Mozart, il suo diario suona per gli utenti

British Library celebra il grande compositore digitalizzandone il diario, che contiene gli appunti e le partiture delle opere composte fra il 1784 e il 1791; l'audio è disponibile in punta di clic

Londra - La celebrazione del 250esimo anniversario della nascita di Wolfgang Amadeus Mozart sarà festeggiato con tutti gli onori del caso in molti paesi il prossimo 27 gennaio. La prestigiosa British Library, però, ha deciso di onorare il musicista in anticipo pubblicando online una versione elettronica del suo "Verzeichnuss aller meiner Werke" (trad. "Catalogo di tutti i miei lavori"), una sorta di diario redatto dallo stesso artista che contiene tutti gli appunti e le partiture delle opere composte fra il febbraio del 1784 e il dicembre del 1791.

Da ieri è possibile scorrere online le pagine della raccolta. Grazie all'applicazione Macromedia impiegata dalla Library, gli utenti sono in grado non solo di zoomare sulle pagine scannerizzate, ma anche di ascoltare le opere così come presentate dalla Royal College of Music - coinvolta nel progetto per dare spazio anche all'ascolto. Non manca un esaustivo commento vocale ai testi: una sorta di guida alla scoperta delle opere più note.

"Girando le pagine di questo affascinante manoscritto online, gli utenti saranno in grado di ripercorrere il percorso creativo degli ultimi anni di Mozart", ha dichiarato Rupert Ridgewell, curatore musicale della British Library. Il genio austriaco nel suo diario ha annotato ogni opera composta, e quindi sono visionabili anche quelle che fino a poco tempo fa venivano considerate disperse, come ad esempio "Little March in D". Il documento online nel suo complesso consta di 30 pagine, con 75 introduzioni alle opere più famose come "Le nozze di Figaro", "Il flauto magico" e "Eine kleine Nachtmusik".

"Mozart's Musical Diary" è anche un'esibizione che fino al 10 aprile sarà ospitata nella John Ritblat Gallery della nota biblioteca anglosassone.
La British Library non è nuova a questo tipo di operazioni di digitalizzazione. Attualmente online, infatti, sono disponibili almeno 15 libri e manoscritti elettronici, come "Alice nel paese delle meraviglie" di L.Carroll, il primo testo di Jane Austen, studi di Leonardo da Vinci e altro ancora.

Dario d'Elia
18 Commenti alla Notizia Mozart, il suo diario suona per gli utenti
Ordina
  • Che accidenti e' un'applicazione x-director?
  • Windows=Salieri
    Mozart=Mac
    Linux=...
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Windows=Salieri
    > Mozart=Mac
    > Linux=...

    Linux = pavarotto
    non+autenticato
  • perché? è una questione di tux-likeness?Occhiolino
    non+autenticato
  • Cioe' tra tutti i compositori perche' sempre e solo di Mozart si deve parlare? Cavolo potevano digitalizzare BACH!!!
    non+autenticato
  • Anche io non capisco la "Mozartite" imperante... e sono pure musicista. Immagino sia perché Mozart è stato molto precoce e alla gente piace pensare che proprio per questo sia stato un "genio".
    Compositori altrettanto (per me) dotati, da Beethoven a Bach, sono considerati più "normali" perché evidentemente da bambini giocavano anziché comporreSorride

  • Non sarà perchè il 2006 - 250eseimo anniversario della nascita di Mozart - è l'anno mozartiano?

    http://www.aniferhof.at/mozartjahr2006.81.2.html
    non+autenticato

  • - Scritto da: vashkenazy
    > Immagino sia perché Mozart
    > è stato molto precoce e [...]
    > Beethoven a Bach, sono considerati più "normali"
    > perché evidentemente da bambini giocavano anziché
    > comporreSorride
    >
    Se non mi ricordo male (non sono esperto) mi pare che nenache Bach o Beethoven da piccoli non si dedicassero soltanto ai giochi ....

  • - Scritto da: Anonimo
    > Cioe' tra tutti i compositori perche' sempre e
    > solo di Mozart si deve parlare? Cavolo potevano
    > digitalizzare BACH!!!

    Lo fornisci tu il diario di Bach?
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Lo fornisci tu il diario di Bach?

    In effetti n questo genere di cose dipende molto da quello che si ha a disposizione (anche se spesso hanno il loro peso anche scelte piu' o meno "politiche" o di parte)
  • In fatti, secondo me, la miglior musica classica che sia mai stata creata è rappresentata dal Concerto brandeburghese di Bach. Altro che Mozart.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Gabryel
    > In fatti, secondo me, la miglior musica classica
    > che sia mai stata creata è rappresentata dal
    > Concerto brandeburghese di Bach. Altro che
    > Mozart.


    Cioè, secondo me, anfatti, cioè, 'nsomma, vojo dire che, cioè la mejo musica l'ha fatta Ludwig, pure un amico mio me l'ha detto che Beethoven è sempre Beethoven. Cioè......Deluso
    non+autenticato

  • - Scritto da: Gabryel
    > In fatti, secondo me, la miglior musica classica
    > che sia mai stata creata è rappresentata dal
    > Concerto brandeburghese di Bach. Altro che
    > Mozart.


    ....è cominciata l'era della TrollMusic....
    non+autenticato

  • - Scritto da: Gabryel
    > In fatti, secondo me, la miglior musica classica
    > che sia mai stata creata è rappresentata dal
    > Concerto brandeburghese di Bach. Altro che
    > Mozart.

    Quale dei 6, scusa?
  • se qualcuno riesce a vedere i contenuti di quel sito sotto gnu/linux, mi faccia un fischio, perche' (e non e' una trollata, visto che io uso SOLO Suse Linux) a causa della mancata disponibilita' da parte di Adobe/Macromedia di un plug-in Shockwave Director per la piattaforma Linux (e non l'ho trovato ne' per Firefox, ne' per Opera, oltre che per Konqueror), non e' possibile nemmeno sfogliare molte delle sezioni del sito.
    ho gia' scritto a questi geni, se volete fatelo anche voi.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > se qualcuno riesce a vedere i contenuti di quel
    > sito sotto gnu/linux, mi faccia un fischio,
    > perche' (e non e' una trollata, visto che io uso
    > SOLO Suse Linux) a causa della mancata
    > disponibilita' da parte di Adobe/Macromedia di un
    > plug-in Shockwave Director per la piattaforma
    > Linux (e non l'ho trovato ne' per Firefox, ne'
    > per Opera, oltre che per Konqueror), non e'
    > possibile nemmeno sfogliare molte delle sezioni
    > del sito.
    > ho gia' scritto a questi geni, se volete fatelo
    > anche voi.

    Io invece con il buon vecchio Win98 e IE6 apro, sfoglio e ascolto senza problemi... non voglio trollare, ma lo vedete che nell'uso quotidiano per l'utente normale linux è tuttora improponibile? Questo è uno dei mille esempi...
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > se qualcuno riesce a vedere i contenuti di quel
    > > sito sotto gnu/linux, mi faccia un fischio,
    > > perche' (e non e' una trollata, visto che io uso
    > > SOLO Suse Linux) a causa della mancata
    > > disponibilita' da parte di Adobe/Macromedia di
    > un
    > > plug-in Shockwave Director per la piattaforma
    > > Linux (e non l'ho trovato ne' per Firefox, ne'
    > > per Opera, oltre che per Konqueror), non e'
    > > possibile nemmeno sfogliare molte delle sezioni
    > > del sito.
    > > ho gia' scritto a questi geni, se volete fatelo
    > > anche voi.
    >
    > Io invece con il buon vecchio Win98 e IE6 apro,
    > sfoglio e ascolto senza problemi... non voglio
    > trollare, ma lo vedete che nell'uso quotidiano
    > per l'utente normale linux è tuttora
    > improponibile? Questo è uno dei mille esempi...

    A parte il "piccolo" particolare che il web era nato per distribuire informazioni "a prescindere" dal dispositivo di visualizzazione!!! Una pagina deve essere consultabile anche da un terminale a caratteri, non avrò le lucine e le icone che girano (come le palle!!!) ma almeno le informazioni DEVONO essere fornite!
    Tutto il resto (win98,linux,mac...ce l'ho piu lungo io...no tu..) sono solo fesserie!
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > >
    > > - Scritto da: Anonimo
    > > > se qualcuno riesce a vedere i contenuti di
    > quel
    > > > sito sotto gnu/linux, mi faccia un fischio,
    > > > perche' (e non e' una trollata, visto che io
    > uso
    > > > SOLO Suse Linux) a causa della mancata
    > > > disponibilita' da parte di Adobe/Macromedia di
    > > un
    > > > plug-in Shockwave Director per la piattaforma
    > > > Linux (e non l'ho trovato ne' per Firefox, ne'
    > > > per Opera, oltre che per Konqueror), non e'
    > > > possibile nemmeno sfogliare molte delle
    > sezioni
    > > > del sito.
    > > > ho gia' scritto a questi geni, se volete
    > fatelo
    > > > anche voi.
    > >
    > > Io invece con il buon vecchio Win98 e IE6 apro,
    > > sfoglio e ascolto senza problemi... non voglio
    > > trollare, ma lo vedete che nell'uso quotidiano
    > > per l'utente normale linux è tuttora
    > > improponibile? Questo è uno dei mille esempi...
    >
    > A parte il "piccolo" particolare che il web era
    > nato per distribuire informazioni "a prescindere"
    > dal dispositivo di visualizzazione!!! Una pagina
    > deve essere consultabile anche da un terminale a
    > caratteri, non avrò le lucine e le icone che
    > girano (come le palle!!!) ma almeno le
    > informazioni DEVONO essere fornite!
    > Tutto il resto (win98,linux,mac...ce l'ho piu
    > lungo io...no tu..) sono solo fesserie!


    già, purtroppo il web dev'essere agnostico rispetto alla piattaforma...
    poi nei casi concreti troviamo ancora siti di banche "ottimizzate per IE con risoluzione 1024*768"

    che nervoso...
    non+autenticato