Le net-company? Conniventi col regime cinese

Lo sostiene il vicepresidente della Commissione UE nel suo blog: Google, Yahoo e Microsoft, dice, dimenticano le proprie responsabilità. Sotto accusa le censure cinesi, accettate dai maggiori player occidentali

Bruxelles - Solo la democrazia può garantire una crescita equilibrata, e agire nell'interesse del regime di Pechino non può che rafforzare le censure e gli abusi a cui sono sottoposti i cittadini cinesi: questo, in breve, il senso di un post pubblicato sul suo blog da Margot Wallstroem, vicepresidente della Commissione europea e capo delle Relazioni istituzionali.

"Eliminare la povertà e l'esclusione sociale - scrive il funzionario europeo - è parte della mia agenda di politica internazionale. Così lo sono la libertà e la democrazia. E sono molto dispiaciuta di apprendere che Microsoft ha accettato di bloccare sul proprio network i post di cinesi che utilizzano parole come democrazia, libertà, diritti umani o manifestazione".

Il riferimento è al caso nato dopoché il circuito MSN di Microsoft ha confermato di aver voluto sottostare alle regole imposte da Pechino per poter ottenere l'autorizzazione ad operare. Una scelta che aveva fatto propria anche Google e che rispecchia, secondo Wallstroem, un comportamento tutt'altro che opportuno.
"Microsoft quindi non è sola ma in "cattiva compagnia" - scrive il Commissario europeo - Google ha infatti accettato di escludere (dai propri risultati di ricerca, ndr.) le pubblicazioni che il regime cinese trova discutibili. E Yahoo è andata anche oltre: ha collaborato col governo cinese fornendo il nome di uno scrittore che in una email criticava le scelte del Partito. Un uomo che, sulla base di quelle informazioni, è stato condannato a dieci anni di carcere". Anche qui Wallstroem fa riferimento ad un fatto di cronaca che ha fatto il giro del Mondo e che Yahoo ha giustificato come necessario per adempiere alle richieste delle autorità pechinesi.

Il Commissario europeo ci va giù pesante: "Parole come etica o responsabilità aziendale sembrano essere state cancellare dal loro codice di condotta, oppure hanno standard etici flessibili che dipendono da dove operano... Posso solo raccomandare a queste aziende di visitare il sito dello UN Global Compact, e sperare che un giorno queste imprese possano capire che sostenere la democrazia e la responsabilità d'impresa è un prerequisito per una crescita intelligente. Da questo momento, il tema è sulla mia agenda politica".
TAG: censura
8 Commenti alla Notizia Le net-company? Conniventi col regime cinese
Ordina
  • ..e poi dicono che è per il nostro bene:

    Bush avverte gli americani
    "Ancora intercettazioni" Spionaggio interno, il presidente Usa all'attacco. Inchiesta sulla fuga di notizie. "Non sono un dittatore"

    L'Italia blocca l'accesso a certi siti
    Sono quelli dei casinò online non autorizzati: lo prevede la Finanziaria, che impone ai provider italiani di impedire ai cittadini del nostro paese di accedere a gran parte dei siti delle scommesse
    non+autenticato
  • Un'azienda deve sottostare alle leggi del paese in cui opera.
    Posso capire che, anche se le leggi di un paese ti consentono di sfruttare il lavoro minorile, tu azienda comunque non lo fai ed assumi solo adulti.
    Ma se ricevi un preciso ordine dall'autorità di quel paese non puoi sottrarti.
    L'unica alternativa sarebbe abbandonare quel paese, ma ce la vedete una qualsiasi azienda ad abbandonare l'enorme mercato cinese?

    Vi do anche questo link:
    http://www.emmanuelebassi.net/archives/2005/09/boy.../
    Il blog è di uno che la pensa più o meno come me.
    non+autenticato
  • Concordo, c'è molto ignoranza nei ranghi dei libertisti oltranzisti circa la realtà dei paesi ad evoluzione differente dall'occidente. Penso che il governo cinese cerca più che altro di mantenere unità ed ordine. Si fa presto a perdere ogni controllo in un paese gigantesco, in cui non ci si capisce, parlando, dal nord al sud.
  • Non so cos'altro abbia fatto precedentemente, cmq per queste affermazioni merita il plauso!

    Sarebbe ora di istituire una tassa (pesantissima) per tutte le imprese che favoriscono in modo diretto le dittature!

    A differenza dei dazi, queste martellerebbero direttamente anche i regimi e le loro connivenze.

  • - Scritto da: Ekleptical
    > Non so cos'altro abbia fatto precedentemente, cmq
    > per queste affermazioni merita il plauso!
    >
    > Sarebbe ora di istituire una tassa (pesantissima)
    > per tutte le imprese che favoriscono in modo
    > diretto le dittature!
    >
    > A differenza dei dazi, queste martellerebbero
    > direttamente anche i regimi e le loro connivenze.

    Se vi fosse una legge una imposta pigoviana per limitare il fenomeno, sarebbe una buona strada; ma è inutile dire "Google collabora con i dittatori", perchè se Google non collaborava li sbattevano fuori, ed allora cosa sarebbe successo? Sarebbero entrate altre aziende, azienducce e aziendine.

    Purtroppo l'unica strada percorribile in situazioni di questo tipo è la regolamentazione a livello politico, perchè a livello commerciale è da sciocchi non sottostare alle condizioni imposte.
    non+autenticato
  • > Se vi fosse una legge una imposta pigoviana per
    > limitare il fenomeno, sarebbe una buona strada;
    > ma è inutile dire "Google collabora con i
    > dittatori", perchè se Google non collaborava li
    > sbattevano fuori, ed allora cosa sarebbe
    > successo? Sarebbero entrate altre aziende,
    > azienducce e aziendine.
    >
    > Purtroppo l'unica strada percorribile in
    > situazioni di questo tipo è la regolamentazione a
    > livello politico, perchè a livello commerciale è
    > da sciocchi non sottostare alle condizioni
    > imposte.

    Se le aziende "incriminate" si fossero comportate in maniera diversa avrebbero comunque fornito un messaggio forte. E pubblicizzando questa scelta, secondo me, avrebbero anche avuto un ritorno di immagine notevole agli occhi di chi crede nella libertà e democrazia.
    non+autenticato
  • > messaggio forte. E pubblicizzando questa scelta,
    > secondo me, avrebbero anche avuto un ritorno di
    > immagine notevole agli occhi di chi crede nella
    > libertà e democrazia.

    Sarebbe meglio scrivere :
    "E pubblicizzando questa scelta,
    secondo me, avrebbero anche avuto un ritorno di
    immagine notevole agli occhi di chi crede DI VIVERE nellalibertà e democrazia."
    E' piu' realistico
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo

    >di chi crede DI
    > VIVERE nellalibertà e democrazia."
    > E' piu' realistico

    Ti consiglio di scrivere questa frase in un blog cinese.
    Però in Cina, non da qui (troppo facile).

    Tony
    non+autenticato