Tesoro.it: basta che non sia Open Source

In alcuni bandi di gara per la fornitura di sistemi informativi alla P.A. viene tassativamente esclusa la possibilità di utilizzo di software libero

Roma - Il sito del ministero dell'Economia e delle Finanze, tesoro.it, è una miniera di informazioni e come ormai anche altri siti ministeriali consente di conoscere molti importanti dettagli sull'attività del dicastero. Tra questi anche i Concorsi e i Bandi.

Uno dei bandi pubblicati su quelle pagine, disponibile qui, è relativo all'acquisizione di "un sistema informatico in un'ottica di consolidamento dei serventi UNIX del ministero dell'Economia e delle Finanze".

All'interno del bando, laddove vengono elencate le caratteristiche della fornitura software di cui abbisogna il Ministero, si legge: "Il Sistema Operativo non dovrà appartenere alla categoria degli Open Source".
Alcuni lettori che hanno scritto a Punto Informatico hanno sottolineato la cosa, parlando di discriminazione a favore del software proprietario ed accusando la Pubblica Amministrazione perché ancora una volta ha perso non tanto l'occasione di utilizzare il software libero ma anche la possibilità di verificare la percorribilità di un'alternativa alle piattaforme proprietarie.

C'è però da dire che, in quel caso almeno, si trattava di una richiesta di materiali hardware e software capaci di integrarsi ai sistemi legacy, cioè alle infrastrutture precedenti già utilizzate nell'ambito del Ministero.

Tanto è vero che si afferma, sempre nell'elenco delle caratteristiche tecniche: "Il Sistema Operativo dovrà supportare le versioni del DBMS Oracle dalla versione 8.0.4 alla versione 8.1.7, Oracle Application Server dalla versione 4.X.X alla versione 9iAS, IBM Websphere Advanced ed Enterprise Edition dalla versione 3.0.2 alla versione 3.5 (non oggetto della fornitura)." Risultava dunque più semplice, probabilmente, l'adozione di piattaforme proprietarie già capaci di interfacciarsi con altri sistemi proprietari.

Resta naturalmente da vedere se questo possa davvero giustificare l'esclusione tassativa dell'Open Source dal bando di gara.
160 Commenti alla Notizia Tesoro.it: basta che non sia Open Source
Ordina
  • Poche storie. E' il solito appalto appaltato: voglio comprarmi un milione di valigette, fatte esattamente come quella della foto fornitaci dalla ditta AmiciDegliAmici S.p.A. e che solo la ditta AmicidegliAmici S.p.A produce e vende (cito da un fatto realmente accaduto).


    Proposta: Una pizza e due birre in premio a chi scopre chi è la AmiciDegliAmici S.p.A. Io ho girato per un'ora i siti di IBM, HP, Sun, alla ricerca di specifiche tecniche quasi uguali a quelle del bando, ma non ho avuto molto successo. Tuttavia è piuttosto evidente che le specifiche non le ha scritte il ministero, ma le ha passate al ministero qualche commerciale della AmiciDegliAmici....

    Altra cosa che ho scoperto è che esiste la CONSIPA, nome abbastanza simile a CONSIP (in sostanza che di fatto gestisce quell'appalto). Ma non saprei se e quale legame c'è tra le due, a parte l'assonanza del nome, il fatto che vende quello che chiede il bando e il fatto che stà a Roma.
    non+autenticato

  • mune come risponderesti a Stanca? so che con l'Università stai sviluppando o ti sei interessato alla questione OpenSource e P.A.
    non+autenticato
  •         
    non+autenticato

  • mune come risponderesti a Stanca? so che con l'Università stai sviluppando o ti sei interessato alla questione OpenSource e P.A.
    non+autenticato
  • - Scritto da: rm -rf microsoft
    >
    > mune come risponderesti a Stanca? so che con
    > l'Università stai sviluppando o ti sei
    > interessato alla questione OpenSource e P.A.

    rispondo che lui (ma piu' probabilmente qualcun altro) sa gia' benissimo cosa vuole, e per qualche ragione vuole un sistema proprietario. Per questo, il bando e' stato fatto ad hoc per soddisfare quei requisiti e in modo che una sola ditta possa rientrare nella lista. Tuttavia, dato che una soluzione opensource poteva fornire le stesse identiche cose, onde evitare problemi e' stata introdotta quella clausola.

    penso che questa sia solo una sfaccettatura tipica (come mi e' stato confermato da impegati nel settore pubblico) per garantire la fornitura di un certo materiale da parte di una entita' gia' decisa in partenza. Il fatto che coinvolga l'opensource e' solo un caso... credo che il problema si sposti piu' a monte.


    non+autenticato
  • Sinceramente non capisco l'accanimento in difesa dell'open source. A parte le ragioni tecniche che non conosco a fondo ma che sembrano legate anche ai sistemi precedentemente installati dal ministero del tesoro, credo che chi contesta l'assoggettamento alla microsoft della PA non abbia mai considerato i costi di un passaggio a sistemi-non microsoft in termini di adeguamento delle professionalità. Del resto negli ultimi anni parecchi uffici pubblici sono passati a server unix abbandonando microsoft e in molti casi chi deve decidere si trova ancora condizionato da difficoltà che nulla hanno a che fare con mafia, tangenti e microsoft-dipendenza
    non+autenticato
  • Esatto
    non+autenticato
  • Per favore eviti di criticare linux e tutto
    l'OS chi :
    * non ha mai installato linux
    * ha perso 2 ore cercando di capire come si
    facesse a creare un disco di boot per
    l'installazione e poi ha rinunciato blaterando
    sulla fantastica facilità di installazione di
    winzozzo
    * E' riuscito a installare linux ma ha cancellato
    la partizione dopo 15 minuti perche sulla
    distribuzione in suo possesso non era presente
    nessun gioco (a parte quel coso strano che gli
    pare di ricordare si chimasse c-bots)
    * Ha fottuto tutti i dati sul suo disco giocando
    con il partition magic e da quel giorno non
    ha mai smesso di maledire tutti gli unix del
    mondo
    * Quando, riuscito ad installare tutto, completato
    il boot si è trovato il login davanti e ha
    pensato che gli si fosse impallato il pc e/o
    che qualcuno si fosse dimenticato di mettere
    i driver della sua scheda grafica
    nell'installazione
    * Quando gli si parla di C lui pensa che sia
    soltanto la lettera successiva alla B
    nell'alfabeto latino
    * Quando gli si dice "kernel" pensi di essere
    stato offeso o, alternativamente, che gli
    abbiate offerto uno snack al cioccolato
    * Quando sente dire "patch" creda che si stia
    parlando di cerotti per i brufoli
    * Quando gli si dice "samba" pensi ad un
    ballo latino-americano
    * Quando sente X-Server pensi ad un sito porno
    * Quando sente dire "bash" o "zsh" o "csh" pensi
    che siano nuove forme di epatite
    * Quando gli si dice "demone" pensi ad un essere
    alto 3 metri, rosso, con il forcone le corna
    e puzzolente di zolfo

    Per favore evitate di parlare di linux
    (sempre che non l'abbiate scambiato per un
    personaggio di Peanuts)

    ciaouz
    -=Darius=-
    non+autenticato
  • > Per favore eviti di criticare linux e tutto
    > l'OS chi :
    > * non ha mai installato linux
    Io l'ho installato

    > * ha perso 2 ore cercando di capire come si
    >    facesse a creare un disco di boot per
    >    l'installazione e poi ha rinunciato
    > blaterando
    >    sulla fantastica facilità di installazione
    > di
    >    winzozzo
    Installato al volo (hd lasciato tutto per lui, boot da CD ok ed installazione perfetta di Mandalocolonix_sette_punto_un_pochetto_di_piu).

    > * E' riuscito a installare linux ma ha
    > cancellato
    >    la partizione dopo 15 minuti perche sulla
    >    distribuzione in suo possesso non era
    > presente
    >    nessun gioco (a parte quel coso strano che
    > gli
    >    pare di ricordare si chimasse c-bots)
    I giochi c'erano, facevano pena ma ho sopportato stoicamente la cosa

    > * Ha fottuto tutti i dati sul suo disco
    > giocando
    >    con il partition magic e da quel giorno non
    >    ha mai smesso di maledire tutti gli unix
    > del
    >    mondo
    Non c'è problema, ci sono abituato ed è difficile che mi succeda, linux non mi manda così nel pallone

    > * Quando, riuscito ad installare tutto,
    > completato
    >    il boot si è trovato il login davanti e ha
    >    pensato che gli si fosse impallato il pc
    > e/o
    >    che qualcuno si fosse dimenticato di
    > mettere
    >    i driver della sua scheda grafica
    >    nell'installazione
    Macchè, ho riconosciusto subito l'impronta paelolitica di un vetustissimo unisse.
    Ciò fatto un rutto con la password giusta ed ho avuto un bel prompt che pareva il mio vecchi spectrum dei bei tempi andati
    magia magia tcsh csh bsh bash magia magia
    e ciò fatto tutto quello che ci dovevo fa
    Già, ma che ci dovevo fa ?

    > * Quando gli si parla di C lui pensa che sia
    >    soltanto la lettera successiva alla B
    >    nell'alfabeto latino
    No, c'è anche il linguaggio.
    Vuoi che ti dia ripetizioni ?

    > * Quando gli si dice "kernel" pensi di essere
    >    stato offeso o, alternativamente, che gli
    >    abbiate offerto uno snack al cioccolato
    Vuoi che ti insegni come si scrive un kernel, cocco ?
    Che credi ci voglia ?

    > * Quando sente dire "patch" creda che si stia
    >    parlando di cerotti per i brufoli
    Bella questa.

    > * Quando gli si dice "samba" pensi ad un
    >    ballo latino-americano
    E anche un tool che tenta di imitare con gravi falle di sicurezza (quelle fomentate native di NT non sono nulla) e perdite di funzionalità un Server NT
    Insomma, un catenaccio di serie C per chi non può permettersi un "vero" server 2000/NT

    > * Quando sente X-Server pensi ad un sito
    > porno
    Che tristezza.
    Usi xdm, startx o xinit ?
    O magia magia tcsh csh bsh bash magia magia ?

    > * Quando sente dire "bash" o "zsh" o "csh"
    > pensi
    >    che siano nuove forme di epatite
    Con tutte quelle che ci sono e quelle che vengono in mente ogni 10 minuti a qualcuno, altro che epatiti ... sicuramente i nomi dell'intero scibile di virus conosciuti sono già occupati tutti.
    Quindi, se te ne inventi una nuova, stai attento.

    > * Quando gli si dice "demone" pensi ad un
    > essere
    >    alto 3 metri, rosso, con il forcone le
    > corna
    >    e puzzolente di zolfo
    Capito, perchè chiamarlo servizio non era meglio ...
    Veramente, molto pittoresco.
    E quando setto i permessi in lettura e scrittura per un file, mi spieghi che c'entra l'anticristo ?

    >
    > Per favore evitate di parlare di linux
    > (sempre che non l'abbiate scambiato per un
    > personaggio di Peanuts)
    Almeno quello era simpatico
    Questo oltre a non esserlo è solo una copia mal riuscita di un vetusto sistema operativo con dei tools scritti da falliti per poco abbienti e falliti

    Guarda, troglodita informatico, che l'informatica non si è fermata agli anni '70!

    Il solito MCSE
    non+autenticato


  • - Scritto da: -=Darius=-
    > Per favore eviti di criticare linux e tutto
    > l'OS chi :
    > * non ha mai installato linux
    > * ha perso 2 ore cercando di capire come si
    >    facesse a creare un disco di boot per
    >    l'installazione e poi ha rinunciato
    > blaterando
    >    sulla fantastica facilità di installazione
    > di
    >    winzozzo
    > * E' riuscito a installare linux ma ha
    > cancellato
    >    la partizione dopo 15 minuti perche sulla
    >    distribuzione in suo possesso non era
    > presente
    >    nessun gioco (a parte quel coso strano che
    > gli
    >    pare di ricordare si chimasse c-bots)
    > * Ha fottuto tutti i dati sul suo disco
    > giocando
    >    con il partition magic e da quel giorno non
    >    ha mai smesso di maledire tutti gli unix
    > del
    >    mondo
    > * Quando, riuscito ad installare tutto,
    > completato
    >    il boot si è trovato il login davanti e ha
    >    pensato che gli si fosse impallato il pc
    > e/o
    >    che qualcuno si fosse dimenticato di
    > mettere
    >    i driver della sua scheda grafica
    >    nell'installazione
    > * Quando gli si parla di C lui pensa che sia
    >    soltanto la lettera successiva alla B
    >    nell'alfabeto latino
    > * Quando gli si dice "kernel" pensi di essere
    >    stato offeso o, alternativamente, che gli
    >    abbiate offerto uno snack al cioccolato
    > * Quando sente dire "patch" creda che si stia
    >    parlando di cerotti per i brufoli
    > * Quando gli si dice "samba" pensi ad un
    >    ballo latino-americano
    > * Quando sente X-Server pensi ad un sito
    > porno
    > * Quando sente dire "bash" o "zsh" o "csh"
    > pensi
    >    che siano nuove forme di epatite
    > * Quando gli si dice "demone" pensi ad un
    > essere
    >    alto 3 metri, rosso, con il forcone le
    > corna
    >    e puzzolente di zolfo
    >
    > Per favore evitate di parlare di linux
    > (sempre che non l'abbiate scambiato per un
    > personaggio di Peanuts)
    >
    > ciaouz
    > -=Darius=-


    beh... diciamo che quasi tutte le tecnologie e gli strumenti che hai citato non sono soltanto una prerogativa di linux.

    In ogni caso, voglio farti notare che quello che generalmente conta per lo sviluppatore, non è tanto avere una sistema operativo ultra-personalizzabile, ma semplicemente avere un'insieme di strumenti e applicazioni pratici, produttivi e innovativi (vedi .NET di ms).

    Per questo continuerò ancora a criticare linux.

    E tu adesso mi dirai... quanto ti costa in licenze lavorare con prodotti MS..?
    Il fatto che ms fa pagare egregiamente i suoi tools, mi sembra più che giusto. Ti posso assicurare che, chi sa lavorare bene su sistemi win nt/2000/xp, avrà sicuramente un ottimo e immediato ritorno economico. E questo non perchè ms è lo standard, ma semplicemente perchè gli sforzi MS hanno sempre puntato verso la veloce produttività azienda e .NET è il risultato attuale.

    Le case distributrici di linux, e questo mi dispiace, pensano solo a regalarti centinaia di megabyte di software prevalentemente inutile (tranne rarissime eccezioni).

    Ritengo personalmente linux un miracolo, che comunque non potrà ancora durare per molto fino quando non imparate ad uscire qualche soldo dalle tasche. Altrimenti il vostro amato pinguino rischierà l'estinzione.
    non+autenticato


  • - Scritto da: ToioX
    >
    > In ogni caso, voglio farti notare che quello
    > che generalmente conta per lo sviluppatore,
    > non è tanto avere una sistema operativo
    > ultra-personalizzabile, ma semplicemente
    > avere un'insieme di strumenti e applicazioni
    > pratici, produttivi e innovativi (vedi .NET
    > di ms).

    Fino a poco tempo fa (quando non c'era .net) gli strumenti di sviluppo microsoft non erano poi cosi` innovativi. E produttivi solo in apparenza. Il vecchio VB e` stata la peste della programmazione. Ti costringe a programmare a partire dall'interfaccia, la radice di tutti i mali.

    >
    > Per questo continuerò ancora a criticare
    > linux.
    >
    > E tu adesso mi dirai... quanto ti costa in
    > licenze lavorare con prodotti MS..?
    > Il fatto che ms fa pagare egregiamente i
    > suoi tools, mi sembra più che giusto. Ti
    > posso assicurare che, chi sa lavorare bene
    > su sistemi win nt/2000/xp, avrà sicuramente
    > un ottimo e immediato ritorno economico. E
    > questo non perchè ms è lo standard, ma
    > semplicemente perchè gli sforzi MS hanno
    > sempre puntato verso la veloce produttività
    > azienda e .NET è il risultato attuale.
    >
    > Le case distributrici di linux, e questo mi
    > dispiace, pensano solo a regalarti centinaia
    > di megabyte di software prevalentemente
    > inutile (tranne rarissime eccezioni).
    >
    > Ritengo personalmente linux un miracolo, che
    > comunque non potrà ancora durare per molto
    > fino quando non imparate ad uscire qualche
    > soldo dalle tasche. Altrimenti il vostro
    > amato pinguino rischierà l'estinzione.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | Successiva
(pagina 1/5 - 24 discussioni)