VMware Player virtualizza Firefox

Con il debutto della versione finale del proprio player gratuito di macchine virtuali, VMware ha messo a disposizione degli utenti versioni virtualizzate di Firefox e altro software open source

Palo Alto (USA) - VMware ha rilasciato la versione finale di VMware Player, il proprio player gratuito di macchine virtuali per Windows e Linux. In questa occasione l'azienda ha anche annunciato una partnership con Mozilla Corporation per la distribuzione di Browser Appliance, una macchina virtuale che ingloba il browser Firefox.

VMware Player, di cui ad ottobre era stata rilasciata una beta pubblica, è un programma che permette di far girare le immagini delle macchine virtuali create con i software di virtualizzazione della stessa VMware (VMware Workstation, GSX Server or ESX Server) o con quelli di Microsoft e Symantec.

Con il suo player, VMware inaugura una nuova forma di distribuzione del software che permette agli utenti di provare applicazioni e sistemi operativi, specie quelli in versione preliminare o dimostrativa, senza la necessità di installarli e configurarli. Ma il programma di VMware consente anche di crearsi il proprio ambiente di lavoro personale e portarselo sempre appresso, magari all'interno di un CD o una chiavetta USB: una soluzione che, in molti casi, può risultare assai più comoda rispetto all'uso di un sistema operativo live.
Un esempio delle possibilità aperte da VMware Player è dato da Browser Appliance, un'immagine scaricabile gratuitamente dal sito di VMware che permette di utilizzare il browser open source Firefox all'interno di un ambiente blindato: eventuali spyware o worm rimangono infatti confinati all'interno della macchina virtuale, e tutti i dati personali dell'utente vengono distrutti nel momento in cui si spegne la macchina virtuale. Chi lo desidera, tuttavia, può salvare lo stato della macchina virtuale e conservare bookmark, cookie, password e altre informazioni.

Uno dei vantaggi offerti dalla virtualizzazione consiste proprio nel completo isolamento fra l'ambiente virtualizzato, ovvero il sistema operativo guest, e il resto del sistema (l'host): ciò permette, ad esempio, di navigare su Internet da un terminale pubblico senza lasciare tracce o di avventurarsi nell'underground della Rete senza rischiare di infettare il proprio PC con spyware, worm e altri "parassiti" digitali.

Le macchine virtuali che girano su VMware Player possono accedere alle periferiche del PC (quali drive ottici e USB), scambiare testo e file con il sistema operativo host (tramite copy'n'paste o drag'n'drop), ottenere un proprio indirizzo IP, condividere la connessione Internet con l'host, e far girare sistemi operativi a 32 e a 64 bit (Linux, Windows e FreeBSD). L'utente può configurare la quantità di memoria RAM da dedicare al sistema guest e disattivare le macchine virtuali avvalendosi della sospensione, una modalità simile a quella offerta dai moderni sistemi operativi per PC.

Dal sito di VMware è già possibile scaricare gratuitamente diverse macchine virtuali "preconfezionate" contenenti le demo di alcuni software proprietari e le distribuzioni Linux di Novell, Red Hat e Ubuntu. Un'apposita sezione, chiamata Community Virtual Machines, è dedicata al software open source non commerciale: al momento elenca AstLinux, Fedora Core 4, Damn Small Linux e Minix 3.
19 Commenti alla Notizia VMware Player virtualizza Firefox
Ordina
  • Premesso che nessuna delle mie macchine è in grado di far girare un sistema virtuale, a me piacerebbe un programma in grado di far funzionare un'immagine creata con
    dd if=/dev/hda of =file
    - quale che sia il sistema operativo sul dispositivo - senza l'intoppo di costosi formati proprietari.

    Ö

    ==================================
    Modificato dall'autore il 15/12/2005 22.22.41
  • Ma bravi, vedo che stiamo procedendo all'indietro, invece che in avanti.....

    Avevo proprio bisogno di un altro layer software, effettivamente la mia macchina era troppo veloce!
    Ora posso godermi un bel giochino in Java sotto Windows virtuale, così un bel 50-60% di velocità me lo sono fumato.....

    Qui invece di andare avanti mi sembra che si proceda come i gamberi....
    non+autenticato
  • Ma non usarla, la virtualizzazione! Chi te lo fa fare?
    Però permetti che a qualcuno può essere comodo evitare di riavviare il computer per cambiare sistema operativo?
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Ma bravi, vedo che stiamo procedendo
    > all'indietro, invece che in avanti.....
    >
    > Avevo proprio bisogno di un altro layer software,
    > effettivamente la mia macchina era troppo veloce!
    > Ora posso godermi un bel giochino in Java sotto
    > Windows virtuale, così un bel 50-60% di velocità
    > me lo sono fumato.....
    >
    > Qui invece di andare avanti mi sembra che si
    > proceda come i gamberi....

    Chi il pc lo usa per gioco ragiona come te. In certe altre realtà la virtualizzazione è una gran cosa. Certo queste realtà bisogna viverle econoscerle.
  • Per chi e' interessato all'argomento consiglio di provare quest soft

    http://bochs.sourceforge.net/

    non+autenticato
  • Il player è davvero fenomenale, serve una macchina un po' robusta per supportare le immagini e il loro caricamento ma una volta lanciato è superlativo. Con Linux e la possibilità di sistemi con specifiche applicazioni precaricate, trova la sua massima potenzialità.
    Ci si potranno scambiare le "immagini" del SO pacchettizate per la navigazione, per la videoscrittura, ecc.
    Il *mio* sistema operativo scelto sarà in questo modo ovunque io vada. M'immagino un bel DVD con 2-3 immagini di SO e il player, la chiavetta USB da un giga con i dati e la possiblità di lavorare con Linux ovunque mi pare.
    Non servono più i portatili!
    (Eh l'ho detta grossa lo so!!)
  • > serve una macchina un po' robusta

    Hai detto niente!
    Insomma è il solito software per Windows-smanettoni con i computer all'ultimo grido.

    > Con Linux e la possibilità di sistemi con
    > specifiche applicazioni precaricate,
    > trova la sua massima potenzialità.

    Questa poi.
    Perché mai uno dovrebbe usare VMware Player per far girare un linux dentro un altro, quando c'è User Mode Linux che è gratuito e va come una scheggia?

    > Ci si potranno scambiare le "immagini"
    > del SO pacchettizate per la navigazione,
    > per la videoscrittura, ecc.

    Questo lo si fa da quando esistono i computer, scambiandosi i file di configurazione dei vari programmi.
    Eccetto in quell'aborto di Windows, dove non esistono neppure i file di configurazione!

    > M'immagino un bel DVD con 2-3 immagini di SO
    > e il player, la chiavetta USB da un giga con i dati
    > e la possiblità di lavorare con Linux ovunque mi pare

    Mai sentito parlare dei Live CD?
    Ti permettono di fare tutto questo e in più:
    - sono gratuiti
    - funzionano su tutti i computer, non solo quelli "robusti"
    - ti proteggono dai keylogger e spyware del sistema operativo ospite, AL CONTRARIO DI QUESTA BUFFONATA
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > > serve una macchina un po' robusta
    >
    > Hai detto niente!
    > Insomma è il solito software per
    > Windows-smanettoni con i computer all'ultimo
    > grido.

    512Mb di memoria
    HD 20 o 40 GB
    Processore P4 o AMD
    Scheda video qualsiasi
    Scheda audio non richiesta
    Ti pare troppo? A me no, pare normale.
    Dico che serve robusta in memoria per il caricamento del SO ma può andare anche sun P3 senza troppe pretese. O sei il solito affezionato ai 486/P100 senza interfaccia grafica che sbava nel digitare comandi dalla shell??

    > > Con Linux e la possibilità di sistemi con
    > > specifiche applicazioni precaricate,
    > > trova la sua massima potenzialità.
    >
    > Questa poi.
    > Perché mai uno dovrebbe usare VMware Player per
    > far girare un linux dentro un altro, quando c'è
    > User Mode Linux che è gratuito e va come una
    > scheggia?
    Perchè con Linux ti crei la tua immagine leggera leggera e te l'avvii ovunque sei, con Windows immagini leggere leggere non te ne puoi creare.


    > > Ci si potranno scambiare le "immagini"
    > > del SO pacchettizate per la navigazione,
    > > per la videoscrittura, ecc.
    >
    > Questo lo si fa da quando esistono i computer,
    > scambiandosi i file di configurazione dei vari
    > programmi.
    > Eccetto in quell'aborto di Windows, dove non
    > esistono neppure i file di configurazione!
    Si ma devi avere un tuo pc dove installarci lo steso SO dal quale ti copi i file di configurazione. Io non installo niente giro con il CD/DVD lo avvio dove voglio e tanti saluti alle installazioni.


    > > M'immagino un bel DVD con 2-3 immagini di SO
    > > e il player, la chiavetta USB da un giga con i
    > dati
    > > e la possiblità di lavorare con Linux ovunque
    > mi pare
    >
    > Mai sentito parlare dei Live CD?
    > Ti permettono di fare tutto questo e in più:
    > - sono gratuiti
    > - funzionano su tutti i computer, non solo quelli
    > "robusti"
    > - ti proteggono dai keylogger e spyware del
    > sistema operativo ospite, AL CONTRARIO DI QUESTA
    > BUFFONATA
    Anche VMWare Player è gratuito. Ma si vede che tu il pc lo usi solo per i fatti tuoi. Per lavoro è diverso: non ti puoi prendere la comodità di lavorare solo in linux, hai clienti anche con Windows che di live CD non ne ha. Io lavoro sul tuo sistema con Windows XP, Windows 2003 e Windows 2000 semplicemente cambiando immagine e testo tutto quello che mi pare.
    Poi se devo anche caricarmi qualche distro Linux tipo Suse, Fedora, Slackware, Debian, Ubuntu, ecc tu giri con 5 live CD io con un DVD e richiamo le immagini di quello che mi pare senza riavvio.
    E' comodo, fine.
    Per la virtualizzazione VMWare sta facendo grandi cose; sì c'è QEMU per Linux ma non è ancora all'altezza... staremo a vedere.

  • > Mai sentito parlare dei Live CD?
    > Ti permettono di fare tutto questo e in più:
    > - sono gratuiti
    > - funzionano su tutti i computer, non solo quelli
    > "robusti"
    > - ti proteggono dai keylogger e spyware del
    > sistema operativo ospite, AL CONTRARIO DI QUESTA
    > BUFFONATA

    Con WMware puoi condividere la connessione internet del PC host.
    Con un Live CD come fai a configurare il modem ADSL?
    Lo devi riconfigurare ad ogni reboot.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > > Mai sentito parlare dei Live CD?
    > > Ti permettono di fare tutto questo e in più:
    > > - sono gratuiti
    > > - funzionano su tutti i computer, non solo
    > > quelli "robusti"
    > > - ti proteggono dai keylogger e spyware del
    > > sistema operativo ospite, AL CONTRARIO DI
    > > QUESTA BUFFONATA

    > Con WMware puoi condividere la connessione
    > internet del PC host.
    > Con un Live CD come fai a configurare il modem
    > ADSL?
    > Lo devi riconfigurare ad ogni reboot.

    Oppure salvare la configurazione su floppy, file o chiavetta USB.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > - Scritto da: Anonimo
    > > > Mai sentito parlare dei Live CD?
    > > > Ti permettono di fare tutto questo e in più:
    > > > - sono gratuiti
    > > > - funzionano su tutti i computer, non solo
    > > > quelli "robusti"
    > > > - ti proteggono dai keylogger e spyware del
    > > > sistema operativo ospite, AL CONTRARIO DI
    > > > QUESTA BUFFONATA
    >
    > > Con WMware puoi condividere la connessione
    > > internet del PC host.
    > > Con un Live CD come fai a configurare il modem
    > > ADSL?
    > > Lo devi riconfigurare ad ogni reboot.
    >
    > Oppure salvare la configurazione su floppy, file
    > o chiavetta USB.

    Ma con VMWare posso pure avviare due o più SO per volta, con il live CD no. A meno di aver due macchine.
    E allora il risparmio dov'è??
    A bocca aperta
  • Tutte queste mosse di VmWare derivano dalla pressione che subiscono da Xen, che come para-virtualizzatore non genera perdite di prestazioni sul sistema emulato ed è gratuito e libero.

    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > Tutte queste mosse di VmWare derivano dalla
    > pressione che subiscono da Xen, che come
    > para-virtualizzatore non genera perdite di
    > prestazioni sul sistema emulato ed è gratuito e
    > libero.

    Ma non e' la stessa cosa di vmware ...
    11237
  • che palle queste storie ridicole.
    sembra che l'unico valore che conti sia l' "aggratis"
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Tutte queste mosse di VmWare ... [sensazioni varie]

    Come se facessero le stesse cose. Basti dire che su Xen occorre "portare" il sistema operativo perche' ci giri sopra.

    VmWare e' tutt'altro.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > Tutte queste mosse di VmWare ... [sensazioni
    > varie]
    >
    > Come se facessero le stesse cose. Basti dire che
    > su Xen occorre "portare" il sistema operativo
    > perche' ci giri sopra.

    Per adesso sì, ma col supporto per la virtualizzazione integrato nelle CPU prossime venture xen potrà far girare anche winsozz senza che questo debba essere portato (cosa che in effetti attualmente costituisce un limite per xen).
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 6 discussioni)