Il GPS che blocca l'acceleratore

In Canada l'Ente trasporti sta testando un dispositivo satellitare che permette il controllo delle velocità sui veicoli: superati i limiti il pedale dell'acceleratore si indurisce fastidiosamente

Ottawa (Canada) - Tempi duri per gli automobilisti canadesi dal piede pesante. L'Ente per i trasporti del Canada sta testando un nuovo sistema satellitare in grado di controllare attivamente il traffico automobilistico. Il primo progetto pilota ha previsto l'istallazione su 10 auto - liberamente circolanti sul territorio - di centraline satellitari GPS collegate elettronicamente al pedale dell'acceleratore. Nel caso vengano superati i limiti di velocità - con variazioni del margine di sensibilità in base ai tratti stradali - il pedale tende ad indurirsi in affondo, rendendo più difficile una ulteriore pressione.

In pratica si tratta di un sistema attivo che ha come obiettivo il contenimento delle velocità sulla rete stradale. "Stiamo cercando di valutare le reazioni dei tester per farci un'idea sull'eventuale adozione del sistema in larga scala", ha dichiarato Peter Burns, responsabile dell'iniziativa presso Transport Canada. "Si tratta della prima serie di test sul territorio nord-americano; in Svezia, Olanda e Inghilterra sappiamo che tecnologie analoghe hanno brillantemente superato ogni aspettativa. Sono convinto che un'eventuale adozione possa non solo limitare il numero di morti e incidenti sulle strade, ma anche ridurre le emissioni inquinanti, strettamente correlate alla velocità del mezzi".

Secondo i dati dell'ente trasporto canadese, il fattore velocità sarebbe responsabile di incidenti fatali nel 25% dei casi. La prima fase dei test si concluderà la prossima primavera; successivamente tutti i dati raccolti verranno elaborati per comprendere anche quanto possa incidere una tecnologia di questo genere sui comportamenti degli automobilisti.
Transport Canada, inoltre, ha intenzione di testare il dispositivo Otto Driving Companion, una soluzione meno intrusiva realizzata dalla canadese Persentech. Si tratta di una centralina satellitare che, al superamento delle velocità consentite, attiva un alarm vocale e led luminosi che avvertono il conducente dell'infrazione. Attualmente viene commercializzata a Winnipeg e Ottawa al prezzo di circa 290 dollari canadesi (212 euro). "Ne abbiamo già venduti 400; gli automobilisti più coscienziosi sembrano aver apprezzato il sistema di allarme", ha dichiarato Frank Franczyk, presidente dell'azienda produttrice.

Il software istallato, inoltre, può essere aggiornato con mappe digitali e funzioni di alarm per incroci pericolosi, attraversamenti pedonali etc. La piattaforma di gestione permette di intervenire su più parametri, come ad esempio il margine di tolleranza per il superamento delle velocità (fra il 2 e il 10%). Non manca anche l'opzione di spegnimento totale del sistema.

"Questo genere di dispositivi permetterebbe di eliminare i fastidiosi rallentatori che hanno invaso il paese. Sarebbe un risparmio per la comunità e per gli automobilisti, che a volte sono costretti a far visita ai centri di assistenza per i conseguenti problemi alle sospensioni", ha dichiarato Doug Holyday, Consigliere della città di Toronto. "Da non dimenticare, magari la possibilità di coinvolgere le assicurazioni. Perché non pensare anche a sconti per gli automobilisti più coscienziosi?".

Dario d'Elia
TAG: canada
54 Commenti alla Notizia Il GPS che blocca l'acceleratore
Ordina
  • Stai sorpassando il solito vecchietto rincoglionito che va a 60Km/h sulla statale quando ti si blocca l'acceleratore o ti si spegne l'auto con conseguente frontale con un camion che procede in senso opposto.
    E' proprio vero che la mamma degli imbecilli è sempre incinta.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Stai sorpassando il solito vecchietto
    > rincoglionito che va a 60Km/h sulla statale
    > quando ti si blocca l'acceleratore o ti si spegne
    > l'auto con conseguente frontale con un camion che
    > procede in senso opposto.
    > E' proprio vero che la mamma degli imbecilli è
    > sempre incinta.

    Vero, basta frenare e ripetere l'operazione di sorpasso quando hai abbastanza strada dritta davanti a te da vedere che non ci sono camion in senso opposto (che poi è la cosa che avresti dovuto fare).

  • > Vero, basta frenare e ripetere l'operazione di
    > sorpasso quando hai abbastanza strada dritta
    > davanti a te da vedere che non ci sono camion in
    > senso opposto (che poi è la cosa che avresti
    > dovuto fare).

    Ciò non toglie che il primo intervento sia giusto.
    non puoi trovarti in fase di sorpasso a dover gestire ulteriori complicazioni.
    Spero che queste centraline non passino mai alla produzione in serie.

    Il problema poi secondo me rimane l'idiozia diffusa della gente (diciamo di gran parte delle persone), che in auto guidano distratte (qui a roma ad esempio la metà della gente che vedo al volante sta parlando al cellulare) e non hanno una preparazione alla guida adeguata.

    Mettiamoci poi che la patente la prende chiunque in italia.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > > Vero, basta frenare e ripetere l'operazione di
    > > sorpasso quando hai abbastanza strada dritta
    > > davanti a te da vedere che non ci sono camion in
    > > senso opposto (che poi è la cosa che avresti
    > > dovuto fare).
    >
    > Ciò non toglie che il primo intervento sia giusto.
    > non puoi trovarti in fase di sorpasso a dover
    > gestire ulteriori complicazioni.
    > Spero che queste centraline non passino mai alla
    > produzione in serie.

    Così su due piedi penso che potrebbero esser invece utilizzate, ma non per frenare la macchina, bensì per attivare un elemento di disturbo (un forte bip, per esempio), che l'utente alla guida potrebbe ben sopportare per l'azione del sorpasso ma che non sarebbe invece compatibile con una guida ad una velocità costantemente sopra i limiti.

    Oppure, rimanendo sulla soluzione del rallentamento forzato, questo potrebbe avvenire solo dopo 1 minuto di velocità eccessiva, così da permetterti di terminare la manovra azzardata o rinunciarci in partenza se è evidentemente troppo pericolosa.

    Se si usa il cervello, di soluzioni alla fine se ne trovano. Distruggere in partenza ogni idea nuova mi pare da poveri sciocchi.

    > Il problema poi secondo me rimane l'idiozia
    > diffusa della gente (diciamo di gran parte delle
    > persone), che in auto guidano distratte (qui a
    > roma ad esempio la metà della gente che vedo al
    > volante sta parlando al cellulare) e non hanno
    > una preparazione alla guida adeguata.

    Giusto, ma questo problema è insito nella natura umana, non credo si possa eliminarlo, non del tutto per lo meno. Puoi alleviarlo, oppure puoi cambiare strumento (il mezzo di trasporto, in questo caso) sostituendolo con uno meno foriero di potenziali pericoli, ma certe abitudini umane sono la conseguenza (in)diretta di istinti primordiali e ce li dobbiamo tenere. Fino a prova contraria, ovvio.
  • Raga' io sto piangendooooooo non posso fare nulla perke' non ho brevettato nulla, ma era un idea ke avevamo in mente io ed un altro mia amico, anzi il mio amico me l aveva proposto. era un annetto circa che ci pensavamo. Ho appreso solo ora la notizia e mi sento un idiota,cmq ho un idea in piu' e credo che questa volta la brevettero'. Salve.
    non+autenticato
  • Il problema è alla fonte!!!!!

    Le case continuano a produrre auto sempre più potenti.......e gli stati, per vendere i carburanti le omologano......
    non+autenticato
  • Si si facciamole che vanno solo a 50Kh

    Ma dai
    non+autenticato
  • beh magari limitate ai 150km/h, a te che cambia? sicuramente ci sarebbero meno morti sulle strade, amici compresi...

    - Scritto da: Anonimo
    > Si si facciamole che vanno solo a 50Kh
    >
    > Ma dai
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > beh magari limitate ai 150km/h, a te che cambia?
    > sicuramente ci sarebbero meno morti sulle strade,
    > amici compresi...

    Piuttosto sarebbe meglio che quello che guida con la propria testa decidesse di andare più piano, altro che i limitatori di velocità! A bocca storta
    non+autenticato
  • La velocità non è la principale causa degli incidenti.
    Finiamola con questa fesseria.
    In Germania (dove non ci sono limiti di velocità in autostrada) non ci sono certo più morti che da noi.
    Le non rare volte che vado lì in auto per lavoro guido tranquillamente arrivando anche a 230/240 Km/h e non ho mai avuto nessun problema.
    Il problema non è la velocità. E' la testa della gente. Se vai sulla provinciale a 200 sei un cogl1one. In autostrada invece i cogl1oni sono quelli che si mettono a 100 in terza corsia e non si schidano in nessun modo costringendomi a superare a destra.

    Saluti
    Mario
    non+autenticato
  • > costringendomi a
    > superare a destra.

    e' compito della polizia fermarlo e dargli la multa, non hai comunque diritto a infrangere una norma stradale!
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > > costringendomi a
    > > superare a destra.
    >
    > e' compito della polizia fermarlo e dargli la
    > multa, non hai comunque diritto a infrangere una
    > norma stradale!

    Rileggiti il Codice, perché superare (non sorpassare) da destra è consentito se non si cambia corsia per farlo.

    C'è una sottile differenza, ma questa cosa è scritta anche sul sito della Polizia http://www.poliziadistato.it/pds/faq_new/index.php...

    In pratica se sto viaggiando sulla prima corsia e più avanti c'è qualcuno che viaggia più piano sulla seconda corsia, posso regolarmente superarlo sulla destra rimanendo sulla mia corsia, dato che tale manovra non è considerata un sorpasso.

  • - Scritto da: Anonimo
    > La velocità non è la principale causa degli
    > incidenti.
    > Finiamola con questa fesseria.
    > In Germania (dove non ci sono limiti di velocità
    > in autostrada) non ci sono certo più morti che da
    > noi.
    > Le non rare volte che vado lì in auto per lavoro
    > guido tranquillamente arrivando anche a 230/240
    > Km/h e non ho mai avuto nessun problema.

    Anche perchè se lo avessi avuto ora non saresti qui a contarla...

    > Il problema non è la velocità. E' la testa della
    > gente. Se vai sulla provinciale a 200 sei un
    > cogl1one. In autostrada invece i cogl1oni sono
    > quelli che si mettono a 100 in terza corsia e non
    > si schidano in nessun modo costringendomi a
    > superare a destra.

    Diciamo che quelli che vanno piano in terza corsia sono coglioni ne più e ne meno di quelli che superano sulla destra. In compenso i primi sono meno pericolosi... soprattutto quando i secondi viaggiano a 240 km/h ...
    non+autenticato
  • Credo che se ci fosse l'obbligo di montare tale sistema su tutte le auto non ci sarbbe più bisogno dei vili autovelox e dei nostri dipendenti (forze dell'ordine) che si occupano di queste faccende.
    Ci sarebbe un risprmio e si potrebbe adoperare le stesse persone per fare realmente il loro lavoro!

    D'altro canto non cerdo che il sistema sia così stupido da non consentirti di fare una accellerata brusca di 5 secondi per uscire da un possibile guaio!

    In Italia però non verrà mai utilizzato perchè le multe sono un introito enorme per lo stato, comuni etc...

    Poi, se uno compra un ferrari o similari può scannellare serenamente in pista... li il limite non c'è... quindi può andare quanto la macchina lo permette.

    In questa maniera anche sulla strada si rispetta la legalità e credo che se le case automobilistiche lo dovessero mettere obbligatoriamente nn si pagherebbe di + l'auto stessa.
    non+autenticato
  • Autovelox a parte, dalla mia esperienza ho visto che i vigili e i comuni tendono a limitare la loro responsabilità su eventuali incidenti, piuttosto che pensare alla sicurezza di chi circola. Un esempio? le pedonali contrassegnate con file di paletti di ferro, mortali anche per un giovane che cade dal ciclomotore a 30km/h (mai visto 14enni andare in giro in motorino con la neve, magari per andare a scuola? io sì). Altro esempio? guard-rail che limitano la larghezza della strada (due camion prima ci passavano, ora no), messi su perchè spesso si verificano uscite di strada causate dalla inesistente segnalazione orizzontale. Altro esempio? i limiti di velocità ridicoli che mettono loro al riparo da eventuali responsabilità in caso di incidente.

    Riguardo al dispositivo in questione: a quando le multe automatiche? E poi siamo davvero sicuri che il dispositivo capisca le accelerazioni per i sorpassi? E' impensabile che capisca (efficientemente) ogni situazione.

    E poi il prezzo, così come air-bags e abs, sarebbe sulle nostre spalle, il governo è impegnato col digitale terrestre, non eventualmente con la nostra sicurezza.
    non+autenticato
  • a mio avviso è pericolosissimo.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 14 discussioni)