Skype, il prossimo incubo di Hollywood?

Skype è anche video: con qualche aggiunta ed un po' di fantasia, il celebre client VoIP ha tutte le carte in regola per diventare il prossimo grattacapo di MPAA e soci. Dal VoIP alla IPTV il passo è breve

Roma - Un cugino lontano vorrebbe vedere la partita della squadra del cuore. Purtroppo abita negli USA, e nessuna emittente TV locale trasmette l'attesissimo rituale domenicale. Come fare? Semplice: un parente in Italia, un client Skype 2.0 a portata di mouse ed una copia di SplitCamera. Aggiungere una buona connessione Internet ed il celebre software VoIP si trasforma in una minipiattaforma di distribuzione multimediale P2P, stabile e veloce.

Il cugino di Brooklyn appassionato di calcio sarà contento. Anzi, felicissimo: SplitCamera cattura qualsiasi segnale audiovisivo, proveniente ad esempio da una scheda d'acquisizione televisiva, e lo dirotta sul canale utilizzato dalla videoconferenza di Skype. Il risultato è eccellente: il parente emigrato in America entra in campo attraverso una finestra di Skype e la qualità del segnale rimane ottima grazie a codec ad hoc. Ed è possibile crittografare il flusso di dati.

Ecco un nuovo mondo per l'espansione della cosiddetta IPTV: lo Skypecasting. L'industria cinematografica americana già trema, secondo il parere di molti. Il peggiore dei suoi incubi potrebbe nascondersi dietro la facciata innocente del popolarissimo Skype, recentemente arricchito di funzionalità video avanzate.
Più dirompente di qualsiasi sistema per il filesharing, e teoricamente inarrestabile, questa insolita insalata di software in salsa VoIP può diventare il nuovo standard per far circolare contenuti multimediali secondo il principio del P2P. La semplicità di Skype, forte di milioni di utenti, potrebbe essere la scintilla per una esplosione a ventaglio di mini-emittenti, altamente tematizzate e personali.

L'esempio del parente lontano calza a pennello: una serie televisiva trasmessa negli USA, per esempio, potrebbe essere diffusa ad una cerchia ristretta di amici nel Vecchio Continente. Tutto attraverso un software intuitivo, veloce e forte d'una infrastruttura comunicativa blindata da algoritmi crittografici AES.

Sebbene non inespugnabile, questo tipo di protezione rende la lotta alla pirateria estremamente più difficile. Se la maggioranza dei dati trasmessi attraverso un comune client per il file sharing sono in chiaro e pur così difficili da identificare con precisione, i pacchetti crittografati spediti in Skypecasting complicano decisamente il lavoro di chi volesse monitorare flussi e attività.

Tommaso Lombardi
42 Commenti alla Notizia Skype, il prossimo incubo di Hollywood?
Ordina
  • ....è buona o ci dei blocchi continui un po' come succede con i vari pplive e tvkoo durante le partite?

    Qualcuno ha fatto questa prova? il video scorre fluido? e del tipo formato divx?

    Chi mi delucida?

    Ciao
    non+autenticato
  • Le trasmissioni televisive potranno essere trasmesse. Vero. Ma un telefilm trasmesso negli USA è in inglese non in francese, in tedesco, cinese, hindi, o italiano.

    Saluti
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > Le trasmissioni televisive potranno essere
    > trasmesse. Vero. Ma un telefilm trasmesso negli
    > USA è in inglese non in francese, in tedesco,
    > cinese, hindi, o italiano.

    I traduttori automatici fanno passi da giganteA bocca aperta
    non+autenticato


  • > I traduttori automatici fanno passi da giganteA bocca aperta

    Voce artificiale priva di intonazione?

    Certo non sentiresti più il birignao romanesco di adesso.
    non+autenticato
  • Come al solito nulla di nuovo

    si dice sempre che e' tutto colpa di internet, ma come al solito cose simili sono esistite da tantissimo tempo.

    Forse che non e' una cosa simile che un giorrnalista scriva quanto e' finita la partita e lo faccia sapere in tutto lo Stato e negli altri stati?

    E prima di intenet esisteva il telefono.

    Bastava fare la telefonata (meglio se non la si pagava) per ascoltare tramite il telefono "Tutto il calcio minuto per minuto"
  • Per esempio PPLive. www.pplive.com Lo usano in molti per vedere il calcio italiano dai canali cinesi che lo trasmettono in chiaro.

    Certo, con Skype sarà molto più facile e si diffonderà maggiormente, ma le major conoscono già questo "problema".
    E non ci possono fare nulla, fra l'altro. Sorride
    non+autenticato
  • Parlando di IPTV, con winamp oltre alla classica Internet Radio offerta ormai da qualsiasi programma audio, c'e' anche la InternetTV, ovvero una lista enorme di canali video in streaming. Il problema è che molti di questi canali sono spesso inaccessibili per problemi di banda o altro. Ma l'idea in sè è portentosa: avere a portata di click una lista di canali con informazioni immediatamente visibili come genere (canali tematici), il nome del programma attualmente in streaming, etc... Addio zapping!
    Ma alla fine forse è proprio questo il motivo per cui, a mio parere, la tv sarà molto dura a morire: una moltitudine di gente che guarda la tv non è interessata a questo genere di televisione interattiva, non sa cosa sia internet, forse ha avuto a che fare con un computer; vuole solo accendere la tv per spegnere il cervello e rilassarsi, ovvero lasciarsi guidare da cio' che la tv gli propone su un piatto dargento..."telegiornale delle 8, pubblicità, affari tuoi, pubblicità, film o serie della sera". Facile e comodo.
    A chi non è successo di rimanere incantato(o imbambolato) a vedersi un film "in prima serata su italia1" con decine di minuti di pubblicità, quando quello stesso film giaceva in qualche propria videocassetta riposta da tempo negli scaffali di casa ad ammuffire?     Non ti metteresti a tirare fuori la videocassetta, etc.. per guardare quel film, ma se te lo trovi bello e pronto in tv, magari già iniziato da 5 minuti, un pensierino lo fai.
    Accendere la tv e trovarsi di fronte una lista di programmi da cui scegliere? no, grazie; la scelta è meglio che la faccia la tv.
    Questo secondo me è il motivo per cui la tv si evolverà, si digitalizzerà, ma per almeno qualche decennio ancora, rimarrà la stessa di sempre.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo

    > A chi non è successo di rimanere incantato(o
    > imbambolato) a vedersi un film "in prima serata
    > su italia1" con decine di minuti di pubblicità,
    > quando quello stesso film giaceva in qualche
    > propria videocassetta riposta da tempo negli
    > scaffali di casa ad ammuffire?     Non ti
    > metteresti a tirare fuori la videocassetta, etc..
    > per guardare quel film, ma se te lo trovi bello e
    > pronto in tv, magari già iniziato da 5 minuti, un
    > pensierino lo fai.


    Cacchio è vero, mi è capitato alcune volte!!!
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 13 discussioni)