Hyundai ImageQuest Q90U

Dalla divisione ImageQuest della famosa casa automobilistica, il nuovo 19 pollici da 3 ms

Hyundai ImageQuest Q90UNonostante sia celebre grazie alle autovetture, la casa coreana Hyundai sta offrendo degli ottimi monitor caratterizzati da un prezzo competitivo ma allo stesso tempo da caratteristiche di tutto riguardo. Tempo fa abbiamo portato l'attenzione sul modello B90A. Questo modello, votato alla fascia "economica" (termine non del tutto corretto per un monitor da 19 pollici), grazie all'ottima base di partenza ed alcuni tagli effettuati sul modello L90D+, consente di offrire un monitor veloce ed affidabile ad un prezzo accessibile.

L'ImageQuest Q90U, oggetto di questo articolo, presenta alcune differenze rispetto al B90A. Innanzitutto il pannello utilizzato ha un tempo di risposta pari a soli 3 millisecondi, valore che ovviamente è da prendere con le pinze senza opportune misurazioni. Il consumo è di 35 watt, valore che dovrebbe ricordare a molti utenti di monitor CRT che il risparmio di un display a tubo catodico lo si perde nel tempo per colpa dei consumi nettamente superiori (si va dagli 80 ai 100 watt per un 19 pollici). Anche i giocatori non dovrebbero avere da obiettare nulla su ghosting e scie sullo schermo, in quanto gli ultimi monitor Hyundai sembrano privi di questi difetti.

Il display Hyundai ImageQuest Q90U è dotato di due casse acustiche da 3,5 watt integrate, presa cuffie e doppia connessione VGA e DVI. Ovviamente i possessori di una scheda video con uscita DVI dovrebbero prendere subito in considerazione la seconda opzione, ma solo dopo l'acquisto di un cavo apposito. Hyundai infatti non include nella confezione il cavo DVI.
Test e conclusioni
Il sito Trusted Reviews ha messo alla prova il nuovo prodotto Hyundai, restituendoci delle impressioni di utilizzo piuttosto positive. Il monitor non presenta funzione Pivot (per la rotazione di 90° verso destra), ma è presente un ingegnoso meccanismo di montaggio a muro che sfrutta la stessa base da scrivania. Sul lato sinistro della base è situato un hub USB (alimentato) da 2 porte, particolare non essenziale su un monitor ma senza dubbio gradito. Riscontrato un piccolo difetto di costruzione, che provoca un piegamento eccessivo del cavo DVI. Un posizionamento migliore avrebbe aiutato in questo caso.

Sono presenti un gran numero di regolazioni su OSD, anche se inferiori in modalità DVI. Per questa eventualità è presente un software che consente di regolare i diversi parametri. Una curiosità: è presente un'utilità "anti-ladro", che tramite un PIN ed un conto alla rovescia consente di impedirne l'utilizzo non autorizzato.

Giovanni Fedele
TAG: monitor