Exchange 12 sotto test

Alcuni clienti e partner selezionati hanno potuto mettere le mani, in anteprima, su di una prima beta del nuovo server di posta elettronica e messaggistica di Microsoft. Ecco le maggiori novità

Redmond (USA) - Ieri è ufficialmente partito il beta testing di Exchange 12, nome in codice della prossima release del noto server di Microsoft per la messaggistica e la collaborazione. La Beta 1 costituisce un passo importante verso il rilascio della versione definitiva del prodotto, atteso tra la fine del 2006 e l'inizio del 2007.

"Oggi gli utenti finali richiedono l'accesso completo e continuo, da una serie sempre più ampia di dispositivi, alle proprie caselle di posta in arrivo. Allo stesso tempo, le organizzazioni devono affrontare le minacce da spamming e virus, oltre ad adeguarsi ai requisiti imposti dalle recenti normative", sostiene David Thompson, Corporate Vice Presidente Exchange Server di Microsoft. "Exchange 12 è una soluzione di messaggistica caratterizzata da elevata disponibilità che consente agli amministratori IT di affrontare al meglio queste sfide".

Come anticipato lo scorso mese, Exchange 12 sarà disponibile esclusivamente per i sistemi operativi a 64 bit, che secondo Microsoft offrono maggiori funzionalità e scalabilità.
Tra le maggiori novità della prossima versione di Exchange si cita l'installazione e la configurazione basata sui "ruoli" del server: questo approccio, già abbracciato da Microsoft con Windows Server 2003 e altri recenti prodotti, permette agli amministratori di installare e configurare solo i componenti realmente necessari all'azienda, riducendo così l'esposizione agli attacchi provenienti dall'esterno.

Gli amministratori avranno poi a disposizione una nuova console grafica di gestione, una shell a linea di comando basata su Monad e gestibile tramite script, e tool per la rilevazione e la configurazione automatica dei client Outlook.

Per l'utente finale Exchange 12 offrirà invece la possibilità di accedere alla inbox indipendentemente dal luogo in cui si trova e dal dispositivo che sta utilizzando: PC, PDA o smartphone. La nuova piattaforma include anche gli aggiornamenti a Outlook Web Access, il client per accedere alla casella di posta in arrivo con un browser, virtualmente ovunque, senza bisogno di una particolare connessione di rete. In quest'area le principali novità della Beta 1 sono:

- un sistema di messaggistica unificato che archivia i messaggi vocali e i fax nella inbox di Exchange, a cui, come avviene per la posta elettronica, è possibile accedere utilizzando Outlook, Outlook Web Access, dispositivi mobili e qualsiasi telefono tramite Outlook Voice Access con il riconoscimento vocale;
- versione migliorata di Outlook Web Access, ora maggiormente integrato con Outlook;
- Scheduling Assistant, che permette agli utenti di pianificare le riunioni consentendo di convocare i partecipanti, prenotare le sale e altre risorse in maniera semplice e presentando visivamente le diverse opzioni che vengono offerte.

Sotto il profilo della sicurezza, il nuovo server di Microsoft fornirà filtri antispam integrati, aggiornamenti automatici per filtri antispam, block-list e reputation service, un antivirus per la posta elettronica, e un filtro che consente agli amministratori di bloccare gli allegati in ingresso e in uscita in base all'estensione del file, al nome del file o al tipo di contenuto.

A dispetto di quanto promesso inizialmente, pare che Microsoft non farà in tempo ad integrare in Exchange 12 un motore di database basato sul proprio SQL Server: tale funzionalità potrebbe dunque essere rimandata alla release successiva.
TAG: microsoft
24 Commenti alla Notizia Exchange 12 sotto test
Ordina
  • Cito dall'articolo:

    "A dispetto di quanto promesso inizialmente, pare che Microsoft non farà in tempo ad integrare in Exchange 12 un motore di database basato sul proprio SQL Server: tale funzionalità potrebbe dunque essere rimandata alla release successiva."

    Ma così mi vanno a togliere una caratteristica chiave!

    L'integrazione con SQL Server avrebbe fatto la gioia di decine di amminstratori.

    Buona l'idea dell'antispam integrato, ma a quanto ho capito usano il sistema delle RBL: buono, ma non ottimo. Anche se forse implementeranno i filtri di Bayes (li uso e devo dire che dopo un mese di training il filtro non sbaglia un colpo).

    Ottimo che abbiano migliorato Outlook Web Access, la versione che c'era con Exchange 2000 non era un granché.

    Invece trovo che l'integrazione con dispositivi mobili tipo PDA sia più che altro un'esca per attirare all'amo il Manglement e spingerlo a comprare tanti bei PDA con Windows Pocket (che IMHO fanno figo, ma alla fine sono poco più che giocattoli costosi).

    Ah, ultima cosa: per gestire la mia posta io uso Postfix sotto FreeBSD con PostgreSQL e Cyrus IMAPd... Exchange fa TROPPE cose che a me non servono.A bocca aperta
    non+autenticato
  • Non è Exchange ma ti fa risparmiare una valanga di soldi, inoltre è leggero come una piuma.
    non+autenticato
  • Possibilità di scegliere cosa installare e gestione da linea di comando!
    QUESTA si che è vera innovazione, altro che i Linari coi loro tool via web punta e clicca!
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Possibilità di scegliere cosa installare e
    > gestione da linea di comando!
    > QUESTA si che è vera innovazione, altro che i
    > Linari coi loro tool via web punta e clicca!


    Il server Lotus Domino sono più di 10 anni che ha una struttura a task che possono essere installati o meno e sopratutto attivati o meno a seconda dell'esigenza...............tutto da una bella consolle a linea di comando.
    Naturalmente chi vuole ha a disposizione l'interfaccia grafica.

    Se questi aspetti li chiami innovativi forse ti sei guardato poco in giro negli ultimi 10 anni.

    Ciao
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > Possibilità di scegliere cosa installare e
    > > gestione da linea di comando!
    > > QUESTA si che è vera innovazione, altro che i
    > > Linari coi loro tool via web punta e clicca!
    >
    >
    > Il server Lotus Domino sono più di 10 anni che ha
    > una struttura a task che possono essere
    > installati o meno e sopratutto attivati o meno a
    > seconda dell'esigenza...............tutto da una
    > bella consolle a linea di comando.
    > Naturalmente chi vuole ha a disposizione
    > l'interfaccia grafica.

    10 anni ? forse qualcosina in più! erano esattamente 10 anni fa quando ho iniziato a lavorare come amministratore Lotus Notes (versione 3.xx), diventato poi Lotus Domino... e queste funzionalità esistevano già prima!

    >
    > Se questi aspetti li chiami innovativi forse ti
    > sei guardato poco in giro negli ultimi 10 anni.
    >
    > Ciao

    Bé, di questo non mi meraviglio che alcuni individui non sappiano cosa c'era in giro 10 anni fa: una buona fetta degli "esperti informatici" che troviamo oggi giorno, fino ad un paio di anni fa erano panettieri,
    venditori, meccanici con il pallino del pc...

    saluti
    non+autenticato
  • Exchange è il programma più pesante che abbia mai visto... pensavo che sarebbe morto sepolto e invece eccolo qua!

    Incredibile...

    LinuxUser Fan Linux
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Exchange è il programma più pesante che abbia mai
    > visto... pensavo che sarebbe morto sepolto e
    > invece eccolo qua!
    >
    > Incredibile...

    Pensa che un suo simile per linux non c'è nemmeno...
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > Exchange è il programma più pesante che abbia
    > mai
    > > visto... pensavo che sarebbe morto sepolto e
    > > invece eccolo qua!
    > >
    > > Incredibile...
    >
    > Pensa che un suo simile per linux non c'è
    > nemmeno...
    Infatti c'è di meglio, la libertà e la fantasia. Vuoi un programma, lo prendi e lo usi. Non ti va bene, lo modifichi o te ne fai una per i fatti tuoi. Con il codice aperto lo puoi fare a patto che TU ne sia capace, altrimenti ... clikka.
    Saluti

  • > > Pensa che un suo simile per linux non c'è
    > > nemmeno...
    > Infatti c'è di meglio, la libertà e la fantasia.
    > Vuoi un programma, lo prendi e lo usi. Non ti va
    > bene, lo modifichi o te ne fai una per i fatti
    > tuoi. Con il codice aperto lo puoi fare a patto
    > che TU ne sia capace, altrimenti ... clikka.

    In effetti deve proprio essere cosi': a nessun utente linux e' mai sorta la necessita' di un sistema di collaborazione, e tutti i cloni mal riusciti che sono stati fatti non sono mai stai open-presi, open-modificati, open-migliorati.
    Sicuramente nessuno voleva fare un torto a MSFT.
    Si si, deve essere proprio cosi'. Come sono buoni i linari...
    non+autenticato

  • - Scritto da: devil64

    > Infatti c'è di meglio, la libertà e la fantasia.
    > Vuoi un programma, lo prendi e lo usi. Non ti va
    > bene, lo modifichi o te ne fai una per i fatti
    > tuoi. Con il codice aperto lo puoi fare a patto
    > che TU ne sia capace, altrimenti ... clikka.
    > Saluti

    La favoletta del secolo....
    non+autenticato


  • >
    > Pensa che un suo simile per linux non c'è
    > nemmeno...

    ma nn direi c'è Stalker della CommuniGate, io lo uso da un anno funziona egregiamente (60 utenti su outlook con posta x400, owa, calendar, e tutte le altre carabattole)
    non+autenticato
  • - Scritto da:
    >
    >
    > >
    > > Pensa che un suo simile per linux non c'è
    > > nemmeno...
    >
    > ma nn direi c'è Stalker della CommuniGate, io lo
    > uso da un anno funziona egregiamente (125 utenti
    > su Outlook con posta x400, owa, calendar, VoIP e tutte
    > le altre
    > carabattole)
    non+autenticato
  • Scusa cos'e' che si riesce a fare con exchange e che non si riesce a fare con linux? tanto per sapere.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > Exchange è il programma più pesante che abbia
    > mai
    > > visto... pensavo che sarebbe morto sepolto e
    > > invece eccolo qua!
    > >
    > > Incredibile...
    >
    > Pensa che un suo simile per linux non c'è
    > nemmeno...

    E invece esiste ... si chiama scalix www.scalix.com.
    Oltre ad una web ui eccellente permette anche di collegare il caro vecchio client outlook esattamente come se dietro ci fosse un server exchange.

    Pro: migrazione trasparente agli end user
    Pro: costo di acquisizione più basso
    Contro : gira solo su linux
    Contro : l'amministratore del sistema si deve aggiornare.
    Anlan
    1327

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > Exchange è il programma più pesante che abbia
    > mai
    > > visto... pensavo che sarebbe morto sepolto e
    > > invece eccolo qua!
    > >
    > > Incredibile...
    >
    > Pensa che un suo simile per linux non c'è
    > nemmeno...

    Domino?
    Il primo che mi viene in mente.
    E ce ne sono molti altri, magari non cosi' blasonati, ma ci sono.

    Anonymous
  • Strano, pensa che qui in ufficio abbiamo testato sullo stesso cluster un po' vecchiotto Lotus Notes ed Exchange 2003.
    Il primo andava a carbonella, il secondo ha prestazioni decenti.