Il computer spia il guidatore brillo

La prova del palloncino la potrà fare un computer sull'auto dell'interessato. Basterà una cam. Ma chi lo comprerà?

Bristol (Gran Bretagna) - Più di qualsiasi "pubblicità progresso" o campagna anti alcolici, la soluzione definitiva o quantomeno una nuova riduzione del grave problema delle stragi del sabato sera potrebbe venire dai computer.

Un gruppo di ricercatori dell'Università di Bristol sta infatti studiando un sistema informatico che, installato nelle auto, può appurare la prontezza di riflessi del guidatore e intervenire di conseguenza.

Il sistema, simile ad un computer di bordo, viene installato sul cruscotto e, attraverso una telecamera, è in grado di controllare la coordinazione fra lo sguardo del guidatore e la sterzata. Da uno studio effettuato con l'aiuto di una simulazione di guida, il gruppo di scienziati inglese ha infatti scoperto che in genere un guidatore punta lo sguardo verso la direzione in cui vuole girare circa 0,85 secondi prima di sterzare il volante. Questa risposta decresce però in relazione all'assunzione di alcool e, spesso, anche di droghe.
Il computer connesso alla telecamera è in grado di rilevare il calo di attenzione del guidatore e, in tal caso, rallentare automaticamente la vettura o avvertire la polizia.

Tutto molto bello - ha commentato qualcuno -, ma c'è da chiedersi a quale produttore di automobili potrebbe mai venire in mente di adottare un dispositivo che sarebbe inviso dalla stragrande maggioranza dei guidatori, ed in special modo proprio da quelli col vizietto di alzare il gomito, che si troverebbero nella condizione di auto-denunciarsi...

C'è chi ne ha già proposto l'adozione nei trasporti pubblici inglesi, ma per il momento si tratta solo di una lontana ipotesi. Eppure forse è proprio quello l'unico settore in cui potrebbe contare su un discreto successo, guidatori permettendo.
TAG: ricerca
2 Commenti alla Notizia Il computer spia il guidatore brillo
Ordina