Tokyo, arrestato per satira online

Aveva creato un sito fittizio che ricordava Yahoo Japan e ha inserito una news che parlava di un attacco della marina cinese all'isola giapponese di Okinawa. Ora è in carcere

Tokyo - Una misura decisamente drastica e del tutto inusitata è quella che hanno scelto di adottare nelle scorse ore le autorità giapponesi, alle prese con un caso di satira ben poco divertente, pubblicata online da un programmatore di 30 anni, un uomo che ora è stato arrestato. Un caso che sta attirando l'attenzione di molti, poco abituati a simili reazioni da parte del governo di Tokyo.

Stando a quanto diffuso dalle agenzie internazionali, l'uomo avrebbe realizzato un sito fasullo che in qualche modo ricordava la sezione "news" del portale Yahoo Japan. In quelle pagine avrebbe poi pubblicato un articolo in apparenza diffuso dall'agenzia di stampa Kyodo e dai contenuti letteralmente esplosivi.

Il lancio di agenzia fasullo, infatti, parlava di un annuncio del Dipartimento della Difesa americano secondo cui l'esercito cinese, già da alcuni giorni, aveva invaso Okinawa, celebre isola nipponica, e che "proprio in questo momento" un combattimento aereo era in corso sui cieli dell'isola.
Tanto è bastato: la polizia metropolitana di Tokyo ha identificato e arrestato Takahiro Yamamoto accusandolo di pirateria informatica, in quanto il sito avrebbe tratto in inganno dei lettori, sebbene vi fosse presente un evidente link alle pagine legittime delle news di Yahoo Japan.

Il problema, evidentemente, è che la bravata di Yamamoto, nome peraltro piuttosto evocativo se associato a battaglie nel Pacifico, è giunta in un momento di tensione e di difficoltà tra Giappone e Cina. La democratica Tokyo ha probabilmente voluto far sapere a Pechino che certi episodi non li prende sotto gamba, costi quel che costi.
TAG: censura
31 Commenti alla Notizia Tokyo, arrestato per satira online
Ordina
  • ...una TV non s'è andata a inventare (insomma, inventare, ci stanno andando vicino...) la secessione dei Fiamminghi?
    Eppure non mi sembra che abbiano arrestato nessuno, una democrazia non teme la satira.
    Se poi davvero lo hanno fatto per compiacere la Cina, quale sarà il prossimo passo? Negare l'asilo ai dissidenti che riescono a fuggire e consegnarli ai loro aguzzini?
    Disgustorama.
    non+autenticato
  • L'impatto di una simile bufala non è manco lontanamente comparabile a quello scatenato da Orson Welles, che nel 1938 impanicò la gente con una radiocronaca dello sbarco alieno, cfr. http://www.instoria.it/home/guerra_mondi.htm

    ..ciònonostante, a riprova che i tempi sono alquanto cambiati (e, sai che novità, per il peggio), c'è questa pronta reazione allo psicocrimine orwelliano di un burlone.

    D'altronde, quando sbarchi negli USA, ti domandano se intendi fare degli attentati - e se rispondi di sì, non solo non apprezzano l'ironia: è che proprio non la concepiscono. Come macchine idiote (genio chi definì il computer come "il cretino più veloce del mondo") non sanno stare allo scherzo e vedono minacce ovunque, reagendo di conseguenza.

    Si raccomanda di ripassare il film "WarGames", quello del sistema di difesa computerizzato che scambia una simulazione con la realtà - ma le testate nucleari che sta per lanciare in risposta a un attacco insussistente, sono vere eccome.

    ..e anche una riletturina veloce-veloce di "1984" non farebbe male, considerando quanto rapidamente va progredendo in tutto il mondo la censura di internet - alla faccia della millantata libertà di pensiero che starebbe a fondamento di tutte le democrazie, anche quelle esportate a suon di bombardamenti su civili inermi.
    non+autenticato
  • La notizia è senz'altro interessante.
    Giusto metterla in Punto Informatico visto che si toccano temi legati ai media digitali, siti, link eccetera.

    Altro è capirci qualcosa in una cultura così distante e con complesse dinamiche sociali che non conosciamo affatto.
    Inoltre vi si inserisce anche il rapporto tra Giappone e un'altra cultura altrettanto complessa (la Cina).

    Se avessero pubblicato in italia un finto sito della Repubblica che annuncia qualcosa di simile come l'avremmo presa?

    A voi uno sforzo di fantasia.

    Possibili titoli scandalosi:

    "L'Austria tenta di ripendersi Bressanone"

    "La Slovenia invade la valle dell'Isonzo"

    "Nizza finalmente redenta"

    "Aerei leghisti atterrano a Fiume e riconquistano l'Istria al grido >"

    Ma mi pare che ormai gli scandali di casa nostra riguardano soltanto tronchetti della felicità che si pappano le nostre infrastrutture, leggi salva-qualcuno, campagne elettorali che durano 5 anni meno un giorno...
    non+autenticato


  • - Scritto da: Anonimo
    > La notizia è senz'altro interessante.
    > Giusto metterla in Punto Informatico visto che si
    > toccano temi legati ai media digitali, siti, link
    > eccetera.
    >
    > Altro è capirci qualcosa in una cultura così
    > distante e con complesse dinamiche sociali che
    > non conosciamo affatto.

    Non e' una cultura poi cosi' distante, ci assomigliamo tanto, la dinamica poi e' semplice.
    Il Giappone ha un vicino bellicoso, che e' in cerca di una marea di risorse naturali. I rapporti con la Cina sono difficili e condotti con enorme sforzo diplomatico ed economico per il Giappone.
    Le notizie false possono rovinare i rapporti diplomatici ed economici, per cui anche a costo di limitare la liberta' di espressione, garantitia anche in Giappone, un potenziale casino viene stroncato sul nascere, per non doversi sentire le critiche dei cinesi che singolarmente sono dei mattacchioni ma in veste ufficiale e in gruppo sono dei grandi spaccacazzi nazionalisti (non sono i soli comunque).

    Troppo semplice?
    Beh, si, due grandi culture, il mistero dell'oriente, la saggezza millenaria, tutte cose bellissime, ma il succo e' questo.
    non+autenticato
  • la satira è un conto, la fabbricazione di notizie dannose e lo spoofing di un sito ne è un altro....
    anzi, sinceramente questo episodio è molto inquietanteDeluso visto che i rapporti tra cina e giappone sono ben lontani dall'essere rosei...
    non+autenticato


  • cos'e' satira lo decidi tu ?
    e i falsi quotidiani con scritto "tognazzi capo delle br" con cui mezza italia sghignazzava negli anni 70?
    e' il contesto che fa la differenza: falsi quotidiani allegati a un periodico satirico e' diverso da falsi quotidiani distribuiti nelle edicole, se poi ci fa ridere o meno dipende dal nostro senso dell'umorismo

    > la satira è un conto, la fabbricazione di notizie
    > dannose e lo spoofing di un sito ne è un
    > altro....

    se le notizie dannose e fabbricate dovessero essere punite, la maggioranza dei giornalisti propriamente detti dovrebbe essere in galera

    inoltre non credo si possa parlare di spoofing se l'url e' diversa

    sai che qualche anno fa in giappone una teenager che aveva fatto una fanzine satirica di un manga e' stata tenuta 2 settimane in galera in una citta' distante ?



    non+autenticato
  • Inoltre sai cosa hanno combinato al mitico bobby fischer in giappone?
    Il giappone è un paese corrotto al piu alto grado.
    NSA
    1909
  • Ovvero?
    non+autenticato
  • - Scritto da: NSA
    > Inoltre sai cosa hanno combinato al mitico bobby
    > fischer in giappone?

    Il passaporto era stato invalidato dalle autorita' USA e all'aeroporto lo hanno fermato e arrestato.

    > Il giappone è un paese corrotto al piu alto grado.

    Perche' fermano le persone con i passaporti invalidati?
    Sembrerebbe invece che siano fin troppo ligi da questo episodio, insomma vabbe che ti sta simpatico Fischer, ma se lo deduci da questo, deliri.
    non+autenticato
  • ...essere bastardo dentro e inventare una cosa credibile, poteva parlare di un ammassamento di truppe cinesi sulla costa di fronte a Taiwan e di probabili preparativi di invasione, questa sì che avrebbe creato un casino immane.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 6 discussioni)