MS ritocca e moltiplica RSS

La softwarehouse di Redmond pronta a sfornare la versione definitiva di SSE, estensione che farà di RSS uno standard multidirezionale. In salsa Creative Commons

Redmond (USA) - Microsoft sta lavorando per ridefinire le regole del gioco per tutto quello che riguarda il popolarissimo sistema RSS, Really Simple Syndication. L'autore dell'iniziativa è Ray Ozzie, superesperto di tecnologie collaborative ed autore di Lotus Notes: Ozzie ha presentato la bozza definitiva che descrive la versione 0.9 di Simple Sharing Extensions, formula con cui Microsoft spera di portare le potenzialità di RSS ai futuri utenti di Windows Vista.

La parola d'ordine è multidirezionalità ed Ozzie spera che l'unione tra RSS ed SSE possa far nascere nuovi metodi per la sincronizzazione di informazioni tra applicativi differenti. Ad esempio, nel caso di un gruppo d'utenti che voglia compilare una lista a più mani, l'uso delle estensioni SSE permette di lavorare sullo stesso documento in maniera collaborativa: qualsiasi modifica apportata viene immediatamente "aggiornata" e ridistribuita a ciascuno utente. SSE potrà essere combinato al formato OPML per creare feed ordinati gerarchicamente secondo categorie ed etichette.

Ozzie ha presentato ufficialmente al mondo la sua creazione in un lungo articolo pubblicato sul proprio blog: le specifiche SSE nascono da un buffo aneddoto. "Tutto ad un tratto mi sono accorto che molti prodotti Microsoft sono interoperabili", sostiene il programmatore. Con un pizzico di fantasia, è molto facile vedere il filo rosso che collega software come Messenger, Office, Outlook e Windows Mobile.
Tuttavia il progettista ammette che è ancora troppo presto per sapere "quali software utilizzeranno in futuro questa nuova tecnologia", ma l'introduzione del supporto RSS nelle versioni di Internet Explorer per Windows Vista, recentemente annunciato da Microsoft, fa pensare immediatamente al nuovo sistema operativo dell'azienda di Bill Gates.

Una grande novità riguarda l'uso di licenza Creative Commons di tipo Attribution-ShareAlike da parte di Microsoft: il colosso ha scelto l'alternativa creativa, nel tentativo di rinnovare la propria politica aziendale in nome di maggiore apertura.

Tommaso Lombardi
TAG: microsoft
9 Commenti alla Notizia MS ritocca e moltiplica RSS
Ordina
  • ma pure li' vuole mettere le mani la MS
    me spiegatemi che bisogno c'e' che si scomodi un Ray Ozzie per un sistema che va benissimo cosi' com'e'
    e' sufficiente avere un applettino sul proprio browser di posta (thunderbird ce l'ha) per aggiungerci gli RSS che vuoi e assieme alla posta hai il feed delle news che ti interessano, che bisogno ce' di complicare sempre tutto???
    solo perche' l'exploder non ce'lha???

    MS e' come re Mida - tutto quello che tocca lo trasforma... ma non in oro questo e' sicuro e vedrete se non sara' cosi' anche con gli RSS...
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > ...embrace and extend!

    Eppure bastava leggere l'articolo fino in fondo:

    "Una grande novità riguarda l'uso di licenza Creative Commons di tipo Attribution-ShareAlike da parte di Microsoft: il colosso ha scelto l'alternativa creativa, nel tentativo di rinnovare la propria politica aziendale in nome di maggiore apertura."

    http://creativecommons.org/licenses/by-sa/2.5/

    Per una volta che ne fa una di buona... bha.
    non+autenticato
  • >er una volta che ne fa una di buona
    diciamo piuttosto che
    PER L'ENNESIMA VOLTA COPIA E VA A
    RIMORCHIO
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > >er una volta che ne fa una di buona
    > diciamo piuttosto che
    > PER L'ENNESIMA VOLTA COPIA E VA A
    > RIMORCHIO

    Non cambia, Microsoft sta cambiando e questo è un bene per vhi usa windows e per chi come me preferisce qualcosa di differente. Brava Microsoft ( nn pensavo che l'avrei mai detto ), una volta tanto.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > >er una volta che ne fa una di buona
    > > diciamo piuttosto che
    > > PER L'ENNESIMA VOLTA COPIA E VA A
    > > RIMORCHIO
    >
    > Non cambia, Microsoft sta cambiando e questo è un
    > bene per vhi usa windows e per chi come me
    > preferisce qualcosa di differente. Brava
    > Microsoft ( nn pensavo che l'avrei mai detto ),
    > una volta tanto.

    Il fatto e' che ai piu' riesce difficile credere nella buona fede di chi ha basato la sua politica di espansione economica sulla "eliminazione fisica" delle aziende che osavano intralciarle il passoOcchiolino
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > >
    > > ...embrace and extend!
    >
    > Eppure bastava leggere l'articolo fino in fondo:
    >
    > "Una grande novità riguarda l'uso di licenza
    > Creative Commons di tipo Attribution-ShareAlike
    > da parte di Microsoft: il colosso ha scelto
    > l'alternativa creativa, nel tentativo di
    > rinnovare la propria politica aziendale in nome
    > di maggiore apertura."
    >
    > http://creativecommons.org/licenses/by-sa/2.5/
    >
    > Per una volta che ne fa una di buona... bha.


    Si se ci credi....
    Ma ricordati del proverbio:
    Fidarsi è bene, non fidarsi è meglio
    Viso i precedenti di un "pizzico" di scetticismo è importante
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > > http://creativecommons.org/licenses/by-sa/2.5/
    > >
    > > Per una volta che ne fa una di buona... bha.
    >
    >
    > Si se ci credi....
    > Ma ricordati del proverbio:
    > Fidarsi è bene, non fidarsi è meglio
    > Viso i precedenti di un "pizzico" di scetticismo
    > è importante
    Guarda, nel caso in esame non c'è proprio niente da credere o di cui fidarsi, parlano i fatti, leggi la licenza di cui sopra, è ad un clic di distanza ed è pure in italiano.

    Io sono il primo a non fidarmi di Microsoft, di porcate ne ha fatte tante e tantene farà, ho anche smesso di usare Windows se è per questo. Ma per questa volta ha fatto veramente le cose per bene, non gli si può dire niente.

    Poi puoi tranquillamente continuare a tirare m3rd@ su MS per tutto il resto, niente da dire, ma spargere FUD quando finalmente ne fà una di giusta non mi sembra corretto.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > - Scritto da: Anonimo

    > > ...embrace and extend!

    > Eppure bastava leggere l'articolo fino in fondo:

    > "Una grande novità riguarda l'uso di licenza
    > Creative Commons di tipo Attribution -
    > ShareAlike da parte di Microsoft: il colosso
    > ha scelto l'alternativa creativa, nel tentativo di
    > rinnovare la propria politica aziendale in nome
    > di maggiore apertura."
    > http://creativecommons.org/licenses/by-sa/2.5/

    > Per una volta che ne fa una di buona... bha.

    Aspettiamo che ne faccia tante di buone quanto ne ha fatte di cattive per avere di nuovo un'opinione "equilibrata" su di loro.
    non+autenticato