Forza Italia: basta con i pirati

Il senatore Gaetano Fasolino vuole che dalla repressione si passi alla guerra nei confronti dei pirati informatici e se la prende con il Governo

Roma - Il senatore di Forza Italia Gaetano Fasolino, esponente dell'attuale maggioranza parlamentare, si è scagliato in una interrogazione a mezzo governo (presidente del Consiglio, ministro all'Innovazione e ministro delle Finanze) contro la pirateria informatica.

Fasolino sostiene nell'interrogazione che la pirateria sia un "fenomeno diffuso quanto grave, che comporta perdite onerose non solo ai bilanci delle aziende ma anche alle casse dello stato".

Il Senatore ritiene che attualmente il Governo non stia facendo quanto dovrebbe e infatti chiede ai ministri "se non ritengano opportuno dare il giusto valore alle opere dell'ingegno quali sono i software".
Riportando i dati sulla pirateria informatica presentati dalla Business Software Alliance, Fasolino attacca: "In Italia il tasso globale di pirateria informatica dell'anno 2000 è stato pari al 46 per cento, in aumento e in controtendenza rispetto alla media europea, con perdite economiche stimate in 900 miliardi di lire e nel 2001 i dati riferiti ad alcune città campione hanno rilevato un'ampia diffusione di software illegali".

Secondo Fasolino "la pirateria informatica non viene avvertita nel nostro Paese come un reato grave e i consumatori lo commettono senza percepire il danno che una simile azione provoca in termini occupazionali ed economici".
127 Commenti alla Notizia Forza Italia: basta con i pirati
Ordina

  • tangentisti corruttori corrotti e condannati
    VOI dite a me "pirata" ?

    BHUAHUAHAHAHUAHUSorpresa)))
    non+autenticato
  • Per abbattere la pirateria si devono ABBATTERE i prezzi dei software e dei CD musicali. Un utente che copia un CD o un software, non è detto che, se non lo potesse fare, comprerebbe l'originale. Semplicemente non comprerebbe niente! Perchè costa troppo.
    non+autenticato
  • Sia per quanto riguarda i software o i cd musicali, mi sembra che i costi siano veramente troppo elevati.
    Parlando di CD musicali, mi pare che 20,21 o 22 euro (dipende dai negozi) siano veramente troppi.
    Come si può pensare di far decollare la musica ( nel nostro caso italiana) comprando CD.
    Con questi prezzi i giovani ne comprano uno ogni tanto, e solo se varamente interessati, gli altri li scaricano da Internet o comprano quelli pirata.
    Abbattete i costi e fate in modo che non ci sia così tanta differenza. Io non so quanto costa un CD pirata, ma se costasse per esempio 5 euro, fate in modo che un CD originale ne costi al masimo 8, o al massimo 10 e probabilmente nessuno comprerà quelli pirata ma quelli originali.
    Voi tutti sapete meglio di me quali sono i costi per la produzione di un CD.
    Costo del CD
    Pubblicità
    Siae
    Promozione
    Casa discografica
    grossista
    Negoziante
    IVA
    e probabilmente altre cose.
    Se in ognuna delle fasi venissero tagliti dei piccoli guadagni, alla fine il costo sarebbe decisamente inferiore.
    Però è chiaro che ci vuole la volontà di ognuno di guadagnare un pelino di meno, a vantaggio però di vedere molti più CD originali venduti.
    Vi ringrazio dell'attenzione e scusate se in qualche momento sono stato un pò confuso

    non+autenticato


  • - Scritto da: jack 500
    > Sia per quanto riguarda i software o i cd
    > musicali, mi sembra che i costi siano
    > veramente troppo elevati.
    > Parlando di CD musicali, mi pare che 20,21 o
    > 22 euro (dipende dai negozi) siano veramente
    > troppi.
    > Come si può pensare di far decollare la
    > musica ( nel nostro caso italiana) comprando
    > CD.
    > Con questi prezzi i giovani ne comprano uno
    > ogni tanto, e solo se varamente interessati,
    > gli altri li scaricano da Internet o
    > comprano quelli pirata.
    > Abbattete i costi e fate in modo che non ci
    > sia così tanta differenza. Io non so quanto
    > costa un CD pirata, ma se costasse per

    Costano a Napoli £ 6000 (devono ancora fare la conversione)

    > esempio 5 euro, fate in modo che un CD
    > originale ne costi al masimo 8, o al massimo
    > 10 e probabilmente nessuno comprerà quelli
    > pirata ma quelli originali.

    A patto che non siano protetti, altrimenti non li comprerebbe nessuno neanche a parità di prezzo

    > Voi tutti sapete meglio di me quali sono i
    > costi per la produzione di un CD.
    > Costo del CD

    Circa £ 2000 fra supporto, masterizzazione, etichettatura

    > Pubblicità

    Dipende dal CD, quanto viene reclamizzato

    > Siae

    Soldi sprecati

    > Promozione

    Idem con pubblicità

    > Casa discografica

    é la fetta più grossa, di fronte ad un servizio ormai inutile. Oggi per avere una sala di incisione di livello professionale basta un investimento di 5- 10 mila euro

    > grossista

    inutile

    > Negoziante

    sta divenendo sempre meno utile, in futuro la distribuzione avverà esclusivamente via internet

    > IVA
    > e probabilmente altre cose.
    > Se in ognuna delle fasi venissero tagliti
    > dei piccoli guadagni, alla fine il costo
    > sarebbe decisamente inferiore.
    > Però è chiaro che ci vuole la volontà di
    > ognuno di guadagnare un pelino di meno, a
    > vantaggio però di vedere molti più CD
    > originali venduti.
    > Vi ringrazio dell'attenzione e scusate se in
    > qualche momento sono stato un pò confuso
    >
    In definitiva un calcolo equo prevede di dare £ 3000 all'artista (oggi per ogni CD venduto ne prende di meno), £ 2000 per la produzione del CD, e al massimo altre £ 4000- 5000 per le altre spese.
    Saltando la rete di distribuzione tradizionale, via internet dovrebbe essere possibile vendere i 16 brani di un CD ad un prezzo complessivo di £ 5000.

    non+autenticato
  • Chi e' senza peccato scagli la prima pietra, e certro da quella parte non puoi partire.....
    non+autenticato
  • Una piccola precisazione sul corretto uso delle parole: La pirateria (marittima) è un crimine violento ancora oggi praticato in alcune parti del mondo, che spesso ha come conseguenza la morte delle vittime. I pirati non sono quelle figure romantiche della cultura popolare. Sono gente diabolica che preda il lavoro duro ed il sudore altrui. Il loro unico interesse è il profitto a scapito degli altri. I pirati sono il nemico di tutti i marinai e non dovrebbero MAI essere romanticizzati.

    La pratica a cui ci si riferisce qui è la violazione di copyright, che non ha mai avuto come conseguenza la morte di nessuno.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | Successiva
(pagina 1/8 - 39 discussioni)