Hackers: guerra al Pentagono

Le stime del Dipartimento della Difesa americana riferiscono che gli attacchi condotti contro le proprie infrastrutture informatiche sono saliti del 300 per cento negli ultimi dodici mesi

Washington (USA) - Sempre più difficile per il Pentagono tenere a bada un numero crescente di hacker che sfruttando le proprie conoscenze tentano, a volte con successo, di entrare nei sistemi informatici della Difesa americana. Questa la sintesi di un rapporto del Dipartimento della Difesa secondo cui nell'ultimo anno il numero di aggressioni cyber è aumentato del 300 per cento.

Pare che nel 1998 le aggressioni alle strutture telematiche ed informatiche del Dipartimento, almeno quelle rilevate, siano state 5.844 contro le 18,433 del 1999 fino a questo momento. Gli stessi esperti del Pentagono ammettono che non tutte le intrusioni vengono individuate e registrate, tanto che i numeri complessivi potrebbero rivelarsi ben più elevati. Pare che nel '94 gli attacchi conosciuti siano stati 255.