All'orizzonte un Bluetooth da 480 Mbps

Entro due anni la velocità del celebre sistema wireless è destinata ad aumentare enormemente grazie al supporto dell'Ultra-Wideband, già utilizzata in Wireless USB. Si preparano grosse novità

Londra - C'è fermento attorno alla tecnologia di connessione dal dente blu. I suoi promotori, riuniti nel Bluetooth Special Interest Group, stanno infatti pianificando il rilascio di nuove specifiche che promettono di rendere Bluetooth più sicuro, veloce, affidabile e, più in là nel tempo, interoperabile con Ultra-Wideband (UWB).

Il primo aggiornamento a Bluetooth, noto con il nome in codice di Lisbon, è previsto per l'inizio del prossimo anno. Lisbon si baserà sulla specifica Enhanced Data Rate 2.0 da 3 Mbit/s - già implementata, ad esempio, in alcuni prodotti di Apple - e migliorerà gli algoritmi crittografici e il quality of service.

Il "grande salto" avverrà invece nel tardo 2007, quando il Bluetooth SIG conta di completare una nuova specifica chiamata Seattle. La grande novità, in questo caso, sarà data dall'introduzione della compatibilità con UWB e dalla possibilità di spingere la velocità massima teorica di Bluetooth a 480 Mbit/s: la stessa che oggi caratterizza l'interfaccia USB.
"Integrare il Bluetooth con l'UWB è la strategia migliore e più economica per rispondere alla nuova domanda di dispositivi wireless", ha affermato Mike Foley, Bluetooth SIG executive director. "Allo stesso tempo è importante comprendere che Bluetooth è ormai uno standard globale, supportato dai dispositivi mobili come i cellulari, e quindi va considerato come elemento chiave anche per il futuro".

Foley non ha tuttavia nascosto i molti ostacoli che ancora rimangono da superare per rendere Bluetooth interoperabile con i layer media-access control (MAC) di UWB. La più grande fonte d'incertezza rimane legata al fatto che lo sviluppo di UWB, guidato dall'Institute of Electrical and Electronics Engineers (IEEE), si trova da tempo in una posizione di stallo, con due opposte fazioni che si ostinano a proporre soluzioni incompatibili tra loro. Una di queste parti è rappresentata dalla WiMedia Alliance, l'altra dall'UWB Forum: tra le due, la WiMedia Alliance sembra al momento in posizione di vantaggio, se non altro per avere l'appoggio di Intel e del Wireless USB Promoter Group.

Il matrimonio tra Bluetooth e UWB potrebbe semplificare ulteriormente la comunicazione tra i più disparati dispositivi elettronici, come PC, telefoni cellulari e appliance domestiche. Quest'accoppiata tecnologica dovrà però vedersela con Wireless USB, uno standard promosso da Intel e altri colossi del settore come alternativa wireless a USB e FireWire.
6 Commenti alla Notizia All'orizzonte un Bluetooth da 480 Mbps
Ordina