Intel sfodera Centrino 3 e Viiv

Al CES Intel ha presentato le sue due nuove piattaforme di punta per il mercato consumer e mobile: Viiv, con cui si prepara a lanciare l'assalto ai salotti digitali, e la nuova versione di Centrino

Las Vegas (USA) - Intel si è avvalsa dei riflettori dell'appena conclusosi Consumer Electronics Show (CES) 2006 di Las Vegas per presentare ufficialmente al mondo due nuove piattaforme di computing: Centrino Duo, progettata per i laptop di nuova generazione, e Viiv, dedicata ai PC da salotto.

Al cuore della piattaforma Centrino di terza generazione c'è Core Duo, il primo Pentium M ad adottare una tecnologia di processo a 65 nanometri e un'architettura a doppio core. Il nuovo chip mobile, prima noto con il nome in codice di Yonah, promette di migliorare ulteriormente il rapporto fra performance e consumi, spingendo eventualmente l'autonomia delle batterie oltre le 4-5 ore. Il colosso californiano sostiene che la sua nuova tecnologia wireless è in grado di incrementare le performance di oltre il 70% e ridurre i consumi di quasi il 30%.

Core Duo rivestirà un ruolo molto importante nel processo di convergenza fra tecnologie mobili, desktop e server di Intel: oltre che sui notebook e i Tablet PC, il chipmaker conta infatti di spingere il nuovo processore su una varietà di altri dispositivi, tra cui i mini PC, i media center, le set-top box e i server blade.
I modelli di Core Duo appena lanciati sul mercato sono il T2300, il T2400, il T2500 e il T2600, rispettivamente venduti al prezzo di 241, 294, 423 e 637 dollari per lotti di 1.000 unità. La loro frequenza di clock è compresa fra 1,66 e 2,16 GHz.

Tutti i modelli di Yonah integrano 2 MB di cache L2 e un front-side bus a 667 MHz, inoltre supportano le nuove istruzioni multimediali estese SSE3, la Virtualization Technology, l'Active Management Technology (AMT) e la tecnologia di power management Enhanced SpeedStep, capace di gestire il consumo energetico in modo indipendente per ciascun core. Il nuovo chip integra anche una più avanzata unità per il calcolo in virgola mobile e un decoder in grado di gestire più istruzioni SSE in parallelo: Intel ha battezzato tali migliorie con il nome di Digital Media Boost.

Centrino Duo, il cui nome in codice era Napa, comprende anche il nuovo chipset 945 Express e l'adattatore 802.11a/b/g Intel PRO/Wireless 3945ABG: entrambi sono stati progettati per ottimizzare le performance di rete e ridurre i consumi energetici. La nuova piattaforma mobile fornisce anche un più potente motore grafico 3D, il supporto al video e alla TV ad alta definizione e quello all'audio multicanale 7.1. Come si può vedere, Intel sta cercando di rispondere ad esigenze spesso non facilmente conciliabili: leggerezza e bassi consumi da un lato, potenza e multimedialità avanzata dall'altro. Del resto i laptop rappresentano ormai il segmento più importante del mercato dei PC, ed in molti casi hanno preso il posto del classico personal computer da scrivania.

La piattaforma Viiv, annunciata per la prima volta da Intel la scorsa estate, viene descritta dal colosso come una tecnologia in grado di semplificare, in ambito domestico, il download, l'archiviazione, la gestione, la riproduzione e la condivisione di tutti i tipi di intrattenimento e informazioni digitali su un'ampia gamma di televisioni, PC, laptop e altri dispositivi portatili.

Dal lato software, Viiv poggia su Windows XP Media Center Edition 2005, mentre dal lato hardware sui processori Pentium D, Pentium Extreme Edition e Core Duo, sulla famiglia di chipset 945/955/975 Express e sugli adattatori wireless Intel PRO/1000 PM e Intel PRO/100 VE/VM. Intel afferma che i PC basati su Viiv saranno disponibili con un'ampia gamma di funzionalità, prezzi e design, e supporteranno il suono surround 5.1 o superiore e il video ad alta definizione. Tali sistemi si potranno accendere e spegnere semplicemente sfiorando un pulsante (quando è abilitato, dopo l'avvio iniziale) e potranno essere utilizzati con un telecomando (in dotazione o venduto separatamente).

Nel corso dell'anno Intel ha promesso alcuni aggiornamenti alla tecnologia che semplificheranno l'installazione e la configurazione della rete domestica e il trasferimento di contenuti digitali dal PC verso altri dispositivi.

In USA Intel ha già stipulato una serie di alleanze per portare sui PC Viiv nuovi servizi e contenuti: tra i partner figurano AOL, DirectTV e NBC Universal.

La presentazione di Viiv è stata accompagnata dal lancio sul mercato di quattro nuovi modelli di Pentium D basati sullo stesso core Presler a 65 nanometri che meno di due settimane fa ha debuttato a bordo del Pentium Extreme Edition 955. I nuovi chip, con numero di modello 920, 930, 940 e 950, hanno una frequenza di clock compresa tra i 2,8 e i 3,4 GHz e un prezzo, rispettivamente, di 241, 316, 423 e 637. Da notare come i prezzi siano identici, tranne in un caso, a quelli dei nuovi Core Duo: ciò è anche conseguenza delle affinità tecnologiche (architettura dual-core, circuiteria a 65 nm) che caratterizzano le due famiglie di processori.
TAG: portatili
21 Commenti alla Notizia Intel sfodera Centrino 3 e Viiv
Ordina
  • http://www.midimarcus.com/component/option,com_doc...[...]" /
    sul sito no1984.org è presente questo volantino, sarebbe interessante stamparlo e poi andare ad attaccarlo nel reparto computer, magari proprio di fianco a pc tcpa compliant, dei vari carrefour,mediaworld,unieuro, trony, etc etc forse verranno strappati in fretta e furia, ma qualcuno leggerà, e forse gli resterà in mente che le sigle tcpa e tpm sono un pericolo, tentar non nuoce
  • Raga, tutta sta disinformazione è preoccupante, informatevi prima di sparare merda a destra e a sinistra.

    http://researchweb.watson.ibm.com/gsal/tcpa/tcpa_r...
    http://www.gentoo.org/news/20050202-trustedgentoo....
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > http://researchweb.watson.ibm.com/gsal/tcpa/tcpa_r...

    Grazie, lettura molto interessante. Occhiolino

    ==================================
    Modificato dall'autore il 09/01/2006 8.00.41
  • Lettura interessante.. se non fosse che IBM ' tra i membri del progetto trusted computing, e non credo che IBM Research remi contro la "casa base". E' come aspettarsi che Berlusconi ammetta di essersi fatto le leggi per lui. Non trovi ?
  • CIAO A TUTTI
    questo Processore e` molto probabile che integri tecnologia TC al suo interno come anche il Pentium D.
    E tutti sappiamo che quando ci troviamo di fronte ad Hardware TC e` come se il Computer non fosse piu` nostro.
    E` assurdo da dire, ma per ora, i Prodotti TC non fanno nulla che si possa notare, poi, all'Update giusto, ci attivano il TC ed all'imrpovviso non hai piu` il permesso di installare un casino di Programmi che per qualche motivo non sono approvati (sappiamo tutti il motivo, non pagano il pizzo al TCG)
    Quindi, onde evitare rimpianti futuri, Boicottate questo Processore
    DISTINTI SALUTI
    Crazy
    1945

  • - Scritto da: Crazy
    > CIAO A TUTTI
    > questo Processore e` molto probabile che integri
    > tecnologia TC al suo interno come anche il
    > Pentium D.
    > E tutti sappiamo che quando ci troviamo di fronte
    > ad Hardware TC e` come se il Computer non fosse
    > piu` nostro.
    > E` assurdo da dire, ma per ora, i Prodotti TC non
    > fanno nulla che si possa notare, poi, all'Update
    > giusto, ci attivano il TC ed all'imrpovviso non
    > hai piu` il permesso di installare un casino di
    > Programmi che per qualche motivo non sono
    > approvati (sappiamo tutti il motivo, non pagano
    > il pizzo al TCG)
    > Quindi, onde evitare rimpianti futuri, Boicottate
    > questo Processore
    > DISTINTI SALUTI



    Ma informarsi piuttosto che leggere articoli monchi no eh?


    http://researchweb.watson.ibm.com/gsal/tcpa/tcpa_r...
    http://www.gentoo.org/news/20050202-trustedgentoo....
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Crazy
    > > CIAO A TUTTI
    > > questo Processore e` molto probabile che integri
    > > tecnologia TC al suo interno come anche il
    > > Pentium D.
    > > E tutti sappiamo che quando ci troviamo di
    > fronte
    > > ad Hardware TC e` come se il Computer non fosse
    > > piu` nostro.
    > > E` assurdo da dire, ma per ora, i Prodotti TC
    > non
    > > fanno nulla che si possa notare, poi, all'Update
    > > giusto, ci attivano il TC ed all'imrpovviso non
    > > hai piu` il permesso di installare un casino di
    > > Programmi che per qualche motivo non sono
    > > approvati (sappiamo tutti il motivo, non pagano
    > > il pizzo al TCG)
    > > Quindi, onde evitare rimpianti futuri,
    > Boicottate
    > > questo Processore
    > > DISTINTI SALUTI
    >
    >
    >
    > Ma informarsi piuttosto che leggere articoli
    > monchi no eh?
    >
    >
    > http://researchweb.watson.ibm.com/gsal/tcpa/tcpa_r
    > http://www.gentoo.org/news/20050202-trustedgentoo.

    ci faresti un riassuntino tu che l'hai già letto?
    grazie
    non+autenticato
  • Summary:
    TCPA is not Palladium: Palladium in definitiva era un progetto ideato da MS analogo al TCPA, molto più restrittivo.
    TCPA is not DRM: il DRM è solo una delle possibili applicazioni implementabili sulla piattaforma TCPA.
    TCPA does not control execution: in pratica il chip del TCPA, non ha acluna funzionalità sulla esecuzione di codice macchina, ma semplicemente critta e decritta dei segnali da e verso la CPU (se nn ho capito male). Non è protetto da attacchi "locali" (cioè dal proprietario della macchina) ma protegge da attacchi esterni (è l'utente del computer che decide chi avrà accesso alle funzionalità TCPA e chi no, e potrà anche disabilitare in toto il sistema di sicurezza).

    Ottimo articolo....voglio proprio vedere poi come faranno le softwarehouse windows-dipendenti quando si accorgeranno che gli utenti home non potranno più usare windows piratato. MS continuerà a campare dalle licenze business, d'accordo, ma chi produce giochi et similia?
  • Il problema è che tutto questo è da un lato vero e dall'altro falso. TC non è "cattivo" di per se, come non lo è nessuna tecnologia (vedi contrappunti di oggi) ma può esserlo il modo in cui verrà usato. Quando un giorno ti diranno: vuoi vedere un dvd sul tuo pc? vuoi ascoltare un cd legalmente acquistato? Ebbene, puoi farlo *solo* con TC abilitato, che controlli che il tuo sistema operativo e le tue librerie siano DRM compliant, ecco che molti cadranno nel ricatto, accettando quindi le condizioni imposte! Lo stesso vale per il software che per evitare la possibilità di copie rifiuterà di funzionare su hw non compliant!

    Poi ci sono anche una serie di utilizzi "buoni" della tecnologia TC... Che ovviamente saranno utili a tutti! E che per ora le aziende che intendono promuoverlo pubblicizzano sperando che quelli meno graditi passino in secondo piano!

  • - Scritto da: zirgo
    > Summary:
    > TCPA is not Palladium: Palladium in definitiva
    > era un progetto ideato da MS analogo al TCPA,
    > molto più restrittivo.
    > TCPA is not DRM: il DRM è solo una delle
    > possibili applicazioni implementabili sulla
    > piattaforma TCPA.
    > TCPA does not control execution: in pratica il
    > chip del TCPA, non ha acluna funzionalità sulla
    > esecuzione di codice macchina, ma semplicemente
    > critta e decritta dei segnali da e verso la CPU
    > (se nn ho capito male). Non è protetto da
    > attacchi "locali" (cioè dal proprietario della
    > macchina) ma protegge da attacchi esterni (è
    > l'utente del computer che decide chi avrà accesso
    > alle funzionalità TCPA e chi no, e potrà anche
    > disabilitare in toto il sistema di sicurezza).
    >

    Di fatti e` per questo che in Windows Vista c'e` un sistema che impedira` l'avvio dell'installazione di Player che non supportano i DRM...
    Fa te se questo non e` un impedimento diretto all'Utente: l'utente ha il diritto di installarsi tutto cio` che vuole sulla Macchina che ha pagato, che sia DRM o no.
    Hai presente quella bella finestrella che appare a volte dove Windows XP ti avvisa che il Software o il Driver che si sta cercando di installare non ha passato il Logo Test?
    Ebbene, con XP puoi continuare ugualmente, con Vista potrai solo clikkare su OK ed abbandonare cosi` l'installazione...

    > Ottimo articolo....voglio proprio vedere poi come
    > faranno le softwarehouse windows-dipendenti
    > quando si accorgeranno che gli utenti home non
    > potranno più usare windows piratato. MS
    > continuerà a campare dalle licenze business,
    > d'accordo, ma chi produce giochi et similia?

    Semplice, pagano tutti il pizzo al TCG ed ottengono l'autorizzazione ad installare i loro Software in Windows, e` cosi` che funzia il TCG, chi paga entra a far parte del gruppo, chi non paga ne viene tenuto fuori a forza.
    Peccato che chi ci rimetta sia il Consumatore ed il piccolo Programmatore.

    " http://punto-informatico.it/p.asp?i=56994&r=PI "
    Crazy
    1945
  • > Ma informarsi piuttosto che leggere articoli
    > monchi no eh?
    >
    >
    > http://researchweb.watson.ibm.com/gsal/tcpa/tcpa_r
    > http://www.gentoo.org/news/20050202-trustedgentoo.

    Grazie per i link, purtroppo come avrai notato documentarsi prima di spararle grosse è un'arte perduta, soprattutto quando si ha a disposizione un'allegra brigata di beoti pronti a bersi le favolette su Palladium che non mi permetterà più di installare Winamp, lo screensaver di gnoccapolposa.com e i gestionali Finson tipo Condominio 3.5.

    ALSO: avrei un'idea interessante & innovativa su come utilizzare i volantini, ma non mi va di finire icsato quindi me la tengo per me.

    DISTINTI SALUTI
    non+autenticato
  • - Scritto da: Alessandrox
    > Ci giurerei.

    Tranquillo non serve giurare:

    http://www.mysan.de/article330485.html

    Siamo gia' fotutti! (o quasi....)

    Deluso
  • ....me lo sarei preso subito, ma qualcuno sa quando inizieranno a servire?

    vista sara' principalmente a 32 bit?
    non+autenticato
  • Su un portatile, pensare di avere + di 4 GB, da gestire...
    E poi, le applicazioni sono quasi tutte, e lo resteranno ancora per un po' a 32 bit

    Danilo.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Su un portatile, pensare di avere + di 4 GB, da
    > gestire...
    > E poi, le applicazioni sono quasi tutte, e lo
    > resteranno ancora per un po' a 32 bit
    >
    > Danilo.

    oppure diciamo il motivo principale: intel si è presa indietro coi 64bit e quindi ci sorbiremo i 32 ancora per un po'
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 6 discussioni)