > tutto è possibile ^___^
    quando non si ha nulla da dire...si libera il genio artistico...

    > ed è francamente più gradevole di irc...
    sai che bello...crescete bimbi....

    non+autenticato
  • > quando non si ha nulla da dire...si libera
    > il genio artistico...

    vabbè... se proprio insisti...

    > > ed è francamente più gradevole di irc...
    > sai che bello...crescete bimbi....


    e allora togliamo tutte le cose inutili della vita... tanto che cavolo servono? sono state fatte soltanto per noi "bimbi viziati"... e allora via la televisione... via le case di cemento, etc...etc...

    ritorniamo tutti a vivere nelle capanne di legno e paglia e torniamo a cacciare e coltivare la terra per mangiare... così i "bimbi" cresceranno finalmente in fretta....

    ciao ciao
    non+autenticato
  • > e allora togliamo tutte le cose inutili
    > della vita... tanto che cavolo servono?
    > sono state fatte soltanto per noi "bimbi
    > viziati"... e allora via la televisione...
    > via le case di cemento, etc...etc...
    non intendevo via la televisione ma via il megaschermo da cinema con tutto annesso...e non perche serve ma per fare il fiko...

    > ritorniamo tutti a vivere nelle capanne di
    > legno e paglia e torniamo a cacciare e
    > coltivare la terra per mangiare... così i
    > "bimbi" cresceranno finalmente in fretta....
    non puoi negare che le nuove generazioni sono del tutto immature...e che anni fa crescevano e maturavano moltoooo piu in fretta...e la colpa (insieme a molto altro) e di tutte queste cose inutili che riempiono la vita...


    non+autenticato


  • - Scritto da: blah
    ...
    > non puoi negare che le nuove generazioni
    > sono del tutto immature...e che anni fa
    > crescevano e maturavano moltoooo piu in
    > fretta...e la colpa (insieme a molto altro)
    > e di tutte queste cose inutili che riempiono
    > la vita...
    >
    la colpa non e' delle cose, ma del valore che gli si da,chi e' immaturo il ragazzo che sta crescendo o l'adulto che da + importanza alle cose + che ai valori?
    ciao 48
    non+autenticato