Search advertising, è boom

Nel 2005 si conferma la centralità delle inserzioni sui motori di ricerca, a partire da Google e Yahoo. Da qui al 2010 ci si aspetta una crescita vertiginosa del settore

Roma ? Attesi, ma clamorosi, i dati relativi agli investimenti pubblicitari in rete nel 2005: a farla da padrone nella crescita è il search advertising, gli spot legati alle piattaforme di ricerca in rete, quantomeno in Nord America. Uno studio parla di una crescita del 44 per cento nel 2005 rispetto all'anno precedente.

Stando ai dati diffusi da Sempo - Search Engine Marketing Professional Organization, gli inserzionisti negli USA e in Canada hanno investito nell'anno appena concluso qualcosa come 5,75 miliardi di dollari nel search advertising e si prevede che nel 2010 questa cifra superi gli 11 miliardi.

Si tratta di numeri non solo importanti, ma anche destinati a confermare e consolidare una evoluzione velocissima dei sistemi della pubblicità online, da cui dipendono in misura crescente una quantità enorme di iniziative commerciali in rete, e che hanno segnato il successo di alcuni grandi player del settore, Google in testa seguito a ruota da Yahoo.
Sempo spiega che il proprio rapporto comprende l'intero settore: la spesa in pubblicità che si è riversata sui motori di ricerca, sulle società pubblicitarie legate al mondo del search, su quelle del marketing di settore nonché gli oneri legati all'elaborazione degli investimenti.

Va detto che il rapporto, basato sull'analisi delle spese di 553 importanti inserzionisti, indica che l'83 per cento della spesa si è focalizzato sul cosiddetto paid placement, che consente a certe imprese di inserire i propri link in posizione più favorevole nei risultati di ricerca, con una conseguenza sulla reale efficacia degli strumenti di ricerca che in molti ritengono possa diminuire la fiducia degli utenti sui sistemi di search.

E non è finita. Secondo gli esperti di Sempo, infatti, il 2006 si annuncia come un anno di ulteriore forte crescita per il search advertising.
TAG: mercato
8 Commenti alla Notizia Search advertising, è boom
Ordina