Associazione a delinquere virtuale?

Questa possibilità è in astratto ammessa, in particolare con riferimento alla diffusione di immagini pedo-pornografiche. Ma una recente sentenza del Tribunale di Roma fa discutere. Il commento di G. Costabile

Roma - Esiste la possibilità che un collegamento stabile ancorché virtuale, via Internet, tra diverse persone e finalizzato alla messa in atto di un reato rappresenti una associazione a delinquere virtuale. Una recente sentenza del Tribunale di Roma ammette questa possibilità, ma la nega nel caso specifico che ha dovuto affrontare. Sulla questione pubblichiamo il commento giuridico di Gerardo Costabile, membro IACIS ed esperto di diritto nell'era digitale

Associazione a delinquere "virtuale": occasione mancata al Tribunale di Roma

Il Tribunale di Roma, IX Sezione in composizione collegiale, con Sentenza n. 1872 del 21 settembre 2005, ha ritenuto non configurabile -nel caso di specie accertato nel 1997- il reato di associazione a delinquere ex art. 416 c.p. "virtuale", seppure in astratto plausibile anche nell'ambito di una comunità quale quella di Internet. Nel caso in esame a Roma, infatti, non era stata dimostrata, da parte dell'accusa, la presenza di un'organizzazione stabilmente dedita alla commercializzazione ed alla distribuzione di immagini pedopornografiche, oltre che la volontà - degli aderenti al consortium sceleris - di partecipare alle attività de quibus.
Facendo un passo indietro, dalla lettura della norma si evince che "quando tre o più persone si associano allo scopo di commettere più delitti, coloro che promuovono o costituiscono od organizzano l'associazione sono puniti, per ciò solo, con la reclusione da tre a sette anni " (art. 416, comma I, del Codice Penale).

Nel caso di specie, quindi, il Tribunale di Roma ha precisato che "pur essendo emerso un collegamento stabile tra due indagati, non risulta sufficientemente provata la compartecipazione tra gli altri imputati ad un programma delittuoso continuativo, né sotto tale profilo può porsi a fondamento dell'affermazione della responsabilità penale la ricorrenza di alcuni indirizzi di posta elettronica, spesso non riconducibili a persone fisiche determinate per obiettive difficoltà di indagine, che è al più significativa, nel dubbio, della contiguità di tali persone con strumenti che consentono l'agevole circolazione di immagini oscene".

In passato, di contro, la Cassazione aveva già evidenziato che un soggetto "può anche non avere la conoscenza dei capi o degli altri affiliati essendo sufficiente che, anche in modo non rituale, di fatto si inserisca nel gruppo per realizzarne gli scopi, con la consapevolezza che il risultato viene perseguito con l'utilizzazione di metodi comuni". ( Cfr. Cass. Sez. II, sent. 28.5.1997, n. 4976, rv. 207845). In altri contesti, di nuovo, la Cassazione dichiarava che "integrano la condotta di partecipazione all'associazione per delinquere la fornitura di mezzi materiali ai membri di detta associazione e l'attività di trasmissione dei messaggi scritti tra membri della medesima, in quanto esse ineriscono al funzionamento dell'organismo criminale sia sotto il profilo della disponibilità di risorse materiali utilizzabili per l'attività di questo, sia sotto quello del mantenimento di canali informativi tra i suoi membri, che è incombenza di primaria importanza per il funzionamento dell'associazione per delinquere". (Cass. Sez. I, sent. 6.8.1996, n. 4375, rv. 205497).

In questo scenario giurisprudenziale, invece, il Tribunale di Roma non ha ritenuto possibile acclarare un vincolo associativo "virtuale" tra 2 soggetti compiutamente identificati con altri "non reali", in quanto riconducibili "solo" ad indirizzi di posta elettronica e non a persone in carne ed ossa, per asserite problematiche di identificazione degli utenti delle citate caselle.

Fondamento importante, comunque, appare la porta che il Tribunale di Roma apre alla possibilità di addivenire alla configurazione del reato associativo per condotte "virtuali", laddove invece fosse stato possibile esperire l'identificazione certa degli utilizzatori di tali strumenti telematici di comunicazione.

Più in generale, in particolare per taluni reati informatici quali l'accesso abusivo et similia, l'esperienza investigativa ha rivelato che ad operare sono spesso più soggetti, realisticamente coscienti del loro operato, posto in essere in aperta violazione delle normative penali vigenti, e intenzionati a non desistere dalla propria attività criminale, ma anzi propensi ad intensificare la "potenza di fuoco" in un gruppo più o meno numeroso, in contatto in chat e condividendo i "grimaldelli informatici" oltre che gli indirizzi dei target appetibili e vulnerabili.

Per questo motivo, appare importante, anche con l'ausilio delle indagini tecniche, registrare la costituzione di questi gruppi di persone, determinare il loro accordo di volontà, la predisposizione dei mezzi concretamente idonei e fattivamente orientati alla commissione dei delitti, disegnando la struttura organizzativa, adeguata e funzionante con specifica distinzione di compiti, obiettivi predeterminati e moventi comuni ben precisi.

Nel determinare tale fattispecie di reato, quindi, parrebbe necessario dimostrare che le persone sotto indagine operino:

- tra loro legate con vincolo associativo tendenzialmente permanente e comunque stabile nella sua portata criminogena;
- accomunate da un fine criminoso condiviso, articolato su un programma criminoso indeterminato;
- con una struttura organizzativa chiaramente adeguata alla realizzazione degli obiettivi presi di mira;

- con procedure di reclutamento e di reperimento di nuovi componenti e prassi di affiliazione documentate nel corso delle indagini;
- avvalendosi di predisposizione di mezzi idonei alla realizzazione del programma di delinquenza.

Tutto questo è frutto di una complessa ed articolata attività investigativa, spesso transnazionale, non sempre accompagnata da un giusto contesto giuridico e tecnico che consentirebbe di cristallizzare tutte le prove con adeguatezza e completezza.
Nel caso romano, concludendo, il punto debole investigativo appare tendenzialmente proprio la difficoltà all'identificazione di un terzo soggetto, che avrebbe consentito una più serena valutazione degli ulteriori soggetti esclusivamente "virtuali", eventualmente eccedenti rispetto al numero minimo previsto dalla norma incriminatrice.

Il Tribunale di Roma ha ricordato ai cybercop una cosa importantissima, ovvero di non perdere mai la dimensione del "reale" nelle indagini informatiche. Infatti, la vera parte "attiva" dell'azione criminale rimane sempre l'uomo, che usa la macchina, la casella di posta elettronica, un nick ed altro ancora, riportando sul pianeta terra tutto quello che succede nel "metaterritorio" (o pseudotale) dell'internet.

Gerardo Costabile, CIFI
Iacis Member - www.costabile.net
TAG: pedoporno
23 Commenti alla Notizia Associazione a delinquere virtuale?
Ordina
  • Salve sono mamma e di tre figli , vi scrivi per farvi notare che in chat ci sono profili con foto di minori e credo per un genitore vero non sia lui a fare il profilo mettendo una foto di una figlia minore , secondo punto non credo che sia corretto mentre una è sulla strada che passeggia oppure si trova a dialogare poi viene fotografata e messa su chat non possa dire nulla , terzo punto peggio ancora se poi ne fanno uso per farne film porno , ora mi domando che leggi ci sono che proteggono bambini fotografati per strada e trovati in chat , oppure che legge difende una donna onesta fotografata per strada e a sua insaputa trovarsi in chat , poi vorrei rispondere al discorso che non si può risalire a chi commette volgarità in chat oppure mette foto ambigue o volgari in chat ,io sono convinta che si può risalire benissimo come sanno bloccare un pc dove mi difendevo da accuse diffammatorie a mio carico e gratuite , lo hanno saputo bloccare hanno trovato come fare chiedetelo anche come si potrebbe fare invece di bloccare il pc delle persone oneste a bloccare il pc delle persone incivili visto che non sanno fare altro che entrare nelle chat per scrivere volgarità , mi piacerebbe avere risposta e se per gentilezza mi date ulteriori chiarimenti a chi andrebbero denunciate questi abusi su minori e donne degne di essere chiamate vere donne , che entrano in chat per dialogare in compagnia educata e rispettosa , perchè credo che tutti al mondo abbiamo il diritto di essere rispettati , forse manca la legge che prima di entrare in una chat dovrebbero fare un corso di un mese per vedere se è idoneo al rispetto del prossimo per poi dargli la possibilità di entrare in chat e una volta registrato in chat si possono rilevare dal numero di telefono chi va contro legge oppure dalla registrazione basterebbe mettere obbligatoriamente il numero del codice fiscale ed ecco che si risale più velocemente a chi commette infrazioni contro le leggi , anche se a pagare sono le persone oneste ho notato, comuncque difendiamo i bambini dalla pidofilia perchè dietro al monitor potrebbero esserci i figli di tutti noi senza che lo sappiamo e sono contenta che non è passata la legge che per dialogare era obbligatorio avere la web cam e il viva voce , per fortuna è passato solo la viva voce al massimo possono rubarti la voce dei figli ma non il viso anche se poi dicono non è obbligatorio accendere la web cam ma tutti i genitori sanno che a volte potrebbe rimanere accesa e non rendersene conto o peggio ancora convincere i bambini ad accenderla per poi trovarsi a che fare con un maiale , aiutiamo i bambini con una legge che vieti foto di minori in tutte le chat già saremo a un bel passo avanti per aiutare i bambini e le associazioni che lottano per combattere la pidofilia .Chiedo scusa per la lunga lettera e colgo loccasione per augurare a tutte le famiglie del mondo un sereno 2006 che sia un anno pieno di salute e lavoro ma soprattutto di PACE dove si muore di fame e per guerre ....stop alle guerre che portano solo perdite di vite umane e nessun vincitore ...il mio sorriso giunga in tutto il mondo A bocca aperta .Da una mamma di nome Angela

  • - Scritto da: scala40
    > Salve sono mamma e di tre figli , vi scrivi per
    > farvi notare che in chat ci sono profili con foto
    > di minori e credo per un genitore vero non sia
    > lui a fare il profilo mettendo una foto di una
    > figlia minore , secondo punto non credo che sia
    > corretto mentre una è sulla strada che passeggia
    > oppure si trova a dialogare poi viene
    > fotografata e messa su chat non possa dire nulla
    > , terzo punto peggio ancora se poi ne fanno uso
    > per farne film porno , ora mi domando che leggi
    > ci sono che proteggono bambini fotografati per
    > strada e trovati in chat , oppure che legge
    > difende una donna onesta fotografata per strada e
    > a sua insaputa trovarsi in chat , poi vorrei
    > rispondere al discorso che non si può risalire a
    > chi commette volgarità in chat oppure mette foto
    > ambigue o volgari in chat ,io sono convinta che
    > si può risalire benissimo come sanno bloccare un
    > pc dove mi difendevo da accuse diffammatorie a
    > mio carico e gratuite , lo hanno saputo bloccare
    > hanno trovato come fare chiedetelo anche come si
    > potrebbe fare invece di bloccare il pc delle
    > persone oneste a bloccare il pc delle persone
    > incivili visto che non sanno fare altro che
    > entrare nelle chat per scrivere volgarità , mi
    > piacerebbe avere risposta e se per gentilezza mi
    > date ulteriori chiarimenti a chi andrebbero
    > denunciate questi abusi su minori e donne degne
    > di essere chiamate vere donne , che entrano in
    > chat per dialogare in compagnia educata e
    > rispettosa , perchè credo che tutti al mondo
    > abbiamo il diritto di essere rispettati , forse
    > manca la legge che prima di entrare in una chat
    > dovrebbero fare un corso di un mese per vedere se
    > è idoneo al rispetto del prossimo per poi dargli
    > la possibilità di entrare in chat e una volta
    > registrato in chat si possono rilevare dal numero
    > di telefono chi va contro legge oppure dalla
    > registrazione basterebbe mettere
    > obbligatoriamente il numero del codice fiscale ed
    > ecco che si risale più velocemente a chi commette
    > infrazioni contro le leggi , anche se a pagare
    > sono le persone oneste ho notato, comuncque
    > difendiamo i bambini dalla pidofilia perchè
    > dietro al monitor potrebbero esserci i figli di
    > tutti noi senza che lo sappiamo e sono contenta
    > che non è passata la legge che per dialogare era
    > obbligatorio avere la web cam e il viva voce ,
    > per fortuna è passato solo la viva voce al
    > massimo possono rubarti la voce dei figli ma non
    > il viso anche se poi dicono non è obbligatorio
    > accendere la web cam ma tutti i genitori sanno
    > che a volte potrebbe rimanere accesa e non
    > rendersene conto o peggio ancora convincere i
    > bambini ad accenderla per poi trovarsi a che fare
    > con un maiale , aiutiamo i bambini con una legge
    > che vieti foto di minori in tutte le chat già
    > saremo a un bel passo avanti per aiutare i
    > bambini e le associazioni che lottano per
    > combattere la pidofilia .Chiedo scusa per la
    > lunga lettera e colgo loccasione per augurare a
    > tutte le famiglie del mondo un sereno 2006 che
    > sia un anno pieno di salute e lavoro ma
    > soprattutto di PACE dove si muore di fame e per
    > guerre ....stop alle guerre che portano solo
    > perdite di vite umane e nessun vincitore ...il
    > mio sorriso giunga in tutto il mondo A bocca aperta .Da una
    > mamma di nome Angela


    Bella MILF, me lo fai un pompone?
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: scala40
    > > Salve sono mamma e di tre figli , vi scrivi per
    > > farvi notare che in chat ci sono profili con
    > foto
    > > di minori e credo per un genitore vero non sia
    > > lui a fare il profilo mettendo una foto di una
    > > figlia minore , secondo punto non credo che sia
    > > corretto mentre una è sulla strada che passeggia
    > > oppure si trova a dialogare poi viene
    > > fotografata e messa su chat non possa dire nulla
    > > , terzo punto peggio ancora se poi ne fanno uso
    > > per farne film porno , ora mi domando che leggi
    > > ci sono che proteggono bambini fotografati per
    > > strada e trovati in chat , oppure che legge
    > > difende una donna onesta fotografata per strada
    > e
    > > a sua insaputa trovarsi in chat , poi vorrei
    > > rispondere al discorso che non si può risalire a
    > > chi commette volgarità in chat oppure mette foto
    > > ambigue o volgari in chat ,io sono convinta che
    > > si può risalire benissimo come sanno bloccare un
    > > pc dove mi difendevo da accuse diffammatorie a
    > > mio carico e gratuite , lo hanno saputo bloccare
    > > hanno trovato come fare chiedetelo anche come si
    > > potrebbe fare invece di bloccare il pc delle
    > > persone oneste a bloccare il pc delle persone
    > > incivili visto che non sanno fare altro che
    > > entrare nelle chat per scrivere volgarità , mi
    > > piacerebbe avere risposta e se per gentilezza mi
    > > date ulteriori chiarimenti a chi andrebbero
    > > denunciate questi abusi su minori e donne degne
    > > di essere chiamate vere donne , che entrano in
    > > chat per dialogare in compagnia educata e
    > > rispettosa , perchè credo che tutti al mondo
    > > abbiamo il diritto di essere rispettati , forse
    > > manca la legge che prima di entrare in una chat
    > > dovrebbero fare un corso di un mese per vedere
    > se
    > > è idoneo al rispetto del prossimo per poi dargli
    > > la possibilità di entrare in chat e una volta
    > > registrato in chat si possono rilevare dal
    > numero
    > > di telefono chi va contro legge oppure dalla
    > > registrazione basterebbe mettere
    > > obbligatoriamente il numero del codice fiscale
    > ed
    > > ecco che si risale più velocemente a chi
    > commette
    > > infrazioni contro le leggi , anche se a pagare
    > > sono le persone oneste ho notato, comuncque
    > > difendiamo i bambini dalla pidofilia perchè
    > > dietro al monitor potrebbero esserci i figli di
    > > tutti noi senza che lo sappiamo e sono contenta
    > > che non è passata la legge che per dialogare era
    > > obbligatorio avere la web cam e il viva voce ,
    > > per fortuna è passato solo la viva voce al
    > > massimo possono rubarti la voce dei figli ma non
    > > il viso anche se poi dicono non è obbligatorio
    > > accendere la web cam ma tutti i genitori sanno
    > > che a volte potrebbe rimanere accesa e non
    > > rendersene conto o peggio ancora convincere i
    > > bambini ad accenderla per poi trovarsi a che
    > fare
    > > con un maiale , aiutiamo i bambini con una legge
    > > che vieti foto di minori in tutte le chat già
    > > saremo a un bel passo avanti per aiutare i
    > > bambini e le associazioni che lottano per
    > > combattere la pidofilia .Chiedo scusa per la
    > > lunga lettera e colgo loccasione per augurare a
    > > tutte le famiglie del mondo un sereno 2006 che
    > > sia un anno pieno di salute e lavoro ma
    > > soprattutto di PACE dove si muore di fame e per
    > > guerre ....stop alle guerre che portano solo
    > > perdite di vite umane e nessun vincitore ...il
    > > mio sorriso giunga in tutto il mondo A bocca aperta .Da
    > una
    > > mamma di nome Angela
    >
    >
    > Bella MILF, me lo fai un pompone?

    Credo che non ti risponderà, il thread è vecchio, e per abitudine non risponde.
    non+autenticato
  • Sono tutte ...zate! Stanno a cavillare su queste cose però poi gli islamici accusati di essere terroristi (che magari sparano e uccidono su civili iracheni, civili italiani, soldati iracheni, soldati italiani) quelli li lasciano liberi perché sarebbero "patrioti", "liberatori". Che buffonata. Per gli italiani la giustizia è inflessibile se si scaricano mp3 da p2p, ma per gli stranieri c'è pronto il tappeto rosso purché terroristi e idologicamente affini al comunismo che odia l'occidente.
    Giustizia italiana fai schifo.
    non+autenticato
  • Quand'è che comincerete a parlare come la gente nornale, e non come legulei? La legge è dei *cittadini per i cittadini*, non di una casta di sacerdoti del cavillo.

    Andate a sciacquare i panni in Arno, e cominciate a parlare Italiano, non legalese.
    non+autenticato

  • O meglio, avvocati NEL caos.

    E' sempre curioso vedere come gli avvocati si accapiglino per mettere ordine nel CAOS che e' la rete e le sue connessioni.

    Neanche il fior fiore dell'ingegneria globale e storica e' riuscita e a mettere ordine nel caos (forse non e' possibile e neanche auspicabile?), ma e' commovente vedere come i giurusti (che tecnocarati assolutamente non sono) si sforzino per tentare di farlo.

    Stanno tentando di far passare la astrusa tesi che gli utenti di un qualsiasi sito sono una associazione...vabbe'...se lo dicono loro....solo gli consiglierei di istruirsi di piu' sui tecnicismi di Internet e meno sui cavilli giuridici...

    S.
    non+autenticato
  • veramente l'autore dell'articolo non e' un avvocato.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > veramente l'autore dell'articolo non e' un
    > avvocato.

    In risposta all'OT sul BIOS.

    Non penso che sia un caso che l'acronimo BIOS significhi "vita" in greco.

    Gli americani sono fanatici per queste cose... pensate per esempio al PATRIOT Act, e molte altre sigle che hanno anche un significato collegato all'argomento.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo

    [...]
    > Stanno tentando di far passare la astrusa tesi
    > che gli utenti di un qualsiasi sito sono una
    > associazione...vabbe'...se lo dicono loro....
    [...]


    Magari riescono anche a fare condannare due persone solo perche' vanno dallo stesso panettiere ... sono vompagni di merende ... se poi non basta basta apgare una perizia psichiatrica ad hoc ....
  • la galera vi sta aspettando...

    poi toccherà ai pinguinazzoli (avete copiato il codice di SCO, quindi si tratta di FURTO e SPIONAGGIO INDUSTRIALE) e poi ai opensorciari di openoffice e ai fighettini della APPOLS...
    non+autenticato
  • Che massa di stronzate. Riepilogando io mi iscrivo a e-mule e sono responsabile di tutti i file che vi scambaino? Ma in quale mondo vivono' Capisco che a vedere solo criminali si finisca di pensare che sono tutti croiminali ma confondere degli schifosi pedofili con un tredicenne che scarica l'ultimo delle TaTu ..... ce ne corre
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Che massa di stronzate. Riepilogando io mi
    > iscrivo a e-mule e sono responsabile di tutti i
    > file che vi scambaino? Ma in quale mondo vivono'
    > Capisco che a vedere solo criminali si finisca di
    > pensare che sono tutti croiminali ma confondere
    > degli schifosi pedofili con un tredicenne che
    > scarica l'ultimo delle TaTu ..... ce ne corre

    p2p=ladro=internet=pedofilo

    la massa è gente semplice e fa ragionamenti semplici
    per i prossimi x anni meglio evitare p2p ma anche internet
    anzi, vista la caccia alle streghe degli ultimi tempi molto meglio non avere proprio il pc a casa
    altro che progresso
    non+autenticato

  • > p2p=ladro=internet=pedofilo
    ...
    > per i prossimi x anni meglio evitare p2p ma anche
    > internet
    > anzi, vista la caccia alle streghe degli ultimi
    > tempi molto meglio non avere proprio il pc a casa


    Ok, giusto, dai comincia tu.

    Ciao.

    non+autenticato
  • Stai attento a te, piuttosto: lascia che trovi altri due troll come te e scopra che siete collegati tra di voi (meglio ancora se pagati da qualcuno per farlo), e vi faccio finire al fresco per qualche anno...
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Stai attento a te, piuttosto: lascia che trovi
    > altri due troll come te e scopra che siete
    > collegati tra di voi (meglio ancora se pagati da
    > qualcuno per farlo), e vi faccio finire al fresco
    > per qualche anno...

    sarebbe il colmo
    il pirata che manda in galera chi chiede giustizia
    e il bello è che è del tutto verosimile in questo paese
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > Stai attento a te, piuttosto: lascia che trovi
    > > altri due troll come te e scopra che siete
    > > collegati tra di voi (meglio ancora se pagati da
    > > qualcuno per farlo), e vi faccio finire al
    > fresco
    > > per qualche anno...
    >
    > sarebbe il colmo
    > il pirata che manda in galera chi chiede giustizia

    Il pirata che manda in galera un coglione. Mi pare giustissimo, si'.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > >
    > > - Scritto da: Anonimo
    > > > Stai attento a te, piuttosto: lascia che trovi
    > > > altri due troll come te e scopra che siete
    > > > collegati tra di voi (meglio ancora se pagati
    > da
    > > > qualcuno per farlo), e vi faccio finire al
    > > fresco
    > > > per qualche anno...
    > >
    > > sarebbe il colmo
    > > il pirata che manda in galera chi chiede
    > giustizia
    >
    > Il pirata che manda in galera un coglione. Mi
    > pare giustissimo, si'.

    Ricordo che in riferimento a quanto suddetto "essi" girano sempre ALMENO in coppia, madre natura cosi si prodigò. Anche se in realtà in giro sono molti, moltissimi di più.

  • - Scritto da: AndreaMilano
    > [CUT]
    > > Il pirata che manda in galera un coglione. Mi
    > > pare giustissimo, si'.
    >
    > Ricordo che in riferimento a quanto suddetto
    > "essi" girano sempre ALMENO in coppia, madre
    > natura cosi si prodigò. Anche se in realtà in
    > giro sono molti, moltissimi di più.

    Anche se girano in coppia, l'ntelligenza rimane quella del singolo...
    Trattasi del famoso teorema, indimostrabile purtroppo, che asserisce che alll'aumento della materia grigia non corrisponde un analogo incremento di intelligenza...
    :(Deluso Triste Triste

  • - Scritto da: Rex1997
    >
    > - Scritto da: AndreaMilano
    > > [CUT]
    > > > Il pirata che manda in galera un coglione. Mi
    > > > pare giustissimo, si'.
    > >
    > > Ricordo che in riferimento a quanto suddetto
    > > "essi" girano sempre ALMENO in coppia, madre
    > > natura cosi si prodigò. Anche se in realtà in
    > > giro sono molti, moltissimi di più.
    >
    > Anche se girano in coppia, l'ntelligenza rimane
    > quella del singolo...
    > Trattasi del famoso teorema, indimostrabile
    > purtroppo, che asserisce che alll'aumento della
    > materia grigia non corrisponde un analogo
    > incremento di intelligenza...
    >TristeDeluso Triste Triste

    buhauhahuahuahuahuahuhauuhahuahhhahahahha

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > Stai attento a te, piuttosto: lascia che trovi
    > > altri due troll come te e scopra che siete
    > > collegati tra di voi (meglio ancora se pagati da
    > > qualcuno per farlo), e vi faccio finire al
    > fresco
    > > per qualche anno...
    >
    > sarebbe il colmo
    > il pirata che manda in galera chi chiede giustizia
    > e il bello è che è del tutto verosimile in questo
    > paese

    pirata??
    è proprio tutto da dimostrare che CONDIVIDERE sia come rubare.

    giustizia??
    in italia??
    mi sa che hai sbagliato nazione, se vuoi chiedere giustizia.....