Se lo scanner Ŕ un annusatore

Il dispositivo non Ŕ una maschera di carnevale alternativa a quella di Groucho Marx, ma uno dei pi¨ interessanti progetti dell'UniversitÓ di Bologna: analizza le impronte e annusa la pelle

Bologna - L'Italia Ŕ all'avanguardia nel settore biometrico correlato alle impronte digitali, anche grazie al Biometric System Lab dell'UniversitÓ di Bologna, che sotto la guida del professore associato Davide Maltoni ha posto le basi per l'implementazione di scanner di impronte di nuova generazione. New Scientist ha pubblicato un articolo riguardante la brillante intuizione del team italiano, che sembra aver individuato una soluzione per far fronte al problema delle contraffazioni digitali e del furto di identitÓ.

L'idea di fondo Ŕ di superare gli ostacoli tipici della biometria fondata sulle impronte digitali, facilmente falsificabili grazie a imitazioni realizzate con silicone, particolari gelatine e anche plastilina. La soluzione italiana Ŕ quella di integrare nei dispositivi un naso elettronico, capace di distinguere il materiale inerte dalla pelle umana.

I "nasi elettronici" vengono normalmente utilizzati per monitorare i livelli di inquinamento ambientale, individuare le caratteristiche degli alimenti e anche per controllare l'eventuale presenza di esplosivi nei bagagli che transitano negli aeroporti. I sistemi di questo tipo integrano particolari ossidi di metallo che elettricamente reagiscono al passaggio delle molecole di gas. Ossidi diversi reagiscono a gas diversi.
Un sistema di questo tipo, in sinergia con i tradizionali scanner, Ŕ in grado di aumentare notevolmente i livelli di sicurezza. I primi test in laboratorio hanno confermato che un "naso elettronico" collegato ad un PC con software analitico Ŕ in grado di smascherare le impronte false impresse su materiali sintetici. L'applicativo elabora le differenze di voltaggio in pochi secondi attuando poi un confronto con il suo database. Alternando le impronte di 32 volontari a quelle false il sistema Ŕ stato in grado di riconoscere la pelle umana nel 92% dei casi. Maltoni ha dichiarato che in un unico scanner possono essere integrati pi¨ sistemi di rilevamento: quindi, non solo una "naso elettronico", ma anche dispositivi in grado valutare l'elasticitÓ del tessuto. La prossima settimana, durante il International Conference on Biometrics di Hong Kong, presenterÓ un prototipo di questo tipo.

Il problema delle impronte fasulle Ŕ balzato all'onore della cronaca giÓ dal lontano 2002, quando il dottor Tsutomu Matsumoto e altri ricercatori della Yokohama National University si sono "divertiti" ad eludere gli scanner presenti in alcuni centri commerciali con dita artificiali di gelatina dotate di copie di impronte, "catturate" dai bicchieri dei dipendenti.

Anche l'azienda svizzera TBS Ŕ impegnata nello sviluppo di soluzioni alternative che possano migliorare le capacitÓ degli scanner nell'individuare la pelle umana. In questo caso si tratta di analizzatori capaci di analizzare l'azione dei pori. "E' evidente che gli scanner hanno bisogno di nuovi strumenti avanzati, ogni soluzione che permetta di confermare che l'impronta appartiene ad un dito umano Ŕ ben accetta", ha dichiarato Farzin Deravi, esperto biometrico presso la University of Kent.

Dario d'Elia
TAG: biometria
2 Commenti alla Notizia Se lo scanner Ŕ un annusatore
Ordina
  • Nei film, cosa succede quando degli intrusi vogliono penetrare in un sistema difeso da un rilevatore della retina ?
    a- creano un occhio di vetro (ma non funziona quasi mai)
    b- fanno un agguato a chi possiede la chiave e gliela tolgono (traduzione gli strappano l'occhio)

    Ora dovranno solo portargli via una pezzo di pelle...
    non+autenticato


  • - Scritto da: Anonimo
    > Nei film, cosa succede quando degli intrusi
    > vogliono penetrare in un sistema difeso da un
    > rilevatore della retina ?
    > a- creano un occhio di vetro (ma non funziona
    > quasi mai)
    > b- fanno un agguato a chi possiede la chiave e
    > gliela tolgono (traduzione gli strappano
    > l'occhio)
    >
    > Ora dovranno solo portargli via una pezzo di
    > pelle...

    Prevedibile e previsto, e dove cio' sarebbe un rischio troppo grave, ovvero in ambienti militari, ci sono anche sistemi passivi anti sequestro e anti dito congelato.
    non+autenticato